La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PROGETTO FORMAGENERE FORMAZIONE MANAGERIALE ED ECONOMICA PER LE DONNE Wanda Pezzi Massa, ottobre 2012 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PROGETTO FORMAGENERE FORMAZIONE MANAGERIALE ED ECONOMICA PER LE DONNE Wanda Pezzi Massa, ottobre 2012 1."— Transcript della presentazione:

1 PROGETTO FORMAGENERE FORMAZIONE MANAGERIALE ED ECONOMICA PER LE DONNE Wanda Pezzi Massa, ottobre

2 MANAGEMENT Manu agere = condurre con la mano guidare una bestia stando davanti a lei Manager verbo francese Manager s ostantivo inglese Colui che conduce gli altri Management 2

3 MANAGEMENT FEMMINILE ? Condurre gli altri in unottica di genere 3

4 MANAGEMENT FEMMINILE La donna porta con sé una diversa concezione del lavoro e del modo di essere manager : - la vita e le persone riconosciute (dignità e risorsa) - il lavoro non può essere inteso come un tempo separato - i ruoli sociali non impediscono di essere se stessi. Un diverso modo di intendere: - il potere, - lorganizzazione, - il funzionamento delle aziende, con atteggiamento orientato al cambiamento. 4

5 MANAGEMENT FEMMINILE Segue La differenza femminile si mostra come: costruttiva rivisitazione del mondo dellimpresa : - Il management può essere ripensato - le regole di dirigere (modo maschile) possono: a) messe in discussione, b) sostituite da un più efficace stile di governo. Molte donne nei ruoli manageriali hanno sviluppato pratiche nuove (D.M.) mostrando che: 1. la leadership femminile non si riduce a qualche attitudine aggiuntiva, ma porta ad un modo diverso di gestire unazienda. 2. queste idee non sono ideali impossibili, tradotte in pratica: beneficio per le persone e per lazienda. 5

6 MANAGEMENT FEMMINILE AUTOSTIMA AUTOPROMOZIONE 6

7 AUTOSTIMA Legato alle dinamiche di crescita della personalità. Non valore statico concetto da rivedere costantemente e da costruire in un percorso verso la conoscenza di se stessi 7

8 AUTOSTIMA Il giudizio profondo che abbiamo su noi stessi, fatto di parole, ma anche di emozioni e sensazioni - La percezione che abbiamo di noi stessi e del nostro valore. - Un concetto che sviluppiamo con il passare del tempo fin dalla nostra prima infanzia Nasce da un confronto sperimentato nel vissuto personale tra il nostro sé e il mondo che ci circonda (infanzia, adolescenza, uscita mondo esterno…) - Il risultato del rapporto che abbiamo avuto con le persone significative della nostra vita 8

9 L' AUTOSTIMA IL PROPRIO MODO DI VEDERE ……. E il modo con cui interpretiamo - i fatti che ci accadono, - un filtro di ciò che accade fuori e dentro di noi Interpretare è sempre un distorcere i fatti Interpretare i fatti è inevitabile: si può solo sperare di distorcerli il meno possibile 9

10 AUTOSTIMA Pervasivo di ogni aspetto dell'esistenza condiziona e incide sulle modalità di: - socializzazione, - sviluppo competenze sociali e professionali. ambito privato incide: - scelte inconsapevoli delle persone - modalità di interazione con partner, i figli, gli amici. 10

11 AUTOSTIMA Ricerca psicologica: sembra essere le donne a soffrirne di più: - dubbi sul proprio valore - scarsa autostima dagli stereotipi legati all'identità sessuale 11

12 AUTOSTIMA L'autostima è il proprio modo di vedere: - se stessi - se stessi nelle relazioni con gli altri. E' una spia luminosa: al bivio ci segnala la strada da scegliere 12

