La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

QUALITA IGIENICO SANITARIA NEL LATTE DI MASSA Adolfo Battisti Laboratorio Igiene degli Alimenti ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL MEZZOGIORNO SEZIONE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "QUALITA IGIENICO SANITARIA NEL LATTE DI MASSA Adolfo Battisti Laboratorio Igiene degli Alimenti ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL MEZZOGIORNO SEZIONE."— Transcript della presentazione:

1 QUALITA IGIENICO SANITARIA NEL LATTE DI MASSA Adolfo Battisti Laboratorio Igiene degli Alimenti ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL MEZZOGIORNO SEZIONE DIAGNOSTICA PROVINCIALE DI BENEVENTO

2 Sotto il profilo biologico, il latte è il prodotto ottenuto dalla mungitura completa, regolare ed ininterrotta di animali in buono stato di salute, alimentazione e in corretta lattazione. Sotto il profilo chimico-fisico, il latte è una miscela acquosa nella quale alcuni componenti sono completamente solubili (zuccheri, sali minerali, sostanze azotate non proteiche, vitamine idrosolubili), altri formano una sospensione (lipidi, proteine, vitamine liposolubili e alcuni sali minerali). 2

3 GRASSI, sono rappresentati prevalentemente dai trigliceridi (98%) in cui sono presenti sia acidi grassi saturi (acido palmitico, stearico, laurico e butirrico) e acidi grassi insaturi (oleico e linoleico). I lipidi rimanenti (2%) sono rappresentati da una miscellanea di molecole: monogliceridi, digliceridi, steroli (colesterolo), acidi grassi liberi, carotenoidi (coloranti naturali del latte e dei latticini precursori della vitamina A) e fosfolipidi (lecitina, sfingomieline). A causa delle caratteristiche idrofobiche i lipidi sono dispersi nel latte, non disciolti, come globuli con diametro non superiore ai 10 m rivestite da una membrana lipoproteica che isola il contenuto dallambiente acquoso 3

4 La determinazione della percentuale di grasso nel latte è una delle analisi più importanti e necessarie al fine di: rilevare eventuali adulterazioni, stabilire il valore commerciale del prodotto, ai fini della sua trasformazione, per determinare la resa in burro. La determinazione avviene con il metodo Gerber basato sullazione dissolvente dellacido solforico e dellalcol isoamilico su tutti i componenti del latte tranne il grasso, che viene separato in uno strato chiaro, trasparente, facilmente misurabile. Al momento in cui si esegue questa determinazione, è possibile rilevare la presenza della formaldeide (potente battericida) nel latte; infatti laddizione al latte di acido solforico provoca una colorazione violacea. 4

5 SOSTANZE AZOTATE, sono le proteine, lurea, creatina, creatinina ed ammoniaca, molecole presenti nel latte che presentano azoto. Per la determinazione si utilizza il metodo Kjeldahl, il principio consiste nella trasformazione dellazoto presente in solfato d'ammonio, dal solfato dammonio si libera l'ammoniaca che è titolata con una soluzione di acido cloridrico a titolo noto, ed in base alla quantità di ammoniaca titolata è possibile calcolare il contenuto proteico del campione analizzato. 5

6 SOSTANZE AZOTATE NON PROTEICHE la più abbondante è lurea, seguita dalla creatina, creatinina ed ammoniaca. I caseifici richiedono la determinazione dellurea per valutare leffettivo titolo di proteine. Lurea, può essere determinata mediante pH-metria differenziale. Squilibri nellalimentazione possono essere scoperti mediante la determinazione del contenuto di urea. Unalimentazione equilibrata fornisce valori di urea tra mg/dl di latte. Diete a contenuto proteico elevato provocano un aumento della concentrazione dellurea, sopra 50 mg/dl di latte. Diete povere di proteine riducono la concentrazione di urea al di sotto di 10 mg/dl di latte. Alte concentrazioni dellurea sono negative per la caseificazione. Inoltre nel latte mastitico il livello di urea aumenta. 6

