La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Strumenti finanziari e programmazione economica 2007/2013 Le opportunità dei bandi regionali e della zona franca urbana per le micro, piccole e medie imprese.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Strumenti finanziari e programmazione economica 2007/2013 Le opportunità dei bandi regionali e della zona franca urbana per le micro, piccole e medie imprese."— Transcript della presentazione:

1 Strumenti finanziari e programmazione economica 2007/2013 Le opportunità dei bandi regionali e della zona franca urbana per le micro, piccole e medie imprese

2 2Dott. Francesco La Notte Indice Aiuti investimenti iniziali per Micro e piccole imprese Aiuti investimenti iniziali per Micro e piccole imprese Aiuti start up microimprese Aiuti start up microimprese Aiuti “de minimis” per PMI Aiuti “de minimis” per PMI Aiuti per i servizi di consulenza per l’innovazione delle PMI Aiuti per i servizi di consulenza per l’innovazione delle PMI

3 3Dott. Francesco La Notte Condizioni d’ammissibilità e soggetti beneficiari sono: essere regolarmente costituiti ed iscritti nel Registro delle Imprese; essere regolarmente costituiti ed iscritti nel Registro delle Imprese; essere nel pieno e nel libero esercizio dei propri diritti( no liquidazione volontaria, no procedure concorsuali); essere nel pieno e nel libero esercizio dei propri diritti( no liquidazione volontaria, no procedure concorsuali); essere operativi alla data di presentazione delle domande di agevolazione; essere operativi alla data di presentazione delle domande di agevolazione; Aiuti investimenti iniziali per Micro e Piccole imprese

4 4Dott. Francesco La Notte Condizioni d’ammissibilità e soggetti beneficiari sono (segue) non rientrare tra coloro che hanno ricevuto gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione Europea; non rientrare tra coloro che hanno ricevuto gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione Europea; operare nel rispetto delle vigenti norme edilizie ed urbanistiche, del lavoro, sulla prevenzione degli infortuni e sulla salvaguardia dell'ambiente, con particolare riferimento agli obblighi contributivi; operare nel rispetto delle vigenti norme edilizie ed urbanistiche, del lavoro, sulla prevenzione degli infortuni e sulla salvaguardia dell'ambiente, con particolare riferimento agli obblighi contributivi; Aiuti investimenti iniziali per Micro e Piccole imprese

5 5Dott. Francesco La Notte Condizioni d’ammissibilità e soggetti beneficiari sono (segue) non essere stati destinatari, nei sei anni precedenti la data di presentazione della domanda di agevolazione di provvedimenti di revoca di agevolazioni pubbliche ad eccezione di quelli derivanti da rinunce da parte delle imprese; non essere stati destinatari, nei sei anni precedenti la data di presentazione della domanda di agevolazione di provvedimenti di revoca di agevolazioni pubbliche ad eccezione di quelli derivanti da rinunce da parte delle imprese; aver restituito agevolazioni erogate per le quali è stata disposta dall'Organismo competente la restituzione; aver restituito agevolazioni erogate per le quali è stata disposta dall'Organismo competente la restituzione; Aiuti investimenti iniziali per Micro e Piccole imprese

6 6Dott. Francesco La Notte Condizioni d’ammissibilità e soggetti beneficiari (segue) non trovarsi in condizioni tali da risultare un'impresa in difficoltà così come definita dagli Orientamenti comunitari sugli aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione delle imprese in difficoltà; non trovarsi in condizioni tali da risultare un'impresa in difficoltà così come definita dagli Orientamenti comunitari sugli aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione delle imprese in difficoltà; Aiuti investimenti iniziali per Micro e Piccole imprese

7 7Dott. Francesco La Notte Iniziative ammissibili. Progetti di investimenti iniziali, investimenti in attivi materiali e immateriali, di importo non inferiore ai € ,00 che attengono: la costruzione di un nuovo stabilimento; la costruzione di un nuovo stabilimento; ampliamento o ammodernamento di stabilimento esistente; ampliamento o ammodernamento di stabilimento esistente; alla diversificazione della produzione esistente mediante prodotti nuovi aggiuntivi alla diversificazione della produzione esistente mediante prodotti nuovi aggiuntivi al cambiamento del processo produttivo di una unità produttiva; al cambiamento del processo produttivo di una unità produttiva; Aiuti investimenti iniziali per Micro e Piccole imprese

