La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Levoluzione normativa in materia di attività commerciali di Serenella Milia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Levoluzione normativa in materia di attività commerciali di Serenella Milia."— Transcript della presentazione:

1 Levoluzione normativa in materia di attività commerciali di Serenella Milia

2 RIFORMA DELLA P.A. EVOLUZIONE NORMATIVA P.A. ANNI 90 n LEGGE N.241/90 MODIFICATA n LEGGE N.142/90 ABROGATA n D.LGS. N.29/93 confluito D.LGS.N.165/2001 modificato D.LGS N.150/2009 NECESSITA MODIFICA OBIETTIVI n Riduzione costi n Miglioramento qualità dei servizi e prestazioni

3 NORMATIVA P.A. ANNI 97/98 n LEGGE N.59/97 BASSANINI n LEGGE N. 127/97 BASSANINI BIS n D.LGS N.112/98 in attuazione L. n.59 n n D.LGS N.114/98 BERSANI (COMMERCIO) n n D.LGS N.32/98 BERSANI (CARBURANTI) Entrambi in attuazione L. n.59

4 MODELLI DI P.A. n BUROCRATICO Aspetto FORMALE COMPITI E FUNZIONI n IMPARZIALITA n CORRETTEZZA n EQUITA NO RISULTATO

5 MODELLI DI P.A. NUOVI CRITERI n EFFICIENZA n EFFICACIA n ECONOMICITA n QUALITA

6 MODELLI DI P.A. PASSAGGIO DALLA LOGICA DI GOVERNEMENT A GOVERNANCE A GOVERNANCE RUOLO DEL CITTADINO STAKE HOLDER SISTEMI DI CORPORATE GOVERNANCE TAVOLI DI CONCERTAZIONE

7 EVOLUZIONE NORMATIVE COMMERCIO n LEGGE N.426/1971 commercio n LEGGE N.287/1991 somministrazione alimenti e bevande n D,LGS. N. 114/1998 commercio n D.LGS. N.32/1998 carburanti n D.LGS. N.170/2001 stampa quotidiana e periodica

8 EVOLUZIONE NORMATIVE COMMERCIO n PROCEDURA INFRAZIONE 2004/4365 carburanti n LEGGE N. 248/2006 liberalizzazioni commercio/p.e. n Legge 6 agosto 2008 n. 133 ART. 83-bis (CARBURANTI) ART. 83-bis (CARBURANTI) ART. 38 (IMPRESA IN UN GIORNO E S.U.A.P.) ART. 38 (IMPRESA IN UN GIORNO E S.U.A.P.) n Direttiva Servizi 123/2006 Bolkestein persegue lobiettivo di garantire la libera concorrenza dei servizi nel mercato interno. n Decreto legislativo 26 marzo 2010 n. 59 Attuazione della direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno. Entrato in vigore l8 maggio CARBURANTI-VENDITA DELLA STAMPA ( non si applica il d.lgs. 59/2010).

9 Manovre Finanziarie e Decreti Monti Decreto Legge 6 luglio 2011 n. 98 Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria convertito Legge n. 111 ARTT. 35 e 28 Decreto Legge 13 agosto 2011 n. 138 Decreto Legge 13 agosto 2011 n. 138 Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria e lo sviluppo convertito Legge n. 148 ARTT. 3 e 6 Decreto Legge 6 dicembre 2011 n. 201 Disposizioni urgenti per la crescita, lequità e il consolidamento dei conti pubblici convertito Legge n. 214 ARTT Decreto Legge 24 gennaio 2012 n. 1 LIBERALIZZAZIONI Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività convertito Legge 24 marzo 2012 n. 27 ARTT Decreto Legge 9 febbraio 2012 n. 5 SEMPLIFICAZIONI Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo convertito Legge 4 aprile 2012 n. 35 ARTT

10 NORMATIVA SUL COMMERCIO DOPO 27 ANNI DALLA 426/1971 D.LGS. N. 114/1998 COMMERCIO BERSANI PRIMA LIBERALIZZAZIONE SETTORE COMMERCIO COMPETENZA CONCORRENTE STATO-REGIONI