7 PROTEINE sono il 95% della sostanza azotata. La proteina predominante è la caseina che rappresenta l85% delle proteine totali. Le sieroproteine (proteine solubili) sono rappresentate da albumine, globuline, proteoso-peptoni e metalloproteine. Le lattoglobuline, lattoalbumine sono sintetizzate dalla mammella e sono ricche di aminoacidi essenziali Lalbumina del siero di sangue e le globuline sono filtrate dal sangue dellanimale. Nel latte mastitico il livello di sieroproteine aumenta. Una piccola parte di proteine è costituita da enzimi come proteasi (plasmina), lipasi, catalasi, fosfatasi e perossidasi. 7

8 Le caseine sono disperse come sospensione colloidale sotto forma di micelle. Le micelle caseiniche sono costituite dalla frazione proteica (le caseine) ed una componente minerale formata da calcio, fosfato, piccole quantità di magnesio, sodio, potassio, citrato; infatti, si parla di fosfocaseinato di calcio. Le caseine sono glicofosfoproteine ricche di zolfo sintetizzate direttamente dalla mammella e sono presenti sotto varie isoforme s1-, s2-, s3-, -, - -casiena. Le s1-, s2-, s3-, -caseina sono fosofoproteine; la -casiena è una glicoproteina ed è particolarmente sensibile allazione della chimosina la sua rottura dà inizio alla coagulazione; la -caseina è una proteina di clivaggio derivante dalla proteolisi, da parte della plasmina, della -caseina. Le - caseina nei latti di specie diverse presentano velocità elettroforetiche diverse e questa proprietà permette di differenziare i latti. 8

9 9

10 10

11 11

12 ZUCCHERI, il lattosio costituisce la quasi totalità degli zuccheri del latte. Gli altri zuccheri presenti in quantità ridotta sono coinvolti principalmente nella struttura glucidica delle glicoproteine. Il lattosio è un disaccaride, tipico del latte, composto da due monomeri glucosio e galattosio. Il lattosio è idrolizzato (fermentato) nei due monomeri dallenzima -galattosidasi, idrolasi presente nel corredo enzimatico normale dei microrganismi di interesse lattiero-caseario, i batteri lattici. 12

13 Grasso, proteine e lattosio nel latte possono essere determinati, mediante spettrofotometria agli infrarossi (IR), che misura lassorbimento: dei gruppi ossidrilici C-OH del lattosio a 9,6 m, dei gruppi ammidici delle proteine a 6,5 m, dei gruppi alchilici C-H dei grassi a 3,5 m. 13

14 ACIDO LATTICO, è il prodotto della fermentazione del lattosio ad opera principalmente dellattività microbica. La sua concentrazione è correlata alla carica batterica totale e può essere un utile indicatore del buon stato di conservazione dellalimento. Infatti, il trattamento termico ad alte temperature abbatte la carica microbica ma non altera la concentrazione dellacido lattico che perciò diviene un indicatore della storia del prodotto. Nel latte prodotto da una mammella sana è presente in quantità inferiore a 10 mg/l (10 ppm). Quantità superiori sono principalmente il risultato della presenza di microrganismi che contaminano il latte e che utilizzando il lattosio per la loro moltiplicazione, acidificano il latte. Una presenza elevata di acido lattico destabilizza le proteine anticipando la precipitazione processo che si svolge durante la caseificazione. 14 B) Lacido lattico, può essere determinato mediante pH-metria differenziale. A) Lacido lattico può essere determinato mediante spettrofotometria end point con lettura spettrofotometrica nel visibile a 545 nm o 505 nm, lintensità del complesso viola che si forma è direttamente proporzionale alla concentrazione di ac. L-lattico nel campione.

