La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Elementi per un nuovo sistema di remunerazione della farmacia per le cessioni dei farmaci di fascia A) Relatore dott. Gianni Petrosillo Promofarma S.r.l.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Elementi per un nuovo sistema di remunerazione della farmacia per le cessioni dei farmaci di fascia A) Relatore dott. Gianni Petrosillo Promofarma S.r.l."— Transcript della presentazione:

1 Elementi per un nuovo sistema di remunerazione della farmacia per le cessioni dei farmaci di fascia A) Relatore dott. Gianni Petrosillo Promofarma S.r.l. Assemblea Nazionale Federfarma Roma, 22 giugno 2011

2

3 Grafico 2 Incidenza Farmaci Liste Riferimento (quantità e valore) Rispetto al Totale dei Consumi SSN 3

4 Grafico 3 Incidenza Farmaci Generici (quantità e valore) Rispetto a Totale Consumi SSN 4

5 Grafico 4 Percentuale Valore Medio Confezione marzo 2011 rispetto a marzo

6 L’andamento della spesa “Convenzionata” (lorda) -3,52%

7 L’andamento del numero delle ricette +16,45%

8 Prossime scadenze di brevetto Elaborazioni eseguite sul mese di aprile 2011  Anno 2011: confezioni 2,69% valore 7,4%  Anno 2012: confezioni 2,34% valore 5,40%  Anno 2013: confezioni 1,62% valore 5,06% totale confezioni n° totale valore € ,77

9 La spesa farmaceutica ospedaliera La spesa farmaceutica ospedaliera è in costante aumento. Sulla base dei dati del primo trimestre 2011, a fine anno si prevede un deficit di 2,4 miliardi di euro con un’incidenza sulla spesa sanitaria del 4,4% rispetto al tetto legislativo del 2,4%

10 Il PHT in “Convenzionata” La progressiva diffusione di accordi per la “Distribuzione per conto” (DPC), ha ridotto la percentuale dei farmaci compresi nel PHT distribuiti tramite la farmaceutica convenzionata. Nel mese di aprile 2011 la quota di farmaci in PHT forniti dalle farmacie in convenzionata è comunque stata del 7,36% anche se con forti differenze territoriali Il prezzo medio a confezione è di € 58,67

11 … riassumendo  Scadenze brevettuali e aumento generici;  Investimenti dell'industria sui farmaci innovativi;  Esclusione della farmacia nella distribuzione dei farmaci innovativi e ad alto costo con conseguente aumento fuori controllo della spesa farmaceutica ospedaliera;  Progressiva diminuzione dei farmaci PHT attualmente in “Convenzionata” ;  Sviluppo del modello della DPC sia per il PHT che per altre categorie di farmaci (delibera regione Toscana).

12 Analisi dati sul modello attuale di remunerazione  Periodo di riferimento base dati:  aprile 2011  Panel di riferimento:  farmacie di cui  a sconto ordinario;  rurali sussidiate con sconto 1,5%;  a sconto ridotto del 60%.

13 Criteri di calcolo del margine lordo  Con riferimento alle condizioni di acquisto:  i farmaci sono stati suddivisi in 2 gruppi etici e generici;  sugli etici è stato applicato lo sconto sul p.p. al netto dell’IVA, considerando una percentuale del 4% di acquisti diretti;  Sui generici lo “sconto” è stato applicato considerando l'acquisizione parziale del miglior margine di legge (+8%), una percentuale di acquisti diretti (40%) e una percentuale di acquisti per singole confezioni (10%);  Gli sconti SSN sono stati calcolati in maniera puntuale in relazione alla tipologia dei farmaci e delle singole farmacie

14 Gli ulteriori oneri da considerare  I margini che abbiamo calcolato sono al lordo delle trattenute:  ENPAF (0,90%)  CONVENZIONALI (0,02%)  SINDACALI (VARIABILE)  “PAY-BACK” (0,60%) si attestano attorno a valori significativamente omogenei, con ovvie differenze legate alla tipologia di farmacia

15 La normativa sulla revisione del margine  Comma 6-bis, art. 11 LEGGE 30 luglio 2010, n. 122  Tavolo di confronto tecnico tra:  il Ministero della salute,  il Ministero dell'economia e delle finanze  l'AIFA  le associazioni di categoria maggiormente rappresentative  per la revisione dei criteri di remunerazione della spesa farmaceutica secondo i seguenti criteri:  Estensione della tracciabilità a tutte le forme di distribuzione del farmaco.  possibilita' di introduzione di una remunerazione della farmacia basata  su una prestazione fissa  in aggiunta ad una ridotta percentuale sul prezzo di riferimento del farmaco che, stante la prospettata evoluzione del mercato farmaceutico, garantisca una riduzione della spesa per il Servizio sanitario nazionale.

16 I nostri obiettivi  Il quadro illustrato e aggiornato conferma l'opportunità di introdurre modifiche strutturali nel sistema di remunerazione delle farmacie per i farmaci di fascia A) che consentano:  La tutela della marginalità della farmacia nel tempo contrastando i fenomeni appena descritti (aumento quota generici etc.);  La conferma della centralità della farmacia nel sistema di dispensazione del farmaco anche con riferimento ai farmaci innovativi, per favorire l’unitarietà del sistema farmaceutico e l’uniformità dei livelli essenziali di assistenza (LEA).

17 Gli obiettivi dell'Ente Pubblico  Accettare un sistema semplice e facilmente misurabile;  Verificare che il nuovo metodo garantisca l'invarianza della spesa SSN;  Avere maggior controllo sui consumi della farmaceutica ospedaliera

18 Analisi degli strumenti e delle variabili  Modifica del margine attraverso:  Una quota fissa e una quota percentuale tenendo presente che la quota fissa ci tutela da eventuali ulteriori riduzioni di prezzo, la quota percentuale ci tutela in caso di aumenti di prezzo;  Permanenza anche nel nuovo sistema delle agevolazioni per le piccole farmacie e le farmacie rurali;

19 Analisi degli strumenti e delle variabili  La modifica del metodo di determinazione del prezzo deve riguardare solo la fascia A);  L'applicazione della metodologia può estendersi anche ai farmaci della distribuzione diretta destinati all'uso domiciliare  Il metodo deve essere semplice e dimostrare “invarianza” di spesa per il SSN.

20 Conclusioni  Il processo di progressiva riduzione della redditività è strettamente legato a condizioni di mercato irreversibili.  L'irreversibilità del processo è ottenibile solo con un diverso metodo di calcolo della remunerazione.

21 Conclusioni  Con una diversa remunerazione è possibile anche recuperare sui farmaci della distribuzione diretta  I nuovi valori sono elementi che devono essere riservati alla negoziazione, ma sono comunque imprescindibili dalle remunerazioni medie a confezione calcolate per ogni tipologia di farmaco e di farmacia.

22 Conclusioni  Attendere passivamente gli eventi porterebbe ad ulteriori e irreversibili condizioni negative e più difficili dal punto di vista negoziale  C'è una documentata inerzia della parte Pubblica verso gli obblighi normativi del confronto sulla remunerazione (tavolo L.122/2010)  Dobbiamo condividere il progetto e giungere rapidamente al cambio della remunerazione

23 Grazie per l'attenzione Relatore dott. Gianni Petrosillo Promofarma S.r.l. Assemblea Nazionale Federfarma Roma, 22 giugno 2011


Scaricare ppt "Elementi per un nuovo sistema di remunerazione della farmacia per le cessioni dei farmaci di fascia A) Relatore dott. Gianni Petrosillo Promofarma S.r.l."

Presentazioni simili


Annunci Google