La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il sistema prossemico e aptico. Il sistema prossemico e aptico sono dei sistemi di contatto Il sistema prossemico: concerne la percezione, lorganizzazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il sistema prossemico e aptico. Il sistema prossemico e aptico sono dei sistemi di contatto Il sistema prossemico: concerne la percezione, lorganizzazione."— Transcript della presentazione:

1 Il sistema prossemico e aptico

2 Il sistema prossemico e aptico sono dei sistemi di contatto Il sistema prossemico: concerne la percezione, lorganizzazione e luso dello spazio, della distanza e del territorio nei confronti degli altri Il sistema aptico: fa riferimento allinsieme di azioni di contatto corporeo con un altro

3 Prossemica e territorialità Luso dello spazio e della distanza implica un equilibrio instabile fra i processi affiliativi (di avvicinamento) ed esigenze di riservatezza (di distanziamento). La regia di queste oscillazioni tra affiliazione/ vicinanza e riservatezza/ distanza è mediata dalla gestione della propria territorialità.

4 Il territorio è unarea geografica che assume risvolti e significati psicologici nel corso degli scambi comunicativi. Occorre distinguere tra territorio pubblico e domestico. Il primo è il territorio dove gli individui hanno libertà di accesso, ma che è regolato da norme e vincoli ufficiali e convenzionali. La loro trasgressione è sanzionata.

5 Nel territorio pubblico, una certa porzione di spazio è marcata come propria attraverso segnali ed indicatori (ad es. oggetti) e può essere rivendicata come appartenente al sé in quella data circostanza. Nel territorio domestico lindividuo sente di avere libertà di movimento in maniera regolare ed abituale. Sente di possederne il controllo.

6 Di norma il territorio domestico è nettamente distinto da quello pubblico attraverso precisi confini sia fisici (la porta di casa), sia legali (proprietà privata), sia psicologici (reazione ad una invasione del proprio territorio). La gestione del territorio personale concerne anche la regolazione della distanza spaziale che rappresenta un buon indicatore della distanza comunicativa tra le persone

7 Zona intima (fra 0 e 0.5 m circa): è la distanza delle relazioni intime. Ci si può toccare, sentire lodore del partner, parlare sottovoce. Zona personale (fra 0.5 e 1m circa): è larea invisibile che circonda in maniera costante il nostro corpo e la cui distanza varia da interazione a interazione. E possibile toccare laltro, vederlo in modo distinto, ma non sentirne lodore.

8 Zona sociale (fra 1 e circa 4 m): è la distanza per le interazioni meno personali; è il territorio in cui lindividuo sente di avere libertà di movimento in maniera regolare e abituale. Zona pubblica (oltre i 4 m): è la distanza ottenuta in situazioni pubbliche ufficiali che comporta una enfatizzazione dei movimenti ed una intensità elevata della voce.

9 La regolazione dello spazio può favorire processi di intimità, di dominanza e di manipolazione. Tanto più spazio uno ha a propria disposizione, tanto più gode di una posizione sociale elevata. Esistono delle differenze culturali nella prossemica.

10 Le popolazioni europee, asiatiche ed indiane sono caratterizzate da una cultura della distanza. le popolazioni arabe, sudamericane e latine sono caratterizzate da una cultura della vicinanza. Nelle culture occidentali lo spazio pubblico può diventare privato (ad es. questo posto è mio). Nelle culture arabe lo spazio pubblico continua a restare pubblico.

11 Laptica concerne le azioni di contatto corporeo nei confronti di altri. Si tratta di uno dei bisogni fondamentali della specie umana, al pari delle altre specie animali. Nei primati non umani una considerevole quantità di tempo è trascorsa nellattività di grooming che comporta un prolungato contatto fisico e che mantiene relazioni di affiliazione, dominanza e sottomissione.

