La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ambiente e Sviluppo Marina Baldi Istituto di Biometeorologia Ibimet – CNR, Roma.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ambiente e Sviluppo Marina Baldi Istituto di Biometeorologia Ibimet – CNR, Roma."— Transcript della presentazione:

1 Ambiente e Sviluppo Marina Baldi Istituto di Biometeorologia Ibimet – CNR, Roma

2 È un sistema complesso in cui i rapporti sono concatenati ed intrecciati in modo dinamico. Per comprenderne il funzionamento occorre considerare le connessioni, i rapporti, gli insiemi. Ogni insieme costituisce un sottosistema di un insieme più vasto. L'ambiente non è costituito da fenomeni naturali soltanto fisici o chimici o biologici: quando è implicato l'uomo è necessario analizzare e valutare anche, ad es., gli aspetti psicologici, filosofici e sociali, politici Che cosa è lambiente? Tutti gli organismi influenzano il proprio ambiente attraverso luso delle risorse in esso disponibili.

3 Latteggiamento delluomo nei confronti dellambiente e cambiato molte volte nel corso della storia. Agli albori della storia, luomo percepiva lambiente come ostile e la sopravvivenza prevedeva una vita nomade, e il sostentamento veniva dalla caccia e dalla raccolta di piante commestibili. Poi iniziò lagricoltura, e luomo inizio a capire che poteva controllare lambiente tramite laddomesticamento di piante e animali. Si ebbe quindi una crescita sensibile della popolazione che divenne stanziale. Nei secoli18 e 19, la Rivoluzione Francese e la Rivoluzione Industriale e cambiato totalmente latteggiamento delluomo nei confronti dellambiente: e cresciuta la produzione di prodotti di consumo e, grazie ad un sistema più democratico, i beni hanno iniziato ad essere suddivisi fra un numero maggiore di persone. In questi ultimi due secoli lambiente e stato visto sempre più come una sorgente di risorse che favoriva una economia del consumismo.

4 Nel 1994 G.F. White ha mostrato come latteggiamento verso il Pianeta Terra e il suo ambiente sia cambiato diverse volte nel corso del 20° secolo. Egli distingue 4 diversi modi di vedere: Terra sotto Osservazione (negli anni 20) Il Pianeta viene esaminato con in mente lo sviluppo umano. Le risorse sono considerate illimitate e esaminate per luso potenziale che luomo puo farne. Terra Sviluppata Losservazione della Terra suggerisce che una enorme quantità di risorse e disponibile ed aspetta di essere utilizzata per le necessità delluomo. Vengono sviluppati schemi, anche molto complessi, di gestione sia per la protezione che per lo sviluppo delle risorse ambientali disponibili. Terra a Rischio Lentusiasmo verso lo sviluppo viene frenato dalla previsione di una crisi ambientale. Gli individui si rendono conto che lo sviluppo ha degli effetti negativi sul sistema naturale e sociale. Alcuni studiosi azzardano lipotesi di effetti a lungo termine. Terra come Casa Spirituale Gli studiosi e i politici riconoscono la grandezza dei problemi globale associati allo sviluppo. Alluomo viene chiesto di considerare il Pianeta come una casa di dimensioni finite. Questa nuova visione riconosce la necessita di lavorare in armonia con i sistemi naturali e di adottare una visione sostenibile dello sviluppo.

5 Esaminiamo alcuni indicatori dello stato attuale del nostro pianeta, ovvero dellambiente terrestre: popolazione, atmosfera, agricoltura, pesca, produzione di cibo, acqua, biodiversita e uso del territoriopopolazione, atmosfera, agricoltura, pesca, produzione di cibo, acqua, biodiversita e uso del territorio

6 Popolazione Il numero degli esseri umani sulla terra ha raggiunto: Il primo miliardo nel 1804 Il secondo miliardo nel 1927 (dopo 123 anni) Il terzo miliardo nel 1960 (dopo 33 anni); Il quarto miliardo nel 1974 (dopo 14 anni) Il quinto miliardo nel 1987 (dopo 13 anni) Il sesto miliardo nel 1999 (dopo 12 anni) E potrebbe raggiungere: Il settimo miliardo nel 2012 (dopo 13 anni) Il ottavo miliardo nel 2026 (dopo 14 anni) Il nono miliardo nel 2043 (dopo 17 anni) (Nazioni Unite 2001) Studi demografici ci dicono che i metodi per controllare la crescita della popolazione sono: Sviluppo Economico Pianificazione familiare Cambiamenti socioeconomici

