La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Osservare al microscopio. Nascita ed evoluzione del microscopio Nel VII secolo a.C. gli assiri ricavarono una lente piano – convessa da un cristallo di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Osservare al microscopio. Nascita ed evoluzione del microscopio Nel VII secolo a.C. gli assiri ricavarono una lente piano – convessa da un cristallo di."— Transcript della presentazione:

1 Osservare al microscopio

2 Nascita ed evoluzione del microscopio Nel VII secolo a.C. gli assiri ricavarono una lente piano – convessa da un cristallo di rocca. I Romani per realizzare le loro lenti riempivano dacqua palloni sferici di vetro I Vichinghi alla fine del primo millennio utilizzavano lenti ricavate dal cristallo di rocca per incidere i loro preziosi gioielli E nel XIII secolo che ha inizio la produzione di lenti in vetro e la costruzione dei primi occhiali

3 Il cannocchiale olandese Nel 1590 Hans e Zacharias Janssen (padre e figlio) olandesi costruiscono quello che viene ritenuto il primo vero microscopio. Si tratta di un microscopio composto, ottenuto dalla disposizione in serie di due lenti, che consentiva di vedere i particolari di un oggetto osservato ingranditi 60 volte.

4 Nel 1610 Galileo Galilei costruisce il suo famoso occhiale di Galileo

5 nel 1624 ne deriva da questo il perspicillum (o occhialino). Viene aggiunto allocchiale un oculare divergente) Fu uno studioso greco trasferitosi a Firenze ad adottare per primo il termine microscopium per definire locchiale galileiano.

6 Nel 1665 Robert Hooke, fisico inglese mette a punto il sistema della doppia messa a fuoco ed osservando campioni di sughero, scoprì delle strutture interne regolari che chiamò cellule.

7 Nel 1675 lo scienziato olandese Anthony von Leeuwenhoek, con un microscopio semplice, costituito da una sola lente, piccolissima e con un raggio di curvatura molto piccolo, compì alcune tra le più straordinarie osservazioni nel campo del molto piccolo per quei tempi.

8 Le lenti dingrandimento Per comprendere il funzionamento di una lente dobbiamo conoscere il fenomeno della rifrazione Questo è legato al fatto che la velocità di propagazione della luce è costante ( Km/s nel vuoto) finché si muove in un mezzo omogeneo, ma varia in funzione delle caratteristiche del mezzo in cui la propagazione avviene

9 Quando un raggio di luce passa da un mezzo ad un altro subisce un cambiamento di velocità e, in corrispondenza dellinterfaccia, viene deviato ovvero rifratto di un angolo che è tanto maggiore quanto maggiore è la differenza di velocità di propagazione della luce nei due mezzi. velocità di propagazione della luce nellacqua km/s, nel vetro km/s

10 E importante anche langolo dincidenza del raggio con la superficie: se il raggio cade perpendicolare alla superficie non si ha deflessione, più ci si allontana dalla perpendicolarità, tanto più grande è langolo di rifrazione. Inoltre se si passa da un mezzo meno denso a uno più denso, la deflessione avvicina la traiettoria alla perpendicolare alla superficie, se si passa da un mezzo più denso a uno meno denso, si ha un allontanamento dalla perpendicolare alla superficie.

11 Se una delle superficie è piana e laltra convessa ho unimmagine ingrandita delloggetto, se la lente è biconvessa ho un ingrandimento maggiore Per indicare il potere dingrandimento di una lente si indica il rapporto tra le dimensioni dellimmagine ingrandita e quelle reali.


Scaricare ppt "Osservare al microscopio. Nascita ed evoluzione del microscopio Nel VII secolo a.C. gli assiri ricavarono una lente piano – convessa da un cristallo di."

Presentazioni simili


Annunci Google