12 Che cosè il grooming? Azione prolungata di pulizia e toelettatura reciproca del pelo. Si stabiliscono rapporti più forti di affiliazione e può essere indipendente da una effettiva consanguineità, ma basata sulla storia passata o su esperienze condivise. Azione prolungata di pulizia e toelettatura reciproca del pelo. Si stabiliscono rapporti più forti di affiliazione e può essere indipendente da una effettiva consanguineità, ma basata sulla storia passata o su esperienze condivise.

13 Nel corso del periodo neonatale e dellinfanzia il tatto è uno dei canali più importanti di comunicazione I bambini piccoli manifestano un bisogno innato di contatto corporeo per ragioni fisiologiche (allattamento) e psicologiche (rassicurazione)

14 Nellaptica si è soliti distinguere... Sequenze di contatto reciproco: formate da due o più azioni di contatto compiute in modo reciproco nel corso della medesima interazione. Questa ripetizione comporta una funzione di supporto affettivo allinterno di una relazione di parità Contatto individuale: è unidirezionale ed è rivolto da un soggetto ad un altro.

15 Nei rapporti amorosi... Gli effetti del contatto corporeo: la persona che tocca, in generale è ritenuta cordiale, disponibile, estroversa (ad es. camerieri, bibliotecari...) Al contrario il contatto corporeo può suscitare reazioni negative di fastidio, irritazione se viene percepito come forma di invasione.

16 Il sistema cronemico La cronemica concerne il modo in cui gli individui percepiscono il tempo per scandire la propria esperienza. E unarea di ricerca nella CNV ancora agli inizi Fa parte della cronobiologia, è inflenzata dai ritmi circadiani come lalternanza sonno-veglia

17 Bisogna distinguere i ritmi circadiani da… I cicli infradiani (che hanno cicli superiori al giorno come ad es. il ciclo mestruale) I cicli ultradiani (che hanno cicli inferiori al giorno come ad es. il ritmo respiratorio) I cicli circadiani mantengono la loro periodicità grazie a fattori ambientali come ad es. il ciclo luce-buio I cicli circadiani mantengono la loro periodicità grazie a fattori ambientali come ad es. il ciclo luce-buio

18 Alcune variazioni sono però date da fattori culturali Culture veloci, in cui è presente una prospettiva temporale orientata al futuro, che prevede una pianificazione di traguardi a medio e lungo termine (obiettivo distale) I vincoli temporali sono forti e favoriscono unorganizzazione delle attività secondo una scansione temporale che prevede di realizzare unattività per volta (monocronia)

19 Le culture lente invece hanno una prospettiva temporale orientata al passato (tradizione) e al presente, senza lesigenza di una programmazione anticipata. La modesta suddivisione dei lavori e la limitata specializzazione del tempo consentono la compresenza di diverse attività svolte (policronia)

20 Che cosa ha a che fare questo con la comunicazione? Ogni soggetto è portatore di uno specifico ritmo personale che dà per scontato sia eguale a quello degli altri La comunicazione con soggetti che hanno ritmi biologici differenti può generare distonie e condizioni di disagio. ad esempio i turni di parola ad esempio i turni di parola

21 La cronemica indica la presenza di tempi e ritmi diversi nellinterazione comunicativa. Non soltanto è necessaria la sintonia semantica per generare un atto comunicativo unitario, ma vi è altresì la necessità della sincronia comunicativa come capacità di sintonizzare il flusso comunicativo al fine di ottenere una sequenza regolare e fluida di scambi.

22 Le funzioni della comunicazione non verbale La manifestazione delle emozioni e dellintimità. La CNV svolge una funzione fondamentale nelle relazioni di intimità. In questi casi aumentano la frequenza e lintensità dei sorrisi, dei contatti oculari e corporei; lo spazio prossemico si riduce e la voce diventa flessibile, modulata e calda.

23 Relazioni di potere e di persuasione La CNV assume una funzione essenziale nella definizione, mantenimento e difesa della relazione di dominanza. Ad es. la postura espansiva e rilassata con la disposizione asimmetrica degli arti superiori ed inferiori è un chiaro segnale non verbale di dominanza Il processo di persuasione è notevolmente influenzato dallimpiego di una serie di segnali non verbali.

