La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1. Sociologia Inverno 2006. Auguste Comte (1798 – 1857) positivista e società al centro È la prima persona a denominare sociologia (relazione uomo – società

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1. Sociologia Inverno 2006. Auguste Comte (1798 – 1857) positivista e società al centro È la prima persona a denominare sociologia (relazione uomo – società"— Transcript della presentazione:

1 1. Sociologia Inverno 2006

2 Auguste Comte (1798 – 1857) positivista e società al centro È la prima persona a denominare sociologia (relazione uomo – società e cultura) La sociologia deve analizzare il divenire quindi il PROGRESSO della società legge dei tre stadi dellevoluzione dellumanità (evoluzione dettata dallintelletto) 1o stadio teologico (prevalgono i sacerdoti) 2o stadio metafisico (prevalgono i filosofi) 3o stadio positivo (prevalgono scienziati e industriali) Legge che regola i nostri bisogni (bisogni in relazione tra di loro e la soddisfazione dei bisogni) Conquista Difesa Lavoro (provoca la morale) e lo stato statico o ORDINE della società Strutture costanti: istituzioni sociali, religiose, politiche; famiglia; linguaggio; proprietà e organizzazione della produzione Unità sociale: famiglia (sentimento), stato (ordine e politica), religione (morale) Poteri: materiale (ricchi-forza), intellettuale (scienziati-ragione), morale (donne- sentimento) Come avviene levoluzione? Grazie alla divisione della proprietà, del lavoro e del potere ma anche grazie a sentimento e morale. Grazie allindustrializzazione si evolverà la società sia materialmente ma anche intellettualmente e scientificamente

3 Herbert Spencer (1820 – 1903) positivista e individualista Amico di Darwin (evoluzione dettata dalla biologia) Levoluzione avviene nella biologia grazie al sentimento e grazie alla libertà degli individui Burocrazia è negativa dato che toglie la libertà agli individui Lunità della società è condizionata da Relazione individuo-esterno Relazione individuo-individuo

4 Emile Durkheim (1858 – 1917) positivista e società al centro È la prima persona a denominare la sociologia come una scienza La sociologia deve studiare i fenomeni sociali nel nascere quindi la CAUSA e il loro scopo quindi la FUNZIONE che va ricercata nelle finalitá sociali Modello funzionalista: lindividuo non influenza i fatti sociali (es. economia) e deve attenersi alle regole dettate dalla società, altrimenti la società non può esistere. Se lindividuo non avesse regole sarebbe in preda alle guerre tra individui per soddisfare i propri bisogni Tipi di SOLIDARIETÀ (libri di Durkheim) Solidarietà meccanica: individui sono posti sullo stesso livello es. stesse credenze, stessi sentimenti Solidarietà organica: individui non sono sullo stesso livello es. capo e loperaio e quindi sono dipendenti luno dallaltro con un alto livello di individualismo Tipi di SUICIDIO Suicidio altruista: individuo che si suicida è molto integrato nella società Suicidio egoista: individuo che si suicida non è integrato nella società Suicidio anomico: individuo si suicida in un periodo dove cè un cambiamento nella società quindi cè assenza di regole Religione lega gli individui alla società. Durkheim analizza la funzione della religione in gruppi primitivi Critica: Durkheim non prende in considerazione che lindividuo si ribelli o contrasti le regole. In più nel suicidio non inserisce la possibilità che un individuo si possa suicidare proprio a causa delleffetto negativo che le regole hanno su di lui

5 Karl Marx (1818 – 1883) al centro cè la classe Levoluzione deriva dai fattori di produzione e dai rapporti di produzione che si scontrano grazie a conflitti con le rappresentanze culturali e le regole Lindividuo è parte di una classe (cause nascita e lavoro) e può esserne cosciente oppure no Classe in se: individuo non è cosciente di apartenere ad essa ma comunque ne fa parte Classe per se: individuo ne è cosciente Coscienza di classe: coscienza di fare parte della classe porta a revoluzioni Marx contrappone alle ideologia (es. religione) la sua teoria Perchè difende il proletariato? Essi non sono legati alla proprietà privata che aliena lindividuo dalla sua vita (oggetto della vita è la produzione e vedere il prodotto finito quindi Marx va anche contro lo scambio) Alla teoria di Marx seguirà Materialismo dialettico fondato sulla politica e sulleconomia (es. Lenin) Materialismo storico fondato sulla ricerca empirica e sullattenzione ai fenomeni sociali (es. Gramsci)

