La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il villaggio globale soffoca linformazione Corso di giornalismo Moreno Bernasconi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il villaggio globale soffoca linformazione Corso di giornalismo Moreno Bernasconi."— Transcript della presentazione:

1 Il villaggio globale soffoca linformazione Corso di giornalismo Moreno Bernasconi

2 Favole, menzogne, silenzi Mai come oggi le fonti di informazione sono state tanto abbondanti e accessibili in tempo reale ad un vasto pubblico di utenti eppure mai come oggi il mestiere del giornalista è stato così difficile. Mai come oggi si sono registrate infatti menzogne, affabulazioni e manipolazioni dei fatti, nonché incredibili silenzi su eventi riguardanti un numero altissimo di esseri umani.

3 Occorre conoscere il sistema Bisogna quindi, prima ancora di mettersi al desk per iniziare il lavoro, avere consapevolezza dei condizionamenti ai quali è soggetto il sistema della società della comunicazione: i suoi rapporti con le istituzioni, il potere politico ed economico, la natura dei mezzi di comunicazione e il loro funzionamento.

4 Linformazione è una merce Sempre più linformazione è una merce venduta da gruppi multimediali (o pluricommerciali) che offrono pacchetti composti di telefono, radioTV, stampa scritta, online. Spesso linformazione è puro contorno alla pubblicità. Di fatto i gruppi editoriali vendono i loro clienti al mercato.

5 Linformazione ha fretta Linformazione non ha tempo di aspettare. Pur non essendo mai completa, deve dare limpressione di esserlo fornendo subito notizie, cause ed effetti. Perché ha fretta, limita i tempi della verifica e anticipa il responso del giudice. Tende quindi a capovolgere il principio della presunzione di innocenza.

6 Linformazione è una catena Linformazione è una catena multimediale globale: si propaga a cascata e non tace finché non ha esaurito il suo percorso da un media allaltro e da un capo allaltro del mondo. I quotidiani e le riviste sono costretti (concorrenza) ad andare a ruota di internet, radio, TV (private e pubbliche).

7 Citazioni David Hume: I governanti devono affidarsi al controllo del pensiero. Pertanto è solo sullopinione che si fonda il governo e questa massima è valida tanto per i governanti più dispotici e militareschi quanto per quelli liberi e popolari. David Hume: I governanti devono affidarsi al controllo del pensiero. Pertanto è solo sullopinione che si fonda il governo e questa massima è valida tanto per i governanti più dispotici e militareschi quanto per quelli liberi e popolari. George Orwell: Il fatto sinistro riguardante la censura inglese è che essa è largamente volontaria. Idee impopolari possono essere passate sotto silenzio senza bisogno di una messa al bando, grazie allinteriorizzazione di valori di conformismo e al controllo della stampa da parte di proprietari danarosi, George Orwell: Il fatto sinistro riguardante la censura inglese è che essa è largamente volontaria. Idee impopolari possono essere passate sotto silenzio senza bisogno di una messa al bando, grazie allinteriorizzazione di valori di conformismo e al controllo della stampa da parte di proprietari danarosi, Ryszard Kapuscinski: Nelle dittature ci si serve della censura, nelle democrazie, della manipolazione. Ryszard Kapuscinski: Nelle dittature ci si serve della censura, nelle democrazie, della manipolazione.

8 Citazioni Ryszard Kapuscinski: Da quando è considerata una merce, linformazione ha cessato di essere sottoposta ai criteri tradizionali di verifica e autenticità: è retta dallaudience, dalla legge del mercato Ryszard Kapuscinski: Da quando è considerata una merce, linformazione ha cessato di essere sottoposta ai criteri tradizionali di verifica e autenticità: è retta dallaudience, dalla legge del mercato Daniel Cornu: Uno dei primi doveri del giornalista, legato alla funzione di controllo che gli riconosce la democrazia consiste nel mettere in trasparenza il funzionamento dei poteri (politico, economico, sociale). Compito arduo, che comporta molti ostacoli. Infatti è proprio del potere, non di rendere trasparenti i suoi meccanismi, bensì di assicurasi che il proprio funzionamento risulti opaco. Daniel Cornu: Uno dei primi doveri del giornalista, legato alla funzione di controllo che gli riconosce la democrazia consiste nel mettere in trasparenza il funzionamento dei poteri (politico, economico, sociale). Compito arduo, che comporta molti ostacoli. Infatti è proprio del potere, non di rendere trasparenti i suoi meccanismi, bensì di assicurasi che il proprio funzionamento risulti opaco.

9 Bibliografia Daniel Cornu: Ethique de linformation, PUF 1997 Daniel Cornu: Ethique de linformation, PUF 1997 Riszard Kapuscinski: Lapidarium, 1997 Riszard Kapuscinski: Lapidarium, 1997 Noam Chomsky: Potere e Mass Media, 1995; Il potere, 1997, La fabbrica del consenso, 1998 Noam Chomsky: Potere e Mass Media, 1995; Il potere, 1997, La fabbrica del consenso, 1998 Alberto Mariantoni: Gli occhi bendati sul Golfo, 1991 Alberto Mariantoni: Gli occhi bendati sul Golfo, 1991 Le Monde Diplomatique, Mensonges et vérités, 1993 Le Monde Diplomatique, Mensonges et vérités, 1993 Serge Halimi: Leçon dune guerre, Médias et désinformation, Monde Diplomatique, 3, 2000 Serge Halimi: Leçon dune guerre, Médias et désinformation, Monde Diplomatique, 3, 2000 International federation of journalists: Information society, Access and pluralism, 1995 International federation of journalists: Information society, Access and pluralism, 1995 Barret-Palmer: Le trafic des nouvelles, 1982 Barret-Palmer: Le trafic des nouvelles, 1982 Jonathan Fenby: The international News services, 1986 Jonathan Fenby: The international News services, 1986 Giorgio Bocca: Il padrone in redazione, 1997 Giorgio Bocca: Il padrone in redazione, 1997


Scaricare ppt "Il villaggio globale soffoca linformazione Corso di giornalismo Moreno Bernasconi."

Presentazioni simili


Annunci Google