La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PROSTATECTOMIA RADICALE ELEMENTI DI ASSISTENZA AL PAZIENTE CON CARCINOMA PROSTATICO PROSTATECTOMIA RADICALE PROSTATA CARCINOMA PROSTATICO DIAGNOSI PROSTATECTOMIA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PROSTATECTOMIA RADICALE ELEMENTI DI ASSISTENZA AL PAZIENTE CON CARCINOMA PROSTATICO PROSTATECTOMIA RADICALE PROSTATA CARCINOMA PROSTATICO DIAGNOSI PROSTATECTOMIA."— Transcript della presentazione:

1 PROSTATECTOMIA RADICALE ELEMENTI DI ASSISTENZA AL PAZIENTE CON CARCINOMA PROSTATICO PROSTATECTOMIA RADICALE PROSTATA CARCINOMA PROSTATICO DIAGNOSI PROSTATECTOMIA RADICALE Milena ROSATO INFERMIERA B.O. DI VASTO

2 PROSTATA E UNA GHIANDOLA MASCHILE E GRANDE QUANTO UNA CASTAGNA PESA CIRCA gr E SOTTO LA VESCICA E DAVANTI AL RETTO CIRCONDA LURETRA PRODUCE UN LIQUIDO CHE TRASPORTA GLI SPERMATOZOI PRODUCE UN ORMONE IL DIIDROTESTOSTERONE PRODUCE IL PSA (ANTIGENE SPECIFICO PROSTATICO) E FORMATA DA UNA PARTE ADENOMATOSA INTERNA E DA UNA PARTE CAPSULARE ESTERNA

3 TUMORE DELLA PROSTATA E LA SECONDA CAUSA DI MORTALITA PER TUMORE NEGLI UOMINI, DOPO IL TUMORE DEI POLMONI IN ITALIA COLPISCE CIRCA INDIVIDUI/ANNO ATTUALMENTE OGNI ITALIANO >65 ANNI HA CIRCA IL 3% DI PROBABILITA DI MORIRE PER QUESTO TUMORE

4 AUMENTA IN MANIERA ESPONENZIALE CON LAUMENTARE DELLETA Il 60% a 60 anni Il 70% a 70 anni L 80% a 80 anni OGNI UOMO CHE ABBIA COMPIUTO I 45 ANNI DI ETA E CONSIDERATO A RISCHIO.

5 IPB LIPERPLASIA PROSTATICA BENIGNA o IPB NON E DA CONFONDERE CON LA NEOPLASIA. DAI ANNI DI ETA, PER AZIONE DI UN ORMONE, IL DIIDROTESTOSTERONE, LA PROSTATA TENDE AD AUMENTARE DI VOLUME. LA NEOPLASIA E CARATTERIZZATA DALLA CRESCITA INCONTROLLATA DI CELLULE ANOMALE.

6 PREVENZIONE CI SONO SICURAMENTE MECCANISMI INTERATTIVI FRA GENETICA, FATTORI AMBIENTALI, E DI COMPORTAMENTO, MA IL PRECISO RUOLO DI CIASCUNO DI ESSI NON E AL MOMENTO CHIARO NE SCIENTIFICAMENTE DIMOSTRATO.

7 LA NEOPLASIA SI SVILUPPA, INIZIALMENTE, NELLA PARTE CAPSULARE DELLA PROSTATA, INVADE SUCCESSIVAMENTE GLI ORGANI CIRCOSTANTI FINO AD AGGREDIRE IN ALCUNI CASI ANCHE LAPPARATO OSSEO. ESISTE UNA VALUTAZIONE MONDIALE CHE DIFFERENZIA IL GRADO DI ESTENSIONE DELLA NEOPLASIA ED E IL SISTEMA: TNM

8 CLASSIFICAZIONE TNM T1-T2 neoplasia intracapsulare T3-T4 neoplasia con estensione extracapsulare N : COINVOLGIMENTO LINFONODALE M :COINVOLGIMENTO METASTATICO

9 ISTOTIPO IL PIU FREQUENTE E LADENOCARCINOMA RAPPRESENTA CIRCA IL 95% DEGLI ISTOTIPI

10 DIAGNOSI VISITA UROLOGICA PSA IL CUI VALORE NORMALE E DI 4 ng/ml ESPLORAZIONE RETTALE BIOPSIA PROSTATICA TAC-ECOGRAFIA TRANSRETTALE-RNM NON AIUTANO NELLA VALUTAZIONE DELLESTENSIONE TUMORALE.

