La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I L INCEI PER UNA NUOVA DIDATTICA NELLA SCUOLA : UNA RETE NAZIONALE P OLO P UGLIESE - I TALIANO Scrivere.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I L INCEI PER UNA NUOVA DIDATTICA NELLA SCUOLA : UNA RETE NAZIONALE P OLO P UGLIESE - I TALIANO Scrivere."— Transcript della presentazione:

1 I L INCEI PER UNA NUOVA DIDATTICA NELLA SCUOLA : UNA RETE NAZIONALE P OLO P UGLIESE - I TALIANO Scrivere

2 I NTRODUZIONE Il testo Processi di scrittura Scrittura e videoscrittura Argomentare Schemi di ragionamento I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

3 L ABORATORIO Lettura e commento di testi Scritture di studenti: criticità e modalità di correzione Elaborazione di consegne e attività per la stesura di testi I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

4 F RASE, ENUNCIATO, TESTO espressione linguistica costruita secondo le norme generali della lingua, tale da esprimere un concetto di senso compiuto al di fuori di un testo e di una situazione comunicativa Frase realizzazione concreta di una frase in un determinato contesto Enunciato unità fondamentale della nostra attività linguistica, dotata dei caratteri di unità e completezza per rispondere a una precisa volontà comunicativa Testo ( textus = tessuto) I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

5 F RASE - E NUNCIATO Piero lava i piatti Piero in questo momento i piatti Piero lava, non asciuga i piatti Piero è disponibile a qualsiasi lavoro domestico Piero fa il lavapiatti I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

6 I L TESTO. P RINCIPI COSTITUTIVI Testo Coesione Testo Coerenza Autore Intenzionalità Ricevente Accettabilità Rapporto testo-realtà Informatività Rapporto testo-situazione Situazionalità Rapporto testo-altri testi Intertestualità I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

7 L A COESIONE riguarda i rapporti grammaticali e i modi in cui sono collegati tra loro i componenti di un testo coesivi - forme sostituenti pronomi, iponimi/iperonimi, sinonimi, ellissi segnali discorsivi - connettivi - demarcativi I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

8 F ORICITÀ Ho incontrato Marco e gli ho prestato gli appunti. anafora Città da sfogliare, al centro di unampia insenatura tra Capo Nero e Capo Verde, Sanremo ha una personalità tutta sua. catafora I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

9 S EGNALI DISCORSIVI Lautostrada era bloccata da ore, allora decidemmo di prendere la statale. congiunzione Giovanni, sei il solito ritardatario. Allora, ti decidi a uscire? segnale discorsivo I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

10 L A COERENZA riguarda la connessione tra i contenuti presenti nel testo e la sua continuità semantica coerenza tematica coerenza logica coerenza semantica coerenza stilistica I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

11 Questa estate Luca è stato in montagna. Lui mangia molte mele. Le mele sono frutti che crescono in abbondanza in Trentino. Le Dolomiti sono montagne molto alte. Daltronde la stagione migliore è la primavera. I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere C OERENZA TEMATICA

12 Giovanni ha incendiato il cespuglio e ha acceso il fuoco. Giovanni ha acceso il fuoco e ha incendiato il cespuglio. Si vestì e fece colazione. Dopo essersi vestito fece colazione. I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere COERENZA LOGICA

13 Marco va in palestra due volte la settimana. Claudio gioca a pallone. Luisa è una grande nuotatrice. I miei tre figli sono molto sportivi. I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere COERENZA SEMANTICA

14 I L TESTO. P RINCIPI REGOLATIVI un testo deve essere facilmente prodotto e usato Efficienza un testo deve produrre un certo fine o effetto Efficacia un testo deve avere una composizione armonica tra contenuti e aspetti testuali Appropriatezza I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

15 InventioDispositioElocutio I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere P ROCESSI DI SCRITTURA

16 I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere definizione del compito ideazione: ricerca dei contenuti argomento destinatario scopo argomento destinatario scopo recupero dal proprio magazzino osservazione-analisi della realtà estrazione da fonti informative recupero dal proprio magazzino osservazione-analisi della realtà estrazione da fonti informative I NVENTIO

17 I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere selezione organizzazione pianificazione in rapporto a scopi e destinatari raggruppare e gerarchizzare i materiali disporre i materiali in una successione funzionale D ISPOSITIO

