La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Analisi della filiera Biomasse residue – energia e definizione delle aree vocate Claudio Fagarazzi Unità di ricerca: I. Bernetti, C. Fagarazzi, R. Fratini,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Analisi della filiera Biomasse residue – energia e definizione delle aree vocate Claudio Fagarazzi Unità di ricerca: I. Bernetti, C. Fagarazzi, R. Fratini,"— Transcript della presentazione:

1 Analisi della filiera Biomasse residue – energia e definizione delle aree vocate Claudio Fagarazzi Unità di ricerca: I. Bernetti, C. Fagarazzi, R. Fratini, F. Riccioli Dipartimento di Economia Agraria e delle Risorse Territoriali

2 Effetti occupazionali Esigenze finanziarie Efficienza economica ? Definizione dei Definizione dei modelli di imprese modelli di imprese coinvolte coinvolte Definizione dei Definizione dei parametri economici parametri economici e produttivi e produttivi Analisi territoriale definizione della vocazione locale Analisi di filiera e d’impresa Aspetti esaminati Identificazione delle aree dove concentrare maggiormente le azioni di promozione e sviluppo della filiera locale Metodologia (analisi Metodologia (analisi Multicriteriale) Multicriteriale) Le basi dati utilizzate Le basi dati utilizzate Esame dei risultati Esame dei risultati Dipartimento di Economia Agraria e delle Risorse Territoriali

3 Biomasse a fini energetici a fini energetici Assortimenti tradizionali Biomasse a fini energetici a fini energetici Risorse Forestali Cedui Fustaie Colture aroboree agrarie Short Rotation Forestry Imprese pellettizzatrici Imprese generatrici di energia elettrica Impiantitermosingoli Impianti termici centralizzati Azienda di Distribuzione (Enel) Aziende locali di distribuzione Consumatori Trasformazione Risorse Imprese di produzione S.R.F. Raccolta Imprese specializzate raccolta residui Imprese specializzate S.R.F. Residui agrari Imprese integrate agro-forestali Imprese integrate di utilizzazione forestale Analisi di filiera e d’impresa

4 Prodotto Toppi Ramaglia Impresa forestale tradizionale Taglio e abbattimento Taglio e abbattimento Sramatura e depezzatura Sramatura e depezzatura Full tree system Sistema inefficiente per raccolta residui

5 Valutazioni effettuate sulla base di cantieri sperimentali Problema di valutare le matrici della tecnica!! Sramatura e depezzatura FTS= Posticipare all’imposto

6 Obiettivo: Definire costo unitario di ciascun prodotto per confrontarlo con prezzo di vendita Obiettivo: Approccio di lungo periodo = (minimizzare costi medio Approccio di lungo periodo = (minimizzare costi medio di lungo periodo) di lungo periodo) Approccio di lungo periodo = (minimizzare costi medio Approccio di lungo periodo = (minimizzare costi medio di lungo periodo) di lungo periodo) Dimensionamento aziendale Dipartimento di Economia Agraria e delle Risorse Territoriali Analisi d’impresa con approccio Full costing Analisi d’impresa con approccio Full costing (prevalenza di imprese multiprodotto) (prevalenza di imprese multiprodotto) Consente attribuzione di tutti elementi di costo a ciascun prodotto Consente attribuzione di tutti elementi di costo a ciascun prodotto Analisi d’impresa con approccio Full costing Analisi d’impresa con approccio Full costing (prevalenza di imprese multiprodotto) (prevalenza di imprese multiprodotto) Consente attribuzione di tutti elementi di costo a ciascun prodotto Consente attribuzione di tutti elementi di costo a ciascun prodotto

7 Ipotesi sulla struttura dei prezzi della filiera (€/t) Residuo forestale Residuo agrario SRF Impresa di utilizzazione IN = 0 Impresa di raccolta IN = 5 € Impresa di produzione SRF OUT = 25 € OUT = 50 € Impresa di raccolta SRF IN = 25 € OUT = 50 € Impresa di pellettizzazione IN = 50 € OUT = 200 € Dipartimento di Economia Agraria e delle Risorse Territoriali