11 LA BIOPSIA PROSTATICA DA CONFERMA DI TUMORE INDICA IL GRADO DI GLEASON: CHE RAPPRESENTA IL SISTEMA INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DEL GRADING TUMORALE PROSTATICO. ESSO SI BASA SULLA VALUTAZIONE DELLE CARATTERISTICHE ARCHITETTURALI DELLA NEOPLASIA E SULLA PROPENSIONE AD INFILTRARE IL PARENCHIMA CIRCOSTANTE.

12 PROSTATECTOMIA RADICALE IL CANDIDATO IDEALE: ASPETTATIVA DI VITA > A 10 ANNI ETA LIMITE = ANNI MALATTIA CLINICAMENTE CONFINATA ALLA GHIANDOLA PROSTATICA: N0-M0 ASSENZA DI CO-MORBILITA SIGNIFICATIVE

13 QUANDO NON E POSSIBILE ESEGUIRE LINTERVENTO CHIRURGICO LE TERAPIE ALTERNATIVE SONO: LORMONOSOPPRESSIONE LORCHIECTOMIA CHIRURGICA LA RTE IL TESTOSTERONE HA LO STESSO EFFETTO SUL TUMORE DELLA BENZINA SUL FUOCO, FINO A QUANDO LORGANISMO PRODUCE TESTOSTERONE IL TUMORE CRESCE E SI DIFFONDE.

14 LO SCOPO CHE SI PREFIGGE LINTERVENTO E QUELLO DI RIMUOVERE TUTTO IL TUMORE CONSENTENDO LA GUARIGIONE DEL PAZIENTE. TUTTAVIA OCCORRE SPECIFICARE CHE ALLANALISI ISTOLOGICA CIRCA IL 40% DEI TUMORI NON RISULTA ESSERE LOCALIZZATO ED IN QUESTI CASI PUO ESSERE NECESSARIA UNA RADIOTERAPIA O UN ORMONO SOPPRESSIONE COMPLEMENTARE. LIMPIEGO DELLA RADIOTERAPIA ESTERNA (RTE) IN ADIUVANTE ALLA PR SEMBREREBBE VANTAGGIOSA IN TERMINI DI SOPRAVVIVENZA SIA BIOCHIMICA CHE CLINICA IN PZ CON STADIOT3

15 INTERVENTO LINTERVENTO DI PROSTATECTOMIA RADICALE PREVEDE LASPORTAZIONE COMPLETA DELLA GHIANDOLA PROSTATICA A DELLE VESCICOLE SEMINALI CON LA SUCCESSIVA ANASTOMOSI VESCICO-URETRALE

16 TECNICHE CHIRURGICHE ACCESSO PERINEALE LAPAROSCOPICA RETROPUBICA LACCESSO RETROPUBICO E CONSIDERATO IL GOLD STANDARD TRA TUTTE LE TECNICHE SOPRACITATE

17 CENNI STORICI LA PR RETROPUBICA VENNE MESSA A PUNTO NEL 1983 DA PATRICK WALSH. NEGLI ULTIMI 20 ANNI, IN SEGUITO AI PRIMI LAVORI DI WALSH, SI SONO REGISTRATI PROGRESSI IN MERITO ALLA TECNICA OPERATORIA CHE SI PREFIGGE ATTUALMENTE 2 OBBIETTIVI: ONCOLOGICO (RIDURRE IL PIU POSSIBILE I LIMITI DI EXERESI CHIRURGICA POSITIVI) FUNZIONALE (MIGLIORARE LA CONTINENZA URINARIA E LA FUNZIONALITA ERETTILE POSTOPERATORIA)