8 8Dott. Francesco La Notte Spese ammissibili: progettazione ingegneristica e di direzione lavori (max 5% dell'investimento) progettazione ingegneristica e di direzione lavori (max 5% dell'investimento) acquisto del suolo aziendale e sue sistemazioni (max 10% dell'investimento in attivi materiali); acquisto del suolo aziendale e sue sistemazioni (max 10% dell'investimento in attivi materiali); opere murarie e assimilate; opere murarie e assimilate; infrastrutture specifiche aziendali; infrastrutture specifiche aziendali; Aiuti investimenti iniziali per Micro e Piccole imprese

9 9Dott. Francesco La Notte Spese ammissibili: acquisto di macchinari, impianti e attrezzature varie, nuovi di fabbrica; acquisto di macchinari, impianti e attrezzature varie, nuovi di fabbrica; acquisto di programmi informatici commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell'impresa; acquisto di programmi informatici commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell'impresa; trasferimenti di tecnologia (brevetto e licenze) trasferimenti di tecnologia (brevetto e licenze) Aiuti investimenti iniziali per Micro e Piccole imprese

10 10Dott. Francesco La Notte Intensità agevolazioni concedibili L'intensità di aiuto: calcolata in base ai costi ammissibili del progetto (max euro ,00 in caso di microimprese - max euro ,00 in caso di piccole imprese) e non può superare: A. il 40% per le microimprese; B. il 30% per le piccole imprese. Aiuti investimenti iniziali per Micro e Piccole imprese

11 11Dott. Francesco La Notte Forma agevolazioni concedibili L'aiuto è erogato in forma di contributo in conto interessi, comprende l'eventuale preammortamento per una durata massima di 12 mesi per acquisto di macchinari, attrezzature, brevetti e licenze, di 24 mesi per ampliamento e/o all'ammodernamento dell'unità produttiva. L'aiuto è erogato in forma di contributo in conto interessi, comprende l'eventuale preammortamento per una durata massima di 12 mesi per acquisto di macchinari, attrezzature, brevetti e licenze, di 24 mesi per ampliamento e/o all'ammodernamento dell'unità produttiva. Aiuti investimenti iniziali per Micro e Piccole imprese

12 12Dott. Francesco La Notte Determinazione dell'agevolazione: calcolata su una durata massima del finanziamento (al netto dell'eventuale periodo di preammortamento) erogato da un Soggetto Finanziatore, di: A. sette anni per i finanziamenti destinati alla creazione, all'ampliamento e/o all'ammodernamento dello stabilimento; B. quattro anni per i finanziamenti destinati all'acquisto di macchinari, attrezzature, brevetti e licenze. Aiuti investimenti iniziali per Micro e Piccole imprese

13 13Dott. Francesco La Notte Determinazione dell'agevolazione (segue) Alle microimprese - con esclusivo riferimento agli investimenti in nuovi macchinari ed attrezzature - potrà essere erogato un contributo aggiuntivo in conto impianti che non potrà essere superiore al 10% dell'investimento e all'importo massimo di euro ,00 Alle microimprese - con esclusivo riferimento agli investimenti in nuovi macchinari ed attrezzature - potrà essere erogato un contributo aggiuntivo in conto impianti che non potrà essere superiore al 10% dell'investimento e all'importo massimo di euro ,00 Aiuti investimenti iniziali per Micro e Piccole imprese

14 14Dott. Francesco La Notte Procedura di accesso ai finanziamenti La domanda di agevolazione deve essere presentata al Soggetto Finanziatore La domanda di agevolazione deve essere presentata al Soggetto Finanziatore Soggetto finanziatore provvede all'inoltro della domanda alla Regione Soggetto finanziatore provvede all'inoltro della domanda alla Regione Aiuti investimenti iniziali per Micro e Piccole imprese

15 15Dott. Francesco La Notte 1.verifica della conformità al Regolamento 2.rispettando l'ordine cronologico di ricezione delle domande, procede all'istruttoria tecnica, economica e finanziaria (redditività, prospettive di mercato, piano finanziario gestione, pertinenza e ammissibilità spese e agevolabilità dell'iniziativa). Aiuti investimenti iniziali per Micro e Piccole imprese

16 16Dott. Francesco La Notte Procedura di accesso ai finanziamenti (segue) Entro e non oltre 2 mesi dalla ricezione della comunicazione dell'ammissione ad agevolazione delle iniziative, il Soggetto Finanziatore trasmette alla Regione comunicazione di avvenuta concessione del finanziamento. Entro e non oltre 2 mesi dalla ricezione della comunicazione dell'ammissione ad agevolazione delle iniziative, il Soggetto Finanziatore trasmette alla Regione comunicazione di avvenuta concessione del finanziamento. Il Soggetto Finanziatore, entro 2 mesi dalla documentata conclusione dell'investimento, inoltra alla Regione la richiesta di erogazione del contributo. Il Soggetto Finanziatore, entro 2 mesi dalla documentata conclusione dell'investimento, inoltra alla Regione la richiesta di erogazione del contributo. Aiuti investimenti iniziali per Micro e Piccole imprese