8 FATTURATO ANNUO €/anno Costi fissi €/anno Costi variabili totali €/anno Risultato operativo lordo €/anno Quantità massima lavorata ogni anno T/anno Prezzo vendita materia secca €/t Costi variabili unitari €/t Margine unitario €/t Prezzo BEP €/t Margine di sicurezza (prezzo) Investimento per addetto €/ADD Quantità BEP (t) rispetto al prezzo di vendita €/t Superficie utilizzata ogni anno (ha) N. di addetti Indicatori Dipartimento di Economia Agraria e delle Risorse Territoriali

9 La filiera biomasse-energia Risultati finanziari delle imprese integrate agro-forestali Dipartimento di Economia Agraria e delle Risorse Territoriali

10 La filiera biomasse-energia Risultati conto colturale per impianto di Populus X Euroamericani per SRF Populus X Euroamericani per SRF Dipartimento di Economia Agraria e delle Risorse Territoriali

11 Risultati finanziari delle imprese di raccolta SRF e residui agricoli La filiera biomasse-energia Dipartimento di Economia Agraria e delle Risorse Territoriali

12 La filiera biomasse-energia Risultati finanziari delle imprese di pellettizzazione Dipartimento di Economia Agraria e delle Risorse Territoriali

13 Addetti impiegati in ogni distretto Ipotesi 50% delle risorse disponibili SENZA SRF Addetti impiegati in ogni distretto Ipotesi 50% delle risorse disponibili SENZA SRF Addetti Totali = Addetti Totali = Addetti raccolta = Addetti raccolta = Addetti pellets = 160 Addetti pellets = 160 Dipartimento di Economia Agraria e delle Risorse Territoriali

14 Investimenti Necessari (€) SENZA SRF Investimenti Necessari (€) SENZA SRF Investimenti totali Investimenti per raccolta Investimenti per pellets Dipartimento di Economia Agraria e delle Risorse Territoriali

15 Inv medio per addetto (totale) € Inv medio per addetto (raccolta) € Inv medio per addetto (pellets) € SENZA SRF Dipartimento di Economia Agraria e delle Risorse Territoriali Addetti Totali = 1.715Addetti Totali = Addetti raccolta = 1.095Addetti raccolta = Addetti pellets = 620Addetti pellets = 620 Investimenti totali Investimenti per raccolta Investimenti per pellets CON SRF

16 Analisi territoriale per la definizione della vocazione locale Metodologia (analisi Multicriteriale) Metodologia (analisi Multicriteriale) Le basi dati utilizzate Le basi dati utilizzate Esame dei risultati Esame dei risultati SCOPO: Identificazione delle aree dove concentrare maggiormente le azioni di promozione e maggiormente le azioni di promozione e sviluppo della filiera locale sviluppo della filiera locale Dipartimento di Economia Agraria e delle Risorse Territoriali

17 La valutazione delle aree vocate Metodologia: Costituzione del SIT Costituzione del SIT Individuazione di un set di indicatori Individuazione di un set di indicatori Analisi Multicriteriale degli indici e Analisi Multicriteriale degli indici e valutazione della vocazione territoriale valutazione della vocazione territoriale Dipartimento di Economia Agraria e delle Risorse Territoriali

18 Basi dati del SIT impiegate Basi dati “comunali” Censimenti popolazione (1990 e 2000) Inventario Forestale della Regione Toscana (1998) Risultati prime fasi progetto BIOSIT: A GIS-based planning tool for greenhouse gas emission reduction (Italy) LIFE 00/ENV/IT/00054 ( ) Censimento intermedio dell’industria (1996) Censimento agricoltura (1990) Consumi termici comunali (DPR /08/93) (integrata) Dipartimento di Economia Agraria e delle Risorse Territoriali