18 I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere stesura revisione ideazione strutturazione pianificazione ideazione strutturazione pianificazione E LOCUTIO

19 L E DIMENSIONI DELLA COMPETENZA DI SCRITTURA I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere rispetto delle consegne coerenza e coesione impaginazione e partizioni del testo (capoversi e paragrafi) testuale padronanza delle strutture morfosintattiche uso consapevole della punteggiatura correttezza ortografica grammaticale consistenza del patrimonio lessicale appropriatezza semantica e coerenza del registro uso dei linguaggi settoriali lessicale- semantica scelta di argomenti pertinenti organizzazione degli argomenti consistenza e precisione di informazioni e dati rielaborazione delle informazioni e valutazione ideativa

20 I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere raccolta di idee ideazione riordinamento delle idee costruzione della struttura pianificazione mappa del documento controllo ortografico e grammaticale Thesaurus e dizionari in linea stesura correzione in modalità revisione controllo delle modifiche stampa revisione S CRITTURA E VIDEOSCRITTURA. I PROCESSI

21 A SPETTI DEL TESTO E STRUMENTI DEL WP I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

22 A LCUNE REGOLETTE INVIO soltanto prima di iniziare un nuovo paragrafo Terra demigrazione e di migrazioni interne, negli ultimi decenni lItalia, come già lEuropa, diviene meta di flussi migratori provenienti dai paesi del Terzo Mondo e dai paesi dellEst. Fattori come la decolonizzazione, lo squilibrato incremento demografico, le esigenze di riconversione economica, la delusione per i nuovi regimi autoritari instauratisi nel periodo postcoloniale, il sempre più accentuato divario fra paesi ricchi e paesi poveri, la dissoluzione degli Stati dellEuropa orientale, determinano la fuga dai paesi più svantaggiati. Le migrazioni odierne sembrano il risultato di processi di espulsione dai paesi di origine, piuttosto che, come accadeva in passato per i nostri emigranti, del richiamo di mercati in espansione (Bonifazi 1997). Attualmente in Italia gli immigrati provengono da tutti i continenti. Le aree dalle quali si sono originati i flussi più consistenti sono lEuropa dellEst insieme al subcontinente indiano. Di recente sono aumentati anche i flussi dallAmerica Latina, a causa delle difficoltà economiche locali, e dallAfrica sub-sahariana, dove la pressione demografica è molto elevata. I più numerosi sono gli immigrati provenienti dal Marocco e dallAlbania; seguono nella graduatoria delle nazionalità la Romania, le Filippine e la Cina: Terra demigrazione e di migrazioni interne, negli ultimi decenni lItalia, come già lEuropa, diviene meta di flussi migratori provenienti dai paesi del Terzo Mondo e dai paesi dellEst. Fattori come la decolonizzazione, lo squilibrato incremento demografico, le esigenze di riconversione economica, la delusione per i nuovi regimi autoritari instauratisi nel periodo postcoloniale, il sempre più accentuato divario fra paesi ricchi e paesi poveri, la dissoluzione degli Stati dellEuropa orientale, determinano la fuga dai paesi più svantaggiati. Le migrazioni odierne sembrano il risultato di processi di espulsione dai paesi di origine, piuttosto che, come accadeva in passato per i nostri emigranti, del richiamo di mercati in espansione (Bonifazi 1997). Attualmente in Italia gli immigrati provengono da tutti i continenti. Le aree dalle quali si sono originati i flussi più consistenti sono lEuropa dellEst insieme al subcontinente indiano. Di recente sono aumentati anche i flussi dallAmerica Latina, a causa delle difficoltà economiche locali, e dallAfrica sub-sahariana, dove la pressione demografica è molto elevata. I più numerosi sono gli immigrati provenienti dal Marocco e dallAlbania; seguono nella graduatoria delle nazionalità la Romania, le Filippine e la Cina: I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

23 SEGNI D INTERPUNZIONE, ; :. ? ! attaccati alla parola precedente e staccati dalla parola successiva di migrazioni interne, negli ultimi I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

24 VIRGOLETTE E PARENTESI chiuse: attaccate alla parola precedente e staccate dalla parola successiva De Mauro (1963 ) sottolinea I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

25 VIRGOLETTE E PARENTESI aperte: staccate dalla parola precedente e attaccate dalla parola successiva Il bimbo gridò: « Lasciami!» I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