17 17Dott. Francesco La Notte Procedura di accesso ai finanziamenti (segue) A seguito di verifica della corrispondenza della documentazione ricevuta rispetto all'investimento ammesso, la Regione provvede alla erogazione in unica soluzione all'impresa del contributo in conto interessi attualizzato e dell'eventuale contributo in conto impianti. A seguito di verifica della corrispondenza della documentazione ricevuta rispetto all'investimento ammesso, la Regione provvede alla erogazione in unica soluzione all'impresa del contributo in conto interessi attualizzato e dell'eventuale contributo in conto impianti. Aiuti investimenti iniziali per Micro e Piccole imprese

18 18Dott. Francesco La Notte Soggetti beneficiari Microimprese (imprese che occupano meno di 10 persone e realizzano un fatturato annuo oppure un totale di bilancio annuo non superiori a 2 milioni di euro), Microimprese (imprese che occupano meno di 10 persone e realizzano un fatturato annuo oppure un totale di bilancio annuo non superiori a 2 milioni di euro), Localizzate nel territorio della Regione Puglia, Localizzate nel territorio della Regione Puglia, Operanti nei settori della produzione dei beni e della fornitura di servizi limitatamente alle categorie della classificazione contenuta nell’apposito allegato A del regolamento regionale. Operanti nei settori della produzione dei beni e della fornitura di servizi limitatamente alle categorie della classificazione contenuta nell’apposito allegato A del regolamento regionale. Aiuti Start up microimprese

19 19Dott. Francesco La Notte Condizioni ammissibilità Le microimprese, organizzate sottoforma di ditta individuale, società di persone (SNC e SAS), società di capitali (SRL e SRL Unipersonale) e piccole società cooperative, devono essere partecipate per almeno la maggioranza, sia del capitale che dei soci, da persone che alla data di presentazione delle domanda di ammissione alle agevolazioni appartengano alle seguenti categorie: Le microimprese, organizzate sottoforma di ditta individuale, società di persone (SNC e SAS), società di capitali (SRL e SRL Unipersonale) e piccole società cooperative, devono essere partecipate per almeno la maggioranza, sia del capitale che dei soci, da persone che alla data di presentazione delle domanda di ammissione alle agevolazioni appartengano alle seguenti categorie: Aiuti Start up microimprese

20 20Dott. Francesco La Notte Condizioni ammissibilità (segue) giovani con età tra 18 e 25 anni giovani con età tra 18 e 25 anni soggetti con età tra 26 e 35 anni che non abbiano ancora ottenuto il primo impiego retribuito regolarmente; soggetti con età tra 26 e 35 anni che non abbiano ancora ottenuto il primo impiego retribuito regolarmente; soggetti fino a 35 anni di età che nel biennio precedente la data di presentazione domanda abbiano terminato percorsi formativi (finanziati o autorizzati dalla form.prof.), coerenti con l’attività imprenditoriale da intraprendere; soggetti fino a 35 anni di età che nel biennio precedente la data di presentazione domanda abbiano terminato percorsi formativi (finanziati o autorizzati dalla form.prof.), coerenti con l’attività imprenditoriale da intraprendere; Aiuti Start up microimprese

21 21Dott. Francesco La Notte Condizioni ammissibilità (segue) persone di età tra 45 anni e 55 anni prive di un posto di lavoro o in procinto di perderlo; persone di età tra 45 anni e 55 anni prive di un posto di lavoro o in procinto di perderlo; disoccupati di lungo periodo, ossia persone senza lavoro per 12 dei 16 mesi precedenti, o per 6 degli 8 mesi precedenti nel caso di persone di meno di 25 anni; disoccupati di lungo periodo, ossia persone senza lavoro per 12 dei 16 mesi precedenti, o per 6 degli 8 mesi precedenti nel caso di persone di meno di 25 anni; donne di età superiore a 18 anni. donne di età superiore a 18 anni. Aiuti Start up microimprese

