La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Caldaia a Condensazione Nina S. La combustione In generale, una caldaia serve per trasformare lenergia di un combustibile per ottenere lenergia termica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Caldaia a Condensazione Nina S. La combustione In generale, una caldaia serve per trasformare lenergia di un combustibile per ottenere lenergia termica."— Transcript della presentazione:

1 Caldaia a Condensazione Nina S

2 La combustione In generale, una caldaia serve per trasformare lenergia di un combustibile per ottenere lenergia termica e riscaldare lacqua

3 La combustione La caldaia a condensazione ha il vantaggio di sfruttare al massimo lenergia del combustibile e di raggiungere valori di resa molto più elevati rispetto alle attuali caldaie ad alto rendimento spingendosi ben oltre il PCI Inferiore: non tiene conto del calore contenuto nel vapor acqueo dei fumi della combustione che vengono buttati Superiore: considera anche il calore contenuto nel vapor acqueo dei fumi della combustione (nelle bollette del gas compare questo valore)

4 Principio di funzionamento 1) 1)Laria comburente entra attraverso la presa D60 in seguito alla depressione generata dal ventilatore e si preriscalda a contatto con la parte interna. 2) 2)Laria è costretta a passare attraverso il venturi posizionato prima del ventilatore dove vi è anche lingresso dellintera portata di gas. (1^ miscelazione)

5 Principio di funzionamento 3) 3)Lelettrovalvola del gas è di tipo pneumatico a rapporto aria/gas costante: più aria = più gas; meno aria = meno gas; se non cè aria, non cè gas e la caldaia si blocca. (garanzia di sicurezza e prevenzione contro la formazione di CO) 4)Allinterno dellinvolucro del ventilatore la miscela aria-gas subisce unulteriore miscelazione favorita dal contatto con le pale della ventola che gira ad alta velocità. (2^ miscelazione) Ventilatore in C.C. Brush less a n° di giri variabile

6 Principio di funzionamento 5) La miscela viene spinta allinterno della precamera di combustione (in acciaio AISI 316 L) dove incontra i dischi turbolatori dello stesso acciaio forati e di diametro diverso così da essere costretta a compiere dei percorsi radiali alterni dal centro verso lesterno. (3^ miscelazione)

7 Principio di funzionamento 6) 6)Vi è poi un disco in plastica che appoggia, a ventilatore spento, su di una guarnizione di tenuta e ciò costituisce il dispositivo anti- reflusso o di non ritorno fondamentale per eliminare anche le perdite per ventilazione a bruciatore spento. 7) 7)Sopra il disco in plastica, cè il disco bianco stabilizzatore di flusso per prevenire rumori anomali.

8 Principio di funzionamento 10)Il controllo di fiamma avviene mediante il sensore di ionizzazione: quando cè combustione, cè corrente di ionizzazione. (richiesto corretto collegamento del neutro) 11)Lungo la superficie del bruciatore microforato si sviluppa la microfiamma la cui altezza dipende dalla richiesta di potenza; la microfiamma, essendo poco estesa, comporta un basso Nox.

9 Principio di funzionamento 12) 12)La combustione, a seguito dellintero processo di miscelazione precedentemente descritto, avviene con basso eccesso daria (maggior rendimento di combustione) e a bassissimo contenuto di CO: la combustione è, praticamente, perfetta!

10 Principio di funzionamento 13) 13)Lo scambiatore primario, al cui interno circola il fluido termovettore, è costituito da un tubo di acciaio AISI 316L alettato di lunghezza oltre 6 metri avvolto a spirale e ad altissima superficie di scambio. 14)Lo scambio termico avviene sia per convenzione che per irraggiamento del tappeto di fiamma verso il serpentino alettato.

11 Principio di funzionamento 15) Sulla testa della camera di combustione vi è un disco ceramico con proprietà termiche di isolamento e radianti, nonché con funzione di protezione della parte superiore del bruciatore.

12 Principio di funzionamento 16) I fumi caldi della combustione, dopo essere stati spinti contro il serpentino alettato, entrano, attraverso i numerosi fori, allinterno dellintercapedine e sono costretti a scendere verso il basso. 17) I fori di passaggio dellintercapedine sono a diametro differenziato (maggiore in alto e minore in basso) per uniformare il flusso ed ottimizzare lo scambio termico.

