La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Motivazione Germano Rossi ISSR 2011/12. G. Rossi - Introduzione alla psicologia Motivazione2 una condizione che determina la direzione e lintensità del.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Motivazione Germano Rossi ISSR 2011/12. G. Rossi - Introduzione alla psicologia Motivazione2 una condizione che determina la direzione e lintensità del."— Transcript della presentazione:

1 Motivazione Germano Rossi ISSR 2011/12

2 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Motivazione2 una condizione che determina la direzione e lintensità del comportamento Corrisponde ai desideri (mangiare, bere, piacere, desiderio di fare qualcosa, di cercare qualcosa) Le motivazioni hanno sia base biologica (necessità fisiche dellorganismo) sia basi culturali Affronteremo le prime Ci sono due famiglie di teorie esplicative

3 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Motivazione3 Motivazione: teorie pulsionali Le teorie pulsionali: spiegano la motivazione come il risultato di una spinta (pulsione) interna e spiegano le motivazioni di base Fame e sete sono più fisiologiche Sesso e aggressività hanno una forte base fisiologica ma anche un parte culturale Si sono probabilmente evoluti geneticamente per soddisfare esigenze di sopravvivenza

4 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Motivazione4 Motivazione: teorie incentivazione Le teorie da incentivazione: spiegano la motivazione in base ad eventi esterni e in base ad oggetti del desiderio Cibo, sesso, aggressività sono incentivi per il nostro corpo (fisiologico) Relazioni, stima, soldi, successo non sono incentivi fisiologici, ma sono comunque incentivi di determinati comportamenti In gran parte sono incentivi appresi che alleviano una situazione di disagio e facilitano una situazione di benessere

5 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Motivazione5 Motivazione: teorie incentivazione Gli incentivi possono essere distinti in Rinforzi primari: il sapore dolce o salato, il piacere dovuto al contatto (abbraccio, calore corporeo) agiscono indipendentemente Rinforzi secondari: non agiscono di per sé, ma hanno acquisito il valore incentivante tramite associazione (i soldi, essere apprezzati e desiderati…) Si basano sul legame fra apprendimento ed esperienza e sul controllo della motivazione

6 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Motivazione6 Incentivazione Un incentivo è il desiderio di qualcosa e, in particolare, qualcosa che ci dia piacere (in senso lato) Le esperienze conscie di piacere e dispiacere sono chiamate affetti Lassociazione fra incentivo e affetto devessere appresa A questo punto, lincentivo diventa unanticipazione del piacere e ci spinge a raggiungerlo

7 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Motivazione7 Incentivazione Una parte del nostro cervello sembra reagire a tutti i tipi di ricompensa e produce la sensazione di piacere Unaltra parte (sistema cerebrale dopaminergico) è legato al volere qualcosa ed è quello che ci spinge a cercare i piacere La dopamina è la sostanza chimica che attiva i recettori neurali ed è molto simile ad altre sostanze chimiche come eroina, morfina, cocaina…

8 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Motivazione8 Droghe Certe sostanze simili alla dopamina (tra cui lalcool) attivano il sistema dopaminergico Lassunzione di queste sostanze confonde il sistema e produce le sensazioni di piacere Tuttavia lassunzione occasionale o a piccole dosi non determina dipendenza cioè unassunzione compulsiva e distruttiva

9 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Motivazione9 Dipendenza Perché si instauri dipendenza servono tre fattori: Rendere iperattivo il sistema della ricompensa (piacere) Indurre sintomi da astinenza (in quanto il sistema si calibra in base alla quantità di stimolazione) Sensibilizzazione neurale (i neuroni reagiscono particolarmente in presenza di queste sostanze) Se vi sono particolari stati psicologici, anche uno solo di questi fattori basta a creare dipendenza

10 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Motivazione10 Omeostasi e pulsioni Il nostro corpo tende a situazioni di equilibrio (omeostasi) e cerca di raggiungere questo stato (pulsioni) Molti processi fisiologici hanno il compito di ristabilire lomeostasi (sudorazione vs. brividi) Sembra tuttavia che linterruttore che attiva il riequilibrio sia nel cervello (la sensazione di fame dipende da… ad es. la quantità di zuccheri nel sangue)

11 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Motivazione11 Omeostasi e incentivi Ristabilire lequilibrio è lobiettivo primario, ma sono importanti anche gli incentivi Esperimenti con topi e cibo: Un topo riceve come ricompensa la possibilità di bere del latte; ad un altro il latte viene messo direttamente nello stomaco tramite un meccanismo pre-impiantato Il topo che beve è soddisfatto e agisce solo quando ha fame e vuole altro latte; laltro continua ad agire per poter bere Cosa succede se il cibo entra ma non nutre?

12 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Motivazione12 Sesso Il sesso non può essere pensato come un processo omeostatico Tuttavia bisogna distinguere fra lattività fisiologica legata a ciò che chiamiamo sesso e i comportamenti legati alla sfera sessuale La (auto-)manipolazione degli organi genitali produce piacere e questo rientra fra gli incentivi Mentre la ricerca di attività sessuale è un comportamento sociale appreso Lidentità sessuale è uninterazione fra genetica, biologia (ormoni), educazione (esplicita ed implicita) e influenze culturali e sociali


Scaricare ppt "Motivazione Germano Rossi ISSR 2011/12. G. Rossi - Introduzione alla psicologia Motivazione2 una condizione che determina la direzione e lintensità del."

Presentazioni simili


Annunci Google