La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Emanuele Bartolozzi La formazione della personalità e limmagine di sè tra reale e ideale Empoli Convegno Psicologia Alimentazione e Sport, 14 maggio 2005.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Emanuele Bartolozzi La formazione della personalità e limmagine di sè tra reale e ideale Empoli Convegno Psicologia Alimentazione e Sport, 14 maggio 2005."— Transcript della presentazione:

1 Emanuele Bartolozzi La formazione della personalità e limmagine di sè tra reale e ideale Empoli Convegno Psicologia Alimentazione e Sport, 14 maggio 2005

2 In che modo scuola, famiglia, sport, amicizie interagiscono con il patrimonio biologico di un bambino? In che modo contribuiscono a realizzare la modalità che gli è propria di pensare, sentire, comportarsi?

3 Famiglia, scuola, amicizie e mondo dello sport rappresentano ambiti primari di formazione delle esperienze: esse contribuiscono alla costruzione di modalità di relazione di un bambino con se stesso e con gli altri. Le dinamiche esistenziali che concorrono alla formazione della personalità sono varie e complesse ma… che cosè la personalità?.

4 Le due definizioni più in uso attualmente sono: quella proposta dallOrganizzazione mondiale della sanità (OMS), la quale intende con personalità: una modalità strutturata di pensiero, sentimento e comportamento che caratterizza il tipo di adattamento e lo stile di vita di un soggetto e che risulta da fattori costituzionali, dello sviluppo e dellesperienza sociale

5 quella proposta dal Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM IV) a cura dellAssociazione Psichiatrica americana (APA), la quale dice : i tratti della personalità sono modi costanti di percepire, rapportarsi e pensare nei confronti dellambiente e di se stessi, che si manifestano in un ampio spettro di contesti sociali e personali. Solo quando tali tratti sono rigidi e non adattivi e causano una significativa compromissione del funzionamento sociale o lavorativo, oppure una sofferenza soggettiva, essi costituiscono i disturbi di personalità

6 Cosa contribuisce a rendere una persona più fragile di unaltra agli urti della vita? La personalità sembra essere il risultato delle modalità comportamentali che si sviluppano, in risposta alle sfide dellesistenza durante i primi 6 anni di vita Nei primi anni di vita, il bambino presenta una vasta gamma di imprevedibili modalità di relazione con lambiente; gradatamente, questo tipo di risposte diventano più strutturate e specifiche, con la presenza di uno stile sempre più personale e particolare

7 Il termine personalità, nel linguaggio comune, è usato per indicare limmagine o limpressione che ciascuno di noi ha delle diverse persone, La personalità si può definire come una sintesi di tratti e abilità comprendenti componenti ereditarie, ambientali, somatiche, psichiche: esiste una grande varietà di personalità presenti nel genere umano ed è difficile standardizzare il comportamento di ogni individuo

8 Il carattere racchiude gli attributi appresi o acquisiti durante lo sviluppo Il temperamento è riservato ai fattori costituzionali, ossia alla struttura biologica La personalità è intesa come risultato dellinterazione tra fattori costituzionali ed acquisiti

9 Lapprendimento sociale, lo sviluppo psicobiologico e il contesto psicoaffettivo contribuiscono a formare i cosiddetti tratti della personalità difficilmente modificabili Semplificando……..la personalità è quello che uno è, lessenza di un individuo

10 I disturbi della personalità si possono riferire ad una mancata corrispondenza tra esperienze esistenziali e quelle basilari richieste istintive con le quali gli esseri umani vengono al mondo: attaccamento, nutrizione, affetto Queste frustrazioni possono lasciare segni duraturi nel comportamento di soggetti poi diventati adulti e i disturbi di personalità sono alla base di problemi di criminalità, violenza sessuale, abusi e maltrattamenti.

11 Una personalità matura si realizza quando vi è un orientamento positivo verso lautonomia e la responsabilità e vi è la tendenza e la capacità per variare le proprie esperienze e a rinnovarsi nel tempo

12 La mediazione equilibrata tra gli impulsi e la realtà rende lindividuo consapevole dei propri limiti

13 La costruzione dellimmagine di sé avviene attraverso un continuum esperienziale in cui si intersecano: Fattori costituzionali Fattori familiari Feedback sociale Capacità di accettare sfide e confronti Dialogo interno Rapporto intimo con la tolleranza e la frustrazione

14 Lo sport, e più in particolare gli sport di squadra, permettono fin da piccoli il confronto tra ciò che io credo di essere e ciò che gli altri ritengono che io sia permettono il confronto con i propri limiti e con le strategie che vengono messe in atto per superarli consentono di sperimentare la gioia e la sofferenza; la frustrazione e la tolleranza; laltro e le sue modalità di comportamento; la vittoria e la sconfitta; la lotta e La costanza nel perseguire un obiettivo

15 La scuola per saper essere Lo sport per star bene Scuola e sport come palestre per la vita Un individuo assertivo con una buona immagine di sé capace di perseguire obiettivi e di non abbattersi di fronte alle difficoltà della vita La famiglia BASE SICURA

16 DEDICATO AI RAGAZZI E ALLE RAGAZZE DELLE V DEDICATO AI RAGAZZI E ALLE RAGAZZE DELLE V DELLA SCUOLA DI PONZANO VINCITORI DELLA FUORICLASSE CUP FUORICLASSE CUP

17

18

19

20

21 F I N E


Scaricare ppt "Emanuele Bartolozzi La formazione della personalità e limmagine di sè tra reale e ideale Empoli Convegno Psicologia Alimentazione e Sport, 14 maggio 2005."

Presentazioni simili


Annunci Google