13 Principio di funzionamento 18) Nella parte inferiore dellintercapedine lintera portata dei fumi, parzialmente raffreddati, è costretta a rientrare e ad effettuare un percorso a spirale ad altissima velocità e in controcorrente con la tubazione alettata relativa al ritorno riscaldamento. (parte più fredda)

14 Principio di funzionamento 19) Lo scambio termico è tale da raffreddare i fumi ben oltre il loro punto di rugiada (t = 55 °C in eccesso daria del 20%) con formazione di condensa e conseguente recupero del calore latente del vapor acqueo pari a 565 Kcal ogni litro di H2O (a t = 55 °C) con incremento fino a +11 punti % rispetto al Potere Calorifico Inferiore.

15 Principio di funzionamento 20) La condensa si forma nella parte bassa dello scambiatore e si raccoglie nella relativa vaschetta di scarico. (in alluminio verniciata poliestere sottovuoto contro la corrosione da parte della condensa acida) 21) Il bruciatore risulta sempre perfettamente asciutto evitando, così, la formazione di incrostazioni e corrosioni che pregiudicano la prestazione della combustione e la durata dei componenti.

16 Principio di funzionamento 22) Lo scarico della condensa risulta sifonato allinterno della caldaia e ciò evita, anche in caso di ostruzione, la pericolosa fuoriuscita dei prodotti della combustione attraverso lo stesso scarico condensa. 23)Il sifone condensa, essendo interno alla coibentazione della caldaia, è protetto dal pericolo di gelo.

17 Principio di funzionamento 24)I fumi, ormai freddi ed esausti (temperatura anche minore di 35 °C), sono pronti per essere evacuati allesterno attraverso il condotto di scarico D60 – D80. 25) Il condotto di scarico fumi è dotato, di serie, della sonda fumi con funzione di protezione e controllo ad ulteriore garanzia della sicurezza di esercizio. 26) La fumisteria, quindi, può essere tranquillamente in materiale plastico, comunque fornita e garantita da Emmeti.

18 Caratteristiche tecniche Circolatore: La pompa di circolazione è gestita in modo intelligente dalla scheda elettronica su due livelli di velocità per favorire un elevato Dt tra mandata e ritorno (fino a 30 °C), consentendo la condensazione anche con gli impianti a radiatori Trasduttore di pressione Il trasduttore di pressione è utilizzato per molteplici funzioni di controllo e di protezione: Controllo e protezione presenza aria; Circolazione impedita; Controllo e protezione pressione impianto.

19 Protezione antigelo Se la temperatura della sonda di mandata si abbassa sotto 8 °C, si aziona la pompa di circolazione; Se la temperatura della sonda di mandata si abbassa sotto 3 °C, si accende anche il bruciatore; Con la sonda di temperatura esterna installata vi è unulteriore protezione. Caratteristiche tecniche Protezione da elevati incrementi di temperatura - -In caso di incrementi tra la temperatura di uscita e quella in ingresso dello scambiatore superiori a 32 °C, la potenza al bruciatore viene ridotta, fino allo spegnimento. (Dt = 45 °C) - -Questo protegge lo scambiatore dagli shock termici e dalle conseguenti rotture che capitavano, ad esempio, con altre caldaie di primarie marche.

20 Caratteristiche tecniche Modulazione in riscaldamento con sonda di mandata ausiliaria S7. ( Opzionale ). Modulazione in riscaldamento con sonda di ritorno.

21 Produzione acqua calda sanitaria con I30K La funzione Booster prevede una maggior erogazione di potenza per la produzione sanitaria rispetto al riscaldamento ambiente. La richiesta viene rilevata mediante la sonda di temperatura e ciò supera i classici problemi legati allutilizzo del flussostato come il limite della minima portata dacqua di intervento. Lutilizzatore imposta una temperatura di mantenimento (esempio 40 °C) e una temperatura di erogazione (esempio 50 °C) Caratteristiche tecniche

22

23 Produzione acqua calda sanitaria con I15B e I30B - -Il confort è assicurato dalla modulazione di potenza con condensazione anche in produzione sanitaria - -La funzione Booster prevede una maggior erogazione di potenza per la produzione sanitaria rispetto al riscaldamento ambiente - -La funzione antilegionella prevede il riscaldamento del bollitore sopra 65 °C una volta ogni 5 giorni

24 Caldaia a condensazione Nina TWIN I80C Possibilità di produzione acqua calda sanitaria tramite valvola 3 vie esterna per riscaldamento di un bollitore separato. Previsto limpiego di fumisteria inox D100. Stessa logica di funzionamento e programmazione dellattuale Nina. Dialogo MASTER- SLAVE.