6 Max Weber (1864 – 1920) non positivista e individualista La sociologia deve esaminare lagire sociale che è collegato ad un senso soggettivo che può essere composto da ogni tipo di significato Lindividuo è capace di decisione, razionale, autonomo non viene visto come agire sociale lagire uniforme (es. aprire un ombrello quando piove) e lagire passivo condizionato da altri Individui entrano in relazione tra di loro con lagire e per ogni individuo è di riferimento lagire dellaltro Lindividuo si deve assumere le conseguenze del proprio agire Tipi di agire sociale (nella realtà lagire è composto da tutti questi tipi con prevalenza di uno dei seguenti tipi) Razionale rispetto allo scopo (modello mezzo-fine) Razionale rispetto al valore (es. kamikaze) – le conseguenze non sono importanti Affettivo es. innamorato Tradizionale es. buona educazione Tipi di poteri ideali: potere carismatico, potere tradizionale e il potere legale Critica Marx perchè dice che un fenomeno sociale ha più fattori. Lui dice che il capitalismo che è una gabbia dacciaio è nato anche grazie alla religione protestante

7 Georg Simmel (1858 – 1918) non positivista e individualista Nellagire sociale (vedi Weber) gli individui interagiscono tra di loro e nasce lunità sociale. Nellunità sociale cè la relazione tra gli individui che è dovuta a Contenuto (es. interesse, scopo) Forma e quindi il modo in cui gli individui interagiscono tra di loro (es. moda) Il denaro ha nella società un effetto oggettivo poichè elimina il valore soggettivo di un bene Alienazione dellindividuo allinterno della sua vita grazie allo spirito oggettivo e alle regole (tragedia della cultura) Lindividuo non è totalmente integrato nella società, una sua parte è sempre al difuori dalla società In questepoca si riconosce pienamente la tensione tra individuo e società

8 Vilfredo Pareto (1848 – 1923) positivista Lui è un economista che decide di studiare lagire non logico dellindividuo Lagire è composta da Agire logico (non è quasi mai presente nella realtà) Fine soggettivo corrisponde al fine oggettivo Agire non logico 1o tipo: non cè ne un fine oggettivo che uno soggettivo es. movimenti automatici 2o tipo: non cè un fine oggettivo ma esiste uno soggettivo es. la magia 3o tipo: esiste un fine oggettivo ma non esiste quello soggettivo es. bisogni fisiologici simili a quelli degli animali 4o tipo: esiste un fine oggettivo e uno soggettivo ma questi non corrispondono es. voglio costruire una società capitalista e alla fine ho costruito una società comunista Medodologia della ricerca sociale: deve essere fatta in modo empirico, bisogna osservare e non giudicare. Problema: conclusioni e opinioni del ricercatore e lattendibilità delle fonti Derivazioni: lindividuo tende a razionalizzare con interpretazioni logiche le azioni non logiche Residui: gli istinti vengono ricoperti dal ragionamento. Ci sono diversi tipi di residui: Residui tradizionali: residui sempre utilizzati Residui tradizionali che vengono mischiati con nuovi residui (fa in modo che ci sia creatività) Residui sessuali Residui in relazione con la socialità Residui legati allintegrità dellindividuo Bisogno di manifestare i sentimenti con atti esterni Teoria dellélite: ci sarà sempre una minoranza (élite) che guida e che regna su gli altri individui

9 Talcott Parsons ( ) Influenze da parte di Durkheim, Weber, Radcliffe-Brown, Malinowski Teoria dellazione sociale Soggetti: autore, situazione, ordine simbolico e risultato Modi di azione: emozionale anche formale, con guidizio generale o relativo alla situazione, fine soggettivo o per la comunità, relazione con individuo o relazione per una caratteristica di un individuo Teoria sul sistema dellazione Soggetti: autore, situazione, ordine simbolico e gli altri attori Il sistema dazione va analizzato dallinterno e dallesterno, dai mezzi a disposizione e dallo scopo La società sopravvive solo se adempie allAGIL A: adaption allesterno – il problema va ricercato nel sottosistema economico G: goal – il problema va ricercato nel sottosistema politico I: integration dei soggetti del sistema dazione – il problema va ricercato nel sottosistema giuridico L: latency ci sono strutture nascoste nella società – il problema va ricercato nel sottosistema culturale I sottosistemi sono sempre più legati fra di loro Sistema della personalità: lindividuo deve rispettare le regole e così la società può sopravvivere. Dallaltro canto la società deve dare la possibilità allindividuo si soddisfare i propri bisogni Sistema della cultura: lindividuo è orientato nella società da modelli di comportamento come il ruolo