22 22Dott. Francesco La Notte Requisiti dei soggetti beneficiari che devono essere garantiti fino alla data di erogazione finale del contributo: regolarmente costituite ed iscritte nel Reg. Imprese; regolarmente costituite ed iscritte nel Reg. Imprese; inattive alla data di presentazione della domanda; inattive alla data di presentazione della domanda; nel pieno e nel libero esercizio dei propri diritti; nel pieno e nel libero esercizio dei propri diritti; non rientrare tra coloro che hanno ricevuto gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione Europea; non rientrare tra coloro che hanno ricevuto gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione Europea; Aiuti Start up microimprese

23 23Dott. Francesco La Notte Requisiti dei soggetti beneficiari che devono essere garantiti fino alla data di erogazione finale del contributo: non essere state destinatarie, nei sei anni precedenti la data di presentazione della domanda di agevolazione di provvedimenti di revoca di agevolazioni pubbliche ad eccezione di quelli derivanti da rinunce; non essere state destinatarie, nei sei anni precedenti la data di presentazione della domanda di agevolazione di provvedimenti di revoca di agevolazioni pubbliche ad eccezione di quelli derivanti da rinunce; aver restituito agevolazioni erogate per le quali è stata disposta dall'Organismo competente la restituzione; aver restituito agevolazioni erogate per le quali è stata disposta dall'Organismo competente la restituzione; Aiuti Start up microimprese

24 24Dott. Francesco La Notte Requisiti dei soggetti beneficiari che devono essere garantiti fino alla data di erogazione finale del contributo: non essere in liquidazione volontaria o sottoposti a procedure concorsuali; non essere in liquidazione volontaria o sottoposti a procedure concorsuali; operare nel rispetto delle vigenti norme (edilizie, urbanistiche, del lavoro, sicurezza, ambiente, obblighi contributivi); operare nel rispetto delle vigenti norme (edilizie, urbanistiche, del lavoro, sicurezza, ambiente, obblighi contributivi); non trovarsi in condizioni tali da risultare un'impresa in difficoltà. non trovarsi in condizioni tali da risultare un'impresa in difficoltà. Aiuti Start up microimprese

25 25Dott. Francesco La Notte Condizioni ammissibilità (segue) Non possono presentare domanda di agevolazione i titolari di imprese o gli amministratori di società che nell’ultimo biennio a partire dalla data di presentazione della domanda hanno dimesso altra attività imprenditoriale rientrante nella medesima divisione della classificazione oggetto del presente regolamento Aiuti Start up microimprese

26 26Dott. Francesco La Notte Aree eleggibili quali Zone Franche Urbane Nelle aree ZFU, sono ammissibili alle agevolazioni per lo Start Up delle microimprese anche aziende che appartengono alle seguenti divisioni, gruppi, classi e categorie della classificazione ISTAT (ATECO 2007) che ivi localizzino la propria sede legale ed operativa: Nelle aree ZFU, sono ammissibili alle agevolazioni per lo Start Up delle microimprese anche aziende che appartengono alle seguenti divisioni, gruppi, classi e categorie della classificazione ISTAT (ATECO 2007) che ivi localizzino la propria sede legale ed operativa: Aiuti Start up microimprese

27 27Dott. Francesco La Notte Aiuti Start up microimprese Aree eleggibili quali ZFU (segue) 47.2 Commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati 47.4 Commercio al dettaglio di apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni (ICT) in esercizi specializzati 47.5 Commercio al dettaglio di altri prodotti per uso domestico in esercizi specializzati 47.6 Commercio al dettaglio di articoli culturali e ricreativi in esercizi specializzati

28 28Dott. Francesco La Notte Aiuti Start up microimprese Aree eleggibili quali ZFU (segue) Commercio al dettaglio di articoli di abbigliamento in esercizi specializzati Commercio al dettaglio di calzature e articoli in pelle in esercizi specializzati Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati Commercio al dettaglio di cosmetici, di articoli di profumeria e di erboristeria in esercizi specializzati Commercio al dettaglio di fiori, piante, semi, fertilizzanti, animali domestici e alimenti per animali domestici in esercizi specializzati

29 29Dott. Francesco La Notte Aiuti Start up microimprese Aree eleggibili quali ZFU (segue) Commercio al dettaglio di mobili per ufficio Commercio al dettaglio di materiale per ottica e fotografia Commercio al dettaglio di oggetti d’arte di culto e di decorazione, chincaglieria e bigiotteria Commercio al dettaglio di saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affini Commercio al dettaglio di articoli di seconda mano in negozi