25 Modulazione di potenza (portata termica al focolare rif. PCI) da 14,6 kW (oppure a scelta da 7,3 kW) a 74,0 kW. Rendimento a Pmax = 101,8% Rendimento a Pmin = 106,9% Pressione massima circuito caldaia = 4,0 bar Pressione di blocco elettronico = 3,2 bar Caldaia a condensazione Nina TWIN I80C

26 N° I35C Larghezza utile necessaria (m) 1,021,481,942,402,863,32 Portata termica al focolare (KW) 69,4104,1138,8173,5208,2242,9 Le dimensioni della caldaia Nina (360 x 600 x 300 mm) sono tali da permettere di realizzare centrali modulari a condensazione in ambienti difficilmente accessibili e con passaggio di ingresso ridotto, evitando costi di demolizione e/o di trasporto per la posa in opera Centrali termiche modulari

27

28 Collettori per centrali modulari con I35C.

29 Regolazione per centrali modulari.

30

31 Recupera Sistema di Ventilazione Meccanica Controllata.

32 benessere Il benessere, da ben – essere = stare bene o esistere bene, è uno stato che coinvolge tutti gli aspetti dellessere umano. Laccezione antica che faceva coincidere il benessere con la salute per lo più fisica riconducibile ad una condizione di assenza di patologie, ha assunto, nel tempo unaccezione più ampia, arrivando a coinvolgere tutti gli aspetti dellessere fisico, emotivo, mentale, sociale e spirituale. Il concetto di una necessaria implicazione nel benessere globale non solo di aspetti psico-fisici, bensì anche di aspetti mentali, sociali e spirituali, oltre che trovare una sua radice nel pensiero filosofico sia orientale, sia occidentale, trova recenti conferme anche in campo medico - scientifico. Anche nel rapporto della Commissione Salute dellOsservatorio europeo su sistemi e politiche per la salute è stata proposta una definizione di benessere come: Stato emotivo, mentale, fisico, sociale e spirituale di ben-essere che consente alle persone di raggiungere e mantenere il loro potenziale personale nella società Stato emotivo, mentale, fisico, sociale e spirituale di ben-essere che consente alle persone di raggiungere e mantenere il loro potenziale personale nella società. Recupera….. Il tuo Benessere.

33 I fattori che influenzano il benessere: Microclima Rumore Illuminazione Qualità dellaria Ventilazione

34 Recupera….. Il tuo Benessere. CHIMICI NOx CO, O3, Co2, SOx, PM10, PM2.5, C6H6, VOC (composti organici volatili), IPA (idrocarburi aromatici policiclici), fumo di tabacco, pesticidi, amianto. FISICI radon, fibre minerali, polveri. BIOLOGICI Batteri, Acari, Allergeni degli animali, Muffe e Funghi, Virus, Pollini.

35 Inquinanti Esterno concentrazione (μg/mc) Esterno dose assorbita (μg/giorno) Interno concentrazione (μg/mc) Interno dose assorbita (μg/giorno) Totale dose assorbita (μg/giorno) Formaldeide Toluene Ozono Particelle NO2 Radon (Bq/mc) ,5 7, , Stima del volume totale di respirazione quotidiano: 15 mc/giorno 1,5 mc esterno 13,5 mc interno. Recupera….. Il tuo Benessere. Nella tabella di seguito si vede come gli inquinanti tendano ad aumentare nel caso di ambienti confinati senza una corretta ventilazione, con dosi assorbite di gran parte degli inquinanti da parte delle persone proprio quando queste sono allinterno degli edifici. Fonte: J.A.J. Stolwijk, The determination of Health Effects of Indoor Air Pollution, vol.4, Indoor Air, 1997

36 Condense SuperficialiCondense Interstiziali Recupera….. Il tuo Benessere. Elevate umidità interne. Serramenti stagni. Abitudini di vita. = Muffe.

37 Recupera….. La tua Energia. Gli edifici del settore residenziale comportano un consumo di oltre il 30% del consumo finale dellenergia Italiana Oltre l80% dellenergia fornita agli edifici residenziali serve per la climatizzazione degli ambienti.