10 Linternazionalismo simbolico Mead (1863 – 1931) La teoria di Mead viene chiamata linternazionalismo simbolico Per costruire il soggetto sociale ci sono 3 sfere: self, mind e society Latto sociale ha parti interne e parti esterne. Lindividuo può essere analizzato anche nella società Gesto: movimento non intenzionato e automatico che allinterno di un gruppo ha un significato Linguaggio: gesto che è intenzionato Se si toglie la rapporto sociale, il linguaggio allora non può neanche esistere il pensiero (esiste relazione tra interno ed esterno) Sé: lindividuo si percepisce come lo vedono gli altri Costruzione del Sé: avviene già da bambino Distinzione tra Io (individuo si vede come un personaggio storico) e Me (individuo adotta comportamento da altri individui). Per Mead lindividuo dovrebbe fare parte di più gruppi sociali

11 Lo strutturalismo Lo strutturalismo riconosce limportanza della struttura allinterno della società. La parte che è presente nella struttura trova la sua importanza nella posizione e nella struttura stessa. Al difuori di essa non avrebbe importanza. Lo strutturalismo desidera anche analizzare la società Foucault ( ): le epoche sono suddivise da epistème (forme discorsive di un epoca). Quando termina un epistème unepoca finisce e ne inizia unaltra. Durante il razionalismo classico si è data importanza alla razionalità che ha un fine produttivo. Ora dobbiamo aprirci alla follia che ci può mostrare nuovi tipi di razionalità Il potere non è solo presente nella struttura stato ma è una rete produttiva ed è dappertutto. Per distruggere il potere bisogna distruggere lordine Levi Strauss: lindividuo è totalmente sottoposto al sistema anche in ambito affettivo. Bisognerebbe isolare lindividuo per analizzare la struttura nella struttura

12 La teoria critica Questa teoria critica il troppo razionalismo dovuto allIlluminismo. Non bisogna solo analizzare i fatti ma cambiare la società (Scuola di Francoforte). Nasce nel 1920 in un periodo storico particolare: fascismo, industrializzazione, 2a guerra mondiale Max Horkheimer Critica leconomia che non sempre porta per lindividuo cose positive (es. la guerra) Lindividuo cerca protezione nella società e vuole farne parte La teoria di Horkheimer-Adorno: lIlluminismo ha portato delle cose positive come la libertà ma anche delle cose negative come una razionalità totale. Lasciamo spazio alla magia, ai valori come lamicizia, lonesta che dato che non hanno fini produttivi non vengono valorizzati

13 La teoria critica Adorno: lui va contro la dialettica con la dialettica negativa. Dice che noi non possiamo vedere la realtà in modo totale grazie alla razionalità, dato che cè una parte che non possiamo apprendere con la razionalità. La razionalità deve essere liberata dal dominio e uscire dallidentità. La conoscenza è il modo in cui viene vista la realtà dagli individui.

14 Fenomenologia Si analizza il fatto sociale come un fenomeno e quindi si analizza solo quello che si vede. Ogni fatto convenzionale viene analizzato come ogni interpretazione Garfinkel: il fatto sociale deve essere analizzato allinterno del suo contesto. Lui fa molti esperimenti per sottolineare la cornice e gli interessano le situazioni in cui si rimettono in discussione le regole nella società Schütz ( ): analizza il mondo della vita (comunicazione e comprensione) grazie alla comunicazione, a istituzioni culturali e a simboli (es. sorriso). Lui critica Weber e dice che lagire sociale Ha un senso sia soggettivo che oggettivo Che il significato del senso dipende dal interlocutore, dallautore e dallosservatore Che lindividuo deve essere consapevole nellagire. Esiste il mondo ambiente (io-tu-egli) e il mondo dei contemporanei (noi-voi-essi). Se un individuo racconta la propria esperienza e inserisce anche quella di altri individui, questo si chiama tipizzazione Ci sono motivi causali e motivi finali che spingono lindividuo ad agire

15 Fenomenologia Goffmann (1922 – 1982): dice che il Sé (vedi Mead) e il ruolo (vedi Parsons) non può esistere al difuori della società I rituali sono importantissimi per lunità sociale Lindividuo non si identifica totalmente con il suo ruolo e quindi rimane una parte di creatività e di potere per lindividuo Ribalta e retroscena: in ribalta il bullo deve addempiere al proprio ruolo con comportamento e regole; il dramma avviene proprio in ribalta con linterazione sociale. In retroscena il bullo si trasforma a casa in un essere insicuro, quindi lascia cadere la sua maschera Interesse per situazioni in cui vengono messe in discussioni le regole della societa (vedi Garfinkel) Goffmann si chiede come si comportano due persone che si vedono per la prima volta. Molto importante è come si è vestiti e i gesti


Scaricare ppt "1. Sociologia Inverno 2006. Auguste Comte (1798 – 1857) positivista e società al centro È la prima persona a denominare sociologia (relazione uomo – società"

Presentazioni simili


Annunci Google