La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Raccontare la SHOAH dalla storia alla Storia Per una didattica della storia nella scuola primaria Sandra Tassi Progetto Lettura.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Raccontare la SHOAH dalla storia alla Storia Per una didattica della storia nella scuola primaria Sandra Tassi Progetto Lettura."— Transcript della presentazione:

1 Raccontare la SHOAH dalla storia alla Storia Per una didattica della storia nella scuola primaria Sandra Tassi Progetto Lettura

2 PSICOLOGIA SOCIOLOGIA EDUCAZIONE Scelta didattica

3 1.STUDIO della STORIA : aspetti psicologici Aspetti psicologici EDUCAZIONE alla storia -a) influenze piagetiane *egocentrismo *finalismo *personalizzazione * non > b) Contributi di psicolinguistica * Linguaggio formale Vygotzky/Bruner : Il linguaggio come via per una migliore articolazione del pensiero Critiche al piagetianesimo Sopravalutazione delle capacità logiche Il pensiero storico è di tipo ipotetico- deduttivo MA Il b. può sviluppare il “senso del possibile” La Storia come sistema aperto TEORIA di BOTH: “ il pensiero storico è anche immaginazione,creatività, slancio fantastico”

4 Resta valido di Piaget - L’idea che la conoscenza si sviluppa per strutturazioni e ristrutturazioni complessive L’importanza del “colloquio clinico” (=discussione collettiva) - L’importanza di creare situazioni di ‘apprendimento basate sul “conflitto cognitivo” (assimilazione/accomodamento)

5 2.STUDIO della STORIA : aspetti sociologici Aspetti generali Aspetti contingenti EDUCAZIONE ALLA STORIA TEORIE della MEMORIA Il cognitivismo processo mentale attivo attraverso cui la conoscenza è: -codificata o rappresentata -conservata -ritrovata o localizzata -integrata con informazioni anteriormente acquisite MEMORIA ARTIFICIALE L’informatizzazione * è davvero importante la QUANTITA ’ di sapere storico che il b. memorizza? *Non è più significativo padroneggiare le STRATEGIE per il salvataggio-recupero delle informazioni? *come si definisce il “che cosa conservare?

6 Il concetto di “fatto storico” e di “osservazione” a)Nel campo della PERCEZIONE: il concetto dell’ intervento selettivo-costruttivo *Per Popper un’osservazione è sempre una percezione pianificata e preparata. “Non > un’osservazione, ma > un’osservazione; (…è sempre preceduta da un particolare INTERESSE, una questione, un problema…Questo è il motivo per cui le osservazioni sono sempre selettive.)” b) In sede EPISTEMOLOGICA : il concetto di “paradigma indiziario” di Ginzburg

7 Assumiamo da Popper e da Ginzburg - un apprendimento per problemi - una gestione consapevole delle ipotesi - l’assunzione della conoscenza nei termini problemico-probabilistico

8 Assumiamo dalla corrente della Nuova STORIA - l’importanza di considerare la “vita quotidiana e materiale” La presenza della > in tutti i fenomeni e in tutte le cose Nuova considerazione del presente come “momento storico”

9 L’insegnamento della Storia nella scuola elementare STORIA = Racconto sequenziale di eventi Aspetto mnemonico-nozionale esterno / Struttura in movimento Storia delle cose (Cousinet) Linee di sviluppo (Jeffreys) Metodo della ricerca (De Bartolomeis ) Studio delle civiltà primitive (M.C.E) Mestiere dello storico e uso delle fonti (Landi- Girardet) Grammatica del tempo (Guarracino – Mattozzi) 3. Didattica

10 4. LINEE di METODO nei nuovi programmi della Scuola Elementare Nelle Raccomandazioni per l’attuazione delle Indicazioni Nazionali per i Piani di studio personalizzati nella Scuola Primaria, la storia è vista come: RACCONTO: raccontare e raccontarsi (racconti biblici ed evangelici, miti, tradizione popolare, letteratura, narrazioni personali). miti PROBLEMA: si narra il vero? Si dice tutta la verità su un fatto o soltanto una parte? Si fanno selezioni nel raccontare un fatto? Perché? Ci si può sottrarre a questi problemi? DISCUSSIONE: dialogo e confronto, mettersi dal punto di vista dell’altro, superare egocentrismi ed etnocentrismi.

11 4. LINEE di METODO nei nuovi programmi della Scuola Elementare Gli itinerari metodologici suggeriti sono: tra narrazione e problematizzazione: la storia è storia di progresso, ma anche di continuo ripensamento, con vantaggi e perdite… cronologia (dal secondo biennio); dalle storie alla storia: sviluppo di un approccio narrativo alla realtà.

12 Facciamo il punto Aspetti psicologici ineliminabili Aspetti sociologici contestualizzati e ineliminabili Scelte didattiche Scelte metodologiche contenuti linee ministeriali Individuazione di NODI per un’educazione etica e socio-culturale Autonomia didattica e libertà di insegnamento

13 Aspetti psicologici ineliminabili Aspetti sociologici contestualizzati e ineliminabili Scelte metodologiche Scelte didattiche contenuti Opzione pedagogica

14 contenuto per un’educazione etica e socio-culturale significativa anche oltre il programma curricolare Aspetti sociologici Informazione e media Fruizione della notizia e dell’immagine Mondo globale e identità storica Significato del”fare memoria” Aspetti psicologici Vita/Morte Tra virtuale e reale Eventi ed emozionalità Costruzione dell’immaginario SCELTA SHOAH

15 contenuto SCELTA metodo 1.Fruizione della notizia e dell’immagine Lettura dell’immagine Storia dei singoli /storia dei popoli 2. Mondo globale e identità storica. 3.Vita/Morte Tra virtuale e reale Narrazione : valore rappresentativo delle parole 4. Eventi ed emozionalità Narrazione :immedesimazione/partecipazione emotiva

16 SCELTA metodo Lettura dell’immagine Storia dei singoli /storia dei popoli Narrazione : valore rappresentativo delle parole Narrazione :immedesimazione/partecipazione emotiva contenuto tra narrazione e problematizzazione dalle storie alla storia PIERO INNOCENTI, Rosa Bianca


Scaricare ppt "Raccontare la SHOAH dalla storia alla Storia Per una didattica della storia nella scuola primaria Sandra Tassi Progetto Lettura."

Presentazioni simili


Annunci Google