La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prove di comunità nazionale tra materiale e immaginario: le politiche del potere e i vissuti della popolazione (1870-1943) 2011 Liceo Rebora – Rho Prof.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prove di comunità nazionale tra materiale e immaginario: le politiche del potere e i vissuti della popolazione (1870-1943) 2011 Liceo Rebora – Rho Prof."— Transcript della presentazione:

1 Prove di comunità nazionale tra materiale e immaginario: le politiche del potere e i vissuti della popolazione ( ) 2011 Liceo Rebora – Rho Prof. Marina Medi

2 Quale processo per uno stato-nazione? Il Risorgimento non è stato un processo rivoluzionario di tipo politico o sociale. Non si è fondato su un nuovo patto costituzionale I protagonisti del processo sono stati per lo più nobili e borghesi con motivazioni e posizioni politiche diverse tra loro e conflittuali, mentre le masse popolari sono restate passive o ostili Il processo si è svolto in modo fortunoso: –senza un piano unitario da parte dei sabaudi –con un piano unitario, ma repubblicano, da parte dei democratici

3 Come si è svolto il processo? E mancato un nemico comune contro cui riconoscersi come fronte unito I rari momenti in cui cè stata alleanza sono stati subito seguiti da sconfessioni e rifiuti = Tra gli stessi vincitori del processo risorgimentale prevalevano sentimenti di sospetto e astio reciproco. Per molti anche di rancore e sconfitta

4 Il Risorgimento è stato una guerra civile? Ogni processo di unificazione nazionale è in qualche misura una guerra civile Tra il 1815 e il 1870 le azioni armate sono di italiani contro altri italiani: –lombardi e veneti nellesercito austriaco –eserciti degli stati legittimisti –insorti mazziniani e garibaldini –briganti = Inevitabile difficoltà per molti a identificarsi nella nuova realtà nazionale

5 Al momento dellUnità Su circa 22 milioni di abitanti, meno del 10% parlava anche italiano Il paese si era unito formalmente ma era profondamente spaccato: Nord/Sud, liberali/cattolici, conservatori/democratici, contadini/latifondisti

6 E dopo? Si crea una comunità nazionale negli anni seguenti? Come? sul piano dei fatti? delle idee? Periodizzazione 1870 – 1922 –LItalia post-unitaria tra Destra e Sinistra storica (1870 – 1901) –LItalia giolittiana: dalla svolta liberale alla crisi (1901 – 1914) –La Grande Guerra e lavvento del Fascismo (1914 – 1922) –Il Ventennio fascista

7 Fare lItalia: lo sviluppo economico e sociale

8 milioni di abitanti Suffragio: 419 mila (1,89) Altezza media: 163 cm. 28% scartato alla visita di leva per problemi di rachitismo e gobba In media: 30 anni Addetti allagricoltura 70% Alunni delle scuole medie 1,6 Ferrovie Km milioni di abitanti Suffragio quasi universale maschile (1912) Altezza media: 166 cm. In media: 28 anni Addetti allagricoltura 55% Alunni delle scuole medie 4,6 Ferrovie Km

9 La scuola Legge Casati (1859): –quattro anni, i primi 2 obbligatori Legge Coppino (1877): –5 anni, i primi 3 obbligatori. Dai primi 900 si vede diminuzione dellanalfabetismo Legge Orlando (1904): –obbligo scolastico fino a 12 anni –i Comuni devono istituire scuole almeno fino alla 4° e assistere gli alunni più poveri (per questo fondi ai Comuni con bilanci modesti) Legge Daneo-Credaro (1911): –scuola elementare diventa un servizio statale –stipendi dei maestri elementari pagati dallo stato Riforma Gentile (1923): –obbligo dello studio fino a 14 anni, ma rimane lettera morta fino agli anni Sessanta

10 La crescita delle città Nel 1861 la popolazione urbana –25% in comuni con più di abitanti –8% in comuni con più di abitanti –12% nel 1900 (oggi 67%) Napoli Roma Palermo Milano Torino Genova

11 Leconomia Politica liberistica dopo unità –mercato nazionale –discontinuità: decollo industriale del Nord, produzioni agricole specialistiche del Nord e del Sud –PIL = + 1% annuo Politica protezionista dal 1887 –crisi economica internazionale (1883 grano USA e asiatico sui mercati europei,grazie ai migliori trasporti) –quadro internazionale coloniale –sovvenzioni statali alle industrie, crisi dellagricoltura per lesportazione Sviluppo strozzato perché –i capitali si orientano verso la speculazione edilizia –grande depressione internazionale ( ) –il decollo può avvenire solo alla fine del secolo, complicato dal contrasto tra Nord e Sud e tra aree moderne e tradizionali