18 TECNICA CHIRURGICA CATETERE VESCICALE TIPO FOLEY DA CH INCISIONE SULLA LINEA MEDIANA OMBELICO-PUBICA LINFOADENECTOMIA ILIACO-OTTURATORIO* SEZIONE DEI LEGAMENTI PUBO-PROSTATICI LEGATURA DEL COMPLESSO VENOSO DORSALE SEZIONE DELLURETRA MOBILIZZAZIONE DELLA PROSTATA,DELLE VESCICOLE SEMINALI E DEI VASI DEFERENTI SEZIONE DELLA GIUNZIONE PROSTATO-VESCICALE

19 RICOSTRUZIONE DEL COLLO VESCICALE REISERIMENTO DEL CATETERE VESCICALE ANASTOMOSI VESCICO-URETRALE COLLOCAZIONE DI DRENAGGIO TUBULARE IN LOGGIA RETROPUBICA CHIUSURA A STRATI:MUSCOLO-FASCIA-SOTTOCUTE-CUTE LA LAD PELVICA SARA ESEGUITA SOLO CON UN VALORE DEL PSA >20ng/ml E CON UN GRADO DI GLEASON SUPERIORE A 7

20 PROSTATECTOMIA CON TECNICA NERVE SPARING QUESTA TECNICA CONSISTE NELLASPORTAZIONE DELLA GHIANDOLA PROSTATICA ORGANO- CONFINATA, RISPARMIANDO I FASCI NEUROVASCOLARI RESPONSABILI DELLA FUNZIONE ERETTILE.

21 IL SUCCESSO DELLINTERVENTO CHIRURGICO E DETERMINATO DA DIVERSI FATTORI CORRETTO POSIZIONAMENTO DEL PZ SUL TAVOLO OPERATORIO OTTIMA ANESTESIA GENERALE PROFONDA PRESENZA DI ALMENO DUE OPERATORI STRUMENTI SPECIFICI E ADATTI ALLE ESIGENZE DEL CAMPO OPERATORIO EQUIPE PREPARATA, CON LOSTRUMENTISTA CHE, ESSENDO PRIVO DI CAMPO VISIVO, CONOSCA PERFETTAMENTE LA TECNICA CHIRURGICA, ED UN INFERMIERE DI SALA VIGILE E PRONTO AD INTERVENIRE NEI MOMENTI DI BISOGNO

22 ASSISTENZA INFERMIERISTICA SONO TRE I TEMPI ASSISTENZIALI PERI-OPERATORI: PRE-OPERATORIA 1. INTRA-OPERATORIA 2. POST-OPERATORIO SONO PRESENTI IN SALA OPERATORIA TRE FIGURE INFERMIERISTICHE: INFERMIERE DI ANESTESIA INFERMIERE DI SALA O CIRCOLANTE INFERMIERE STRUMENTISTA

23 LINFERMIERE DI ANESTESIA CONTROLLO DELLE APPARECCHIATURE PREPARAZIONE DEI FARMACI ACCOGLIENZA DEL PAZIENTE NEL B.O. RACCOLTA DATI POSIZIONAMENTO DEL PAZIENTE MONITORIZZAZIONE ASSISTENZA E COLLABORAZIONE CON IL MEDICO ANESTESISTA DURANTE : LINDUZIONE, LINTUBAZIONE E IL MANTENIMENTO DELLANESTESIA

24 CONTROLLO DI TUTTI I PARAMETRI VITALI INTRAOPERATORI ASSISTENZA POST- OPERATORIA ANALGESIA POST- OPERATORIA DIMISSIONE DAL B.O.ED AFFIDO AGLI INFERMIERI DEL REPARTO DI PROVENIENZA

25 ACCOGLIENZA NEL B.O. NEL PERIODO DELICATO CHE PRECEDE LINTERVENTO, LINFERMIERE DEVE GARANTIRE UNADEGUATA ASSISTENZA PSICOLOGICA ALLOPERANDO MEDIANTE UNA PRESENZA RASSICURANTE E TRANQUILLIZZANTE. STUDI HANNO DIMOSTRATO CHE LO STRESS PRE-OPERATORIO HA UN IMPATTO BIOLOGICO SUL PROCESSO DI GUARIGIONE, IN QUANTO AUMENTA LA CONCENTRAZIONE EMATICA DI GLICOCORTICOIDI, CHE INIBISCONO LA SINTESI DI COLLAGENE E QUINDI AIUTANO LA RIPARAZIONE TISSUTALE. UN PZ RIPOSATO, TRANQUILLO E FIDUCIOSO RICHIEDE UNA MINOR DOSE DI FARMACI ANESTETICI E CONSENTE UN MIGLIOR CONTROLLO DELLA SINTOMATOLOGIA DOLOROSA NEL PERIODO POST-OPERATORIO.

