La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LANNO CHE STA ARRIVANDO TRA UN ANNO PASSERA IO MI STO PREPARANDO........ (Lucio Dalla)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LANNO CHE STA ARRIVANDO TRA UN ANNO PASSERA IO MI STO PREPARANDO........ (Lucio Dalla)"— Transcript della presentazione:

1 LANNO CHE STA ARRIVANDO TRA UN ANNO PASSERA IO MI STO PREPARANDO (Lucio Dalla)

2 COSA E UN ISTITUTO COMPRENSIVO?

3 GENESI DEGLI ISTITUTI COMPRENSIVI Legge 31 gennaio 1994, n. 97 Art. 21. Scuola dellobbligo. 1. Nei comuni montani con meno di abitanti possono essere costituiti istituti comprensivi di scuola materna, elementare e secondaria di primo grado, cui è assegnato personale direttivo della scuola elementare e della scuola media secondo criteri e modalità stabiliti con ordinanza del Ministro della pubblica istruzione.

4 GENESI DEGLI ISTITUTI COMPRENSIVI DPR 18 giugno 1998, n. 233 Regolamento recante norme per il dimensionamento ottimale delle istituzioni scolastiche e per la determinazione degli organici funzionali dei singoli istituti, a norma dell'art. 21 Legge n. 59 del art. 21 Legge n. 59 del art. 21 Legge n. 59 del Art. 2 - Parametri Qualora le singole scuole non raggiungano gli indici di riferimento sopra indicati, sono unificate orizzontalmente con le scuole dello stesso grado comprese nel medesimo ambito territoriale o verticalmente in istituti comprensivi, a seconda delle esigenze educative del territorio e nel rispetto della progettualità territoriale.

5 - D.Lgs 31 marzo 1998, n. 112: (conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali….) -Riforma titolo V della Costituzione (2001) -Legge 15 luglio 2011 art.19, n.111 (razionalizzazione spesa relativa allorganizzazione scolastica) -Legge 12 novembre 2011 art.4, n.183 (riduzione posti di dirigente e direttore servizi generali e amministrativi) GENESI DEGLI ISTITUTI COMPRENSIVI

6 IL NOSTRO ISTITUTO COMPRENSIVO Da un punto di vista esclusivamente formale non nasce oggi in quanto lI.C. Via Tor de Schiavi era già esistente dalla.s. 2009/10, quando alcune classi e sezioni della ex scuola Vespucci furono unite alla ex scuola Massaia. Si trattò di una verticalizzazione dettata comunque dallesigenza di trovare sistemazione per una scuola (il 19° circolo Vespucci) che era stata soppressa e smembrata.

7 IL NOSTRO ISTITUTO COMPRENSIVO Pertanto per il corrente anno scolastico è stata operata unaggregazione: allIC Via Tor de Schiavi (già esistente) è stato aggregato lintero 21° Circolo Didattico Cecconi. Tutto ciò per effetto della legge 111/11 che, a cascata, ha generato tutta una serie di provvedimenti degli EE.LL. che hanno disegnato la mappa dei dimensionamenti per i territori di competenza.

8 IL NOSTRO ISTITUTO COMPRENSIVO I vincoli erano i seguenti: soppressione di tutti i circoli didattici e di tutte le scuole secondarie di primo grado; numero di alunni non inferiore a (poi ritoccato ad un generico intorno ai 1.000). Il nostro IC conterà circa alunni

9 LISTITUTO COMPRENSIVO IN 3D TERRITORIOTERRITORIO ORGANIZZAZIONEORGANIZZAZIONE CURRICOLOCURRICOLO

10 TERRITORIO PUNTI DI FORZA PUNTI DI DEBOLEZZA - Rafforzamento identità scuola e senso di appartenenza - Legami con enti locali - Affidabilità verso lutenza - Fragilità della governance territoriale - Patrimonio edilizio scolastico preesistente OPPORTUNITARISCHI - Scuola come sviluppo locale - Accordi con enti locali - POF territoriale - Contatti con altri stakeholders - Esperienze di rete - Aggregazioni casuali - Eccessiva dispersione dei punti di erogazione del servizio