12 Il capitale finanziario Ricostruzione di Roma capitale: –liquidazione del patrimonio papalino (nel 1877 è l80%) –speculazione edilizia negli Anni Ottanta (in pochi mesi guadagni del 200 – 300%) Poi crollo dei prezzi delle case e crisi delle banche –scandalo della Banca Romana (1892) che rischiò di travolgere Parlamento e istituzioni Nel 1893 nasce la Banca dItalia, unico istituto di credito abilitato a emettere moneta

13 LItalia coloniale Indotta dal contesto internazionale 1882: prima colonia Eritrea, dopo viaggi di esplorazione e basi commerciali 1887 scontro di Dogali. Crispi al governo 1896: sconfitta di Adua. Crispi cade 1905: seconda colonia Somalia 1911: conquista della Libia Violenta repressione della resistenza libica fino al : conquista dellEtiopia e proclamazione dellimpero

14 Valutazione fallimentare del colonialismo italiano Nessun vantaggio economico, anzi, molte spese Non sbocco per lemigrazione Scarso prestigio politico internazionale Governi autoritari e militaristi Spazio per politiche demagogiche e per ideologie razziste

15 Lemigrazione Tra il 1861 e il 1985 più di 29 milioni di partenze Dal 1901 al 1923 vanno in America per lo più dal Nord; per lo più dal Sud Vanno in America del Nord, del Sud e in Europa, specialmente in Francia

16 Partecipazione politica Allargamento della base elettorale: –1861: diritto di voto ai cittadini maggiorenni (25 anni) alfabeti, con diritti civili e politici, con imposte dirette non inferiori a 40 lire = 1,89% –1882: con la legge Zanardelli diritto di voto ai maschi maggiorenni (21 anni), alfabeti, e a coloro che versano imposte dirette di almeno 19,8 lire = 6,9% –1912: suffragio quasi universale: tutti gli uomini capaci di leggere e scrivere con almeno 21 anni, gli analfabeti a partire dai 30 anni. Inoltre tutti i cittadini che abbiano già prestato servizio militare = 23,2% Formazione di partiti politici: –1892: nasce il Partito Socialista dei Lavoratori Italiani che fonde in sé varie esperienze precedenti. Nel 1913 ha un milione di voti –1910: lAssociazione nazionalista Italiana fonde i diversi gruppi preesistenti –1919: nasce il Partito Popolare Italiano

17 La nascita del movimento operaio Organizzazioni operaie –mazziniane: società di mutuo soccorso e cooperative –anarchiche: Lega internazionale dei lavoratori –marxiste: Associazione internazionale dei lavoratori 1889: il codice Zanardelli riconosce il diritto di sciopero, prima punito 1991: Camera del Lavoro a Milano per organizzare le varie Società di lavoratori salariati organizzati per Sezioni di arti e mestieri Leghe bianche dopo la Rerum novarum (1891). Specie in Lombardia e Veneto. Nel 1913 sono 234 nellindustria e 140 nellagricoltura

18 Le lotte contadine I motivi: –paghe basse, usura, terribili condizioni sociali –promesse di liberazione non mantenute (no distribuzione di terre, inasprimento fiscale, coscrizione obbligatoria) La boje (1884-5) tra Mantova e Rovigo. –sciopero con tendenze socialiste e anarchiche –carattere interclassista di massa: tra lavoratori agricoli, professionisti, tecnici, artigiani –dopo parecchi mesi venne soffocato dall'intervento dell'esercito Fasci siciliani ( ) in Sicilia –movimento di massa di ispirazione democratica e socialista. Ma il PSI che li aveva guidati, ne prese poi le distanze –coinvolge il proletariato contadino, minatori ed operai –viene represso da un intervento militare

19 Fare gli Italiani: la ricerca del consenso

20 La costruzione del mito risorgimentale Negli anni 80 con lallargamento del suffragio cresce lesigenza di allargare le basi del consenso –necessità di parlare alle emozioni –fondamentale il ruolo degli artisti La tradizione risorgimentale diventa il cemento dellidentità nazionale: –affermazione della continuità del popolo italiano nella storia –da sempre in lotta contro stranieri e oppressori che lhanno voluto dividere Tutte le tendenze politiche che hanno contribuito a realizzare lUnità dItalia contribuiscono a costruire il mito del Risorgimento attraverso simboli e riti La casa Savoia diventa centrale nella formazione dellideologia della nazione monarchica, unita e liberale

21

22 Vittorio Emanuele II 1878: alla sua morte improvvisa grande partecipazione popolare al lutto Diventa simbolo dellideologia dellunificazione dopo lUnità. Sterminata produzione per esaltarlo: -ritratti e monumenti -biografie, poemi, inni, preghiere ecc. -pellegrinaggi alla tomba -materiale per la scuola elementare (letture, dettati, composizioni, problemi di matematica ecc.) -testi divulgativi per linfanzia Presentato come coraggioso, saggio, abile nellarte di governo, vero autore dellunità, paterno, caritatevole Creazione del mito da contrapporre a Garibaldi e Pio IX

