La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Domanda : Poeti si nasce … o si diventa? Basta avere la tecnica per essere poeti o bisogna sentire da poeti? Comprensione durevole: Gli studenti comprenderanno.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Domanda : Poeti si nasce … o si diventa? Basta avere la tecnica per essere poeti o bisogna sentire da poeti? Comprensione durevole: Gli studenti comprenderanno."— Transcript della presentazione:

1 Domanda : Poeti si nasce … o si diventa? Basta avere la tecnica per essere poeti o bisogna sentire da poeti? Comprensione durevole: Gli studenti comprenderanno la specificità del linguaggio poetico come forma espressiva in cui il significante acquista un ruolo privilegiato nel comunicare il messaggio INNOVADIDATTICA Poeti si nasce... o si diventa? 1

2 2 lofficina dei poeti: le varianti Silvia, rimembri ancora quel tempo della tua vita mortale, quando beltà splendea negli occhi tuoi ridenti e fuggitivi, e tu, lieta e pensosa, il limitare di gioventù salivi? Sonavan le quiete stanze, e le vie d'intorno, al tuo perpetuo canto, allor che all'opre femminili intenta sedevi, assai contenta di quel vago avvenir che in mente avevi. Era il maggio odoroso: e tu solevi così menare il giorno. Io gli studi leggiadri talor lasciando e le sudate carte, ove il tempo mio primo e di me si spendea la miglior parte, din su i veroni del paterno ostello porgea gli orecchi al suon della tua voce, ed alla man veloce che percorrea la faticosa tela. Giacomo Leopardi a Silvia

3 INNOVADIDATTICA Poeti si nasce... o si diventa? 3 lofficina dei poeti: le varianti Mirava il ciel sereno, le vie dorate e gli orti, e quinci il mar da lungi, e quindi il monte. Lingua mortal non dice quel chio sentiva in seno. Che pensieri soavi, che speranze, che cori, o Silvia mia! Quale allor ci apparia la vita umana e il fato! Quando sovviemmi di cotanta speme, un affetto mi preme acerbo e sconsolato, e tornami a doler di mia sventura. O natura, o natura, perché non rendi poi quel che prometti allor? perché di tanto inganni i figli tuoi? Tu pria che lerbe inaridisse il verno, da chiuso morbo combattuta e vinta, perivi, o tenerella. E non vedevi il fior degli anni tuoi; non ti molceva il core la dolce lode or delle negre chiome,

4 INNOVADIDATTICA Poeti si nasce... o si diventa? 4 lofficina dei poeti: le varianti or degli sguardi innamorati e schivi; né teco le compagne ai dì festivi ragionavan damore. Anche perìa fra poco la speranza mia dolce: agli anni miei anche negaro i fati la giovinezza. Ahi come, come passata sei, cara compagna delletà mia nova, mia lacrimata speme! Questo è il mondo? questi i diletti, lamor, lopre, gli eventi, onde cotanto ragionammo insieme? questa la sorte delle umane genti? Allapparir del vero tu, misera, cadesti: e con la mano la fredda morte ed una tomba ignuda mostravi di lontano.

5 INNOVADIDATTICA Poeti si nasce... o si diventa? 5 lofficina dei poeti: le varianti A Silvia cc.2 mm.170x117 C.L.XXI.7a L'incipit del canto reca il sovvienti che passerà inalterato all princeps del '31, per poi mutare nel rammenti dell'edizione napoletana e, infine, dall'esemplare di scarto adoperato dall'autore per le correzioni, in rimembri. L'autografo - come sempre una bella copia, in cui testo e varianti sono tratti da precedenti stesure - restituisce uno stadio quasi definitivo dell'elaborazione: un'unica variante (La fredda morte ed una tomba ignuda, v.62) viene successivamente accolta (in luogo di Un sepolcro deserto, inonorato). I margini interni, demarcati da una piegatura delle carte, accolgono una varia lectio che assembla il passato del testo (le varianti genetiche) con il futuro (le opzioni alternative): dunque - più che "storia raggelata", più che archivio di "antiche varianti... trascritte per memoria" da precedenti stesure andate smarrite o distrutte (De Robertis) - forse una materia ancora viva, ha osservato il Gavazzeni, che arricchisce il dettato poetico di ulteriori potenzialità linguistiche e costituisce il punto di partenza per la rielaborazione della stesura-base. In questo caso come in altri, all'esemplazione del testo fa séguito con ogni probabilità la trascrizione dell'apparato variantistico, che offre a sua volta lo spunto per la correzione: così al v.4 l'autore depenna sguardi incerti a beneficio di occhi tuoi ridenti, sulla scorta dell'alternativa E ne gli occhi tuoi molli/ e fuggitivi. dolci, va=ghi, segnata al margine. Anche i vv (Ove il tempo mio primo l E di me si spendea la miglior parte), accorpati al testo mediante segno di richiamo e tracciati al lato con inchiostro più chiaro, possono forse interpretarsi come il recupero di un'omissione, più che come una integrazione: versi appartenenti ad una precedente stesura, prima ripudiati (o semplicemente saltati per accidente di copiatura), poi riaccolti in una fase successiva. Al medesimo luogo attiene peraltro una serie di prove (Ov'io di me spendea, Ov'io ponea... Ove il fior de le forze ec.) accantonate sul verso del secondo foglio probabilmente per carenza di spazio al margine inferiore di c.1r. All'intento di riparare ad una caduta provvisoria è da ascriversi anche l'inserimento interlineare del v. 35 (E tornami a doler di mia sventura), che tuttavia non evidenzia diversità di inchiostro e deve ritenersi contestuale alla trascrizione-base: forse un semplice saut du même au même dovuto alla contiguità di un verso con la stessa desinenza; accidente di copiatura, dunque, piuttosto che "mancanza di una misura" colmata da un'aggiunta, come volle il Contini. Il canto fu pubblicato per la prima volta nell'edizione fiorentina del '31, dove segue Il risorgimento e precede Le ricordanze.

