La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INTRODUZIONE ALLA MICROBIOLOGIA Il nostro mondo è popolato da creature invisibili, troppo piccole per poter essere osservate ad occhio nudo. Queste forme.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INTRODUZIONE ALLA MICROBIOLOGIA Il nostro mondo è popolato da creature invisibili, troppo piccole per poter essere osservate ad occhio nudo. Queste forme."— Transcript della presentazione:

1

2 INTRODUZIONE ALLA MICROBIOLOGIA

3 Il nostro mondo è popolato da creature invisibili, troppo piccole per poter essere osservate ad occhio nudo. Queste forme di vita sono definite microrganismi (o microbi) e possono essere osservate solo tramite luso di un microscopio

4 Microbiologia: DEFINIZIONE Microbiologia: scienza che studia i microrganismi e la loro attività Microrganismi: organismi che sono talmente piccoli da non poter essere osservati ad occhio nudo, ma solo tramite lutilizzo di un microscopio Questa disciplina studia la forma, la struttura, la riproduzione, la fisiologia, il metabolismo dei microrganismi, la loro distribuzione in natura, le relazioni tra loro e gli altri esseri viventi, gli effetti benefici e dannosi che hanno sugli esseri umani, le modificazioni fisiche e chimiche che provocano nel loro ambiente

5 Che cosa sono i microrganismi? 1. Batteri 2. Alghe 3. Protozoi 4. Funghi 5. Virus Batteriologia Ficologia Protozoologia Micologia Virologia batterivirus protozoi funghi

6 Esistono due tipi fondamentalmente differenti di cellule Cellula procarioteCellula eucariote

7 Cellula procariote

8 Cellula eucariote

9

10

11 MODimensioni (range) Tipo di cellula Virus µm Acellulari Batteri µm Procariote Funghi 2µm->1m Eucariote Protozoi µm Eucariote Alghe 1µm-several meters Eucariote Dimensioni e forma delle cellule dei microrganismi MO= microrganismo

12

13 Il mondo dei microrganismi Organismi viventi Agenti infettivi (non viventi) Procarioti (unicellulari) eucariotivirusviroidiprioni EubatteriArchaeaAlgheFunghiProtozoi

14 A cosa associamo il termine batteri? Malattie Infezioni Epidemie Degradazione degli alimenti Ma…. Solo l1% di tutti i batteri conosciuti causa malattie nelluomo Solo il 4% di tutti i batteri conosciuti causa malattie nelle piante 95% di tutti i batteri sono NON PATOGENI

15 Alcuni benefici apportati dai MO 1) necessari per i cicli geochimici del suolo. Esempio: ciclo dellazoto

16 2) Utilizzati per la produzione di vari tipi di bevande e alimenti (formaggio, yogurt, pane, birra, vino, aceto) Alcuni benefici apportati dai MO

17 Fermentazione alcolica

18 3) I microrganismi producono antibiotici Penicillina – Penicillium notatum 1928 Alexander Fleming Alcuni benefici apportati dai MO (2)

19 4. Alcuni batteri sintetizzano sostanze di cui il nostro organismo ha bisogno Esempio: E. coli – B vitamina - metabolismo – Vitamin K - coagulazione – Colon (intestine) Alcuni benefici apportati dai MO (3)

20 utilizzati come biomassa produttori di farmaci e molecole per uso industriale Alcuni benefici apportati dai MO (4)

21 Storia della microbiologia In the field of observation, chance favors only prepared minds -----Louis Pasteur

22 The discovery of microorganisms The spontaneous generation conflict The recognition of microbial role in disease The discovery of microbial effects on organic and inorganic matter The development of microbiology in this century

23 La scoperta dei microrganismi Antony van Leeuwenhoek ( ) nel 1676 scopre gli animalcules grazie al suo microscopio. Antony van Leeuwenhock ( ) Delft, Holland

24 lente oggetto da osservare viti

25

26 Disegni che Leeuwenhoek utilizzò per descrivere gli animalcules osservati nei campioni di saliva Antony van Leeuwenhoek scrisse una serie di lettere alla Royal Society di Londra, in cui fornì delle descrizioni dettagliate dei microrganismi che osservò studiando campioni di acqua piovana e campioni di saliva "I then most always saw, with great wonder, that in the said matter there were many very little living animalcules, very prettily a-moving. The biggest sort... had a very strong and swift motion, and shot through the water (or spittle) like a pike does through the water. The second sort... oft-times spun round like a top... and these were far more in number."

27 Da dove originano i microrganismi? Teoria della generazione spontanea: la vita origina dalla non-vita (materia inanimata). Questa teoria era presente fin dai tempi di Aristotele ( B.C.)

28 Louis Pasteur (1822 – 1895) E considerato il padre della microbiologia Pasteur (1861) ha condotto esperimenti per confutare la teoria della generazione spontanea dei microrganismi teoria della biogenesi Pasteur (1881) sviluppò il vaccino control lantrace Pastorizzazione Louis Pasteur al lavoro nel suo laboratorio

29 Fiasche con collo di cigno utilizzata negli esperimenti di Pasteur per confutare la teoria della generazione spontanea dei microrganismi e provare la teoria della Biogenesi

30

31 Conclusione: I microrganismi non si generano spontaneamente dalla materia inanimata o in decomposizione ma si generano attraverso la replicazione di altri microrganismi

32 Pastorizzazione (Pasteur, 1862) Pasteur dimostrò che la replicazione dei microrganismi nelle bevande come la birra, il vino e il latte, era responsabile della degradazione delle bevande stesse. Introdusse quindi un processo, che consentiva, attraverso il trattamento termico delle bevande, luccisione di gran parte dei microrganismi presenti. Il primo trattamento fu condotto da Pasteur e Claude Bernard il 20 aprile del Tale processo fu poi definito PASTORIZZAZIONE

33 La pastorizzazione oggi Pastorizzazione bassa: mantenere l'alimento a 60-65° C per 30 minuti, è usata principalmente per vino e birra. Pastorizzazione alta: °C per secondi, è usata prevalentemente per i prodotti a bassa acidità come il latte e derivati. la UHT invece è una sterilizzazione ( °C per 8-5 secondi)

34 Robert Koch nel suo laboratorio Dimostrazione della correlazione fra microrganismi e patologie Robert Koch (1843 – 1910)

35 Colture di microrganismi Koch ha utilizzato metodi di staining (colorazione) e terreni di crescita come lagar in piastre definite Petri dish (dal nome del suo assistente Julius Richard Petri) per lisolamento e lidentificazione di microrganismi Attraverso questi metodi, fu in grado di identificare nel 1882 lagente eziologico della tubercolosi, il Mycobacterium Tubercolosis

36 I postulati di Koch (1)

37 I postulati di Koch (2) 1.Lagente causale deve essere presente in tutti i casi della malattia di cui è ritenuto responsabile e deve essere invece assente negli individui sani. 2.Lagente causale deve essere isolato dallindividuo affetto e, posto in coltura, deve dare origine ad una popolazione cellulare omogenea (una sola specie).

38 I postulati di Koch (3) 3.Linoculo di una coltura pura dellagente causale in individui sani deve dare luogo alla comparsa della malattia di cui si ritiene responsabile. 4.Lagente causale deve essere re-isolato dallindividuo infettato sperimentalmente.

39 Alexander Fleming ( ) La scoperta della penicillina


Scaricare ppt "INTRODUZIONE ALLA MICROBIOLOGIA Il nostro mondo è popolato da creature invisibili, troppo piccole per poter essere osservate ad occhio nudo. Queste forme."

Presentazioni simili


Annunci Google