23 Il Vittoriano Autori: Giuseppe Sacconi (struttura) e Enrico Chiaradia (statua) I lavori iniziarono nel maggio del 1885 e andarono a rilento per svariati motivi Nel 1911 (50° dell'Unità) prima inaugurazione senza che i lavori fossero effettivamente terminati Dopo la guerra decisione di dedicare il basamento ad Altare della Patria e Tomba del Milite ignoto

24 Altri strumenti per il mito Inno e bandiera Feste civili e pellegrinaggi, specie alle tombe Musei Monumenti, toponomastica, dediche di spazi urbani e istituzioni Sussidiari e manuali scolastici Pubblicistica, francobolli Occultamento dei contrasti tra patrioti: anche alcuni democratici nel pantheon degli eroi = i quattro medaglioni

25 Gli elementi del nazionalismo (A.M. Banti) La nazione come patria/famiglia: –madre-patria, fratelli dItalia, padri della patria –legami tra le generazioni passate, coeve, future La nazione come comunità sacrificale in un discorso para-religioso: –martiri che testimoniano la loro fede. Pellegrinaggi alle loro reliquie –apostolato, guerre sante, risorgimento La nazione come comunità sessuata: –alle donne: onore/virtù, maternage e sacrificio –ai maschi: difesa in armi, disponibilità al sacrificio

26 Caratteri della nazione La nazione come: –logos (lingua) –epos (memoria collettiva) –ethos (insieme di valori) –ghenos (legami di sangue e parentela) –topos (territorio dove si è nati e dove si vive) … Una gente che libera tutta, O fia serva tra lAlpe ed il mare; Una darme, di lingua, daltare, Di memorie, di sangue e di cor. … Manzoni, Marzo 1821

27 La debolezza del mito Rimane la contrapposizione tra monarchici-moderati e repubblicani-democratici: –Mazzini –Mameli (morto nel 1849) solo nel 1891 è posto in un monumento funebre al Verano, ma senza partecipazione del governo Il mito nazionalista non riesce a contrastare fino in fondo i due grandi movimenti estranei e contrapposti allo stato: –il pensiero cattolico e lostilità della Chiesa –il movimento socialista Con il fascismo la figura del re perde centralità rispetto a quella di Mussolini; i diritti e doveri del cittadino secondo lo Statuto sono aboliti

28 Memorie divise: Porta Pia Nei primi anni lanniversario è festeggiato –da celebrazioni ufficiali (festa nazionale dal 1895), ma attente a non urtare troppo la sensibilità della S. Sede –da cortei e feste con significato antigovernativo e repubblicano (specie nei quartieri popolari di Roma) –dal mondo clericale come un giorno di lutto I festeggiamenti sono abbandonati precocemente: –paura da parte del governo che la laicizzazione alimentasse tendenze eversive –conciliazione silenziosa –nuovo temporalismo della Chiesa La festa è abolita nel 1930, sostituita da quella dell11 febbraio (Patti Lateranensi)

29 Gli intellettuali divisi

30 Impegno a formare lidentità nazionale Sterminata produzione editoriale che esalta il processo risorgimentale –Giornali e riviste –Testi scolastici –Opere teatrali –Inni e cori –Manifesti –…–… Propaganda nazionalista specialmente in relazione –alle conquiste coloniali –alla grande guerra (irredentismo, interventismo)

31 La letteratura divisa Letterati per la costruzione del mito della nazione –Carducci –Pascoli –De Amicis Letterati critici sulla società presente –Veristi, specie meridionali –Decadenti, anche se poi sono interventisti –Pirandello

32 Due libri per linfanzia: come litaliano deve essere Dal 1881 al 1883 Pinocchio (a puntate su Il giornale dei bambini): –dalla fame del mondo rurale toscano al premio di una vita piccolo-borghese Nel 1886 Cuore di De Amicis: –etica del lavoro e del sacrificio (guerra, emigrazione) –amore per la patria e i suoi eroi –concordia tra le classi e condanna di chi non è daccordo

33 Due libri controcorrente I misteri della giungla nera (Salgari, 1895): come fuggire dai problemi e dalle delusioni –esotismo e avventura –critica al colonialismo Il Giornalino di Gianburrasca (Luigi Bertelli Vamba, ): il Risorgimento è finito –gli adulti non sono educatori credibili e non hanno valori da dare –i ragazzi si aggregano per combattere le ingiustizie dei grandi

