La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Di che cosa parliamo quando parliamo di vita Trento, 6 Ottobre 2008 John Dupré Egenis, University of Exeter.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Di che cosa parliamo quando parliamo di vita Trento, 6 Ottobre 2008 John Dupré Egenis, University of Exeter."— Transcript della presentazione:

1 Di che cosa parliamo quando parliamo di vita Trento, 6 Ottobre 2008 John Dupré Egenis, University of Exeter

2 Il problema generale della individualità biologica Come si possono suddividere dei sistemi fortemente integrati e interconnessi in componenti separate? Esiste un solo modo per farlo? –Geni –Specie –Organismi

3 Gerarchie, cooperazione e autointeresse In genere la natura biologica viene rappresentata come una gerarchia: –Molecole, cellule, organismi, gruppi sociali (ecc.) Gli individui di livello superiore sono consorzi di individui di livello inferiore che cooperano temporaneamente perché ciò contribuisce ai loro scopi immediati (egoistici), oppure sono fusi in totalità uniformemente votate al bene del collettivo? Questo modo di pensare è guidato spesso da considerazioni antropocentriche

4 Al di là dellindividuo umano: Non esiste una cosa come la società Ai nostri giorni si dà per scontato che gli individui umani siano essenzialmente egoisti, con alcune particolari eccezioni: –La parentela genetica dà origine a impegni qualificati nei confronti degli altri membri di una famiglia –Linteresse individuale promuove alcune varianti di associazioni legate da vincoli contrattuali (reciprocità) –Uneducazione appropriata può rendere automatici alcuni tipi di altruismo, che però si riveleranno probabilmente instabili se posti di fronte a seri costi individuali In genere laltruismo richiede una spiegazione. Perché? La selezione naturale? Che cosa seleziona la selezione?

5 Contestazioni a questo modello Empiriche: davvero il comportamento umano è tipicamente autointeressato? (non è qui allopera un assunto etnocentrico?) Concettuali: il concetto dindividuo utilizzato è intuitivamente autoevidente, o non elude forse la questione davvero cruciale? (ossia la domanda circa ciò che viene selezionato.)

6 Riassunto del ragionamento biologico tipico Le cellule come mattoni (units) fondamentali della vita (ipotesi di partenza contestabile) Tipi di aggregazione cellulare Realismo promiscuo riguardo agli individui Implicazioni ulteriori: nuove unità di selezione

7 Cellule Tutti gli organismi sono composti da cellule, molti esistono (a volte) come cellule independenti In genere le cellule hanno confini chiari e un funzionamento interno integrato È una questione meramente semantica se i virus, i plasmidi, ecc., sono vivi in ogni caso sono una componente cruciale dellambiente in cui vivono le cellule

8 Macrobi e Microbi Differenziazione tradizionale di tipi di organismo: unicellulari, multicellulari Microbi: procarioti, lieviti, protisti Macrobi: piante, animali, alcuni funghi Questa, però, è una classificazione molto semplicistica Gran parte della vita è, ed è sempre stata, microbica: Il nostro pianeta è sempre stato nellEpoca dei Batteri, Stephen Jay Gould

9 Concezioni semplici della diversità biologica

10 Eucarioti e lAlbero della Vita

11 Tipi di aggregazione cellulare 1.Colonie di cellule simili con livelli differenti di struttura (vari batteri; cuscinetti (mats) micelici; biofilm monospecie) 2.Colonie omogenee con tipi cellulari occasionalmente differenziati (mixobatteri; alcune muffe mucillaginose (micetozoi); i funghi) 3.Colonie genomicamente omogenee con tipi cellulari funzionalmente molto differenziati (visione tradizionale dei macrobi) 4.Tipi cellulari genomicamente distinti con divisione cooperativa del lavoro (biofilm multispecie; licheni) 5.Come 4, ma in simbiosi forzata con una discendenza cellulare come in 3 (macrobi, concezione alternativa; coralli) 6.Associazioni di numerosi macrobi simili o diversi (colonie di formiche; gruppi sociali umani)

12 more or less Structure Biofilm rizobatterici del trifoglio Colonia clonale con più o meno struttura Armillaria : cuscinetto micelico Colonia di Paenibacillus

13 Mixobatteri Muffe mucillaginose Carpofori Amanita Muscaria Colonie clonali con tipi cellulari occasionalmente differenziati

14 Placca dentale Biofilm nelle pozze di Yellowstone Colonie microbiche genomicamente diverse

15 Macrobi

16

17 Circa il 90% delle cellule sono simbionti microbici Circa il 99% dei geni si trova in simbionti microbici Essenziali per lo sviluppo, la digestione, limmunità, ecc. Lumano evolutivo vs. lumano funzionale Umani

18 Quesito fondamentale: È possibile stabilire in maniera empiricamente conclusiva quali di questi assemblaggi costituiscono individui distinti di livello superiore?

