La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Modulo 1D 1°1 Fisiologia legata al carico di lavoro Il carico di lavoro può essere inteso come: carico esterno (è il lavoro svolto che può essere quantificato.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Modulo 1D 1°1 Fisiologia legata al carico di lavoro Il carico di lavoro può essere inteso come: carico esterno (è il lavoro svolto che può essere quantificato."— Transcript della presentazione:

1 Modulo 1D 1°1 Fisiologia legata al carico di lavoro Il carico di lavoro può essere inteso come: carico esterno (è il lavoro svolto che può essere quantificato in volume ed intensità) carico interno (sono gli effetti complessivi riferiti ad ogni aspetto della personalità): -il carico interno non è quantificabile perché è un aspetto multifattoriale -lunici fattori relativamente misurabili del carico interno sono alcuni adattamenti fisiologici indotti dallallenamento

2 Modulo 1D 1°2 Adattamenti fisiologici allesercizio fisico Il tipo di allenamento e lintensità delle esercitazioni proposte sono le determinanti di specifici adattamenti a livello biochimico, cardio – circolatorio e neuro - muscolare. Alcuni di questi adattamenti assumono un significato metodologico particolare per le varie discipline sportive

3 Modulo 1D 1°3 Bioenergetica del movimento Il movimento umano richiede energia fornita dallATP I processi di risintesi dellATP sono: -i processi aerobici -i processi anaerobici I processi anaerobici determinano un debito che, quando il movimento si arresta, viene pagato tramite la potenza del sistema aerobico

4 Modulo 1D 1°4 Produzione di energia La quantità di ATP che ogni fibra ha a disposizione consente poche contrazioni e deve essere continuamente reintegrata. Lallenamento permette il miglioramento delle capacità di ricarica consentendo performance più elevate

5 Modulo 1D 1°5 Processi di risintesi energetica I meccanismi di risintesi dellATP sono 3: –Anaerobico alattacido –Anaerobico lattacido –Aerobico

6 Modulo 1D 1°6 Capacità e Potenza Per Potenza si intende la quantità di energia erogabile nellunità di tempo (diametro del rubinetto ) Per Capacità si intende la disponibilità totale di energia (volume del serbatoio )

7 Modulo 1D 1°7 Potenza erogabile in funzione del tempo e dei meccanismi di ricarica dellATP Determinare il carico di lavoro in funzione degli obiettivi da raggiungere

8 Modulo 1D 1°8 Meccanismo Anaerobico Alattacido Esprime potenza molto elevata in tempi brevi e in assenza di ossigeno La risintesi energetica avviene utilizzando le molecole di creatin fosfato (CP) presenti nel tessuto muscolare La capacità del meccanismo è limitata dalla quantità di CP disponibile È un meccanismo poco modificabile con lallenamento

9 Modulo 1D 1°9 Prestazione e Fonte energetica Potenza massima del sistema in circa 8 Capacità massima del sistema in circa Rapidità o movimenti veloci ed esplosivi ripetuti a recupero completo Velocità ciclica o movimenti veloci ed esplosivi ripetuti a recupero incompleto

10 Modulo 1D 1°10 Meccanismo Anaerobico Lattacido Subentra al meccanismo alattacido ed esprime potenza in situazione di apporto di ossigeno insufficiente La risintesi energetica parte dalla demolizione di molecole di glucosio che si trovano sotto forma di glicogeno nel fegato e nella fibra muscolare La produzione e laccumulo di acido lattico sono lindice della funzionalità del sistema

11 Modulo 1D 1°11 Prestazione e Fonte energetica Potenza massima del sistema in circa Capacità massima del sistema in circa 1e 30/2 Resistenza alla velocità o sforzi ad intensità submassimale a recupero incompleto Aspetto che esprime la massima quantità di acido lattico tollerabile

12 Modulo 1D 1°12 Meccanismo Aerobico Esprime potenza relativamente bassa in tempi significativamente lunghi in situazione di apporto di ossigeno sufficiente La risintesi energetica parte dalla demolizione di molecole di glucosio e dallutilizzo dei grassi (in base allintensità dellesercizio) Il limite del sistema è teoricamente legato allentità del substrato energetico (glicogeno e grassi)

13 Modulo 1D 1°13 Prestazione e Fonte energetica Potenza massima del sistema in corrispondenza del VO2max Capacità massima del sistema Intensità corrispondente al VO2max sia in forma continua che intervallata Intensità inferiore al VO2max fino al teorico esaurimento dei substrati energetici

14 Modulo 1D 1°14 Adattamenti al lavoro intenso e di breve durata Cardio – circolatori: Metodologicamente poco significativi Neuro - muscolari: Adattamento enzimatico e miosinico Capacità di reclutamento di unità motorie Ipertrofia (legata alluso di sovraccarichi) Coordinazione specifica

15 Modulo 1D 1°15 Adattamenti al lavoro a bassa intensità e di lunga durata Cardio – circolatori: Aumento della gittata sistolica Diminuzione della frequenza cardiaca a riposo Neuro - muscolari: Adattamento enzimatico e miosinico Tendenza ad utilizzare i grassi come substrato energetico

16 Modulo 1D 1°16 Adattamenti al lavoro ad intensità elevata e di durata significativa Cardio – circolatori: Aumento della gittata sistolica Neuro - muscolari: Adattamento enzimatico e miosinico Tolleranza lattacida Tendenza ad utilizzare i carboidrati come substrato energetico

17 Modulo 1D 1°17 Adattamenti legati allo sforzo pallavolistico Adattamenti biochimici e cardio - circolatori: Metodologicamente poco significativi tuttavia va detto che: –la potenza del meccanismo aerobico determina la rapidità di recupero di qualsiasi tipo di sforzo –lattività intensa intervallata determina reazioni simili agli adattamenti al lavoro di resistenza

18 Modulo 1D 1°18 Adattamenti legati allo sforzo pallavolistico Adattamenti neuro - muscolari: Sono tendenzialmente legati allo sviluppo della forza massima ad alle espressioni veloce ed esplosiva del movimento tecnico: –reclutamento (coordinazione intramuscolare); –ipertrofia; –coordinazione intermuscolare; –adattamento enzimatico e miosinico; –reattività.

19 Modulo 1D 1°19 Indicazioni Metodologiche Gli aspetti della prestazione e delle esercitazioni proposte che incidono sul carico interno sono: Il grado di coinvolgimento muscolare Lintensità (in relazione allo sforzo massimo o in relazione al numero di movimenti nellunità di tempo) La durata (tempo di lavoro o numero di ripetizioni) Il tempo di recupero


Scaricare ppt "Modulo 1D 1°1 Fisiologia legata al carico di lavoro Il carico di lavoro può essere inteso come: carico esterno (è il lavoro svolto che può essere quantificato."

Presentazioni simili


Annunci Google