26 LINFERMIERE DI SALA COLLABORA CON LINFERMIERE STRUMENTISTA NELLALLESTIMENTO DEI SERVITORI POSIZIONA IL PZ SUL TAVOLO OPERATORIO CON LAIUTO DELLINF. DI ANESTESIA CONTROLLA E DISPONE GLI ELETTROMEDICALI NECESSARI ALLINTERVENTO COLLABORA CON LEQUIPE CHIRURGICA PROVVEDE AL RECUPERO,CONSERVAZIONE ED EVENTUALE INVIO IN ANATOMIA PATOLOGICA DI PARTI ANATOMICHE ASPORTATE ESEGUE IL CONTEGGIO DELLE GARZE LAPAROTOMICHE USATE E MESSE NEL FUORI CAMPO COLLABORA CON LO STRUMENTISTA AL CONFEZIONAMENTO DELLA MEDICAZIONE, RISPETTANDO I TEMPI STERILI COLLABORA CON L INFERMIERE DI ANESTESIA ALLONTANANDO IL PZ DALLA S.O. A FINE INTERVENTO

27 LINFERMIERE STRUMENTISTA PREPARA I SERVITORI CON LO STRUMENTARIO NECESSARIO COLLABORA NELLA PREPARAZIONE DEL CAMPO OPERATORIO STERILE SORVEGLIA COSTANTEMENTE LA STERILITA DEL CAMPO OPERATORIO COLLABORA CON LEQUIPE MEDICA CHIRURGICA ESEGUE LA CONTA DI GARZE, STRUMENTARIO E AGHI, PRIMA- DURANTE-FINE INTERVENTO ESEGUE LA MEDICAZIONE STERILMENTE INVIA LO STRUMENTARIO AL LAVAGGIO E RICONFEZIONAMENTO

28 ASSISTENZA IN REPARTO UROLOGICO IL GIORNO PRIMA DELLINTERVENTO: RICHIESTA SANGUE DIGIUNO DALLE ORE 24:00 PREPARAZIONE INTESTINALE CON CLISTERE TRICOTOMIA* TERAPIA DOMICILIARE TERAPIA ANTITROMBOTICA

29 NELLIMMEDIATO PREOPERATORIO: TERAPIA ANTIBIOTICA RIMOZIONE MONILI E/O PROTESI PREPARAZIONE ADEGUATA PER IL TRASPORTO IN SALA OPERATORIA RITORNO DAL B.O.: CONTROLLO DEI PARAMETRI VITALI CONTROLLO PERVIETA- QUANTITA-CARATTERISTICHE DEI LIQUIDI DRENATI TERAPIA ANTALGICA AL BISOGNO TERAPIA INFUSIONALE TERAPIA ANTICOAGULANTE CONTROLLO EMOCROMO DOPO 3 ORE DALLINTERVENTO DIGIUNO

30 NEI GIORNI SUCCESSIVI: DOPO ORE 1° MEDICAZIONE FERITA CHIRURGICA RIMOZIONE DRENAGGIO IN 3° GIORNATA SOSPENSIONE INFUSIONI IN 4° GIORNATA SOMMINISTRAZIONE TERAPIA ANTICOAGULANTE FINO A DIVERSA PRESCRIZIONE MEDICA DIMISSIONE, PREVIA RIMOZIONE CATETERE VESCICALE, IN 7°- 8° GIORNATA

31 COMPLICANZE PERI-OPERATORIE POST-OPERATORIE PRECOCI POST-OPERATORIE TARDIVE

32 LE COMPLICANZE PERI-OPERATORIE LA MORTALITA ASSOCIATA ALLA PR E< ALLO 0,4% LA TROMBOSI VENOSA PROFONDA (TVP) E LEMBOLIA POLMONARE POSSONO PRESENTARSI RISPETTIVAMENTE NELLO 0,8% E NELL1-7% DEI CASI SI E DIMOSTRATO CHE LA PROFILASSI DELLE COMPLICANZE TROMBO-EMBOLICHE, ATTUATA CON LA SOMMINISTRAZIONE DI EPARINA A BASSO PESO MOLECOLARE E IN GRADO DI RIDURRE NOTEVOLMENTE LINCIDENZA DI TVP NEL POST-OPERATORIO.