19 Un caso (relativamente) familiare: ramet e genet Un caso meno familiare (ma molto più importante): lolobionte* (comunità simbiotica) e i componenti distinguibili dellolobionte (inclusi i macrobi monogenomici). La comunità simbiotica è una (forse tipicamente la) unità di selezione *Rosenberg et al., Nature Reviews Microbiology, 2007, 5: Individualismo promiscuo

20 Comunità simbiotiche come unità di selezione Le totalità simbiotiche sono tipicamente ciò che interagisce con lambiente. Posto che siano in grado di riassemblarsi in maniera affidabile, non cè motivo di non considerarle come unità fondamentali della selezione. (Tuttavia, se i tipi cellulari che le compongono sono coinvolti in totalità simbiotiche diverse, lo studio della dinamica del tipo cellulare può richiedere che anche i costituenti siano trattati come individui.) Lintegrità evolutiva (in quanto unità selezionata dallevoluzione) è alla base di molti argomenti a sostegno dellindividualità dei macrobi monogenomici. Proprio per questo, il punto precedente è decisivo per contestare tale assunto.

21 Alcune questioni filosofiche più ampie Se gli individui sono definiti dai poteri causali, la promiscuità è inevitabile Gli individui biologici sono sempre astrazioni da processi Le capacità degli individui sono determinate sia dalle capacità dei costituenti sia dallappartenenza a totalità più ampie

22 Gruppi umani In sostanza, gli esseri umani sono ontologicamente simili alle altre astrazioni dalla gerarchia dei processi biologici Sono tipicamente membri di molti gruppi dai quali dipendono le loro caratteristiche più specificamente umane (ad esempio il linguaggio) Il gruppo e lindividuo sono punti di vista appropriati per questioni differenti Margaret Thatcher aveva torto: quella cosa che chiamiamo società esiste davvero

23 Biologia e società: conclusione storica Gran parte della spiegazione della naturalità della prospettiva individuale è storicamente contingente Comè noto, vi è stata uninfluenza reciproca tra le idee generali provenienti dalla teoria sociale e dalla biologia, si pensi solo a cosha significato: –Malthus per Darwin; (Smith?) –Darwin per il darwinismo sociale (post-spenceriano), ma anche per i socialisti darwiniani (Marx ed Engels; Kropotkin) –Le convenzioni sociali di Mill, il gregge di Nietzsche, il totalitarismo: lindividualismo come mossa politica contro la percezione di una determinazione da parte del gruppo –Non esistono ragioni inequivocabili per considerare lindividuo come lentità fondamentale anziché come qualcosa di reciprocamente costituente e costituito dai gruppi (come avviene, ad esempio, in Mill, Kropotkin, Darwin (?) –Lindividualismo astratto non è altro che una filosofia della storia progressiva costruita nel XIX sec., collegando Hobbes, Smith, Mill e Darwin come precursori delleconomia neoclassica, della teoria della scelta razionale, ecc.

24 Qualche altra questione filosofica Qual è la differenza tra essere ecologicamente interdipendente e far parte di un individuo (sistema?)? Che cosè un sistema? Individui (cose) vs. processi Quali sono le implicazioni politiche del riconoscimento della tradizionale individualità umana come una prospettiva teorica opzionale

25 Mi preme menzionare con gratitudine il sostegno ricevuto dallEconomic and Social Research Council (ESRC). Il lavoro presentato rientra nel programma dellESRC Genomics Network at Egenis. Un grazie anche a molti colleghi di Egenis, e in particolare a Maureen OMalley, Regenia Gagnier, Barry Barnes e Steve Hughes


Scaricare ppt "Di che cosa parliamo quando parliamo di vita Trento, 6 Ottobre 2008 John Dupré Egenis, University of Exeter."

Presentazioni simili


Annunci Google