La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 1 La comunicazione come discorso.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 1 La comunicazione come discorso."— Transcript della presentazione:

1 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 1 La comunicazione come discorso La comunicazione è unattività pervasiva che attraversa le innumerevoli forma della vita umana. Nello scambio fra due o più persone, la comunicazione si configura come DISCORSO, ossia come pratica sociale di produzione di senso.

2 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 2 La comunicazione è: condivisione di significati e partecipazione nella costruzione di percorsi di senso fra due o più soggetti. La comunicazione non è: un dato, ma è un processo che presenta caratteristiche di stabilità e che è soggetta a continue variazioni e cambiamenti. Il luogo della comunicazione è quindi nello spazio tra ESSERE e DIVENIRE. Essere una certa evidenza e simultaneamente trasformarsi in qualcosa daltro.

3 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 3 La comunicazione è discorso, ossia etimologicamente correre qua e la. Comunicare è discorrere poiché nella comunicazione non vi sono né ordine logico né necessità matematica, ma si passa da un argomento allaltro in modo apparentemente casuale e disordinato. In questa prospettiva : Discorso è una pratica sociale di produzione di senso in riferimento a persone, eventi, idee e cose. E dire qualcosa a proposito di qualcosa daltro adottando un certo punto di vista.

4 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 4 La produzione dei significati è un processo relazionale lesito di pratiche sociali connesse in modo dialettico con altri elementi della realtà. Di conseguenza: ogni discorso non è mai neutro ma è sempre la creazione di un percorso di senso in funzione del momento contingente e delle appartenenze sociali, istituzionali e culturali. Il discorso non va inteso come la manifestazione di una precedente realtà ma è costitutivo della realtà stessa nel momento in cui la esprime.

5 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 5 Le origini dello studio del discorso Nel 1978 gli studiosi hanno attuato uno spostamento dellattenzione dallo studio della frase a quello del discorso e ciò ha consentito di conoscere meglio una serie di fenomeni : il ricordo delle proposizioni di un testo è influenzato dal loro livello di gerarchia la differenza fra una informazione già data e una nuova è segnalata dal tempo di lettura e di comprensione la struttura di un discorso organizzata secondo la grammatica delle storie favorisce il ricordo e la sintesi lorganizzazione retorica di un discorso facilita labilità espositiva nel parlante e la capacità di fare inferenze nel destinatario

6 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 6 Lanalisi del discorso segna il passaggio DALLA grammatica del testo: studio della coerenza semantica e sintattica fra le frasi attraverso il riconoscimento delle relazioni locali fra di esse esistenti (microstrutture ) ALLA elaborazione del testo: considerazione ai rapporti fra testo e contesto poiché la comprensione di un testo non dipende dalle singole frasi isolate, ma dalla totalità del testo (macrostrutture).

7 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 7 Lattenzione si focalizza ulteriormente sul discorso in quanto processo ossia come attività eminentemente umana che consiste nel comprendere, produrre, riprodurre, comporre, ricordare, sintetizzare, scomporre e riaggiustare le diverse componenti di un discorso.

8 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 8 Il punto di vista della etnometodologia attenzione focalizzata sugli scambi interattivi e comunicativi fra due o più soggetti nel corso della vita di tutti i giorni etno = conoscenza etnica, propria del senso comune; metodologia = ragionamento pratico a cui fanno ricorso i membri di una società nel costruire e valutare azioni ed eventi assunto di partenza: le attività attraverso cui le persone producono e gestiscono le relazioni quotidiane sono identiche ai procedimenti usati dai membri della comunità medesima per renderle spiegabili (accountable)

9 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 9 Caratteristiche fondamentali delle pratiche quotidiane Indessicalità legame inestricabile delle pratiche quotidiane (e del loro significato) con il contesto duso Riflessività legame fra il fare società (le pratiche concrete quotidiane) e lo spiegare la società (le categorie per comprendere tali pratiche)

10 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 10 Programma delletnometodologia: analizzare le proprietà formali del ragionamento pratico i dati vanno inseriti nel loro contesto per essere compresi e spiegati non vi sono norme ma glosse, che rendono interpretabile il significato di quanto sta accadendo si ricerca il senso delle pratiche concrete quotidiane tali pratiche sono procedure da costruire, ricostruire e, di volta in volta, portare a compimento