11 NORMATIVA SUL COMMERCIO PRIME LIBERALIZZAZIONI D.LGS N.114/1998 (oggi ancora vigente in molte Regioni) ELIMINAZIONE TABELLE MERCEOLOGICHE ( n.XIV) SOLO DUE SETTORI ALIMENTARE /NON ALIMENTARE Maggiore flessibilità scelta prodotti STRUTTURE DISTRIBUTIVE n ESERCIZI VICINATO= 150 mq /250 mq COMUNICAZIONE / S.C.I.A. n MSV= mq /2.500 mq n GSV= oltre limiti MSV AUTORIZZAZIONE MSV e GSV

12 NORMATIVA SUL COMMERCIO PRIME LIBERALIZZAZIONI PROGRAMMAZIONI REGIONALI URBANISTICO COMMERCIALI APPLICAZIONE REGIONALE COERENTE CON OBIETTIVI NORMATIVA NAZIONALE: n LIBERALIZZAZIONE n SEMPLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA n CONCORRENZA PORTATA INNOVATRICE RIFORMA: n NO PIANIFICAZIONE QUANTITATIVA OFFERTA n TUTELA INTERESSI GENERALI PREVALENTEMENTE TIPO URBANISTICO NEL 98 MA ANCORA OGGI STESSI PRINCIPI

13 NORMATIVA SUL COMMERCIO PRIME LIBERALIZZAZIONI n NO PRERDETERMINAZIONE LIMITI QUANTITATIVI ENTRATA SOPRATTUTTO PER MSV E GSV OBIETTIVO RIFORMA BERSANI ( ma anche successive nazionali e regionali) n FAVORIRE EQUILIBRATO SVILUPPO DIVERSE TIPOLOGIE DISTRIBUTIVE n QUINDI NON VINCOLI QUANTITATIVI SOLO SE TUTELA URBANISTICA / CONSUMATORE n EVITARE PROTEZIONE INTERESSI IMPRESE GIA OPERANTI SUL MERCATO NEL 98 MA ANCORA OGGI STESSI PRINCIPI

14 NORMATIVA SUL COMMERCIO PRIME LIBERALIZZAZIONI n CORRELAZIONE TRA PROCEDURA URBANISTICA E RILASCIO AUTORIZZAZIONE COMMERCIALE n TUTELA CENTRI STORICI E PATRIMONIO ARTISTICO n MAGGIORI POTERI AI COMUNI PER LOCALIZZAZIONE E APERTURA ESERCIZI ALTRE MATERIE n COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE n SALDI/PROMOZIONALI n FORME SPECIALI VENDITA

15 NORMATIVA SUL COMMERCIO PRIME LIBERALIZZAZIONI ORARI ESERCIZI COMMERCIALI n Libera determinazione degli esercenti n Tutti i giorni h.7/22 n Chiusura domenicale/festiva e mezza infrasettimanale n NO VINCOLI Comuni a economia TURISTICA n Variegate DISPOSIZIONI REGIONALI n OGGI ART. 35 L. N.111/2011 (Decreto «Monti») LIBERALIZZAZIONE TOTALE

16 NORMATIVA SUL COMMERCIO RIFORMA COSTITUZIONALE L. COST. N.3/2001-TITOLO V-PARTE 2 n NORMATIVE E PROGRAMMAZIONI REGIONALI COMMERCIO IN COMPETENZA ESCLUSIVA REGIONI

17 NORMATIVA SUL COMMERCIO LEGGE N. 248/2006 n ALTRA LIBERALIZZAZIONE ELIMINATI VINCOLI DI VARIA NATURA n COMMERCIO n SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE Prima P.E. Pubblici esercizi Legge 25 agosto 1991 n.287

18 NORMATIVA SUL COMMERCIO LEGGE N. 133/2008 ART. 83 BIS (C ) SU LIBERALIZZAZIONE CARBURANTI ART. 117 COST., COMMA 2 LETT E) E M) TUTELA CONCORRENZA E L.E.P.