7 Popolazione La popolazione del Pianeta ammonta a 6,080,000,000 (stima del 2000). Proiezioni future indicano che arrivera a 9.3 miliardi nel Dal 2050 inizia la stabilizzazione della popolazione Le condizioni di vita sono molto diverse nei Paesi Industrializzati e in quelli Sotoosviluppati Solo 1.3 miliardi di persone vivono in Paesi sviluppati 4.6 miliardi vivono in aree sottosviluppate Circa 1.3 miliardi di persone sono povere con un salario inferiore a 1$ al giorno La popolazione delle aree urbane cresce 4 volte di piu che nelle aree rurali A partire dal 2025, 5 miliardi di persone vivranno nelle citta Le citta che avranno un aumento del 50% della popolazione fra il 1995 e il 2015 sono Bombay, India; Lagos, Nigeria; Deli, India; Karachi, Pakistan; Manila, Filippine; Giacarta, Indonesia milioni di persone sono affette dall AIDS. Il 90 % di esse vive in Paesi sottosviluppati. La malattia si e propagata soprattutto nellAfrica sub-Sahariana. La frequenza della malattia si presume aumenti con laumentare della poverta, con I cambiamenti climatici, con lo sviluppo di ad antibiotici ed insetticidi. La vita media nei Paesi piu ricchi e di circa 75 anni, mentre in quelli poveri di 50.

8 Densita della Popolazione alla fine degli anni 90 Popolazione si prevede che nel 2050 verranno utilizzate risorse corrispondenti alla capacità di 2,3 pianeti

9 Agricoltura, Pesca e Produzione di Cibo A causa della crescita della popolazione, la terra disponibile pro capite diminuisce del 21% entro il Dal 1985 al 1992 la popolazione e cresciuta del 12.8 %, mentre i cereali pro capite sono diminuiti dell 8.5 %. Circa 800 milioni di persone sono cronicamente sottonutriti. Ogni anno 40 milioni muoiono per malnutrizione e fame. La sovrapproduzione sta portando degrado delle acque e della terra in molte Nazioni. Una adeguata produzione di cibo per il 2050 significa triplicare la produzione attuale. Nel 1995, circa il 20 % della produzione mondiale di pesce e frutti di mare veniva dallacquacoltura. Il collasso della pesca di merluzzo in Nord Atlantico ha lasciato senza lavoro circa lavoratori in Canada..

10 Le pratiche agricole oggi esistenti sono di due tipi: Agricoltura Industriale Agricoltura Industriale – Produce grandi quantita di singole specie. E meccanizzata ed usa combustibili fossili e fertilizzanti Agricoltura di sussistenza Agricoltura di sussistenza – Produce solo per coprire i bisogni della immediata sopravvivenza. Essa prevede tre tipi di pratiche: Rotazione delle colture – Consiste nel pulire e bruciare una zona di foresta in modo da ottenere del terreno fertile (il fertilizzante e nella biomassa stessa). Questa terra puo essere coltivata fino al completo esaurimento delle scorte di nutrienti, esaurimento che avviene nellarco di circa due anni. Occorrono poi da 10 a 30 anni per riforestare e perche il terreno si arricchisca di nuovo di nutrienti.Viene praticata nelle foreste tropicali. Coltivazione intensiva – si tratta di coltivazioni su terreno fertile che usano poche attrezzature meccaniche, fertilizzanti inorganici e pesticidi. Sono comuni in Giappone, India, Cina, America centrale, Asia sudorientale, parti dellAfrica. Nomadismo – agricoltura assciata ad allevamento di bestiame in zone tropicali o temperate. Viene praticato in Africa, Medio Oriente, Cina settentrionale, Afghanistan, Mongolia. In media, il 63% della popolazione lavora nel settore agricolo nei paesi sottosviluppati e solo il 10% in quelli sviluppati.