11 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 11 Importanza attribuita dalletnometodologia allo studio delle pratiche discorsive e della conversazione regole che governano la conversazione Procedure ad hoc collegano a un contesto specifico gli aspetti razionali del proprio agire sociale, con particolare attenzione alle norme Pratiche di glossa disambiguano la comunicazione e mostrano come essa vada intesa da parte di chi vi partecipa

12 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 12 La psicologia del discorso Psicologia discorsiva: studio sistematico dei processi psicologici sottesi allattività discorsiva degli esseri umani. Scopo della psicologia discorsiva: analizzare in che modo i discorsi sono costruiti, come si svolgono e che esiti pragmatici producono. La psicologia discorsiva implica un superamento del cognitivismo: insiste più sullazione che sulla cognizione.

13 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 13 Lattività umana porta gli individui a orientarsi attivamente verso date condizioni di realtà, scegliendo concretamente una certa sequenza di azioni e mostrando un proprio potere casuale. Nello stesso tempo, essi formulano le proprie credenze e provano emozioni che rendono comprensibili e spiegabili le loro azioni. Tutto questo si manifesta in modo ostensibile nei discorsi fatti fra le persone. Di conseguenza: il discorso è unattività inestricabile dalle categorie e dagli orientamenti mentali dei partecipanti.

14 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 14 La psicologia discorsiva ha quindi una natura costruttivistica in senso lato, poiché le categorie, come pure le spiegazioni impiegate dai parlanti, sono da loro «costruite» ed elaborate La psicologia discorsiva ha portato a una revisione del concetto di Atteggiamento inteso come «posizionamento» e dispositivo comunicativo in quanto esprime il proprio orientamento ideologico su un certo ambito. Costituisce una «pratica valutativa», in quanto manifesta la propria posizione nellattribuire valori e nel fornire giudizi su ciò di cui si sta parlando.

15 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 15 Billig ha posto in evidenza la funzione retorica del discorso Quando le persone parlano non seguono le regole della logica formale, ma fanno ricorso a mezzi comunicativi utili per convincere gli altri Il discorso presenta unorganizzazione retorica nella: disposizione degli argomenti nella scelta delle parole e delle frasi nellenfasi da porre a certi segmenti del discorso piuttosto che ad altri.

16 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 16 La psicologia discorsiva oggi Lo studio del discorso oggi assume un carattere interdisciplinare interagendo con le: neuroscienze: rilevazione dei potenziali evocati al fine didentificare le aree cerebrali che partecipano in modo elettivo a specifiche attività discorsive linguistica computazionale: si applica su un dato corpus, ossia sulla raccolta di protocolli di scambi che siano rilevanti ai fini di una particolare ricerca, poi, facendo ricorso a precisi procedimenti statistici, la linguistica è in grado di classificare un corpus secondo numerosi e distinti parametri discorsivi

17 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 17 informatica: sviluppo di agenti virtuali intelligenti, capaci di comunicare e di conversare in modo analogo a quanto avviene in una conversazione naturale psicologia della cultura: diventare membro di una cultura significa capire e partecipare ai discorsi di quella cultura. Conoscere i discorsi di una cultura significa conoscere gli standard e le pratiche che regolano linterazione comunicativa fra i parlanti

18 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 18 Il discorso come costruzione sociale della realtà Costruzionismo sociale (socio-costruzionismo): pone in evidenza il primato delle pratiche relazionali, sociali e conversazionali come fonte di conoscenza. La costruzione della conoscenza è un processo corale e collettivo, condiviso dai partecipanti. Il costruzionismo sociale è fatto coincidere da parte di alcuni studiosi con la psicologia postmoderna, che sostiene che i soggetti procedono alla creazione (più che alla scoperta) della loro realtà personale e sociale.