13 I NOSTRI FILTRI Il rapporto che abbiamo con gli altri viene continuamente filtrato da qualcosa che abbiamo dentro di noi: Autostima Convinzioni : politiche, religiose, filosofiche Intelligenza e cultura Contesto sociale in cui viviamo e siamo vissuti Stereotipi di genere Epoca storica in cui viviamo Caratteristiche psicologiche generali Presenza o meno di salute e salute mentale Aspettative 13

14 AUTOSTIMA Nasce dal rapporto con gli altri e diventa, in seguito, un modo di interpretare noi stessi e i fatti che accadono attorno a noi, diventando relativamente impermeabile a conferme o sconferme 14

15 AUTOSTIMA IMPERMEABILE Esempio: Persona che si sente depressa: tende a distorcere in senso negativo quanto avviene fuori e dentro di sé, rischiando di peggiorare il proprio umore che, a sua volta, dovrà incidere sullinterpretazione degli eventi, rendendoli sempre più negativi 15

16 LA NOSTRA AUTOSTIMA E un processo, un qualcosa che filtra gli eventi esterni e attribuisce un significato ad essi Questa operazione influenza a sua volta la nostra autostima 16

17 AUTOSTIMA Non è un unicum o un processo unitario: è un insieme più o meno armonico di valutazioni complessive che effettuiamo su di noi Riguardano diversi ambiti della nostra persona: bellezza, intelligenza, cultura, posizione sociale, competenze professionali, potere economico, diritto di essere amati, adeguatezza nel ruolo professionale, di genitore, di figlio/a, amante ecc… La disarmonia è normale … entro certi limiti 17

18 AUTOSTIMA La disarmonia è normale … entro certi limiti Criticità: 1. Sentirsi inadeguati in molti ambiti contemporaneamente 2. Sentirsi inadeguati in quello che si ritiene essere laspetto principale del valore di una persona 18

19 LE VARIABILI PER MISURAZIONE PROPRIA AUTOSTIMA 1. Culturali : i parametri utilizzati per definire importante una persona. Società occidentale: il grado di successo per luomo, la bellezza per la donna; 2. Famiglia e contesto sociale più prossimo in cui siamo vissuti. I parametri: ciò che era importante per la famiglia e lambiente di appartenenza 3. Il nostro arbitrio: ciò che decidiamo essere importante per la nostra autostima e sentirci appagati 19

20 UNA BUONA AUTOSTIMA Un percorso in diverse fasi: 1. r iscoprire la propria autostima (forza e criticità) 2. s aper fronteggiare i cambiamenti 3. a ttuare un nuovo modello "buono di potere 20

21 P ERCHE LE DONNE NON CHIEDONO Perché le donne contrattano meno degli uomini: - affari - vita professionale - vita privata 21

22 P ERCHE LE DONNE NON CHIEDONO Le donne si aspettano che gli Altri/il Capo/il contesto riconoscano il loro contributo. Indipendentemente dal paese dappartenenza le donne sembrano avere un gap di autostima da colmare che le porta, insieme ad altri fattori, a non combattere per il loro tornaconto 1. non chiedono 2. aspettano di essere valutate equamente senza bisogno di rivendicare 3. evitano le situazioni negoziali in cui entra linteresse personale 22

23 23 D IMENSIONE ORGANIZZATIVA Contesti organizzativi: né equi nè meritocratici Negoziare con la diversità dei contesti

24 DIMENSIONE INDIVIDUALE Donne: locus of control: esterno Uomini: locus of control: interno 24

25 NEGOZIAZIONE Un processo di collaborazione che mira a trovare le soluzioni migliori per ciascuna delle parti in causa 25

26 DIMENSIONE INDIVIDUALE - Consapevolezza di sé, dipendenze affettive - Consapevolezza livello autostima e sicurezza - Consapevolezza obiettivi reali - Consapevolezza risultati attesi - Consapevolezza fantasmi interni 26


Scaricare ppt "PROGETTO FORMAGENERE FORMAZIONE MANAGERIALE ED ECONOMICA PER LE DONNE Wanda Pezzi Massa, ottobre 2012 1."

Presentazioni simili


Annunci Google