24 La conversazione

25 La conversazione è un fenomeno di comunicazione a più canali che implica segnali verbali e non verbali. E largomento che richiede di prendere in considerazione sia le relazioni strutturali tra i segnali verbali e non verbali della comunicazione, sia il loro significato funzionale nel trasmettere informazioni.

26 Definizione di conversazione come Configurazione di segni provenienti da più canali Noi ci soffermeremo ad analizzare gli aspetti costitutivi e funzionali operanti negli scambi conversazionali Noi ci soffermeremo ad analizzare gli aspetti costitutivi e funzionali operanti negli scambi conversazionaliGrice

27 Gli scambi verbali non consistono normalmente di una successione di frasi sconnesse, e sarebbe irragionevole se fosse così. Essi sono tipicamente azioni almeno in parte cooperative, e ciascun partecipante riconosce in essi, entro certi limiti, uno scopo comune o un insieme di scopi comuni o almeno una direzione reciprocamente accettata (Grice, 1975) Gli scambi verbali non consistono normalmente di una successione di frasi sconnesse, e sarebbe irragionevole se fosse così. Essi sono tipicamente azioni almeno in parte cooperative, e ciascun partecipante riconosce in essi, entro certi limiti, uno scopo comune o un insieme di scopi comuni o almeno una direzione reciprocamente accettata (Grice, 1975)

28 Due elementi fondamentali il carattere di attività sociale regolata (basata sul principio di cooperazione) il principio di cooperazione (massime conversazionali)

29 massima della quantità, che si riferisce alla quantità di informazioni da fornire e che include altre due massime A)Dà un contributo tanto informativo quanto richiesto B)B) Non dare un contributo più informativo di quanto richiesto

30 massima della qualità che rappresenta la condizione per laccettabilità stessa del discorso. Massima generale tenta di dare un contributo che sia vero Massime specifiche Non dire ciò che credi essere falso Non dire ciò per cui non hai le prove

31 della relazione, che prescrive che la comunicazione sia rilevante della relazione, che prescrive che la comunicazione sia rilevante sii pertinente Il modo che si riferisce a come si dice ciò che viene detto Il modo che si riferisce a come si dice ciò che viene detto sii perspicuo a)Evita le oscurità di espressione b) evita lambiguità c) sii breve d) sii ordinato nellespressione

32 Queste massime non vanno intese come norme di una corretta conversazione, ma costituiscono piuttosto punti di riferimento di tipo interpretativo, utili per individuare un andamento regolare del discorso. Si può comunque far notare che può essere più importante osservare alcune massime rispetto ad altre. Chi non rispetta la massima sii breve, si espone a critiche meno severe di chi dice qualcosa che ritiene falso.

33 Una caratteristica fondamentale che interviene nel processo di organizzazione degli scambi conversazionali concerne il loro essere guidati da scopi e piani, il seguire regole e procedure, larticolarsi in sequenze. Un altro tratto caratteristico della conversazione è la sua frammentarietà, nel senso che essa è comprensibile e analizzabile solo in relazione ad un dato contesto di riferimento. In ogni conversazione vi sono elementi non esplicitati in modo diretto, ma assunti implicitamente, suggeriti, presupposti del discorso stesso.

34 La conversazione come azione guidata da scopi e piani La conversazione può essere analizzata come attività guidata da scopi che una persona compie nei riguardi di unaltra persona. Produrre una frase per comunicare è compiere unazione e può essere concepita come attività fatta per raggiungere uno scopo.