19 NORMATIVA SUL COMMERCIO LEGGE N. 133/2008 ART. 38 n IMPRESA IN UN GIORNO E S.U.A.P. n REGOLAMENTI ATTUATIVI n D.P.R n. 159 AGENZIA IMPRESE n D.P.R n. 160 SPORTELLO UNICO n SEMPLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA

20 NORMATIVA SUL COMMERCIO COMMERCIO COMPETENZA ESCLUSIVA REGIONALE POCHE REGIONI CHE OGGI HANNO ADOTTATO TESTI UNICI LIGURIATOSCANAMARCHELOMBARDIAFRIULI-VENEZIA-GIULIA PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

21 LIBERALIZZAZIONI COMMERCIO n Direttiva Servizi 123/2006 Bolkestein persegue lobiettivo di garantire la libera concorrenza dei servizi nel mercato interno. n Decreto legislativo 26 marzo 2010 n. 59 Attuazione della direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno. Entrato in vigore l8 maggio Contiene articolo 84 CLAUSOLA DELLA CEDEVOLEZZA le disposizioni del decreto si applicano fino alla data di entrata in vigore della normativa di attuazione della direttiva 2006/123/CE, adottata da ciascuna regione e provincia autonoma le disposizioni del decreto legislativo riconducibili alla competenza statale riservata non sono in alcun modo derogabili dalle leggi regionali di settore NORMATIVA STATALE IMMEDIATA APPLICAZIONE E PREVALENTE SU REGIONALE in caso di difformità PERCHE TUTELA CONCORRENZA

22 SEMPLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA IN ATTUAZIONE DIRETTIVA SERVIZI n Direttiva Servizi 123/2006 Bolkestein eccezionale il ricorso al regime AUTORIZZATORIO MANTENIMENTO REGIMI AUTORIZZATIVI (nel sistema AUTOVALUTAZIONI REGIONI) GIUSTIFICATI DA : GIUSTIFICATI DA : n MOTIVI IMPERATIVI INTERESSE GENERALE n PRINCIPIO DI PROPORZIONALITÀ della misura. n NON DISCRIMINAZIONE tra i soggetti richiedenti

23 MOTIVI IMPERATIVI DI INTERESSE GENERALE n tutela dei consumatori n tutela dellambiente, compreso lambiente urbano n tutela dei lavoratori n obiettivi di politica sociale n tutela del patrimonio artistico e storico

24 ULTIME LIBERALIZZAZIONI Decreto legislativo 26 marzo 2010 n. 59 n ESERCIZI VICINATO= S.C.I.A. n MSV/GSV= AUTORIZZAZIONE n Tranne casi rari Regioni diverso regime n SOMMINISTRAZIONE = S.C.I.A. per APERTURA / TRASFERIMENTO tranne casi aree TUTELATE CON PROGRAMMAZIONE (proposta modifica D.LGS) n NORMATIVA REGIONALE = AUTORIZZAZIONE prevale SE sottoposta a programmazione E MOTIVI IMPERATIVI INTERESSE GENERALE

25 ULTIME LIBERALIZZAZIONI ART. 19 L. 241/1990 più volte Modificato Oggi S.C.I.A. SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA SOLO se accertare requisiti e presupposti di legge e non previsto limite o contingente o strumenti di programmazione settoriale ESCLUSI se vincoli ambientali, paesaggistici o culturali e atti rilasciati da amministrazioni preposte alla difesa nazionale, alla pubblica sicurezza etc… Lattività inizia subito poi P.A. può inibire ha sostituito negli anni la ha sostituito negli anni la D.I.A.=DICHIARAZIONE INIZIO ATTIVITA Lattività iniziava dopo 30 giorni durante i quali P.A. poteva intervenire

26 ULTIME LIBERALIZZAZIONI COMMERCIO AREE PUBBLICHE Decreto legislativo 26 marzo 2010 n. 59 ARTICOLO ART. 70 commercio su aree pubbliche n Comma 1 oltre società di persone anche alle società di capitali regolarmente costituite o cooperative. n Comma 2 individua come competente il Comune nel quale siintende avviare lattività n VIETATO requisito della RESIDENZA