6 INNOVADIDATTICA Poeti si nasce... o si diventa? 6 lofficina dei poeti: le varianti Di che reggimento siete fratelli? Parola tremante nella notte Foglia appena nata Nellaria spasimante involontaria rivolta delluomo presente alla sua fragilità Fratelli Giuseppe Ungaretti Fratelli (1943) Soldato (1916) Di che reggimento siete fratelli? Fratello tremante parola nella notte Come una fogliolina appena nata Fratelli saluto accorato nellaria spasimante implorazione sussurrata di soccorso alluomo presente alla sua fragilità stesura definitiva

7 INNOVADIDATTICA Poeti si nasce... o si diventa? 7 lofficina dei poeti: le varianti Giuseppe Ungaretti In memoria (1916) Si chiamava Moammed Sceab Discendente di emiri di nomadi suicida perchè non aveva più Patria Amò la Francia e mutò nome Fu Marcel ma non era Francese e non sapeva più vivere nella tenda dei suoi dove si ascolta la cantilena del Corano gustando un caffè E non sapeva sciogliere il canto del suo abbandono L'ho accompagnato insieme alla padrona dell'albergo dove abitavamo a Parigi dal numero 5 della rue des Carmes appassito vicolo in discesa Riposa nel camposanto d'Ivry sobborgo che pare sempre in una giornata di una decomposta fiera E forse io solo so ancora che visse Locvizza, il 30 settembre 1916 In memoria di Moammed Sceab Amò la Francia e mutò nome in Marcel Saprò fino al mio turno di morire prima stesura

8 INNOVADIDATTICA Poeti si nasce... o si diventa? 8 lofficina dei poeti: le varianti Umberto Saba Da un colle Era dottobre; lora vespertina di pace empiva e di dolcezza il cuore. Solitario il sentier della collina salivo dietro un bue e un agricoltore. Giunto alla vetta, scorsi in un fulgore Trieste con le chiese e la marina; e in un boschetto, come un rosso fiore, lamata casa sullopposta china. Delle squille veniva a me il richiamo. E come allorizzonte il sol calato, faceva i vetri delle case ardenti, dun pino al tronco mappoggiai beato, ne svelsi, sospirando, un basso ramo, e diedi un nome, un caro nome, ai venti.

9 INNOVADIDATTICA Poeti si nasce... o si diventa? 9 lofficina dei poeti: le varianti Salvatore Quasimodo da Oboe sommerso Sera: luce addolorata, pigre campane affondano, semitoni dalberi e vento. Non dirmi parole; in me tace amor di suoni e lora è mia sì che fiaba a chiusi occhi non pose nei giorni dei colloqui con laria e con le selve. Sera: luce addolorata, pigre campane affondano. Non dirmi parole; in me tace amor di suoni, e lora è mia come nel tempo dei colloqui con laria e con le selve. stesura definitiva

10 INNOVADIDATTICA Poeti si nasce... o si diventa? 10 Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino. Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio. Il mio dura tuttora, né più mi occorrono le coincidenze, le prenotazioni, le trappole, gli scorni di chi crede che la realtà sia quella che si vede. Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio non già perché con quattr'occhi forse si vede di più. Con te le ho scese perché sapevo che di noi due le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate, erano le tue. Eugenio Montale Ho sceso, dandoti il braccio… lofficina dei poeti: le varianti Prima stesura: due occhi vedono meno di quattro. Le ho scese perché credevo …

11 INNOVADIDATTICA Poeti si nasce... o si diventa? 11 lofficina dei poeti: le varianti Esperienza per lapprendimento-5/: Lofficina dei poeti: le varianti La classe è divisa in gruppi: il docente consegna ad ogni gruppo il materiale da leggere e analizzare, fornendo le indicazioni per il lavoro. Il materiale consiste in tre/ quattro testi poetici del 900 (Ungaretti, Saba, Montale) di cui vengono fornite, oltre alla versione definitiva, anche le precedenti stesure. In ogni gruppo gli studenti dovranno evidenziare e riportare su una scheda, proposta da loro, le varianti, provando poi a fornire una spiegazione argomentata (utilizzando gli elementi di comprensione del testo poetico in loro possesso) della scelta finale del poeta. Per ciascun gruppo un portavoce relazionerà il lavoro fatto. Il docente riepilogherà il lavoro degli studenti, facendo emergere una possibile chiave interpretativa. Abilità/competenza: compiere delle scelte motivate, collaborare, analizzare parole e figure retoriche, esplicitare la strategia di analisi di un testo Disposizione della mente: applicare la conoscenza pregressa a nuove situazioni Valutazione continua: osservazione diretta degli studenti e ascolto dei portavoce


Scaricare ppt "Domanda : Poeti si nasce … o si diventa? Basta avere la tecnica per essere poeti o bisogna sentire da poeti? Comprensione durevole: Gli studenti comprenderanno."

Presentazioni simili


Annunci Google