15 SALI MINERALI il latte contiene diversi tipi di sali, spesso in associazione con le micelle di caseina. Tra i sali minerali il calcio è il più importante, grazie allazione del caglio è coinvolto nella precipitazione della caseina sotto forma di caseinato di calcio. Altri cationi importanti sono sodio, magnesio e potassio. Tra gli anioni solfati cloruri e fosfati. VITAMINE sono tutte presenti nel latte, predominano la vitamina A. INIBENTI dopo trattamento antibiotico e dopo applicazioni di detergenti, disinfettanti o conservanti si possono trovare nel latte sostanze inibenti ad effetto batteriostatico e battericida. Per la loro determinazione è impiegato un test microbiologico miniaturizzato, che utilizza il Bacillus stearothermophilus, microrganismo produttore di acido che fa variare lindicatore di pH da viola a giallo. 15

16 Incremento dei germi per ml di latte refrigerato o meno (munto igienicamente) 16

17 CELLULE SOMATICHE, insieme eterogeneo di elementi cellulari di differente origine e con diversa funzione, derivanti in parte dal sangue e dalla linfa (leucociti, linfociti), ed in parte dal tessuto ghiandolare e dei dotti galattofori della mammella. Essi sono riconducibili a quattro gruppi: leucociti polimorfonucleati neutrofili, nel latte di un animale sano rappresentano circa il 10%; macrofagi, sono circa il 60%; linfociti B e T, sono circa il 30%; cellule epiteliali, derivano dallo sfaldamento superficiale del tessuto ghiandolare della mammella e dei dotti galattofori in conseguenza di un normale processo di rinnovamento, sono circa lo 0 - 7%. In normali condizioni di salute la loro presenza si arresta su valori di cellule per ml nel latte vaccino. Per il latte bufalino il valore normale è più basso tra – cellule per ml 17

18 Il tasso di cellule somatiche nel latte riveste un duplice ruolo: indice di funzionalità mammaria e indice di qualità tecnologica del latte poiché le cellule somatiche sono capaci di degradare le proteine del latte grazie ad una proteasi termoresistente che idrolizza le - e -caseine. Inoltre i leucociti andando incontro ad autolisi liberano altri enzimi proteolitici. La pastorizzazione le distrugge quasi tutte ma non arresta lazione degli enzimi a loro riferibili, azione che non è bloccata dal freddo. Le cellule somatiche sono contate mediane citometria a fluorescenza; in particolare si sfrutta la capacità di quantificare la fluorescenza emessa, dal bromuro di etidio, sostanza in grado di intercalarsi tra le basi azotate del DNA cellulare e di emettere luce arancio se eccitato da radiazione UV con compresa tra 254 e 306 nm. Ogni cellula produce un impulso elettrico che viene amplificato e registrato. Il numero di cellule viene espresso in migliaia per ml. 18

19 pH Il pH rappresenta la concentrazione idrogenionica da cui dipende la stabilità della fase caseinica. Infatti, nella caseina prevalgono i gruppi acidi e nelle micelle gli anioni degli acidi fosforico e citrico, così il latte ha una reazione debolmente acida, compresa tra i pH 6.5 e 6.8. pH 6.8 latte mastitico Il latte per la presenza di proteine che hanno gruppi con cariche positive e negative è una soluzione tamponata. Per questo, variazioni anche relativamente piccole dei valori indicati, sono considerate indici di anormalità. 19

20 ACIDITA TOTALE Lacidità totale del latte corrisponde alla somma dellacidità naturale e dellacidità di fermentazione che aumenta dopo la mungitura per la trasformazione del lattosio in acido lattico, ad opera dei batteri lattici. Il metodo per determinare lacidità totale è una titolazione colorimetrica che esprime lacidità in gradi Soxhlet-Henkel, infatti lacidità è misurata dalla quantità in mL di una soluzione alcalina NAOH 4N necessaria per modificare il pH del latte portandolo da 6,6 a 8,3 così da modificare il suo potere tampone; che si evidenzia con il viraggio dellindicatore fenoftaleina dallincolore al rosso. Aumenta con unalimentazione troppo ricca di carboidrati e dallinquinamento microbico che causa la fermentazione degli zuccheri. Diminuisce in caso di mastite. 20

