La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ATTENZIONE ! Questa presentazione è utilizzabile liberamente tranne che per scopi di lucro La trasmissione a terzi, in tutto o in parte, comporta lobbligo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ATTENZIONE ! Questa presentazione è utilizzabile liberamente tranne che per scopi di lucro La trasmissione a terzi, in tutto o in parte, comporta lobbligo."— Transcript della presentazione:

1 ATTENZIONE ! Questa presentazione è utilizzabile liberamente tranne che per scopi di lucro La trasmissione a terzi, in tutto o in parte, comporta lobbligo morale di citare la fonte:

2 PREMESSA: La difficoltà non sta nelle nuove idee qui esposte, ma nel sottrarsi alle vecchie idee che sono radicate in ogni angolo delle nostre menti J. M. Keynes, 1935 La chiave per capire veramente che cosa sia la MONETA e come venga creata (fiat money) sta nello scartare tutto quello che crediamo di sapere su di essa, e ripartire da zero. Ben Dyson, 2011

3 RIPARTIAMO DA ZERO: Il 97% della MONETA mondiale NON E DENARO GARANTITO DA STATI, ma impulsi elettronici, fiat money creata dal nulla. La MONETA è un TITOLO DI CREDITO: mi promette che da qualche parte qualcuno riconoscerà un certo valore ad un bene che io NON possiedo più. Le BANCHE NON SONO posti che tengano al sicuro i nostri beni sotto forma di risparmi. Le BANCHE tengono libri contabili dove MONETA viene creata e distrutta, NON TRASFERITA.

4 from BANKSTERS to BANK ANGELS ovvero: come dovrebbero funzionare le banche

5 Servizio economico pubblico Tutti sappiamo che i FARMACI NON SONO LA SALUTE: possono migliorarla o peggiorarla. Tutti sappiamo che i LIBRI NON SONO LA CULTURA: possono migliorarla o peggiorarla. Tutti NON sappiamo che i SOLDI NON SONO LECONOMIA: possono migliorarla o peggiorarla. In particolare, nel sapere comune e perfino nellinconscio collettivo, è particolarmente distorta la relazione fra MONETE e BENI DI SCAMBIO

6 MONETE A DOPPIO… TAGLIO Bisogna prendere consapevolezza profonda che: Nelle società tradizionali prima si creano i beni che poi si scambiano con altri beni (o con monete) Nelle società moderne: 1)prima si creano monete e poi si spera che esse creino beni e servizi reali. 2)la moneta è creata dal nulla e non ha alcun valore intrinseco; 3)la moneta spesa bene CREA BENI REALI; 4)la moneta spesa male DISTRUGGE BENI REALI.

7 MONETA = SCOMMESSA Che ci piaccia o no, dobbiamo prendere profonda consapevolezza che lintera economia occidentale è basata sullANTICIPAZIONE MONETARIA: PRIMA STAMPIAMO MONETE e POI SPERIAMO CHE ESSE SOSTENGANO LECONOMIA PRODUTTIVA Lintera economia occidentale è basata sul CREDITO MONETARIO: se ben riposto esso CREA beni e servizi, se mal riposto esso diventa un DEBITO COLLETTIVO (per non parlare del brigantaggio finanziario legalizzato…)

8 MONETE A DOPPIO… TAGLIO (cont.) Da sempre lumanità è abituata PRIMA a creare coltelli, e POI a controllare che essi vengano usati per tagliare patate invece che gole umane… E assolutamente necessaria ed urgente una rivoluzione culturale che insegni a considerare le MONETE come COLTELLI, sul cui impiego POSITIVO o NEGATIVO ogni singolo cittadino e la società organizzata deve esercitare il massimo controllo.

9 Servizio economico pubblico Ogni cittadino è il primo depositario e il primo responsabile di diritti/doveri, fra i quali: -salute; -educazione; -autonomia economica. Lo Stato sostiene il cittadino attraverso: -sistema sanitario; -sistema scolastico; -sistema bancario.

10 Poiché il SERVIZIO ECONOMICO, che sia gestito da privati o no, è un SERVIZIO PUBBLICO, il cittadino deve abituarsi a concepirlo come un qualsiasi altro SERVIZIO PUBBLICO (EDUCAZIONE, SANITA, etc.). Un OSPEDALE, privato o pubblico che sia, è sottoposto a rigoroso controllo dai cittadini prima ancora che dalla Legge Una SCUOLA, privata o pubblica che sia, è sottoposta a rigoroso controllo dai cittadini prima ancora che dalla Legge … e perché mai una BANCA non dovrebbe sottostare al medesimo controllo ? Servizio economico pubblico

11 ASL: Aziende per lo Sviluppo Locale Analogamente alla Salute, lo Sviluppo economico è un bene individuale e collettivo di primaria importanza. Proviamo a tutelarlo come la salute? 1) Operazione culturale di vasta e lunga portata con obiettivo: riappropriarsi delleconomia; 2) ASEL: Aziende per lo Sviluppo Economico Locale; 3) Le Banche come cliniche per la promozione e la tutela della salute economica: nodi della rete economica che promuovono le transazioni economiche sane e bloccano quelle malate.

12 Imprese sane Qualsiasi attività umana che riscuota consenso sociale (produzione di beni tangibili, servizi sociali o ambientali, creazioni artistiche, etc.) è una IMPRESA SANA, ECONOMICAMENTE POSITIVA, e come tale deve ricevere dalla BANCA un CREDITO MONETARIO adeguato a farla nascere e a svilupparsi. Compito della BANCA è valutare che esistano i requisiti minimi per la nascita e sufficienti per lo sviluppo, e sostenere tali processi, in modo che la moneta creata dal nulla crei un BENE REALE.