19 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 19 Il costruzionismo sociale attribuisce grande importanza: al linguaggio al discorso Il modo in cui le persone parlano di se stesse e del proprio mondo determina la natura della loro esperienza. Le pratiche discorsive Tracciano lorizzonte di riferimento di ciò che le persone considerano come reale Producono importanti effetti pragmatici nella gestione delle relazioni di potere

20 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 20 Analisi critica del discorso (critical discourse analysis, CDA) [Fairclough 1989, 1991; van Dijk 1991] La CDA è un indirizzo di studio che: partecipa attivamente ai dibattiti sociali si propone di scoprire le reti delle pratiche discorsive implicate nei processi di decisione a livello sociale e istituzionale costituisce lesito convergente di una successione di modelli interpretativi del discorso proposti da diversi studiosi

21 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 21 La CDA fa riferimento in particolare : al dialogismo di Bachtin alla prospettiva di Foucault

22 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 22 Principali premesse teoriche allanalisi critica del discorso 1.Il dialogismo di Bachtin Teoria del dialogismo: il significato di un testo non è determinato solo dal suo autore, bensì dalla relazione con il suo destinatario concetto di eteroglossia (o eterofonia): evidenzia la trama polifonica sottesa allatto enunciativo il significato linguistico di una parola è una mera potenzialità; si realizza soltanto quando quella parola incontra un contesto di enunciazione, che è determinato nella sua unicità, per cui quella parola diventa il tema e il fuoco di un atto comunicativo globale

23 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 23 Il Circolo di Bachtin Discorso Lespressione organizza lesperienza. Lespressione è ciò che per prima dà allesperienza la sua forma e la sua specificità di senso (Bachtin) Generi primari danno forma alla comunicazione verbale così come si realizza nellimmediatezza della vita quotidiana Generi secondari impegnano i formati del flusso culturale così come sono variamente costituiti dalle modalità di interazione istituzionale, dalle pratiche letterarie e dai programmi mass mediatici

24 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 24 2.La teoria sociale di Foucault Foucault: era interessato allorigine dei processi discorsivi procede a una inversione fra soggetto e discorso: il soggetto deve conformarsi alle condizioni dettate dal discorso prima di potersene servire. il significato non trae origine dal parlante, ma è generato dalle regole di formazione dei discorsi lidentità sociale del soggetto è «frammentata» in funzione dei discorsi praticati Di conseguenza

25 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 25 Foucault: si sofferma sulla importanza decisiva del potere, inteso come forma capillare che pervade ogni tipo dinterazione sociale. Gli individui sono sempre nella condizione di subire ed esercitare fra loro varie forme di potere la regolarità delle cose, una volta enunciata, attribuisce alla parvenza di razionalità il valore di comando.

26 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 26 In questo ambito, assumono particolare rilevanza due «tecniche discorsive» dominanti: a) la confessione (per esempio, il counseling e il colloquio nelle sue varie forme, come il colloquio medico-paziente, la psicoterapia ecc.) b) lesame (ossia la rilevanza attribuita alla raccolta «discorsiva» dinformazioni come pratica quotidiana, impiegata nei diversi ambiti sociali e istituzionali).

27 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 27 Lapproccio socio-cognitivo di van Dijk van Dijk: Analisi Critica del Discorso (ACD) analizza, comprende e affronta i problemi sociali Scopo: focalizzare il ruolo del discorso nella produzione e riproduzione dellabuso del potere e delle varie forme di disuguaglianza sociale

28 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 28 Van Dijk: parte dallassunto che esista un intreccio profondo fra struttura del discorso e struttura della società: le pratiche discorsive contribuiscono in modo costitutivo a generare e a modificare lassetto sociale stesso riflettono lassetto sociale

29 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 29 Ogni discorso presenta una interfaccia socio-cognitiva, in quanto manifesta un certo modo di rappresentarsi gli eventi umani. van Dijk distingue fra: - la conoscenza personale (che fa riferimento a eventi personali e specifici) - la conoscenza di gruppo (caratteristica di una organizzazione, di un partito ecc.) - la conoscenza culturale (condivisa da tutti i componenti di una certa società) I discorsi, pertanto, sono simili a iceberg, in cui solo specifiche forme esplicite di conoscenza sono espresse e in cui le conoscenze presupposte sono implicite e date per scontate.

30 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 30 In ogni discorso è rintracciabile una certa ideologia Ideologia: ossia un sistema di credenze e di opinioni, condivise dai membri di un gruppo, in grado di rappresentare e «spiegare» gli accadimenti. Fra le diverse ideologie, il razzismo e il fondamentalismo costituiscono due forme ideologiche particolarmente rilevanti e pericolose.