30 30Dott. Francesco La Notte Tipologia di investimento ammissibile: start up microimprese inattive. Riguardano: contributi agli investimenti in conto impianti: 50% delle spese ammissibili e, comunque, non superiori a Euro ,00; contributi agli investimenti in conto impianti: 50% delle spese ammissibili e, comunque, non superiori a Euro ,00; contributi in conto esercizio: contributi in conto esercizio: 1.pari al 35% delle spese ammissibili sostenute nei primi 3 anni dalla costituzione 25% nei 2 successivi e, cmq. per un importo max di € ,00. 2.I contributi annui in conto esercizio non devono superare il 30% dell’importo complessivo ammesso a contributo a tale titolo. Aiuti Start up microimprese

31 31Dott. Francesco La Notte Spese ammissibili acquisto del suolo aziendale e sue sistemazioni (entro il limite del 10% dell’importo dell’investimento in attivi materiali); acquisto del suolo aziendale e sue sistemazioni (entro il limite del 10% dell’importo dell’investimento in attivi materiali); opere murarie e assimilate; opere murarie e assimilate; infrastrutture specifiche aziendali; infrastrutture specifiche aziendali; Aiuti Start up microimprese

32 32Dott. Francesco La Notte Spese ammissibili (segue) acquisto di macchinari, impianti e attrezzature varie, nuovi di fabbrica, nonché i mezzi mobili strettamente necessari al ciclo di produzione o per il trasporto in conservazione condizionata dei prodotti, purché dimensionati all’effettiva produzione, identificabili singolarmente ed a servizio esclusivo dell’unità produttiva oggetto delle agevolazioni; acquisto di macchinari, impianti e attrezzature varie, nuovi di fabbrica, nonché i mezzi mobili strettamente necessari al ciclo di produzione o per il trasporto in conservazione condizionata dei prodotti, purché dimensionati all’effettiva produzione, identificabili singolarmente ed a servizio esclusivo dell’unità produttiva oggetto delle agevolazioni; Aiuti Start up microimprese

33 33Dott. Francesco La Notte Spese ammissibili (segue) acquisto di software commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa; acquisto di software commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa; acquisto di diritti di brevetto e licenze, connessi alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa acquisto di diritti di brevetto e licenze, connessi alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa acquisto immobili (esclusivamente i costi di acquisto da terzi a condizioni di mercato) acquisto immobili (esclusivamente i costi di acquisto da terzi a condizioni di mercato) spese di progettazione ingegneristica e di direzione lavori (nel limite del 5% dell’investimento) spese di progettazione ingegneristica e di direzione lavori (nel limite del 5% dell’investimento) Aiuti Start up microimprese

34 34Dott. Francesco La Notte Spese ammissibili (segue) Max 2% dell’investimento le spese legali, amministrative e di consulenza direttamente connesse alla costituzione della microimpresa; Max 2% dell’investimento le spese legali, amministrative e di consulenza direttamente connesse alla costituzione della microimpresa; interessi sui finanziamenti esterni e dividendi sul capitale proprio impiegato che non superino il tasso di riferimento; interessi sui finanziamenti esterni e dividendi sul capitale proprio impiegato che non superino il tasso di riferimento; spese di affitto di impianti/apparecchiature di produzione; spese di affitto di impianti/apparecchiature di produzione; Aiuti Start up microimprese

35 35Dott. Francesco La Notte Spese ammissibili (segue) energia, acqua, riscaldamento, tasse (no IVA e IRPEG) e spese amministrative; energia, acqua, riscaldamento, tasse (no IVA e IRPEG) e spese amministrative; ammortamento, spese di affitto di impianti/apparecchiature di produzione; ammortamento, spese di affitto di impianti/apparecchiature di produzione; costi salariali purché non si sia beneficiato di altre forme di aiuto. costi salariali purché non si sia beneficiato di altre forme di aiuto. Aiuti Start up microimprese

36 36Dott. Francesco La Notte Procedura di concessione delle agevolazioni La concessione delle agevolazioni è subordinata all’emanazione di specifici bandi o avvisi pubblici che ne prevedono i termini e le modalità di presentazione delle richieste di finanziamento da parte delle imprese interessate, le spese ammissibili, i criteri di ammissibilità e di selezione degli interventi, le modalità di erogazione del contributo, ecc.. La concessione delle agevolazioni è subordinata all’emanazione di specifici bandi o avvisi pubblici che ne prevedono i termini e le modalità di presentazione delle richieste di finanziamento da parte delle imprese interessate, le spese ammissibili, i criteri di ammissibilità e di selezione degli interventi, le modalità di erogazione del contributo, ecc.. Aiuti Start up microimprese