26 LINEETTE CHE DELIMITANO GLI INCISI staccate dalla parola precedente e dalla parola successiva Perciò – credo –dobbiamo reagire I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

27 TRATTINO FRA DUE PARTI DI UN COMPOSTO attaccato al carattere precedente e al carattere successivo la formazione post - universitaria I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

28 APOSTROFO attaccato al carattere precedente e al carattere successivo durante l inverno I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

29 ACCENTI 3 a pers. di essere : accento grave è cioè congiunzioni: accento acuto perché finché sé né I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

30 T ESTO ARGOMENTATIVO focus relazione tra concetti (similarità, contrasti) matrice cognitiva giudicare e scegliere campo di referenza concettuale generi e forme dialoghi filosofici dibattiti arringhe giudiziarie saggi scientifici recensioni critiche I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

31 T IPI DI ARGOMENTAZIONE affermativa si propone una tesi e la si sostiene con argomenti che possano giustificarla confutativa si prende in esame una tesi proposta da altri e se ne dimostra linfondatezza confutativa-affermativa dialettica si prendono in esame più tesi, proponendo argomenti a favore e a sfavore di sostegno si sostiene una tesi già enunciata da altri I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

32 T ESI Il Giappone ha perso la seconda guerra mondiale perché era militarmente inferiore allAmerica esplicative Lepoca attuale è la più felice della storia predicative Bisogna accogliere gli immigrati propositive È meglio vivere in Italia che in Cina preferenziali I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

33 A RGOMENTI basati su dati di fatto e su regole di natura razionale oggettivi basati su credenze e su regole opinabili soggettivi I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

34 D ATI conoscenze di natura oggettiva riguardanti la realtà dati di fatto dati ricavati, per via indiretta, da altri dati presunzioni enunciazioni in cui si esprime un giudizio personale opinioni testimonianze o pareri di altri, in generi fonti autorevoli di cui ci si può fidare affidamenti I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

35 R EGOLE Nessun essere vivente ha il dono dellubiquità leggi naturali Una cosa è incompatibile con il suo contrario relazioni logiche Studiando molto si ottengono buoni risultati principi assodati desperienza Non si deve tradire lamicizia norme morali Lattività sportiva tempra il carattere valori e credenze I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

36 A RGOMENTAZIONE I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere conclusione limitazione premesse dati fondatezza e significatività regole forza e pertinenza

37 S CHEMI DEDUTTIVI I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere p q p q M ODUS P ONENS conclusione Allora è buio. premesse Se è notte, allora è buio. È notte.

38 S CHEMI DEDUTTIVI I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere p q ¬q ¬ p M ODUS TOLLENS conclusione Allora non è notte. premesse Se è notte, allora è buio. Non è buio.

39 I MPLICAZIONE LOGICA

40 D EDUZIONE I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere conclusione Queste ragazze portano i jeans. premesse Tutte le studentesse portano i jeans. Queste ragazze sono studentesse.

41 D EDUZIONE I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere conclusione I ragazzi di scuola media non sono elettori. premesse Tutti gli elettori hanno unetà superiore a 18 anni. I ragazzi di scuola media non hanno ancora 18 anni.

42 A BDUZIONE ( RAGIONAMENTO DEBOLE ) I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere conclusione Queste ragazze sono studentesse. premesse Tutte le studentesse indossano i jeans. Queste ragazze indossano i jeans.

43 I L Q UADRATO LOGICO I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere A E IO contrarie subcontrarie subalterne contraddittorie contraddittorie contraddittorie UNIVERSALE AFFERMATIVA UNIVERSALE NEGATIVA PARTICOLARE AFFERMATIVA PARTICOLARE NEGATIVA

44 R APPORTI TRA LE PROPOSIZIONI DEL QUADRATO A E contrarie - non possono essere entrambe vere Tutti gli uomini sono mortali. Nessun uomo è mortale. - possono essere entrambe false Tutti i mammiferi vivono sulla terraferma. Nessun mammifero vive sulla terraferma. I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

45 R APPORTI TRA LE PROPOSIZIONI DEL QUADRATO I O subcontrarie - possono essere entrambe vere - non possono essere entrambe false Qualche vertebrato è uomo. Qualche vertebrato non è uomo. I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