31 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 31 microstrutture locali : indicano gli argomenti affrontati nel corso di un dato discorso macrostrutture semantiche : ciò di cui parla il discorso (aboutness) e forniscono il suo significato globale. Esse non sono direttamente evidenti ma rimandano ai modelli mentali sottesi al discorso modelli del contesto le rappresentazioni che fanno riferimento allinsieme delle proprietà della situazione discorsiva in atto modelli degli eventi le rappresentazioni mentali concernenti i fatti e i modi con cui tali fatti sono definiti e interpretati

32 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 32 La prospettiva dialettica di Fairclough Fairclough: - mantiene una posizione improntata al realismo critico (o analitico) riconoscimento che la conoscenza, pur essendo parzialmente costruita dal soggetto, in quanto adotta un certo punto di vista, rimanda a eventi, situazioni e pratiche sociali, che mantengono la loro consistenza e la loro solidità - prevede un confronto continuo e uno scambio interdipendente fra: forza ed efficacia dei discorsi condizioni del mondo sociale dallaltro

33 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 33 I discorsi sono una pratica sociale in tre sensi generali: a) sono rappresentazioni della vita sociale caratterizzate da un certo posizionamento b) costituiscono generi, ossia modi di operare, dinteragire e di vivere la vita sociale c) caratterizzano stili, ossia modi di essere nella definizione della propria identità

34 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 34 La prospettiva dialettica di Fairclough costituiscono forme relativamente stabili di azione sociale definiscono lOrdine sociale prodotto dal modo in cui le rappresentazioni, i generi e gli stili sintrecciano fra loro Strutture sociali astrattePratiche socialiEventi concreti mediano la relazione tra Si riflette nel Ordine del discorso

35 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 35 Enunciazione e argomentazione Enunciazione e assunzione di prospettiva Scuola di Praga: distinzione fra tema (delimita lambito del discorso) e rema (vertice della significazione del discorso) Rapporto fra enunciazione e assunzione di prospettiva: selezione dei percorsi comunicativi e dei mezzi espressivi adeguati alla situazione

36 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 36 Argomentazione e retorica Argomento: prova per dimostrare la verità di unasserzione (conclusione), in base alla verità di un insieme di altre asserzioni (premesse) Nuova retorica: combinazione fra attenzione al discorso e logica Passaggio da teoria della dimostrazione a teoria dellargomentazione: orientamento alla nuova retorica e alla persuasione Mentre la logica è impersonale e atemporale, largomentazione del parlante fa appello a ragioni che possono convincere alcuni ma non altri, oggi ma non domani, qui ma non altrove

37 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 37 Dalla logica informale alla pragma-dialettica Nella logica informale lattenzione è rivolta al linguaggio quotidiano Si parla di accettabilità allinterno di una data situazione e non più di validità e fondatezza di un argomento La pragma-dialettica riprende limportanza della dimensione sociale e pragmatica dellargomentazione sottolineando anche laspetto dialettico come strumento di risoluzione e sintesi di opinioni differenti

38 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 38 La nuova dialettica Ragionamento interpersonale: nella comunicazione quotidiana facciamo riferimento al coinvolgimento dei partecipanti e alluso del ragionamento pratico attraverso una serie di inferenze. Tale struttura inferenziale consiste in una forma di ragionamento presuntivo che consiste in una forma di ragionamento possibile che permette alla comunicazione quotidiana di procedere su base razionale, sia pure in modo provvisorio e contingente

39 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 39 Analisi della conversazione Si propone di individuare la grammatica della conversazione e di rendere leggibili i diversi fenomeni comunicativi che sono sottesi a questo processo ricorrente Conversazione: forme più o meno familiari di interazioni discorsive in cui due o più partecipanti si alternano spontaneamente a parlare e a manifestare il proprio punto di vista attività polifonica che occupa buona parte del nostro tempo pratica comunicativa complessa e caotica in apparenza

40 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 40 Organizzazione complessiva della conversazione variabilità e flessibilità della conversazione attività comunicativa che si adatta a una gamma oltremodo estesa di situazioni e a una grande varietà di contesti la conversazione ha una organizzazione complessiva che risponde a una definita struttura e che segue precisi standard culturali

41 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 41 Una conversazione è caratterizzata da diverse fasi: la sezione di apertura : comprende lavvio della conversazione grazie alliniziativa di uno dei partecipanti con i saluti che possono essere più o meno formali i saluti rispondono a definite regole di buona cortesia servono a stabilire il contatto informale di avvio implicano il riconoscimento immediato reciproco fra persone con un sufficiente grado di vicinanza sociale diventa possibile giungere alla reciproca identificazione come premessa per la prosecuzione della conversazione