37 37Dott. Francesco La Notte Procedura di concessione delle agevolazioni 1. fase di esaminabilità: diretta ad accertare la completezza e la conformità formale della documentazione cartacea presentata; 2. fase di accoglibilità: consiste nella verifica della sussistenza dei requisiti di legge; 3. fase di ammissibilità: consiste nell’esame di merito, durante la quale le domande esaminate con esito positivo sono sottoposte ad una valutazione. Aiuti Start up microimprese

38 38Dott. Francesco La Notte Condizioni d’ammissibilità. Le PMI devono mantenerle per tutta la durata del contributo regolarmente costituite/iscritte nel Reg. Impr.; regolarmente costituite/iscritte nel Reg. Impr.; nel pieno e nel libero esercizio dei propri diritti (no liquidazione volontaria, no procedure concorsuali); nel pieno e nel libero esercizio dei propri diritti (no liquidazione volontaria, no procedure concorsuali); operative alla data di presentazione delle domande di agevolazione; operative alla data di presentazione delle domande di agevolazione; non rientrare tra coloro che hanno ricevuto gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione Europea; non rientrare tra coloro che hanno ricevuto gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione Europea; Aiuti “de minimis” per PMI

39 39Dott. Francesco La Notte Condizioni d’ammissibilità. le PMI devono mantenerle per tutta la durata del contributo operare nel rispetto delle vigenti norme edilizie, urbanistiche, del lavoro, sicurezza, ambiente e obblighi contributivi; operare nel rispetto delle vigenti norme edilizie, urbanistiche, del lavoro, sicurezza, ambiente e obblighi contributivi; non essere state destinatarie, nei sei anni precedenti la presentazione della domanda, di provvedimenti di revoca di agevolazioni pubbliche (eccetto se derivanti da rinunce da parte delle imprese); non essere state destinatarie, nei sei anni precedenti la presentazione della domanda, di provvedimenti di revoca di agevolazioni pubbliche (eccetto se derivanti da rinunce da parte delle imprese); Aiuti “de minimis” per PMI

40 40Dott. Francesco La Notte Condizioni d’ammissibilità. le PMI devono mantenerle per tutta la durata del contributo aver restituito agevolazioni erogate per le quali è stata disposta dall'Organismo competente la restituzione; aver restituito agevolazioni erogate per le quali è stata disposta dall'Organismo competente la restituzione; non trovarsi in condizioni tali da risultare un'impresa in difficoltà. non trovarsi in condizioni tali da risultare un'impresa in difficoltà. Aiuti “de minimis” per PMI

41 41Dott. Francesco La Notte Oggetto delle agevolazioni per le seguenti misure: aiuti agli investimenti e all’occupazione; aiuti agli investimenti e all’occupazione; aiuti per servizi di consulenza e partecipazione a fiere; aiuti per servizi di consulenza e partecipazione a fiere; aiuti a favore di ricerca, sviluppo e innovazione; aiuti a favore di ricerca, sviluppo e innovazione; aiuti alla formazione; aiuti alla formazione; aiuti in favore dei lavoratori svantaggiati e disabili; aiuti in favore dei lavoratori svantaggiati e disabili; aiuti in forma di garanzia aiuti in forma di garanzia Aiuti “de minimis” per PMI

42 42Dott. Francesco La Notte Esclusione delle seguenti tipologie di aiuti: aiuti concessi a imprese attive nel settore della pesca e dell’acquacoltura che rientrano nel campo di applicazione del Reg.(CE) 104/2000 Consiglio; aiuti concessi a imprese attive nel settore della pesca e dell’acquacoltura che rientrano nel campo di applicazione del Reg.(CE) 104/2000 Consiglio; aiuti concessi a imprese attive nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli di cui all’allegato I del Trattato; aiuti concessi a imprese attive nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli di cui all’allegato I del Trattato; alcune tipologie di aiuti concessi a imprese attive nella trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli elencati nell’allegato I del Trattato; alcune tipologie di aiuti concessi a imprese attive nella trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli elencati nell’allegato I del Trattato; Aiuti “de minimis” per PMI

43 43Dott. Francesco La Notte Esclusione delle seguenti tipologie di aiuti: aiuti ad attività connesse all’esportazione verso paesi terzi o Stati membri; aiuti ad attività connesse all’esportazione verso paesi terzi o Stati membri; aiuti condizionati all’impiego preferenziale di prodotti interni rispetto ai prodotti di importazione; aiuti condizionati all’impiego preferenziale di prodotti interni rispetto ai prodotti di importazione; aiuti ad imprese attive nel settore carboniero; aiuti ad imprese attive nel settore carboniero; aiuti destinati all’acquisto di veicoli per il trasporto di merci su strada da parte di imprese che effettuano trasporto di merci su strada per conto terzi; aiuti destinati all’acquisto di veicoli per il trasporto di merci su strada da parte di imprese che effettuano trasporto di merci su strada per conto terzi; Aiuti “de minimis” per PMI