11 Il mondo oggi produce cibo sufficiente per sfamare lintera popolazione. Tuttavia in molte parti del mondo intere popolazioni soffrono di malnutrizione e sottonutrizione. Negli anni 80 un periodo di severa siccita ha visto ben 22 Paesi Africani soffrire di mancanza di cibo e circa 150 milioni hanno provato la fame. Per risolvere questi problemi le nazioni occidentali hanno inviato aiuti alimentari. La fame in Africa negli anni 80 e stato il risultato di un evento siccitoso anomalo. Altri fattori hanno comunque contribuito a questa situazione: la crescita della popolazione, inefficienza nelle pratiche agricole, sistemi di trasporto insufficienti, crescita della popolazione degli animali da allevamento, scarsi metodi di stoccaggio delle riserve, avvenimenti politici. La mancanza di cibo e la fame sono il risultato di molti e complessi fattori spesso correlati fra loro.

12 GUINEA COAST SAHEL Siccitá negli anni 70-80

13 Ancora alcune parole sulla produzione di cibo La produzione di cibo puo essere incrementata o espandendo gli areali di coltivazione o producendo maggiori quantita. Nel recente passato molte nazioni hanno iniziato a considerare come sorgente di cibo gli Oceani. Utilizzando diverse tecniche ora siamo in grado di catturare 40 specie diverse di organismi marini per sfamare sia luomo sia gli animali.

14 Unaltra tecnica adottata e lacquacoltura. Essa consiste nellallevare specie acquatiche in ambiente controllato che consiste in una vasca fluttuante, un lago, una laguna, unarea circoscritta nel mare o nei laghi. Nel 1990, lacquacoltura ha fornito al Mondo il 15 % del pescato di cui i tre quarti vengono da Paesi sottosviluppati. Questi allevamenti in acqua creano seri problemi ambientali ed ecologici. Ad esempio lallevamento di gamberi nellAsia sudorientale ha distrutto milioni di ettari di mangrovie nelle lagune che costituiscono lambiente naturale nel quale crescono diverse migliaia di specie di piante, uccelli, rettili, anfibi, insetti, mammiferi. Lacquacoltura

15 Biodiversità Spesso ignoriamo limportanza che hanno le diverse specie di piante ed animali nella società. Luomo ha usato queste risorse per diversi scopi: cibo, vestiti, trasporto, lavoro, prodotti chimici per lindustria e la medicina. Tutti i biomi della Terra formano assieme la Biodiversità. La perdita di una intera specie viene detta estinzione. Nel corso della storia della Terra vi sono state diverse estinzioni di massa. Nonostante limportanza vitale della biodiversità, gli scienziati credono che lattività umana sia fra le cause di una futura estinzione di massa, la piu grande della storia del Pianeta. Attualmente si pensa che si estingua almeno una specie al giorno. I motivi per queste estinzioni sono fra gli altri: Perdita dellHabitat naturale Introduzione di nuove specie Inquinamento e cambiamenti climatici Raccolto, Caccia, Caccia/Pesca di frodo Traffico di animali e piante esotici

16 Molti luoghi sulla Terra hanno condizioni climatiche simili, nonostante si trovino in aree geograficamente diverse. Come risultato della selezione naturale, in queste aree seppur lontane fra loro si sono sviluppati ecosistemi simili. Gli ecosistemi principali vengono chiamati biomi. La distribuzione geografica e la produttivita di questi biomi e controllata soprattutto da fattori climatici, in primis Temperatura e Precipitazioni Distribuzione degli otto principali biomi sul Pianeta Terra (Da: H.J. de Blij and P.O. Miller Physical Geography of the Global Environment. John Wiley, New York. Pp. 290.)