38 Ventilazione e Normative. Criteri per la qualità dellambiente interno includenti la prestazione termica, la qualità dellaria, lilluminazione e il rumore. UNI/EN Ventilazione per gli edifici - Progettazione e dimensionamento di sistemi di ventilazione residenziali CEN/TR Ventilazione negli edifici - Prestazioni energetiche degli edifici - Linee guida per lispezione degli impianti di condizionamento daria. UNI/EN Ventilazione per gli edifici – Calcolo delle temperature ambiente e del carico termico ed energetico con sistemi di condizionamento daria per ambienti. UNI/EN Ventilazione degli edifici. Metodi di calcolo per la determinazione delle portate daria nelle abitazioni compresa linfiltrazione. UNI/EN Ventilazione degli edifici. Metodi di calcolo per la determinazione delle portate daria negli edifici compresa linfiltrazione. UNI/EN Ventilazione degli edifici. Metodi di calcolo per la determinazione dei fabbisogni di energia dei sistemi di ventilazione negli edifici. UNI/EN Ventilazione degli edifici non residenziali. Requisiti prestazionali dei sistemi di ventilazione e condizionamento daria per ambienti. UNI/EN Ventilazione per gli edifici – Prestazioni energetiche degli edifici – linee guida per la ispezione dei sistemi di ventilazione. UNI/EN Principali normative sulla ventilazione.

39 Ventilazione e Normative.

40 Calcolo del ricambio secondo UNI Edificio di 100 mq. 18 – 36 mc/h. Si deve garantire un ricambio anche in assenza di persone.

41 Classificazione dei serramenti (rif. UNI EN )

42 Ventilazione e Normative. Edificio di 100 mq altezza 2,7 m. Ricambio continuo quando occupato 135 – 189 mc/h

43 Quindi per una corretta ventilazione dei locali si può considerare un ricambio continuo di 0,5 Vol/h. Si possono ridurre in presenza di dispositivi che controllino: Presenza CO2 Umidità In questo caso la portata avverrà in funzione dei parametri duso delledificio. Ventilazione e Normative. Vol Edificio 270 mc Ventilazione naturale o aerazione Q = 270 x 0,3 = 81 mc/h Si riducono quindi le dispersioni per la ventilazione del 75% Portata di Progetto Q = 270x0,5 = 135 mc/h Ventilazione Singolo Flusso Q = 135 x 1 = 135 mc/h Q = 135 x 0,6 = 81 mc/h Ventilazione doppio flusso ( 85% ) Q = 135 x 0,15 = 20,25 mc/h

44 Griglia di ripresa aria esterna. Tubazioni di distribuzione. Recuperatore di calore. Bocchette di distribuzione. Bocchette di aspirazione. Come funziona Recupera?

45 I componenti di Recupera. Alta efficienza grazie alla gestione dei flussi daria. Recupero dellefficienza anche sulla parte latente dellaria esausta.

46 I componenti di Recupera. Gruppo ventilante con motore tipo AC Gruppo ventilante con motore tipo EC Motore Assorbimento W Consumo annuo kW/h Differenza % Costo annuo Differenza % Tipo AC ,80 -54% 250,54 -54% Tipo EC Brushless60525,60115,64

47 Recupera ed il sistema Emmeti Home. Emmeti Arcobaleno Emmeti Sun Emmeti Mirai Emmeti Eco Hot Water Emmeti Plasterbard Emmeti Silence Emmeti ClimaFloor Emmeti RECUPERA. Emmeti Top Way Emmeti Firstbox Plus

48 Caso Potenza termica da Dispersioni ( kW/h) Ricambi o Aria (mc/h) Potenza termica da Ventilazione ( kW/h) Potenza termica Totale ( kW/h) Temperat ura di esercizio °C COP * Energia Primaria necessaria (kW/h) EPi kW/h mq anno * ,82.391,3023, ,83.146,4531, ,2931, , ,0041,80 Recupera ed il sistema Emmeti Home. Caso 1. Impianto composto da: pompa di calore inverter Mirai, sistema radiante Clima Floor, recuperatore di calore Recupera. Caso 2. Impianto composto da: pompa di calore inverter Mirai, sistema radiante Clima Floor, aerazione tramite apertura finestre. Caso3. Impianto composto da: pompa di calore inverter Mirai, recuperatore di calore con integrazione di calore per riscaldamento primario. Caso 4. Impianto composto da: caldaia a condensazione Nina, sistema radiante Clima Floor, recuperatore di calore Recupera. * COP Medio Stagionale calcolato sulla base della norma EN :2008 * Indice di prestazione energetica per la climatizzazione energetica invernale