27 ULTIME LIBERALIZZAZIONI COMMERCIO AREE PUBBLICHE ARTICOLO 12 DELLA DIRETTIVA traspostoNELLART. 16 DEL D.LGS. 59/2010 SELEZIONE tra diversi candidati se numero di autorizzazioni disponibili limitato per SCARSITÀ DELLE RISORSE NATURALE SCARSITÀ DELLE RISORSE NATURALE AUTORIZZAZIONE rilasciata per DURATA LIMITATA n NO RINNOVO AUTOMATICO né ALTRI VANTAGGI O PRIORITAal prestatore uscente o a persone che con tale prestatore abbiano particolari legami n COLLEGAMENTO dellAUTORIZZAZIONE con la CONCESSIONE di suolo pubblico QUASI TUTTE NORMATIVE REGIONALI prevedono: - durata decennale concessione di posteggio; - durata decennale concessione di posteggio; - rinnovo tacito (o automatico) alla scadenza; - rinnovo tacito (o automatico) alla scadenza; - priorità agli operatori che hanno già utilizzato larea pubblica. - priorità agli operatori che hanno già utilizzato larea pubblica. In CONFERENZA UNIFICATA NUOVI CRITERI PER IL RILASCIO E IL RINNOVO DELLE CONCESSIONI DI POSTEGGIO (ART. 70, C.5 ) ANCHE IN DEROGA ALLART. 16, C. 5

28 ULTIME LIBERALIZZAZIONI COMMERCIO AREE PUBBLICHE INTESA IN CONFERENZA UNIFICATA STATO-REGIONI-COMUNI NUOVI CRITERI n Il Comune rilascia lautorizzazione e la contestuale concessione suolo pubblico LE PROPOSTE Durata delle concessioni non inferiore a 9 né superiore a 12 anni Mercati turistici durata diversa ma non inferiore a 7 anni ; Maggiore professionalità = anzianità iscrizione registro imprese e maggiore anzianità di presenza nel posteggio le autorizzazioni/concessioni in essere sono automaticamente prorogate per otto anni dalla data di entrata in vigore dellIntesa in sede di prima applicazione (dopo proroga) priorità se gestiti direttamente dal titolare/dipendenti/collaboratori e nei primi 5 anni ( dopo proroga) lanzianità di presenza nel posteggio deve essere valutata in misura non superiore al 50% del punteggio complessivo un medesimo soggetto non può essere titolare di più di due posteggi sullo stesso mercato se n. posteggi meno di 100 o tre se numero posteggi oltre 100

29 ULTIME LIBERALIZZAZIONI REQUISITI ACCESSO Decreto legislativo 26 marzo 2010 n. 59 Art. 71 Requisiti di accesso e di esercizio delle attività commerciali VENDITA E SOMMINISTRAZIONE REQUISITI MORALI E PROFESSIONALI

30 ULTIME LIBERALIZZAZIONI REQUISITI ACCESSO Art. 71 Requisiti di accesso e di esercizio delle attività commerciali Art. 71 Requisiti di accesso e di esercizio delle attività commerciali REQUISITI PROFESSIONALI: a) avere frequentato con esito positivo un corso professionale istituito o riconosciuto dalle Regioni; b) avere prestato la propria opera, per almeno due anni, anche non continuativi, nel quinquennio precedente, presso imprese esercenti l'attività nel settore alimentare o nel settore della somministrazione di alimenti e bevande, in qualità di dipendente qualificato, addetto alla vendita o all'amministrazione o alla preparazione degli alimenti, o in qualità di socio lavoratore o, se trattasi di coniuge, parente o affine, entro il terzo grado, dell'imprenditore in qualità di coadiutore familiare, comprovata dalla iscrizione all'Istituto nazionale per la previdenza sociale; b) avere prestato la propria opera, per almeno due anni, anche non continuativi, nel quinquennio precedente, presso imprese esercenti l'attività nel settore alimentare o nel settore della somministrazione di alimenti e bevande, in qualità di dipendente qualificato, addetto alla vendita o all'amministrazione o alla preparazione degli alimenti, o in qualità di socio lavoratore o, se trattasi di coniuge, parente o affine, entro il terzo grado, dell'imprenditore in qualità di coadiutore familiare, comprovata dalla iscrizione all'Istituto nazionale per la previdenza sociale; c) essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di laurea, anche triennale, o di altra scuola ad indirizzo professionale, almeno triennale, purché nel corso di studi siano previste materie attinenti al commercio, alla preparazione o alla somministrazione degli alimenti.