21 DENSITA La densità del latte (rapporto tra massa e volume) non è un valore costante, perché costituisce la somma delle densità del grasso, che ha una densità di 0, e della miscela acquosa del residuo secco magro che ha una densità di 1,036-1,037. La densità del latte ha i seguenti valori medi. La densità del latte dipende da tutti i suoi costituenti per questo è indice della sua ricchezza compositiva, in genere più è elevata più il latte è ricco. La densità, pur non costituendo un mezzo sicuro per lindividuazione delle frodi, può fornire utili indicazioni sullannacquamento del latte. E evidente che il valore della densità può aumentare se il latte è scremato e diminuire se annacquato. La prova si esegue utilizzando il cosiddetto lattodensimetro di Quevenn costituito da: un galleggiante zavorrato in basso e portante in alto una sottile asta di vetro con scala graduata da 20 a 40, dove 20 sta per 1,020 e così via ed un termometro incorporato. 21

22 PUNTO DI CONGELAMENTO (indice crioscopico) Indica la temperatura di congelamento del latte e dipende dal numero di molecole in soluzione vera: lattosio, citrati, cloro e sali minerali; queste sostanze determinano nel latte labbassamento del punto di congelamento. Con il termine abbassamento del punto di congelamento, sintende allontanarsi da 0°C verso -1°C (da -0,520 a -0,522, -0,525, -0,999 ecc.), mentre con il termine innalzamento sintende lavvicinarsi a 0°C (da -0,520 a -0,515, -0,400 ecc). Il latte congela al di sotto di 0°C, perché le sostanze disciolte abbassano il punto di congelamento del solvente puro (acqua). E un parametro relativamente costante, per cui è utilizzato per valutare leventuale annacquamento del latte. Lindice crioscopico del latte di vacca varia da -0,520°C e -0,550°C; con valore legale -0,520°C. Il latte di pecora ha un punto crioscopico più basso tra °C e -0,565°C. Per il latte bufalino il punto crioscopico è di circa -0,526°C. 22

23 La scrematura del latte e lannacquamento del latte con aggiunta di NaCl non fa variare il punto crioscopico. Il latte annacquato aumenta il punto di congelamento verso lo zero, poiché aumenta il volume della soluzione e diminuiscono il numero di moli in soluzione. Durante i trattamenti termici del latte alcuni sali si aggregano alle sostanze proteiche, altri precipitano, facendo diminuire il numero di moli in soluzione, così il punto di congelamento aumenta avvicinandosi allo zero. Lacidificazione del latte per fermentazione lattica abbassa il punto di congelamento, verso -1°C, per il fatto che da una molecola di lattosio si formano 4 molecole di acido lattico; per questo motivo la determinazione del punto crioscopico non è corretta con latte molto acido (pH 6,4 o °SH tra 8,5 e 9). Laggiunta di sali solubili abbassano il punto di congelamento, verso - 1°C. 23

24 FOSFATASI ALCALINA, enzima normalmente presente nel latte crudo distrutto dalle condizioni usate per la pastorizzazione. La permanenza dellenzima è indice di presenza di latte crudo o di pastorizzazione inadeguata. Si considera negativa se inferiore a 4 μg/mL. ATTIVITA PEROSSIDASICA la perossidasi è un enzima associato alle proteine del siero. Viene inattivata dai trattamenti termici più drastici di quelli necessari per un normale processo di pastorizzazione. Pertanto, la persistenza dellattività perossidasica nel latte pastorizzato può venire adottata come indice di buona qualità del prodotto, con basso livello di inquinamento microbiologico, in quanto solo ad un latte crudo di buona qualità microbiologica è possibile applicare un trattamento di pastorizzazione così blando da non inattivare questo enzima; in tal caso le caratteristiche chimico-fisiche e nutrizionali del latte sono alterate solo minimamente. 24

25 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Il Regolamento CE n. 853:2004 stabilisce che gli operatori del settore alimentare hanno lobbligo di porre in atto procedure intese a garantire che il latte crudo di vacca soddisfi i seguenti criteri: Carica batterica a 30°C *ufc/ml Cellule somatiche ** cellule/ml che il latte crudo di altre specie soddisfi il seguente criterio: Carica batterica a 30°C *ufc/ml * Media geometrica calcolata su un periodo di due mesi con almeno due prelievi al mese. ** Media geometrica calcolata su un periodo di tre mesi con almeno un prelievo al mese. QUALITÀ IGIENICO-SANITARIA DEL LATTE 25