44 44Dott. Francesco La Notte Note sulla concessione delle agevolazioni: I soggetti beneficiari sono obbligati ad apportare un contributo finanziario pari almeno al 20% dei costi ammissibili, o attraverso risorse proprie ovvero mediante finanziamento esterno, in una forma priva di qualsiasi tipo di sostegno pubblico. I soggetti beneficiari sono obbligati ad apportare un contributo finanziario pari almeno al 20% dei costi ammissibili, o attraverso risorse proprie ovvero mediante finanziamento esterno, in una forma priva di qualsiasi tipo di sostegno pubblico. Aiuti “de minimis” per PMI

45 45Dott. Francesco La Notte Note sulla concessione delle agevolazioni: Gli aiuti concessi nel quadro di un regime di garanzia su prestiti sono ammissibili se la parte garantita del prestito sotteso non supera ,00 euro per impresa (tale limite scende a ,00 euro nel caso di imprese attive nel settore del trasporto). Comunque, la garanzia non deve superare l’80% del prestito concesso all’impresa. Gli aiuti concessi nel quadro di un regime di garanzia su prestiti sono ammissibili se la parte garantita del prestito sotteso non supera ,00 euro per impresa (tale limite scende a ,00 euro nel caso di imprese attive nel settore del trasporto). Comunque, la garanzia non deve superare l’80% del prestito concesso all’impresa. Aiuti “de minimis” per PMI

46 46Dott. Francesco La Notte Procedura di concessione delle agevolazioni La concessione è subordinata alla emanazione delle misure di aiuto. La concessione è subordinata alla emanazione delle misure di aiuto. Le misure sono attuate attraverso bandi o avvisi pubblici che prevedono i termini e le modalità di presentazione delle richieste di finanziamento da parte delle imprese interessate, le spese ammissibili, i criteri di ammissibilità e di selezione degli interventi, le modalità di erogazione del contributo Le misure sono attuate attraverso bandi o avvisi pubblici che prevedono i termini e le modalità di presentazione delle richieste di finanziamento da parte delle imprese interessate, le spese ammissibili, i criteri di ammissibilità e di selezione degli interventi, le modalità di erogazione del contributo Aiuti “de minimis” per PMI

47 47Dott. Francesco La Notte Soggetti beneficiari Sono le PMI, in regime di contabilità ordinaria, in forma singola o costituite in consorzio, operanti nei settori ammissibili a finanziamento nell'ambito del FESR con esclusione del turismo, che realizzano programmi di investimenti per l'acquisizione di servizi di innovazione per l'azienda. Aiuti per i servizi di Consulenza per l’innovazione delle PMI

48 48Dott. Francesco La Notte Condizioni d’ammissibilità operare nel rispetto delle vigenti norme edilizie ed urbanistiche, del lavoro, sulla prevenzione degli infortuni e sulla salvaguardia dell'ambiente, con particolare riferimento agli obblighi contributivi; operare nel rispetto delle vigenti norme edilizie ed urbanistiche, del lavoro, sulla prevenzione degli infortuni e sulla salvaguardia dell'ambiente, con particolare riferimento agli obblighi contributivi; non essere stati destinatari, nei sei anni precedenti la data di presentazione della domanda di agevolazione di provvedimenti di revoca di agevolazioni pubbliche ad eccezione di quelli derivanti da rinunce da parte delle imprese; non essere stati destinatari, nei sei anni precedenti la data di presentazione della domanda di agevolazione di provvedimenti di revoca di agevolazioni pubbliche ad eccezione di quelli derivanti da rinunce da parte delle imprese; Aiuti per i servizi di Consulenza per l’innovazione delle PMI

49 49Dott. Francesco La Notte Condizioni d’ammissibilità aver restituito agevolazioni erogate per le quali è stata disposta dall'Organismo competente la restituzione; aver restituito agevolazioni erogate per le quali è stata disposta dall'Organismo competente la restituzione; non trovarsi in condizioni tali da risultare un'impresa in difficoltà così come definita dagli Orientamenti comunitari sugli aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione delle imprese in difficoltà. non trovarsi in condizioni tali da risultare un'impresa in difficoltà così come definita dagli Orientamenti comunitari sugli aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione delle imprese in difficoltà. Aiuti per i servizi di Consulenza per l’innovazione delle PMI