31 ULTIME LIBERALIZZAZIONI REQUISITI ACCESSO MANCA VECCHIO REQUISITO: n Essere stati iscritti R.E.C. (Registro esercenti commercio) previsto vecchia L.n. 426/71 n PROPOSTA REGIONI REINSERIRE IN REQUISITI PROFESSIONALI

32 ULTIME LIBERALIZZAZIONI REQUISITI ACCESSO TITOLI STUDIO COMPETENZA STATALE n CIRCOLARE MSE N. 3642/C del 15 aprile 2011 RISOLUZIONE MSE N del 11 ottobre 2010 Riconosce agli artigiani il possesso del requisito dellaver prestato la propria opera NON NECESSITANO CORSI ABILITANTI prima era richiesto CORSO

33 ACCORDO STATO REGIONI PER CORSI ABILITANTI I corsi professionali abilitanti ( alimentari e somministrazione) devono GARANTIRE: n ADEGUATA FORMAZIONE n IGIENE, SICUREZZA ALIMENTARE dei prodotti n TUTELA DELLA SALUTE degli utenti n INFORMAZIONE DEI CONSUMATORI n DURATA complessiva di ALMENO 90 ORE n almeno 50% del numero di ore complessive avere per oggetto materie SALUTE, SICUREZZA E INFORMAZIONE DEL CONSUMATORE. aspetti IGIENICO-SANITARI relativi alla conservazione, manipolazione, preparazione, trasformazione e distribuzione degli alimenti, sia freschi che conservati. 2. LE REGIONI : n modalità di ORGANIZZAZIONE DEI CORSI professionali abilitanti ; n prevedere DURATA SUPERIORE alle 90 ORE n inserimento di ULTERIORI MATERIE n CORSI DI AGGIORNAMENTO n FORME DI INCENTIVAZIONE PER LA PARTECIPAZIONE AI CORSI n corsi ATTRAVERSO SOGGETTI ACCREDITATI e/o ATTRAVERSO SOGGETTI AUTORIZZATI, nonchè tramite RAPPORTI CONVENZIONALI, con soggetti idonei. In via prioritaria CAMERE DI COMMERCIO, ORGANIZZAZIONI IMPRENDITORIALI del commercio più rappresentative ENTI DA QUESTE COSTITUITE. n RICONOSCIMENTO qualificazione professionale ai soggetti possesso DELL'ATTESTATO CONSEGUITO corsi abilitanti ALMENO 90 ORE conseguito IN OGNI AMBITO TERRITORIALE REGIONALE.

34 ELIMINAZIONE VINCOLI SOVRAPPOSIZIONE NORMATIVE Sono previste TEMPISTICHE DIFFERENTI per adeguamento ai vari principi di liberalizzazione e precisamente: Legge n.214/2011 Art.31, comma 2, 90 giorni (27 marzo 2012) Legge n.214/2011 Art. 34, commi 3 e 7 Non è indicato il termine Legge n.148/2011 Art. 3 un anno (14 settembre 2012) D.L. n.1/2012 convertito Legge 24 marzo 2012 n. 27 Art dicembre 2012

35 ELIMINAZIONE VINCOLI SOVRAPPOSIZIONE NORMATIVE GRAZIE AD UN EMENDAMENTO PD Unificati TERMINI PER ADEGUAMENTO ENTRO 30 SETTEMBRE 2012 LE REGIONI ADEGUANO LA PROPRIA NORMATIVA E PROGRAMMAZIONE AI PRINCIPI DI LIBERALIZZAZIONE