42 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 42 sviluppo di uno o più argomenti a cui i partecipanti sono interessati impegno comunicativo diretto e personale dei partecipanti, soprattutto se sono due associazione libera: larticolazione degli argomenti risulta piuttosto casuale contiguità temporale con cui sono legati gli argomenti: garantisce il valore di spontaneità e di libertà della conversazione

43 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 43 potenziale di continuità di un argomento affrontato entro un certo turno, tale da essere proseguito anche nel turno successivo inerzia comunicativa dellargomento, predispone laltro a continuare nel medesimo ambito fuoco comunicativo, la cui condivisione è la premessa per lindividuazione del percorso di senso cambiamento di argomento, segnalato e marcato sul piano comunicativo a livello verbale e non verbale

44 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 44 sezione di chiusura : di norma, è prevista una conclusione dolce, con la presenza di coppie adiacenti simmetriche la ripetizione simmetrica di frasi di commiato serve a gestire il momento della chiusura che comporta unesperienza di separazione, anche se momentanea

45 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 45 Lavvicendamento dei turni Si ha una conversazione quando si ha un avvicendamento dei turni: in una conversazione a due, il partecipante A parla, poi si ferma, laltro partecipante B inizia a parlare e poi si ferma, riprende A e così via secondo una sequenza del tipo A-B-A-B ecc. le sovrapposizioni fra i due parlanti coprono meno del 5% del parlato Sistema a gestione locale: consente unalternanza regolare e fluida dei turni ogni parlante è responsabile della costruzione del turno, inteso come lunità minima di parole compresa fra due possibili segnali di intesa fra i partecipanti

46 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 46 Punto di rilevanza transizionale (PRT): punto in cui i partecipanti possono avvicendarsi nel turno tale passaggio è regolato dalla norma della minimizzazione della pausa fra i turni (gap) i PRT sono governati da una serie di regole che consentono uno spazio di negoziazione fra i parlanti medesimi

47 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 47 Principi che regolano i PRT: conservazione del turno aumento dellintensità vocale; profilo di intensità ascendente incremento della velocità di articolazione uso di pause piene (il parlante segnala che ha finito un pensiero ma che non ha ancora terminato di parlare)

48 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 48 Cessione del turno uso di pause vuote che si alternano ai segmenti di suono rallentamento del ritmo delleloquio abbassamento della tonalità della voce

49 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 49 Richiesta di turno uso di segnali vocali caratteristici quali gli inizi balbettanti (slutter start), inseriti nella conversazione mentre il parlante continua a tenere il suo turno incremento del ritmo dei cenni di assenso del capo e dei commenti vocali non verbali se ciò non bastasse, aumento del volume della voce in modo da superare, per intensità, quella del parlante

50 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 50 Rifiuto del turno uso di segnali di ritorno (back-channel system) che diano un sostegno positivo alla prosecuzione del turno da parte del parlante, quali ocenni di assenso del capo oespressioni facciali di approvazione ouso dello sguardo e di vocalizzazioni quali ah, aha

51 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 51 Conversazione continua o discontinua È data dalla frequenza e dalla durata dei periodi di silenzio fra un turno e quello successivo silenzio interno: pausa che non va interrotta da altri silenzio situato in un punto di transizione: interruzione della continuità del parlato silenzio prolungato:rende difficoltosa la conversazione, crea imbarazzo, indica atteggiamento negativi

52 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 52 Questo sistema consente di evitare le sovrapposizioni. Qualora si verifichino, entra in gioco un sistema di risoluzione rapida (uno dei parlanti si ritrae e la persona designata a parlare sintetizza la parte resa incomprensibile dalla sovrapposizione) Sistema variabile di segnali non verbali (sguardo, espressioni facciali, qualità soprasegmentali della voce): regola lalternanza dei turni Processo di negoziazione comunicativa: far convergere e sintonizzare interessi, stili, atteggiamenti, tratti di personalità differenti in unattività di mutua partecipazione