46 R APPORTI TRA LE PROPOSIZIONI DEL QUADRATO A O, I E contraddittorie - non possono essere entrambe vere Tutti gli uomini sono mortali. Qualche uomo non è mortale. - non possono essere entrambe false Qualche uomo è cattivo. Nessun uomo è cattivo. I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

47 R APPORTI TRA LE PROPOSIZIONI DEL QUADRATO I subalterna di A O subalterna di I - se luniversale è vera, risulterà vera la particolare della stessa qualità Tutti gli uomini sono mortali. Qualche uomo è mortale. - se la subalterna è vera, non si può concludere da ciò la verità delluniversale Qualche musicista è italiano. Tutti i musicisti sono italiani. I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

48 I L SILLOGISMO Tutti gli uomini sono mortali. Tutti i Greci sono uomini. Dunque tutti i Greci sono mortali. TERMINI : uomini Greci mortali MEDIO : uomini SOGGETTO : Greci PREDICATO : mortali I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

49 I TERMINI DELLE PROPOSIZIONI CATEGORICHE il S OGGETTO è preso universalmente nelle universali (A ed E) il P REDICATO è preso universalmente nelle negative (E ed O) nella particolare affermativa (I) né il S OGGETTO né il P REDICATO sono presi universalmente nelluniversale affermativa (A) il P REDICATO non è preso universalmente I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

50 nelluniversale affermativa (A) il PREDICATO non è preso universalmente I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere UOMINI MORTALI Tutti gli uomini sono mortali

51 R EGOLE FONDAMENTALI DEL SILLOGISMO il termine MEDIO deve essere preso universalmente almeno in una premessa nessun termine può essere preso universalmente nella conclusione senza che sia stato preso universalmente in una delle premesse I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere Regole sui termini

52 R EGOLE FONDAMENTALI DEL SILLOGISMO da premesse negative non segue alcuna conclusione se una premessa è negativa, la conclusione deve essere negativa se una premessa è particolare, la conclusione deve essere particolare I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere Regole sulle proposizioni

53 I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere P ERSONE IN JEANS RAGAZZE Tutte le studentesse indossano i jeans. Queste ragazze indossano i jeans. Queste ragazze sono studentesse. STUDENTESSE

54 Tutti gli uomini sono mortali. Tutti i Greci sono uomini. Tutti i Greci sono mortali. I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere UOMINI MORTALI GRECI

55 I NDUZIONE conclusione Il fluoro causa una diminuzione dei disturbi dentari. premesse Gli abitanti della città A, le cui acque sono ricche di fluoro, hanno una percenutale di disturbi inferiore alla media. Gli abitanti della città B, le cui acque sono ricche di fluoro, hanno pure un basso indice di disturbi dentari. I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

56 S TRATEGIA EURISTICA raccogliere dati significativi per la risposta di cui si è alla ricerca richiamare una regola in cui dati di quel tipo costituiscono la condizione per il verificarsi di una conseguenza controllare, verificando che non si ottengano conclusioni contraddittorie I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

57 PROBLEMA Quando è stata costruita la chiesa? I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

58 dati La facciata è in stile romanico Allinterno vi è un mosaico bizantino I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

59 PROBLEMA Quando è stata costruita la chiesa? RAGIONAMENTO dati La facciata è in stile romanico Allinterno vi è un mosaico bizantino I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere regola Lo stile romanico e i mosaici bizantini sono propri del periodo fra il IX e il XII secolo conclusione La chiesa è stata costruita fra il IX e il XII secolo limitazione a meno che non si tratti di una ricostruzione o di unimitazione moderna

60 L ABORATORIO 1 I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere Nellultima domanda mi chiede se, con la scomparsa delluomo sulla terra, scomparirà anche il pensiero capace di pensare Dio. Certo, la grandezza delluomo sta nel poter pensare Dio. E cioè nel poter vivere un rapporto consapevole e responsabile con Lui. Ma il rapporto è tra due realtà. Dio ˗ questo è il mio pensiero e questa la mia esperienza, ma quanti, ieri e oggi, li condividono! ˗ non è unidea, sia pure altissima, frutto del pensiero delluomo. Dio è realtà con la R maiuscola. Gesù ce lo rivela ˗ e vive il rapporto con Lui ˗ come un Padre di bontà e misericordia infinita. Dio non dipende, dunque, dal nostro pensiero. Del resto, anche quando venisse a finire la vita delluomo sulla terra ˗ e per la fede cristiana, in ogni caso, questo mondo così come lo conosciamo è destinato a venir meno ˗, luomo non terminerà di esistere e, in un modo che non sappiamo, anche luniverso creato con lui. La Scrittura parla di «cieli nuovi e terra nuova» e afferma che, alla fine, nel dove e nel quando che è al di là di noi, ma verso il quale, nella fede, tendiamo con desiderio e attesa, Dio sarà «tutto in tutti». Penso che con la scomparsa della nostra specie scomparirà anche il pensiero capace di pensare Dio e che quindi, quando la nostra specie scomparirà, allora scomparirà anche Dio perché nessuno sarà più in grado di pensarlo.