17 Biodiversita ed Uso del suolo Le attivita umane influenzano il 40% della produttivta della Terra Luomo usa il 3.2% della produttivita netta primaria Le foreste oggi sono il 24% in meno rispetto al 1700 La maggioranze delle foreste si e perduta a causa della conversione delle foreste in terreno agricolo. Nel 1992 sono stati distrutti km2 di foresta tropicale Questa perdita si riflette in una perdita di legno, habitat, specie, stabilita dei bacini acquiferi, stabilita del clima. Il 14% delle specie vegetali esaminate dal World Conservation Union nel 1997 sono oggi a rischio di estinzione. La maggior parte delle praterie sono sovra-sfruttate per pascolo Il pascolo ha degradato circa 680 milioni di ettari di terra a partire dal 1950

18 Uso ed Abuso del Suolo La crescita della popolazione ha messo a dura prova il suolo della Terra. Piu di 6 miliardi di persone usano poco piu del 10 % delle terre emerse per allevamento ed agricoltura. Se usato per tale scopo, il suolo soffre per degrado di vario genere e diminuisce la sua capacita di produrre. LErosione e la causa primaria del degrado del suolo alivello globale. Lagricoltura aumenta il rischio erosione in quanto altera la vegetazione naturale tramite la conversione delluso del suolo, laratura e il pascolo eccessivo. Vi sono poi alterazioni chimiche a seguito di pratiche agricole. La degradazione del suolo puo portare a: Salinizzazione Desertificazione

19 La Desertificazione consiste nel ridurre il potenziale di produttivita di un terreno a seguito di attivita umane. E un problema molto serio e diffuso in Africa sub-Sahariana, Medio Oriente, Asia occidentale, Messico settentrionale, sud-est del Sud America, US occidentali, praterie del Canada, Australia orientale. Gli scienziati stimano che ogni anno si creano circa 60,000 km 2 di terra arida/desertica La desertificazione si ha quando la vegetazione naturale si riduce e il suolo rimane esposto ad erosione. Lerosione provoca una serie di problemi, quali: Aumento del runoff superficiale e della portata dei corsi dacqua Riduzione della infiltrazione di acqua e della ricarica delle acque sotterranee Sviluppo di dune di sabbia Cambiamento del microclima con aumento dellaridita Prosciugamento di pozzi e sorgenti Riduzione della capacita di germinare della vegetazione autoctona

20 Il processo di Desertificazione puo essere invertito…… Gli effetti che portano alla desertificazione possono essere invertiti in molti casi. Occorre innanzitutto bloccare tutte le attivita che portano allinaridimento. In molte parti della Terra il pascolo e la deforestazione sono fra le cause primarie della degradazione del suolo. Occorre ridurre queste pratiche. Altri due rimedi sono la ri-vegetazione e la costruzione di barriere frangi vento. Stabilizzazione di una duna con diversi tipi di arbusti (Cina) In Mongolia il deserto avanza

21 Uso dellEnergia Il mondo ha un bisogno sempre maggiore di energia. Lenergia e usata per trasporti, industria, riscaldamento, cucina, agricoltura e divertimento. Dal 1950 la crescita economica si e basata sulluso di combustibili fossili (olio, carbone, gas naturale). I maggiori consumatori di questo tipo di energia sono I Paesi piu sviluppati. Risorse NON Rinnovabili: Olio, Gas Naturale, Carbone, Fissione nucleare Risorse Rinnovabili: Energia Solare, Idroeletrica, Eolico, Energia dalle Biomasse, Energia Geotermica Molte delle sorgenti di energia influenzano la salute umana e lambiente.

22 Uso Sostenibile dellEnergia La tendenza futura per un uso sostenibile della energia occorre che sia: 1.Uso ridotto di carburanti fossili per I problemi suddetti e per laumento dei costi. 2.Uso di nuove tecnologie che rendano la produzione di energia da carburati fossili piu efficiente. 3.Sviluppo di systemi piu efficienti in quanto ad uso di energia. 4.Aumento delluso di energie rinnovabili (Solare, Idroelettrica, Eolica, Geotermica, da Biomasse) 5.Sviluppo di nuove tecnologie per la produzione di energia nucleare