11 ORGANIZZAZIONE PUNTI DI FORZA PUNTI DI CRITICITA - Appartenenza dei vari soggetti allorganizzazione - Diffusione di responsabilità e decisionalità - Organizzazione plurale (commissioni, dipartimenti etc.) - Superficialità dellappartenenza allistituto - Sovraccarico di competenze attribuite allIC - Integrazione delle diversità pre- esistenti (plessi, gradi di scuola etc.) OPPORTUNITARISCHI - Sviluppo professionale e formazione continua - Sviluppo di comunità di pratiche - Sovradimensionamento dellIC - Difficoltà di scambi relazionali - Disomogeneità interna tra i tre gradi di scuola - Rigidità organizzative

12 CURRICOLO PUNTI DI FORZA PUNTI DI CRITICITA - Adozione di curricoli verticali - Ricerca valutativa - Collaborazioni con il territorio (CTP, associazioni etc.) - Ampliamento dellofferta formativa solo in ottica aggiuntiva - Scarsa innovazione OPPORTUNITARISCHI - Sperimentazione degli snodi biennali (in part. V primaria/I sec.) - Sviluppo di una cultura della valutazione - Didattica integrata e continua - Resistenze al cambiamento in nome della propria identità - Consolidamento delle differenze (didattica, valutazione etc)

13 UNA QUARTA DIMENSIONE LA PROFESSIONALITA, che si declina nei seguenti comportamenti/atteggiamenti: -Comprendere che ci troviamo in una fase delicata -Avere la pazienza di non vedere tutto realizzato da subito -Rispettare ciò che non conosciamo -Accettare le difficoltà e contribuire al loro superamento -Comprendere che non dobbiamo tanto fare i comprensivi, ma piuttosto, essere comprensivi!!!

14 COSA E UN CTP I CTP (Centri Territoriali Permanenti) nascono dalla riorganizzazione degli ordinamenti e delle funzioni delle vecchie iniziative di contrasto allanalfabetismo (150 ore);I CTP (Centri Territoriali Permanenti) nascono dalla riorganizzazione degli ordinamenti e delle funzioni delle vecchie iniziative di contrasto allanalfabetismo (150 ore); il nuovo quadro normativo prende forma alla fine degli anni 90 ed è tuttora in evoluzione;il nuovo quadro normativo prende forma alla fine degli anni 90 ed è tuttora in evoluzione; la domanda di formazione, mutevole e assolutamente dirompente in alcune regioni, struttura la stessa offerta formativa e la sua organizzazione; seguela domanda di formazione, mutevole e assolutamente dirompente in alcune regioni, struttura la stessa offerta formativa e la sua organizzazione; segue

15 nella fase attuale lofferta dei CTP assicura il conseguimento del titolo conclusivo del primo ciclo (licenza media);nella fase attuale lofferta dei CTP assicura il conseguimento del titolo conclusivo del primo ciclo (licenza media); offre agli adulti (minimo 16 anni), italiani e stranieri, un sistema di opportunità per supportare lesercizio della cittadinanza;offre agli adulti (minimo 16 anni), italiani e stranieri, un sistema di opportunità per supportare lesercizio della cittadinanza; pur nei limiti delle risorse umane e professionali, reperibili nellorganico assegnato e nella professionalità di collaboratori esterni.pur nei limiti delle risorse umane e professionali, reperibili nellorganico assegnato e nella professionalità di collaboratori esterni. COSA E UN CTP

16 AZIONI PREVALENTI a.Corsi di lungo periodo per conseguire la licenza media, con esame finale, da ottobre a giugno; b.corsi vari per adulti (informatica, lingue straniere, corsi professionalizzanti, etc.); c.certificazione delle competenze per la lingua italiana per immigrati, di vari livelli.

17 RISORSE UMANE E PROFESSIONALI Operano nel nostro CTP: 12 docenti12 docenti 2 assistenti amministrativi2 assistenti amministrativi 3 collaboratori scolastici3 collaboratori scolastici

18 PROSPETTIVE FUTURE Nellagosto 2007 un decreto ministeriale ha disegnato una prospettiva per accentrare lofferta in pochi istituti, non più incardinati nelle scuole di indirizzo del primo ciclo e di inserire nei CPIA (Centri Provinciali Istruzione Adulti) lofferta dei CTPlofferta dei CTP e dei corsi serali professionalizzanti.e dei corsi serali professionalizzanti. Tale disegno, tuttavia, non è ancora entrato in vigore. fine

19 STRADA FACENDO VEDRAI………… (Claudio Baglioni)


Scaricare ppt "LANNO CHE STA ARRIVANDO TRA UN ANNO PASSERA IO MI STO PREPARANDO........ (Lucio Dalla)"

Presentazioni simili


Annunci Google