La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Aggiornamento sulla riforma del sistema educativo. Quali prospettive? Giuliana Sandrone Docente di Didattica generale CQIA – Centro per la qualità dell'insegnamento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Aggiornamento sulla riforma del sistema educativo. Quali prospettive? Giuliana Sandrone Docente di Didattica generale CQIA – Centro per la qualità dell'insegnamento."— Transcript della presentazione:

1 Aggiornamento sulla riforma del sistema educativo. Quali prospettive? Giuliana Sandrone Docente di Didattica generale CQIA – Centro per la qualità dell'insegnamento e dell'apprendimento Università degli studi di Bergamo

2 Art. 68 della finanziaria … PRIMO CICLO Primaria + sec I grado BIENNIO COMUNE UNITARIO DI OBBLIGO OBBLIGO SCOLASTICO OBBLIGO FORMATIVO

3 Eravamo convinti di essere andati oltre … Primo ciclo Istruzione Liceale Istruzione e Formazione professionale

4 istruzione liceale e magistrale istruzione tecnica istruzione professionale formazione professionale DA … A … sistema dellistruzione liceale sistema dellistruzione e formazione professionale unico sistema educativo di istruzione e formazione per realizzare il diritto-dovere fino a 18 anni Il passaggio costituzionale del Titolo V e della L 53/03

5 Ciò che abbiamo riconosciuto come fondante per essere docenti e, in particolare, IdR 1. Lavorare per sviluppare competenze 2. Utilizzare unità di apprendimento 3. Il concetto di laboratorium 4. Lunitarietà del sapere e linterdisciplinarità 5. La riflessività dellagire educativo, in unottica di sussidiarietà

6 1. Lavorare per sviluppare competenze competenza = agire personale contestualizzato, caratterizzato da originalità e adattamento, intesa come un'inesauribile conversazione riflessiva della persona che apprende con la situazione (knowledge in action*) e continuamente riscrivere lintreccio dei fattori in gioco in quella sua peculiare esperienza** * Bateson **Le Boterf, Reboul, Perrenoud, Allal

7 competenza = expertise? NO perché non è deterministicamente prevedibile non è riducibile ad un piano d'azione codificabile a priori( Le Boterf ) non si insegna ( Reboul ) coinvolge lintera persona ( Perrenoud) necessita di strumenti qualitativi per essere valutata

8 2. Utilizzare unità di apprendimento indicazioni metodologiche evento formativo che si avvale di alcuni documenti e strumenti operativi esalta la funzione formativa attraverso quella culturale passaggi obbligati: la definizione degli obiettivi formativi lindividuazione di un apprendimento unitario e di un compito in situazione il ruolo attivo dellallievo le curvature e le strategie personalizzate la valutazione quantitativa e qualitativa delle conoscenze e delle abilità messe in campo per sviluppare competenze personali.

9 Organizzare unità di apprendimento … non richiede un metodo, piuttosto che un altro MA RICHIEDE 1. la centralità dellallievo e della sua formazione 2. la riflessività professionale del docente

10 Mettere in collegamento la propria pratica didattica con i modelli e i codici teorici di riferimento un esempio … Utilizzo didattica per concetti Mappa concettuale Matrice cognitiva Rete concettuale Compito di apprendimento

11 Devo sapere che … abbandono la pedagogia dellimpronta definisco un compito di apprendimento che è il frutto del rapporto dialettico tra docente ed allievi che mette in relazione MC- mc – RC non posso saltare il passaggio centrale della Conversazione clinica che permette al docente di osservare e cercare tutto il sapere più o meno ingenuo dellallievo (ciò che cè già*) lintegrazione tra vecchi e nuovi schemi concettuali è un processo di costruzione attiva dellallievo * Cfr P. Meirieu (1989)

12 3. Il concetto di laboratorium situazione, indipendente da contingenze spaziali, temporali e metodologiche, in cui gli allievi si esprimono per quello che sono (mente, corpo, affettività e relazione), imparano facendo qualcosa che li interessa*, interagiscono con i pari, ritrovano, con intelligente e guidata riflessione, senso e scopo** di ciò che fanno insieme con gli altri * Cfr Dewey Interesse e disciplina (1913) ** Ausubel

13 realizzare laboratorium, pratica laboratoriale con qualsiasi modello didattico, con qualsiasi oggetto di studio Che cosa significa? Porre un problema definire un compito, un progetto allinterno di un contesto che porta lallievo a 1.dare senso a quello che sta facendo 2. utilizzare riflessivamente saperi disciplinari diversi 3. attivare relazioni di apprendimento cooperativo 4. attivare come risorse tutte le proprie capacità 5. sostenere consapevolmente la fatica dellapprendere

14 Le caratteristiche della metodologia laboratoriale non è luogo separato dalla normale attività daula, non è tempo separato da altri tempi della scuola, può avere un oggetto di studio interdisciplinare, che utilizza logiche epistemologiche di confine, ma può avere anche un oggetto di studio monodisciplinare, che riscopre tutta lintegrità dellapprendimento, richiede costantemente il coinvolgimento della totalità della persona umana nella sua integrità, non solo dell attività cognitiva, né solo di quella corporea o manuale, né solo di quella relazionale- affettiva: sono prospettive diverse tenute costantemente insieme dalla professionalità riflessiva del docente.

15 4. Lunitarietà del sapere e linterdisciplinarità Loggetto di studio può essere monodisciplinare o interdisciplinare, non importa, ciò che è fondamentale è la ricostruzione di senso unitario da parte di chi apprende, è il passaggio dai saperi al sapere personale, è lattribuzione di significato al proprio agire personale

16 5. La riflessività dellagire educativo, in unottica di sussidiarietà dalla predittività a priori alla riflessività a posteriori dalla valutazione come giudizio alla valutazione come attribuzione di valore dall illuminata decisionalità alla cooperazione con lallievo e la sua famiglia dalla scolastic view al riconoscimento dell educazione non formale e informale per lo sviluppo della libertà e della responsabilità personali

17 Dunque … non prima la Scuola (lo Stato) con le sue esigenze e poi la persona MA la persona umana come fine da promuovere fine supremo e diritto sussistente* a cui tutto il resto deve mirare * Rosmini

18 Scuola e docenti che … hanno come fine la crescita e la valorizzazione della persona umana e per questo adoperano come mezzi le conoscenze disciplinari, le abilità necessarie per svolgere un lavoro, le regole di comportamento individuale e sociale, i valori etici, le richieste delleconomia, i criteri di giudizio che lo Stato repita degni di essere trasmessi.


Scaricare ppt "Aggiornamento sulla riforma del sistema educativo. Quali prospettive? Giuliana Sandrone Docente di Didattica generale CQIA – Centro per la qualità dell'insegnamento."

Presentazioni simili


Annunci Google