23 "Lacqua è probabilmente lunica risorsa naturale che interessa tutti gli aspetti della civiltà umana – dallo sviluppo agricolo e industriale, ai valori culturali e religiosi radicati nella società. Non si esagera nellaffermare che, se lacqua è in crisi, anche lo sviluppo è in crisi Koichiro Matsuura, Direttore Generale dellUNESCO. (Traduzione non ufficiale) LAcqua

24 Acqua disponibile Luomo vive in un Pianeta dominato dallacqua. Oltre il 70 % della superficie della Terra e coperto dallacqua. Gli scienziati stimano che lidrosfera contiene circa 1.36 miliardi di km3 di acqua, per lo piu in forma liquida, che occupa tutte le aree topograficamente basse della Terra. Lacqua dolce e la risorsa primaria di tutta la vita sul Pianeta. Lacqua e importante sia nei processi ambientali biotici che abiotici. Luomo usa lacqua per sopravvivere, ma anche per lindustria, lagricoltura, I trasporti, la produzione di energia elettrica. Al crescere della popolazione e delle attivita industriali cresce la domanda di acqua. Le sorgenti di acqua necessarie per queste attivita e per la vita vanno man mano inquinandosi. Le precipitazioni sono la sorgente primaria di acqua dolce per ricaricare fiumi, laghi, falde sotterranee, ghiacciai.

25 LAcqua Il consumo globale di acqua e cresciuto del 600 % nel periodo 1900 – La domanda seguita a crescere con la popolazione e con lespansione industriale. Le riserve sono limitate Lagricoltura e lattivita che maggiormente richiede acqua. Nei Paesi industrializzati si spreca molta acqua Nei Paesi sottosviluppati, invece, molte persone vivono in aree a rischio siccita Oltre 1.5 miliardi di persone non hanno acqua potabile Gli acquiferi sono sempre piu inquinati da pesticidi, fertilizzanti, agenti chimici. Luso della irrigazione in agricoltura crea seri problemi ambientali il Lago Aral ha perso il 60% del suo volume negli ultimi 30 anni.

26 Quanti litri di acqua sono necessari per produrre 1 kg di riso o di pollo o di manzo? Il riso richiede circa 1900 litri. E una delle coltivazioni a piu alta richiesta di acqua. Gli animali di per se non consumano molta acqua, ma il cibo di cui si alimentano richiede acqua per esser prodotto: 1kg di pollo richiede 3500 litri, 1 kg di manzo litri. Quanti litri di acqua sono necessari per produrre 1l di birra, 1kg di legno, 1kg di carta? Per un litro di birra sono necessari 25 litri di acqua, per il legno 150 litri, per la carta 300 litri..

27 Quanta acqua viene usata per una doccia, un bagno e lo sciacquone? Una doccia in media richiede tra 50 e 100 litri di acqua. Un bagno circa 200 litri. Lacqua per lo sciacquine da 5 a 15, dipende dal tipo di bagno. Se un rubinetto perde una goccia dopo laltra, quanta acqua si spreca in un giorno? Una perdita di questo tipo puo arrivare a 100 litri al giorno, che equivale a circa litri in un anno. La quantita di acqua dolce disponibile sulla Terra e LIMITATA e per molti Paesi e scarsa

28 Il ciclo idrologico Il ciclo idrologico e un modello concettuale che descrive lo stoccaggio ed il trasferimento di acqua fra biosfera, atmosfera, litosfera, idrosfera. Lacqua sul Pianeta Terra viene immagazzinata nelle seguenti riserve: atmosfera, oceani, laghi, fiumi, suolo, ghiacciai, nevai, falde sotterranee.

29 Cambiamenti Climatici Negli ultimi anni la Terra si trova in un periodo interglaciale, con temperatura relativamente elevata. Oggi la temperatura media GLOBALE E DI 15ºC Durante questo periodo la temperatura alla superficie terrestre e variata, secondo cicli di 500 anni, di + o - 1ºC Queste fluttuazioni, relativamente modeste e lente, non hanno cambiato notevolmente lambiente terrestre.