26 CARICA BATTERICA MESOFILA TOTALE: rappresenta il numero di germi che si sviluppano a 30°C Indice delle contaminazioni esogene del prodotto. CELLULE SOMATICHE: Sono rappresentate da quattro gruppi di elementi cellulari: leucociti; linfociti; macrofagi; cellule epiteliali Indice dello stato sanitario della mammella. Il latte di massa permette di valutare lo stato igienico-sanitario di tutto lallevamento e la rispondenza delle modalità di conduzione aziendale alle specifiche di riferimento. 26 Obiettivi: 569 Campioni analizzati Autocontrollo aziendale Conferimento al laboratorio in contenitori asettici ad una temperatura compresa tra 0°C e 6°C

27 CONFORMI NON CONFORMI Risultati Percentuale di campioni conformi e non conformi per livelli di CBT e CCS superiori ai limiti stabiliti 27

28 Risultati CARICA BATTERICA TOTALE PER SINGOLA AREA DI PRODUZIONE CONFORMI NON CONFORMI 28

29 CONFORMI NON CONFORMI Risultati CONTA CELLULE SOMATICHE PER SINGOLA AREA DI PRODUZIONE 29

30 CBT (ufc/ml) Provenienza campioni Numero di campioni VALORE MINIMO MEDIA DEI VALORI VALORE MASSIMO Benevento 50 < * Morcone 123 < * Moiano * 2.9 x 10 6 Airola 114 < * Campoli * Melizzano * CSS (cellule/ml) VALORE MINIMO MEDIA DEI VALORI VALORE MASSIMO ** x ** ** 2.3 x ** ** ** * Media geometrica calcolata su un periodo di due mesi con almeno due prelievi al mese. ** Media geometrica calcolata su un periodo di tre mesi con almeno un prelievo al mese. Risultati CBT-CCS PER COMUNE DI PROVENIENZA 30

31 Risultati I campioni non conformi sono stati suddivisi in tre gruppi in base ai livelli di CBT e CCS riscontrati 31

32 CBT CCS Possibile analisi di latte mastitico CBT CCS Contaminazione esogena del prodotto CBT CCS Notevole afflusso di cellule epiteliali; frode 32 Discussione

33 60% dei campioni è risultato idoneo 40% è risultato non conforme Sostanziale rispetto della Normativa Vigente Notevole variabilità tra i valori minimi e massimi di CBT e CSS riscontrati Indice dellestrema eterogeneità delle condizioni di produzione e stoccaggio del latte in stalla. Nei comuni a forte vocazione zootecnica (Morcone, Moiano, Airola e Melizzano), in cui prevalgono modalità di conduzione aziendale innovative e basate sul rispetto delle specifiche di riferimento, abbiamo percentuali di conformità dei campioni molto elevate tendenti al 70%. In comuni come Benevento e Campoli, in cui prevalgono piccole aziende a gestione familiare, caratterizzate da modalità di allevamento e produzione molto spesso tradizionali, abbiamo percentuali di non conformità più elevate e pari al 45-50%. 33

34 Discussione Non Conformità e sue conseguenze NON IDONEITÀ AL CONSUMO Rischi per la salute del consumatore ALTERAZIONI DELLA COMPOSIZIONE Minor attitudine alla caseificazione DEPREZZAMENTO DEL LATTE Ricadute economiche per lallevatore 34

35 Discussione INTERVENTI MIGLIORATIVI 35 Formazione del personale Maggiore razionalizzazione delle procedure di produzione Implementazione dei piani di Autocontrollo Impiego di attrezzature/infrastrutture igienicamente idonee


Scaricare ppt "QUALITA IGIENICO SANITARIA NEL LATTE DI MASSA Adolfo Battisti Laboratorio Igiene degli Alimenti ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL MEZZOGIORNO SEZIONE."

Presentazioni simili


Annunci Google