53 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 53 Sequenze complementari: processo conversazionale a gestione locale; coppie comunicative domanda/risposta, saluti/saluti, invito/accettazione, scusa/minimizzazione. Alcune proprietà: sono normalmente adiacenti fra loro sono prodotte da parlanti diversi prevedono una distinzione di ordine fra la prima parte e la parte complementare (o complemento) costituiscono routine comunicative, in quanto una prima parte richiede necessariamente il complemento

54 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 54 Il concetto di preferenza E da intendersi a livello comunicativo come marcatezza: i complementi preferenziali sono non marcati (semplici e fluenti) i complementi non preferenziali sono marcati (più elaborati e complessi)

55 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 55 Secondi turni non preferenziali Sono marcati a livello comunicativo da una serie di indizi: indugio tramite le pause e gli inserti prefazione come lannuncio di turni non preferenziali quale beh, la manifestazione di scuse ecc. spiegazione come giustificazione del proprio rifiuto

56 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 56 Marcatezza comunicativa: consente allinterlocutore di gestire in modo meno dirompente sul piano relazionale lesplicitazione del rifiuto a un invito o a una domanda Lanalisi delle sequenze complementari pone in evidenza che nella conversazione compaiono dei vincoli comunicativi che occorre tenere presenti I vincoli si possono trasformare in opportunità: offrono gradi di libertà ai partecipanti grazie ai quali sono in grado di declinare le loro mosse a proprio vantaggio per raggiungere i loro scopi

57 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 57 Le sequenze preferenziali e la correzione Correzione: serve a mantenere la continuità della conversazione e ad affrontare eventuali incomprensioni Ordine di correzione previsto dalle sequenze preferenziali: autocorrezione spontanea correzione sollecitata attraverso liniziatore di correzione nel turno successivo correzione richiesta dallinterlocutore

58 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 58 Le presequenze Scambi conversazionali che prevedono dei turni preliminari Lappello iniziale (preliminare) di A precede il turno successivo in cui spiega la ragione dellappello medesimo La logica comunicativa è la seguente: a) una domanda preliminare volta ad accertare se è soddisfatta una certa precondizione, b1) lindicazione che tale precondizione è soddisfatta, c1) attuazione della proposta e dellinvito da parte del parlante; oppure: b2) la precondizione non è soddisfatta, c2) linvito da parte del parlante non si realizza

59 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 59 Organizzazione conversazionale dei preannunci: a) il turno preliminare serve ad attivare lattenzione, linteresse e la partecipazione dellinterlocutore b) la risposta di questultimo risulta positiva c) il parlante ha modo di esprimere al meglio la notizia preannunciata I pre-annunci, oltre a focalizzare lattenzione dellinterlocutore, servono a garantire al parlante il turno successivo e a consentirgli uno spazio notevole proporzionale allimportanza della notizia da riferire

60 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 60 Le prerichieste Sono funzionali per la gestione delle richieste che costituiscono uno scambio delicato fra i partecipanti, in quanto, accanto al loro accoglimento, possono dare luogo a forme di rifiuto Hanno un preciso valore di negoziazione comunicativa: precedono la richiesta e danno la possibilità al parlante di valutare se formulare o meno la richiesta medesima in funzione della risposta dellinterlocutore

61 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 61 Variazioni culturali nella conversazione La conversazione è un sistema comunicativo universale (si ritrova presso tutte le culture); tuttavia, unanalisi comparata della conversazione pone in evidenza la presenza di rilevanti e sistematiche variazioni culturali in termini di loquacità e di frequenza nellattività del conversare (culture loquaci vs culture del silenzio) in termini di pausa fra un turno e laltro in termini di alternanza dei turni (regola del tutti-assieme-adesso)

62 Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 62 Variazioni culturali nella conversazione in termini di gerarchia sociale (maggiore/minore peso dello status sociale) in termini di gestione delle coppie adiacenti (forme di precedenza nel rivolgersi i saluti e nella coppia domanda/risposta sono differenti nelle diverse culture) nella sezione di chiusura (formule di ringraziamento doverose/proibite) Per comprendere tali differenze occorre adottare la concezione situazionista che evidenzia come ogni conversazione sia strettamente connessa al proprio contesto culturale di riferimento.


Scaricare ppt "Luigi Anolli (a cura di), Fondamenti di psicologia della comunicazione, Il Mulino 2011 Capitolo VI. Discorso e conversazione 1 La comunicazione come discorso."

Presentazioni simili


Annunci Google