35 Modello scopistico delle attività Nellanalisi della conversazione noi dobbiamo tenere presenti Sia i processi cognitivi tipici del pensiero Sia i meccanismi scopistici operanti in modo coordinato nella mente

36 Perché si abbia conversazione 3 condizioni 1)Che A parli con B e B parli ad A. Questo avviene quando A ha uno scopo per raggiungere il quale è necessaria la partecipazione di B 2)Le due frasi devono avere uno scopo in comune (ad es. domanda-risposta) 3)Anche B deve avere uno scopo, che è anche lo scopo di A proprio in quanto B sa che tale scopo è lo scopo di A. La comunanza di scopi non è fortuita o casuale, ma B adotta lo scopo di A.

37 In questo quadro la conversazione viene considerata come uninterazione sociale cooperativa in quanto si basa sulladozione degli scopi altrui. Questa ipotesi rimane plausibile anche nel caso di conversazioni meno collaborative, quando cioè gli interlocutori hanno scopi opposti. E sempre possibile trovare una comunanza di scopi come ad esempio stabilire la verità

38 Per dirlo con le parole degli autori… …riteniamo che ad un qualche livello, per conversare, vi debba essere necessariamente cooperazione (Castelfranchi e Parisi, 1980)

39 Un altro aspetto da tenere presente… Spesso gli scopi vengono ridefiniti allinterno della relazione tra gli interlocutori mediante processi di negoziazione. Si prenda ad esempio la coppia domanda-risposta: nel formulare la risposta, il ricevente seleziona certi scopi fra quelli possibili del parlante, proponendogli a sua volta una ridefinizione di quanto detto e rimandando così allaltro la scelta di accettare la ridefinizione oppure riaprire la negoziazione. Spesso gli scopi vengono ridefiniti allinterno della relazione tra gli interlocutori mediante processi di negoziazione. Si prenda ad esempio la coppia domanda-risposta: nel formulare la risposta, il ricevente seleziona certi scopi fra quelli possibili del parlante, proponendogli a sua volta una ridefinizione di quanto detto e rimandando così allaltro la scelta di accettare la ridefinizione oppure riaprire la negoziazione.

40 Regole e procedure conversazionali Le relazioni tra le diverse componenti devono essere formulate in regole. Nel senso attribuito da Chomsky secondo cui le regole di un linguaggio generano tutte e solo le possibili frasi grammaticali di quel linguaggio Ma…

41 Le regole astratte a priori che presiedono alla produzione e comprensione di frasi ben formate, grammaticalmente accettabili e adeguate ad una situazione linguistica ideale si devono completare con Conoscenze a posteriori culturali e situazionali. In questo senso si parla di competenza psicosociale

42 Ed è intesa come… La capacità dei parlanti di trasformare una realtà mentale (il significato) in una realtà sociale ai fini della > che è considerata lo strumento con cui si crea la struttura sociale.

43 Tra i diversi approcci Goffman e gli etnometodologi …studiare la conversazione significa spiegare i metodi che i soggetti impiegano per costruire degli scambi ordinati di parola…

44 Raccolgono dati da situazioni naturali (raccontare una storia, trattare affari, insegnare, fare scuse…) Dallanalisi del materiale è emerso che noi seguiamo delle procedure in modo automatico. Gli scambi si succedono in modo sincronizzato, secondo mosse coordinate.

45 Il meccanismo più importante che opera nelle conversazioni è il dispositivo del turno Turn taking Per quanto riguarda lattribuzione del turno, esistono regole che governano la transazione tra i locutori: Per quanto riguarda lattribuzione del turno, esistono regole che governano la transazione tra i locutori:

46 A) il locutore che ha la parola può selezionare il prossimo locutore rivolgendogli una domanda: in questo caso il partecipante scelto ha il diritto- dovere di prendere il turno, altre persone presenti non hanno questo diritto-dovere. B) se tale tecnica non viene messa in atto, allora gli interlocutori possono autoselezionarsi: chi parla per primo acquisisce diritto al turno

47 Esistono poi delle procedure per trattare gli errori e le violazioni dei turni di parola Un esempio di questo è quando una delle parti cessa di parlare ponendo fine alla sovrapposizione di locutori e alla violazione della regola un locutore alla volta