49 Recupera Slim

50 Struttura in PPE per un perfetto isolamento termo-acustico e leliminazione di ponti termici verso lesterno. Collegabile a sistemi di tubazioni Ø125, con anello di tenuta. Sistema di filtraggio integrato: classe Filtrante G4 - Filtri ispezionabili e estraibili. Opzione.Filtro F7 in aggiunta al G4, in immissione. Dotato di termostato antigelo che spegne il ventilatore in immissione quando la temperatura esterna è troppo fredda. Provvisto di due fori di drenaggio condensa, per funzionamento sia con riscaldamento che raffrescamento. Staffa di Fissaggio a soffitto in dotazione per uninstallazione estremamente semplificata. Comando Remoto per la selezione delle velocità incluso nelle versioni con motore EC. Grazie allo scambiatore di calore si evita la dispersione di energia termica dellaria in uscita dai locali, recuperandone fino all88%. Prestazioni misurate presso un laboratorio indipendente secondo le norme EN , EN , EN ISO 5801 e EN308 Conforme alla EN , B.T. 2006/95/CE, EMC 2004/108/CE IPX2. Recupera Slim

51

52 Recupera Slim Autonomo Recupera Slim Centralizzato

53 Recupera…. Lenergia gratuita. By Pass Chiuso. Il flusso daria passa per il recuperatore. By Pass Aperto. Il flusso daria non passa per il recuperatore.

54 Recupera Med Gruppo ventilatori Gruppo Recuperatore Filtri Connessioni Elettriche

55 Dimensioni compatte. Struttura in lamiera dacciaio zincato verniciata con polveri epossidiche, panelli interni in polipropilene (PPE) per un perfetto isolamento termo acustico e leliminazione di ponti termici verso lesterno. Sistema di filtraggio integrato: classe Filtrante G4 - Filtri ispezionabili e estraibili. Dotato di termostato antigelo che spegne il ventilatore in immissione quando la temperatura esterna è troppo fredda. Provvisto di due fori di drenaggio condensa, per funzionamento sia con riscaldamento che raffrescamento. Staffa di Fissaggio a parete in dotazione per uninstallazione estremamente semplificata. Comando Remoto per la selezione delle velocità incluso nelle versioni con motore EC. Grazie allo scambiatore di calore si evita la dispersione di energia termica dellaria in uscita dai locali, recuperandone fino all93%. Prestazioni misurate presso un laboratorio indipendente secondo le norme EN , EN , EN ISO 5801 e EN308 Conforme alla EN , B.T. 2006/95/CE, EMC 2004/108/CE IPX4. Recupera Med

56

57 Dimensionare il sistema Recupera. Calcolo del ricambio necessario. Inserire in ogni stanza i mc. Edificio = 214 mc Ricambio = 110 mc/h Aria di Rinnovo = Camere e Salotto Aria Esausta = Cucina e Bagni

58 Rinnovo. Camera 1 Persona = 15 mc/h Camera 2 Persone = 25 mc/h Salotto 4 Persone = 60 mc/h Ripostiglio = 10 mc/h Dimensionare il sistema Recupera. Posizionare RECUPERA. Posizione centrale per maggiore facilità di distribuzione. Possibilità di lavorare con Recupera Slim in controsoffitto. Calcolare portate stanze. Esausta. Cucina = 50 mc/h Bagno = 30 mc/h

59 Recupera FLEX e suo dimensionamento Semplicità di installazione grazie agli attacchi a CLICK Spazio ridotto di ingombro. Tubazioni fino a Facilità di pulizia grazie alle palline infilabili.

60 Calcolo delle tubazioni. Scegliere le griglie di mandata e aspirazione Scegliere il diametro in funzione delle portate. Scegliere il cassone ripartitore. Recupera FLEX e suo dimensionamento

61 Accessori Recupera. Silenziatore Resistenza elettrica dintegrazione Recuperatore Comando Remoto Filtri Tubazioni DN 125

62 DOMANDE ??

63 BUON LAVORO A TUTTI.


Scaricare ppt "Caldaia a Condensazione Nina S. La combustione In generale, una caldaia serve per trasformare lenergia di un combustibile per ottenere lenergia termica."

Presentazioni simili


Annunci Google