13 Imprese malate o maligne ? Molte imprese, pur intrinsecamente POSITIVE, possono attraversare periodi di malattia e meritano CREDITO MONETARIO adeguato a farleguarire. Anche in tal caso la moneta creata dal nulla crea un BENE REALE, acquista VALORE. Invece ogni forma di speculazione è intrinsecamente MALIGNA, è un circolo vizioso in cui la moneta crea moneta, il nulla crea nulla, e lintero sistema economico si SVALUTA, perde VALORE.

14 Così come le strutture sanitarie sovrintendono al servizio sanitario pubblico, e le scuole sovrintendono al servizio educativo pubblico, così le banche debbono sovrintendere al servizio economico pubblico. Sulle prime due il CONTROLLO SOCIALE è così forte da richiedere pochi controlli esterni (ispettori, magistratura ordinaria). Per riportare leconomia sotto CONTROLLO SOCIALE basterebbe una sola misura: IVA INTERAMENTE DEDUCIBILE ANCHE DALLUTENTE FINALE Servizio economico pubblico

15 QUIS CUSTODIET CUSTODES ? Chi controllerà i controllori?... La domanda che già gli antichi romani si ponevano ha avuto una chiara risposta dalla Storia (ancorché imperfettamente realizzata): TRASPARENZA E DEMOCRAZIA REALE. Agenzia delle Entrate, Equitalia, Guardia di Finanza, sono sovrastrutture inutili e anzi dannose se manca il CONTROLLO SOCIALE ALLA BASE, e questo si può realizzare con una misura semplice semplice: IVA INTERAMENTE DEDUCIBILE ANCHE DALLUTENTE FINALE

16 ITALIA: ECONOMIA (riassunto) I FONDAMENTALI economici dellItalia sono OTTIMI: - Lagricoltura è principalmente gestita su scala familiare; - Lindustria è in netta prevalenza piccola e media, più adattabile della grande, ed è radicata nel territorio; - Il TURISMO è lunica industria NON DELOCALIZZABILE ! -L80% delle famiglie possiede casa; -Le fonti energetiche alternative sono largamente sfruttabili, e creano tanti posti di lavoro. -Lisolamento geografico ci offre qualche protezione dalle catastrofi esterne (nucleare, OGM, …) L ECONOMIA E FORTEMENTE RADICATA NEL TERRITORIO !

17 ITALIA: FINANZA (riassunto) La situazione finanziaria dellItalia è più che discreta: 1) Il risparmio delle famiglie è fra i più alti del mondo; 2) Le banche sono assai meno dedite alla finanza tossica rispetto alla media UE e Occidentale; 3) La bolla immobiliare ha colpito assai meno, e meno ancora le famiglie; 4) Le riserve auree sono fra le più consistenti al mondo; 5) Il debito pubblico è largamente compensato da 1 e 4; 6) Il commercio estero è sempre attivo (e lo sarebbe ancor di più con la Lira svalutabile)

18 ITALIA: VIA DUSCITA Poiché i FONDAMENTALI ECONOMICI dellItalia sono OTTIMI e FORTEMENTE RADICATI NEL TERRITORIO, cè una cosa che bisognerà comunque fare prima o poi, e prima si fa meglio è: TORNARE ALLA LIRA SOVRANA pur restando membri della UE, esattamente come fanno Danimarca, Svezia, Polonia, GB e altri Stati, oppure uscendo dalla UE e restando nellaccordo doganale di Shengen, come Norvegia e Svizzera.

19 ITALIA: VIA DUSCITA (cont.) POLITICA ECONOMICA: -Forti incentivi per ogni attività produttiva territorialmente integrata (agricoltura, turismo, PMI, artigianato, welfare, energie rinnovabili, prima casa, primo impiego a km 0, recupero patrimonio culturale...). -Forti penalità e tasse per attività nocive alla società o allambiente.

20 ITALIA: VIA DUSCITA (cont.) POLITICA SOCIALE: rilanciare welfare, ricerca, educazione, servizi pubblici, etc., cioè IMMETTERE LIRE in questi settori incentivando la qualità, senza FALSI timori di inflazione. Messa al bando e lotta serrata ad ogni attività socialmente dannosa (criminalità organizzata, speculazione di ogni tipo, gioco dazzardo…) Riduzione drastica delle spese militari e dei costi della politica e delle corporazioni

21 ITALIA: VIA DUSCITA (cont.) POLITICA FISCALE: di regola IVA DEDUCIBILE INTERAMENTE ANCHE DALLUTENTE FINALE (= controllo totale del sistema, altro che mafie…). IVA come sopra per restauro immobili, ma IVA 100% NON DEDUCIBILE per le nuove costruzioni. Tassazione al 10% delle attività produttive con larga franchigia alla base e moderata progressività per i redditi più alti. Controllo fiscale serrato e capillare, a cominciare dalle banche, con pene massime e inderogabili.

22 ITALIA: VIA DUSCITA (per concludere) REGOLA GENERALE: LItalia deve essere un PARADISO FISCALE per chiunque svolga unattività utile alla comunità o allambiente, e deve essere un INFERNO PENALE E FISCALE per chiunque faccia il contrario. NOTA BENE: in tali condizioni NON CI SARA INFLAZIONE e la tassazione proposta sarà più che sufficiente a coprire le perdite fisiologiche dellintero sistema.

23 ITALIA: ALTERNATIVA Lalternativa è continuare a farsi dissanguare da moltissimi IGNORANTI e da pochissimi CRIMINALI, in nome del risanamento di un sistema che non sarà mai risanato perché è INTRINSECAMENTE INIQUO


Scaricare ppt "ATTENZIONE ! Questa presentazione è utilizzabile liberamente tranne che per scopi di lucro La trasmissione a terzi, in tutto o in parte, comporta lobbligo."

Presentazioni simili


Annunci Google