48 Un altro aspetto della conversazione… Sequenze di apertura e di chiusura delle conversazioni. Sono dispositivi che innestano e sospendono il funzionamento dei turni Ciò avviene tipicamente applicando una coppia adiacente

49 Per coppia adiacente si intende una sequenza di due enunciati, collocati luno di seguito allaltro in modo da costituire la prima parte e la seconda parte della coppia e pronunciati da due diversi locutori. Domanda-risposta Invito-accettazione (o rifiuto) Interpellazione- risposta

50 Ad esempio prendiamo la coppia interpellazione- risposta Non terminalità : chi interpella qualcuno, dopo aver ricevuto una risposta si trova obbligato a parlare nuovamente, non può terminare la conversazione. Questa coppia funziona per ulteriori scambi comunicativi. Non ripetibilità: se un richiamo ha ricevuto una risposta, non è possibile ripetere la stessa sequenza

51 Pertinenza condizionale : il comportamento verbale degli interlocutori in questa sequenza non è casuale, non si può scegliere impunemente di non rispondere. Se lo facciamo, questo provoca una serie di deduzioni socialmente rilevanti.

52 Chiusura Per chiudere la conversazione, dunque per arrivare a sospendere lalternanza dei turni esistono alcune regole Per chiudere la conversazione, dunque per arrivare a sospendere lalternanza dei turni esistono alcune regolePrechiusure va bene… allora…

53 Chiudere la conversazione O avviare un turno libero.

54 Dire e non dire…il presupposto e limplicito Ci sono elementi non comunicati esplicitamente, ma suggeriti, insinuati, lasciati intendere, presupposti Spesso inoltre le frasi delle conversazioni sono incomplete ed ambigue (indessicabili). Il significato è profondamente incorporato nella struttura dellinterazione.

55 Conoscenza di senso comune Procedure interpretative A) la reciprocità delle aspettative: un interlocutore assume che fino a prova contraria gli altri vedano le cose e diano significati agli oggetti nel suo stesso modo B) le forme normali: linterlocutore assume esista un sistema standardizzato e comune di segnali

56 C) Il principio degli et cetera: lindividuo assume che comunque gli interlocutori riempiano di significato le ventuali lacune D) i vocabolari descrittivi come espressioni indessicali: lindividuo assume che il linguaggio venga usato nello stesso modo per riferirsi a passate e presenti esperienze, che comunque non possono mai essere completamente verbalizzate

57 Questi principi riflettono una contestualità del significato, inteso come risultato dellinterazione sociale dei membri. Noi abitualmente ci serviamo di impliciti Presupposizioni semantiche Presupposizioni pragmatiche

58 Presupposizioni semantiche Sono elementi iscritti nelle rappresentazioni semantiche di un termine sono cioè parte della significazione letterale di unespressione, indipendentemente dalluso che ne viene fatto X è ritornato in prigione

59 Le presupposizioni pragmatiche Sono forme di implicito presenti nella conversazione, ma non codificate nel lessico, dunque non iscritte nelle rappresentazioni semantiche dei singoli termini, ma dipendenti dal contesto in cui compaiono.

60 Grice ha evidenziato il ruolo delle implicature conversazionali: latto di implicare, di dare ad intendere qualcosa. Se in una conversazione si verifica uno scarto rispetto alle massime, si cercherà di dare significato a tale discrepanza, ricostruendo gli impliciti non espressi.

61 Supponiamo ci sia una violazione delle massime Due possibilità: 1) rompiamo il principio di cooperazione 2) presumiamo che il principio continui ad essere rispettato. Questo significa che allora linterlocutore vuole darmi qualche informazione in più


Scaricare ppt "Il sistema prossemico e aptico. Il sistema prossemico e aptico sono dei sistemi di contatto Il sistema prossemico: concerne la percezione, lorganizzazione."

Presentazioni simili


Annunci Google