34 Re Umberto Allora Coretti perdé la testa e urlò: - Quarto battaglione del quarantanove! Il re, che s'era già voltato da un'altra parte, si rivoltò verso di noi, e fissando Coretti negli occhi, stese la mano fuor della carrozza. Coretti fece un salto avanti e gliela strinse. La carrozza passò, la folla irruppe e ci divise, perdemmo di vista Coretti padre. Ma fu un momento. Subito lo ritrovammo, ansante, con gli occhi umidi, che chiamava per nome il figliuolo, tenendo la mano in alto. Il figliuolo si slanciò verso di lui, ed egli gridò: - Qua, piccino, che ho ancora calda la mano! – e gli passò la mano intorno al viso, dicendo: - Questa è una carezza del re. E rimase lì come trasognato, con gli occhi fissi sulla carrozza lontana, sorridendo, con la pipa tra le mani, in mezzo a un gruppo di curiosi che lo guardavano. - È uno del quadrato del '49, - dicevano. – È un soldato che conosce il re. - È il re che l'ha riconosciuto. - È lui che gli ha teso la mano. - Ha dato una supplica al re, - disse uno più forte. - No, - rispose Coretti, voltandosi bruscamente; - non gli ho dato nessuna supplica, io. Un'altra cosa gli darei, se me la domandasse... Tutti lo guardarono. Ed egli disse semplicemente: - Il mio sangue. (De Amicis, Cuore)

35 Calmo e freddo in apparenza, Lando Laurentano covava in segreto un dispetto amaro e cocente del tempo in cui gli era toccato in sorte di vivere (…) Era, quel suo dispetto, come il fermento d'un mosto inforzato, in una botte che già sapeva di secco. La vigna era stata vendemmiata. Tutti i pampini ormai erano ingialliti; s'accartocciavano aridi; cadevano. (…) Aveva dato il suo frutto, il tempo. E lui era venuto a vendemmia già fatta. Il mosto generoso e grosso, raccolto in Sicilia con gioja impetuosa, mescolato con l'asciutto e brusco del Piemonte, poi col frizzante e aspretto di Toscana, ora, raccolto tardi e quasi di furto nella vigna del Signore, mal governato in tre tini e nelle botti, mal conciato ora con tiglio or con allume, s'era irrimediabilmente inacidito. Età sterile, per forza, la sua, come tutte quelle che succedono a un tempo di straordinario rigoglio. (Pirandello, I vecchi e i giovani)

36 Giovanni Fattori, Lo staffato, 1880

37 Con il fascismo

38 La propaganda La massa per me non è altro che un gregge di pecore, finché non è organizzata. Se la si conduce, bisogna reggerla con due redini; entusiasmo e interesse (Mussolini)

39 Il mito risorgimentale in età fascista Tentativo di recuperare il Risorgimento come precursore del fascismo Ma in realtà nuovi rituali e simbologie, centrate più su Roma antica che sullItalia moderna Lidentità nazionale diventa esasperazione dei temi nazionalistici e militaristi

40 Ambivalenza del Risorgimento Strumento dellUnità, ma anche momento di battaglie politico- ideologiche Antifascismo costruisce una tradizione alternativa che si riallaccia agli sconfitti del Risorgimento (Cattaneo, Mazzini, Partito dAzione) Resistenza = Secondo Risorgimento. Garibaldi = emblema della sinistra

41 Conclusioni Tra il 1870 e il 1943 Sul piano materiale lItalia si sviluppa –lentamente e con contraddizioni interne –nel quadro delle trasformazioni mondiali di quegli anni Sul piano dellimmaginario, nonostante la propaganda, la coscienza nazionale rimane fragile per le profonde divisioni: –tradizione democratico-repubblicana –movimento operaio e contadino –antifascismo

42 Bibliografia A.M. Banti, Sublime madre nostra. La nazione italiana dal Risorgimento al fascismo, Laterza, Roma-Bari 2011 Eva Cecchinato, Camicie rosse. I Garibaldini dallUnità alla Grande Guerra. Laterza, Roma-Bari, 2007 Carlo Collodi, Le avventure di Pinocchio, La biblioteca di Repubblica, Roma, 2004 ( ) Edmondo De Amicis, Cuore, Einaudi, Torino, 2001 (1886) Anna Di Sapio – Marina Medi, Il lontano presente:lesperienza coloniale italiana, EMI, Bologna, 2009 Paul Ginsborg, Salviamo lItalia, Einaudi, Torino, 2010 Silvana Patriarca, Italianità. La costruzione del carattere nazionale, Laterza, Roma-Bari, 2010 Giorgio Ruffolo, Un paese troppo lungo. Lunità nazionale in pericolo, Einaudi, Torino 2009


Scaricare ppt "Prove di comunità nazionale tra materiale e immaginario: le politiche del potere e i vissuti della popolazione (1870-1943) 2011 Liceo Rebora – Rho Prof."

Presentazioni simili


Annunci Google