61 Nessuna delle bellissime vedute di Venezia del Canaletto venne presa dal vero e nessuna ritrae fedelmente la realtà. Il grande vedutista aveva un modo di lavorare diverso dai grandi artisti della tradizione romanica che, come risaputo, andavano a riprendere en plain air le città e i paesaggi. Canaletto usciva solo se il cielo era terso, in gondola con un quaderno di scaraboti sottobraccio. Faceva fermare la gondola dove gli pareva congeniale e senza scendere dalla barca (dunque da un punto di vista ribassato) riprendeva a matita gli edifici davanti a lui, annotando (in veneto) i nomi dei colori, le scritte delle insegne dei negozi, i nomi dei proprietari dei palazzi. Spostata di poco la gondola, in un altro foglio riprendeva ledificio accanto, e così via. Tornato in bottega incollava i fogli uno allaltro ottenendo una veduta grandangolare. Che poi riportava sulla tela, torcendo e piegando a suo piacimento chiese e edifici. I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

62 F ORME SOSTITUENTI. A NAFORE Nessuna delle bellissime vedute di Venezia del Canaletto venne presa dal vero e nessuna ritrae fedelmente la realtà. Il grande vedutista aveva un modo di lavorare diverso dai grandi artisti della tradizione romanica che, come risaputo, andavano a riprendere en plain air le città e i paesaggi. Canaletto usciva solo se il cielo era terso, in gondola con un quaderno di scaraboti sottobraccio. Ø Faceva fermare la gondola dove gli pareva congeniale e senza scendere dalla barca (dunque da un punto di vista ribassato) Ø riprendeva a matita gli edifici davanti a lui, annotando (in veneto) i nomi dei colori, le scritte delle insegne dei negozi, i nomi dei proprietari dei palazzi. Spostata di poco la gondola, in un altro foglio Ø riprendeva ledificio accanto, e così via. Tornato in bottega Ø incollava i fogli uno allaltro ottenendo una veduta grandangolare. Che poi Ø riportava sulla tela, torcendo e piegando a suo piacimento chiese e edifici. I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

63 C ONNETTIVI TESTUALI I commercianti protestano; i clienti non sono soddisfatti della merce acquistata; gli impiegati del comune sono in sciopero. Insomma, tutta la gente della cittadina si agita. Che la classe politica che ha esercitato il potere negli ultimi trenta o quarantanni sia stata, nel suo insieme, corrotta e corruttrice, è vero. Ma è altrettanto vero che al potere è sempre rimasta col nostro voto. valore riformulativo-riassuntivo valore avversativo-limitativo I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

64 Per quel che riguarda la famiglia, intesa anzitutto come lunione più o meno durevole e socialmente approvata di un uomo, di una donna e dei loro figli, la credenza che si tratti di un fatto naturale simpone tanto più facilmente in quanto questa unità sociale sembra essere un fenomeno praticamente universale. Tuttavia vi sono esempi di società altamente elaborate in cui queste associazioni quasi permanenti di un uomo e di una donna non esistono, così come nel caso dei Nayar della Costa di Malabar in India. Il genere di vita guerriero degli uomini proibiva loro di fondare una famiglia. Le donne prendevano gli amanti che volevano e i figli nati da queste unioni appartenevano al lignaggio materno. Lautorità e la gestione delle terre erano nelle mani degli uomini del lignaggio materno. Tuttavia questo tipo di raggruppamento costituisce in se stesso una famiglia, anche se non riconosce il modello coniugale. Dunque, se lunione coniugale stabile non esiste dappertutto, essa non può costituire unesigenza naturale. valore deduttivo-conclusivo I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