50 50Dott. Francesco La Notte Spese ammissibili L’importo finanziato massimo è di 400 mila euro per impresa e di 2 milioni di euro per domanda di agevolazione. Aiuti per i servizi di Consulenza per l’innovazione delle PMI

51 51Dott. Francesco La Notte Categorie d'intervento relative a all'acquisto di servizi di consulenza specialistica: a. ambiente, (adozione sistemi di gestione ambientale e realizzazione di studi di fattibilità volti a valutare i vantaggi economici dell'impresa derivanti dall'adozione di soluzioni tecnologiche ecoefficienti); a. ambiente, (adozione sistemi di gestione ambientale e realizzazione di studi di fattibilità volti a valutare i vantaggi economici dell'impresa derivanti dall'adozione di soluzioni tecnologiche ecoefficienti); b. responsabilità sociale ed etica, per i quali possono essere finanziati gli interventi riguardanti l'adozione ex novo di sistemi di gestione etica e sociale (SA8000); b. responsabilità sociale ed etica, per i quali possono essere finanziati gli interventi riguardanti l'adozione ex novo di sistemi di gestione etica e sociale (SA8000); Aiuti per i servizi di Consulenza per l’innovazione delle PMI

52 52Dott. Francesco La Notte Nota bene. Per l'adozione di sistemi certificati di gestione ambientale e sistemi di certificazione etica e sociale sono ammissibili anche le spese per: 1. consulenze per l'addestramento del personale, nel limite del 20% dell'investimento complessivo; 2. costi relativi al rilascio del certificato da parte dell'Ente di certificazione (unicamente al primo rilascio); Aiuti per i servizi di Consulenza per l’innovazione delle PMI

53 53Dott. Francesco La Notte Categorie d'intervento relative a all'acquisto di servizi di consulenza specialistica: c. internazionalizzazione d'impresa, per i quali possono essere finanziati interventi e programmi relativi al: c. internazionalizzazione d'impresa, per i quali possono essere finanziati interventi e programmi relativi al: Potenziamento della competitività del sistema di offerta aziendale all'estero con partner esteri; Marketing internazionale finalizzati a garantire il presidio stabile dell'impresa nei mercati esteri; Partecipazione a fiere e/o ad eventi internazionali, partecipazione ad iniziative di marketing territoriale a regia regionale (incentivo max € ,00 per impresa); Aiuti per i servizi di Consulenza per l’innovazione delle PMI

54 54Dott. Francesco La Notte Categorie d'intervento relative a all'acquisto di servizi di consulenza specialistica: d. e-business, per i quali possono essere finanziati programmi che prevedano sviluppo e la personaliz- zazione di applicazioni infotelematiche, la gestione e la sicurezza delle transazioni economiche su reti telematiche e per l'integrazione di questa con gli altri sistemi informativi aziendali (ad esempio: gestione magazzino, vendite, distribuzione, amministrazione, Business Intelligence, Customer Relationship Management). d. e-business, per i quali possono essere finanziati programmi che prevedano sviluppo e la personaliz- zazione di applicazioni infotelematiche, la gestione e la sicurezza delle transazioni economiche su reti telematiche e per l'integrazione di questa con gli altri sistemi informativi aziendali (ad esempio: gestione magazzino, vendite, distribuzione, amministrazione, Business Intelligence, Customer Relationship Management). Aiuti per i servizi di Consulenza per l’innovazione delle PMI

55 55Dott. Francesco La Notte Forma ed intensità delle agevolazioni concedibili Le agevolazioni, concesse sotto la forma di contributi in conto esercizio, sono del 50% della spesa ammissibile. Le agevolazioni, concesse sotto la forma di contributi in conto esercizio, sono del 50% della spesa ammissibile. Procedura di accesso ai finanziamenti La domanda di agevolazione deve essere presentata alla Regione Puglia a seguito di pubblicazione di bando che conterrà anche i criteri di selezione dei progetti. La domanda di agevolazione deve essere presentata alla Regione Puglia a seguito di pubblicazione di bando che conterrà anche i criteri di selezione dei progetti. Aiuti per i servizi di Consulenza per l’innovazione delle PMI

56 Dott. Francesco La Notte Dottore di Ricerca Università della Basilicata Dipartimento di economia


Scaricare ppt "Strumenti finanziari e programmazione economica 2007/2013 Le opportunità dei bandi regionali e della zona franca urbana per le micro, piccole e medie imprese."

Presentazioni simili


Annunci Google