36 ELIMINAZIONE VINCOLI D.L. n.1/2012 – Legge n.27/2012 Art. 1, COMMA 3 (ripreso dallArt 12 D.L. N.5/2012- Legge n.35/2012) Il GOVERNO è autorizzato ad ADOTTARE entro il 31 dicembre 2012 uno o più REGOLAMENTI OBIETTIVO : n INDIVIDUARE LE ATTIVITA per le quali RIMANE in vita il REGIME AUTORIZZATORIO n DISCIPLINARE REQUISITI PER ESERCIZIO ATTIVITA n TERMINI E MODALITA PER POTERI CONTROLLO AMMINISTRAZIONI n INDIVIDUARE NORME STATALI DA ABROGARE DOPO REGOLAMENTI

37 ELIMINAZIONE VINCOLI Art 12 D.L. N.5/2012-Legge n.35/2012 Con i REGOLAMENTI che Il GOVERNO è autorizzato ad ADOTTARE entro il 31 dicembre 2012 sono altresì individuate le ATTIVITÀ sottoposte: n Autorizzazione n SCIA con asseverazioni n SCIA senza asseverazioni n Comunicazione n quelle del tutto libere

38 ELIMINAZIONE VINCOLI I principi di LIBERTÀ DI APERTURA di nuovi esercizi commerciali n CONTINGENTI, LIMITI TERRITORIALI O ALTRI VINCOLI DI QUALSIASI ALTRA NATURA. n senza CONTINGENTI, LIMITI TERRITORIALI O ALTRI VINCOLI DI QUALSIASI ALTRA NATURA. n Regioni e Stato adeguano i rispettivi ordinamenti al principio secondo cui L'INIZIATIVA E L'ATTIVITÀ ECONOMICA PRIVATA SONO LIBERE SONO ABROGATE a) norme che prevedono n limiti numerici n autorizzazioni n licenze n nulla osta n preventivi atti di assenso dellamministrazione non giustificati da: n interesse generale n costituzionalmente rilevante e compatibile con lordinamento comunitario n rispetto del principio di proporzionalità

39 ELIMINAZIONE VINCOLI SONO ABROGATE b) le norme che pongono divieti e restrizioni alle attività economiche n non adeguati - non proporzionati alle finalità pubbliche disposizioni di pianificazione e programmazione territoriale con prevalente finalità economica o prevalente contenuto economico, che pongono limiti: che pongono limiti: n non ragionevoli - non adeguati - non proporzionati rispetto alle finalità pubbliche dichiarate che n Impediscono - condizionano - ritardano avvio di nuove attività economiche Ingresso di nuovi operatori economici trattamento differenziato rispetto agli operatori già presenti sul mercato che n Impediscono - limitano - condizionano lofferta di prodotti e servizi al consumatore, nel tempo nello spazio o nelle modalità, alterano le condizioni di piena concorrenza fra gli operatori economici n limitano o condizionano le tutele dei consumatori nei loro confronti

40 ELIMINAZIONE VINCOLI D.L. n.1/2012 Art. 1, COMMA 2 (ripreso dallArt 12, C. 2 D.L. N.5/2012) PERMESSI solo i limiti, i programmi e i controlli necessari EVITARE DANNI alla salute, alla salute, allambiente allambiente al patrimonio artistico e culturale al patrimonio artistico e culturale al paesaggio, al paesaggio, alla sicurezza alla sicurezza alla libertà alla libertà alla dignità umana alla dignità umana EVITARE contrasti con: EVITARE contrasti con: lutilità sociale lutilità sociale lordine pubblico lordine pubblico il sistema tributario il sistema tributario gli obblighi comunitari ed internazionali gli obblighi comunitari ed internazionali

41 NUOVE PROGRAMMAZIONI REGIONALI E COMUNALI Ne deriva come è del tutto evidente, la necessità di una nuova programmazione regionale non più improntata su criteri di natura quantitativa o su contingentamenti e/o vincoli di qualsiasi altra natura

42 Grazie per lattenzione Serenella Milia


Scaricare ppt "Levoluzione normativa in materia di attività commerciali di Serenella Milia."

Presentazioni simili


Annunci Google