65 L ABORATORIO 2 I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere Un ruolo ponderante è dato dalle abitudini la diagnosi viene basata sulla storia del paziente, per poi porre degli esami Ricorrono agli antidepressivi o ad altri farmaci che possono avere effetti collaterali o problemi a rischio La farmacologia dovrebbe essere usata solo che hanno disturbi del sonno ben delineati ritengo che nessun uomo né individualmente né come rappresentante delle fazioni o di comunità, abbia il diritto di togliere la vita ad unaltro uomo, sia perché dal punto di vista religioso rappresenta il contrario di tutte le tesi dogmatiche, sia perché il suo processo di intimidazione non subisce alcuna variazione nella mente di numerosi potenziali criminali Studenti universitari al 1° anno. Scienze della Comunicazione

66 Nell'universo il mondo non è posto in una posizione centrale, ma è pur sempre significativo, anche se la scienza negli ultimi secoli ha voluto rendere insignificanti gli esseri umani La scienza, infatti, riesce a conquistare l'uomo facendogli cambiare opinione su un qualcosa e a credere a ciò che dice lei Incipit : Oggi uno degli argomenti di cui si sta sentendo parlare molto, specialmente attraverso i programmi televisivi, è quello che riguarda gli UFO. Ma la prima domanda da porsi è: ma gli ufo esistono veramente (…)? […] Explicit : Ma non potremmo mai sapere se luomo un giorno scoprirà se in qualche altra parte delluniverso esistono degli esseri viventi come noi […] a meno che luomo non riesca a battere il muro della velocità della luce. I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere Studenti allEsame di Stato di Secondaria Superiore Prova Scritta Italiano

67 la musica è unarte nata tramite suoni e rumori molteplici che progredendosi mediante leggi e convenzioni, hanno realizzato una moltitudine di modi per contribuire alla diffusione delleducazione Ritengo che la musica sia lo specchio della nostra società, dove esistono migliaia di componimenti capaci di fluire dal nostro animo quella sensazione di ego sum Incipit : La musica non ha solo lo scopo di ascoltare ma insegna tante cose molto importanti come leducazione, il sollievo e il riposo. Oggi la musica è uno strumento molto praticato e ascoltato dalle persone, perché in qualsiasi posto la puoi ascoltare. […] Explicit : Credo che la musica è lo strumento principale dei giorni doggi per esprimere emozioni e anche per servire leducazione ai bambini. Spero che la musica sia un oggetto di divertimento e non di distruzione per la società e dia sempre la voglia di farci divertire ed emozionare come fa ancora oggi. I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere Studenti allEsame di Stato di Secondaria Superiore Prova Scritta Italiano

68 L ABORATORIO 3 In Italia e in Europa le donne trovano lavoro più facilmente degli uomini I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

69 P ER CONCLUDERE ricordare che per imparare a scrivere serve una continua esposizione alla scrittura attraverso la pratica della lettura proporre esercizi di analisi e di produzione che mettano al centro la riflessione linguistica dedicando maggiore attenzione alloggetto testo curare larricchimento del lessico abituare lo studente ad elaborare dei saggi confrontandosi con più testi fin dallinizio del ciclo scolastico I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

70 proporre esercizi compositivi in direzioni opposte: lavorare sulla libertà, ossia far scrivere vari testi su uno stesso nucleo tematico in differenti modalità comunicative (si pensi agli Esercizi di stile di Queneau) lavorare su compiti molto ben definiti, con indicazioni precise su scopi e destinatari lavorare sulla formulazione delle consegne, con lesplicitazione di che cosa è richiesto agli studenti, di che cosa è facoltativo e di che cosa non è ammesso I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere

71 tenere sempre presente limportanza della scrittura come strumento del pensiero concettuale, che porta a riflettere, scomporre e ricomporre esperienze e conoscenze, a organizzarle logicamente non abbassare la guardia sul mantenimento e il rafforzamento degli apprendimenti pregressi, raggiunti o attesi nella scuola del primo ciclo, sui vari livelli della lingua – grafico, lessicale, semantico, morfosintattico, testuale – e ritornare ciclicamente sulle abilità di base I Lincei per una nuova didattica nella scuola. Polo Pugliese – Italiano. Maria Maggio, Scrivere


Scaricare ppt "I L INCEI PER UNA NUOVA DIDATTICA NELLA SCUOLA : UNA RETE NAZIONALE P OLO P UGLIESE - I TALIANO Scrivere."

Presentazioni simili


Annunci Google