33 COMPLICANZE POST-OPERATORIE PRECOCI: LESIONE INTRA-OPERATORIA DEL RETTO O DEL NERVO OTTURATORIO (0,5% ) EMORRAGIE ( DAL 2 ALL11% ) FISTOLE URINOSE (1-2% ) LINFOCELE IN CASO DI LAD PELVICA (1-3%) STENOSI DELLANASTOMOSI VESCICO-URETRALE (TRA LO 0,6 ED IL 30% DEI CASI)

34 COMPLICANZE POST-OPERATORIE TARDIVE DISFUNZIONE ERETTILE TRA IL 44 ED L85% DEI CASI IL RECUPERO POST-OPERATORIO VARIA ANCHE IN RELAZIONE DELLA TECNICA UTILIZZATA : 1. TRA IL 44 ED L85% CON LA PR RETROPUBICA 2. TRA IL 22 ED IL 77% SE ESEGUITA PER VIA PERINEALE 3. TRA IL 5 ED IL 59% SE PER VIA LAPAROSCOPICA COMUNQUE E DA TENERE IN CONSIDERAZIONE: LETA, LASSENZA DI MALATTIE CARDIOVASCOLARI, LESPERIENZA DEL CHIRURGO E LESECUZIONE QUANDO E POSSIBILE DELLA TECNICA NERVE SPARING LINCONTINENZA URINARIA CHE VARIA DAL 32 AL 95% DEI CASI PER QUESTA COMPLICANZA SONO DA CONSIDERARE NEL PRE- OPERATORIO: 1. STATO DI CONTINENZA 2. LUNGHEZZA DELLURETRA MEMBRANOSA 3. PREGRESSA CHIRURGIA PROSTATICA

35 QUALITA DI VITA POST-OPERATORIA ATTUALMENTE I SISTEMI DI VALUTAZIONE DI QUALITA DI VITA SONO PIUTTOSTO IMPRECISI ED ASPECIFICI. SOLO UNA MINIMA PARTE DEI PZ SOTTOPOSTI A PR RIFERISCE PROBLEMI FISICI CORRELATI ALLINTERVENTO CHIRURGICO TALI DA SENTIRSI LIMITATI NELLE ATTIVITA QUOTIDIANE.

36 FOLLOW-UP DOPO PR IL VALORE DEL PSA DOVREBBE TEORICAMENTE SCENDERE A LIVELLI DI INDOSABILITA (<0,1 ng/ml) ENTRO UN MESE. IL PRIMO DOSAGGIO VERRA ESEGUITO DOPO CIRCA 3 MESI DALLINTERVENTO. QUESTO DATO RISULTA PARTICOLARMENTE IMPORTANTE IN CASO DI NEOPLASIA IN STATO LOCALMENTE AVANZATO, PER DECIDERE IL POSSIBILE IMPIEGO DI UNA TERAPIA ADIUVANTE. SUCCESSIVAMENTE IL PSA VA DOSATO OGNI 6 MESI PER I PRIMI 5 ANNI E QUINDI OGNI ANNO. LESPLORAZIONE RETTALE VA ESEGUITA ANNUALMENTE. ULTERIORI ESAMI SARANNO DECISI SULLA BASE DELLA SITUAZIONE CLINICA.

37 GRAZIE LACQUA DEL FIUME SI ADATTA AL CAMMINO POSSIBILE, SENZA DIMENTICARE IL PROPRIO OBIETTIVO : IL MARE ( P. COHELO)


Scaricare ppt "PROSTATECTOMIA RADICALE ELEMENTI DI ASSISTENZA AL PAZIENTE CON CARCINOMA PROSTATICO PROSTATECTOMIA RADICALE PROSTATA CARCINOMA PROSTATICO DIAGNOSI PROSTATECTOMIA."

Presentazioni simili


Annunci Google