19 Indici relativi alle Domanda energetica Consumi termici comunali Ore di accensione annua degli impanti di riscaldamento (DPR 412/93) Tipo di combustibile impiegato % di abitazioni alimentate a combustibile liquido Tipo di localizzazione abitativa % di popolazione residente in nuclei e case sparse

20 Risorse disponibili (residui) ( ton/anno/ha sup. comunale ): Risorse Forestali Risorse agrarie Risorse dell’industria del legno Conversione e riqualificazione Indice di specializzazione delle imprese di utilizzazione Indice di specializzazione dell’industria del legno Indice di specializzazione delle imprese agricole Indice di disponibilità finanziaria Tipo di finanziamento disponibile in ciascun comune secondo il DOCUP regione Toscana comune secondo il DOCUP regione Toscana Comuni tot obiettivo 2 Comuni tot obiettivo 2 Comuni parz. obiettivo 2 Comuni parz. obiettivo 2 Comuni parz. obiettivo 2 e phasing –out Comuni parz. obiettivo 2 e phasing –out Comuni tot phasing out Comuni tot phasing out Comuni parzialmente phasing out Comuni parzialmente phasing out Indici relativi alle potenzialità di realizzazione di strutture aziendali Dipartimento di Economia Agraria e delle Risorse Territoriali

21 L’Analisi Multicriteriale Scopo dell’analisi multicriteriale (nel caso di studio) definire la rilevanza che gli indicatori ambientali e sociali hanno nella formazione del risultato finale. “Valutazione Analitica delle Gerarchie” (AHP) Metodologia Applicata: “Valutazione Analitica delle Gerarchie” (AHP) sviluppato da T.L. Saaty nel Il metodo prevede due fasi: modello di analisi gerarchico Individuazione di un modello di analisi gerarchico per la progressiva aggregazione degli indicatori; Analisi dei pesi Analisi dei pesi da attribuire ai diversi indicatori tramite la costruzione di una matrice di giudizi definita confrontando a coppie l’importanza relativa dei diversi fattori. Dipartimento di Economia Agraria e delle Risorse Territoriali

22 Domanda potenziale Sostenibilità della filiera biomasse residue – energia Popol. in nuclei e case sparse Tipo di combustib. impiegato Consum. energetici H accens. annua DPR 412 Realizzazione strutture aziendali Livello 2 Livello 3 Livello 4 Conversione e riqualif. imprese % imprese industr. legno % imprese utilizzazione % imprese agricole Risorse disponibili SRF Residui agrari Residui Forestali Residui industria legno Finanziamenti disponibili FESR Livello 1 Struttura dell’analisi gerarchica Dipartimento di Economia Agraria e delle Risorse Territoriali

23 Risultati Dipartimento di Economia Agraria e delle Risorse Territoriali

24 Risultato del modello MCDM Dipartimento di Economia Agraria e delle Risorse Territoriali

25 ConclusioniConclusioni Esistono i presupposti economici per lo sviluppo di imprese del settore biomassa-energia Esistono i presupposti economici per lo sviluppo di imprese del settore biomassa-energia Esistono problemi legati all’incertezza della domanda Esistono problemi legati all’incertezza della domandaquindi Necessità di definire idonei strumenti per promuovere Necessità di definire idonei strumenti per promuovere l’adozione di patti d’area o contratti collettivi fra imprenditori l’adozione di patti d’area o contratti collettivi fra imprenditori agro-forestali e imprese di trasformazione (pellets-energia) agro-forestali e imprese di trasformazione (pellets-energia) Individuare strumenti di promozione per l’installazione di Individuare strumenti di promozione per l’installazione di impianti termici a biomassa impianti termici a biomassa Dipartimento di Economia Agraria e delle Risorse Territoriali

26 Contact us


Scaricare ppt "Analisi della filiera Biomasse residue – energia e definizione delle aree vocate Claudio Fagarazzi Unità di ricerca: I. Bernetti, C. Fagarazzi, R. Fratini,"

Presentazioni simili


Annunci Google