30 IL SISTEMA CLIMATICO GLOBALE SCAMBI ENERGETICI - INTERAZIONI

31 Cambiamenti Climatici Il clima della Terra puo cambiare a causa di diversi fattori NATURALI: Variazioni nella energia ricevuta dal Sole a causa della attivita solare (macchie solari). Emissioni di sostanze gassose e di particolato in atmosfera a seguito di eruzioni vulcaniche, che riducono la quantita di radiazione solare ricevuta dal Pianeta. Variazioni dei parametri astronomici (inclinazione dellasse terrestre, forma dellorbita,della distanza della Terra dal Sole). Drifiting delle masse continentali. ……….. ma anche a causa della attivita dell UOMO: Variazioni a grande scala delluso del terreno a seguito ad esempio di opere massicce di urbanizzazione e/o deforestazione. Variazioni nella costituzione chimica della atmosfera.

32 Cambiamenti climatici e disponibilita di zooplancton arbitrary units r = 0.71 Log abundance Gulf Stream Zooplankton Summer Zooplankton Lake Windermere (inverted) Lo zooplancton costituisce nutrimento per la fauna ittica. Lo zooplancton, come il fitoplancton, sono degli eccellenti indicatori dello stato di salute del mare in quanto altamente sensibile alle variazioni della qualita dellacqua in cui vive.

33 Distruzione dello strato di Ozono Nella fascia di atmosfera fra 10 e 50 km di altezza si trova la massima concentrazione di Ozono (O3). Le misure della concentrazione di O3 hanno mostrato un assottigliamento dello strato in direzione del Polo Sud e questo fenomeno e stato chiamato buco dellozono Lo strato di O3 agisce da scudo naturale fermando i raggi ultravioletti (UV) prodotti dal sole che in tal modo non possono raggiungere la Terra. Questo e molto importante, perche la UV e una radiazione cancerogena per luomo e gli esseri viventi, infatti provoca: Aumento della percentuale di cancro della pelle. Aumento del rischio di cataratta e scottature Alterazione del sistema immunitario negli organismi viventi Provoca effetti nocivi sulle colture e gli animali Riduzione della produzione di fitoplancton negli oceani Cambiamenti climatici

34 Inquinamento atmosferico Linquinamento atmosferico si verifica laddove la concentrazione di determinate sostanze diviene elevata tanto che lambiente diventa tossico. Sorgenti Naturali: pollini, eruzioni vulcaniche, incendi, sabbia Sorgenti di origine antropica: emissioni industriali, agricoltura, trasporti, produzione di energia, riscaldamento Per ridurre linquinamento atmosferico sono state adottate diverse strategie Ciascuna Nazione dovrebbe adottare una serie di raccomandazioni

35 Concentrazione di CO2 in atmosfera

36 Effetto Serra

37 Laumento previsto della temperatura terrestre

38 Limpatto sugli ecosistemi Limpatto sugli ecosistemi Le temperature nelle zone antartiche sono cresciute 5 volte più velocemente che nel resto del globo, seguite anche dalle zone artiche. Gli esperti affermano che grandi tempeste e inondazioni saranno sempre più frequenti nei prossimi decenni.

39 Zone come il Bangladesh sono a rischio inondazioni. Se il livello del mare crescerà di 1 metro, il Bangladesh perderà il 17.5% della sua superficie.

40 Linnalzamento della temperatura, oltre a sciogliere i ghiacci favorisce il diffondersi di incendi, come quelli verificatisi nel Sud dellEuropa, dove per esempio, sono bruciate 150 foreste solo in Grecia.

41 Fenomeni come quelli di EL NINO, che in Indonesia ha causato la più grande siccità degli ultimi 50 anni, possono diventare sempre più frequenti a causa dei cambiamenti climatici

42 Le Nazioni Unite, nel 1987, tramite il rapporto Our Common Future hanno introdotto il concetto sviluppo sostenibile ripreso successivamente al Summit delle Nazioni Unite tenutosi a Rio de Janeiro nel La Commissione ha definito sviluppo sostenibile: Lo sviluppo che risponde ai bisogni del presente senza compromettere la capacità delle generazioni future di rispondere ai loro propri bisogni

43 Lo sviluppo sostenibile costituisce un obiettivo trasversale e allo stesso tempo uno dei settori di intervento della politica ambientale dellUnione europea, secondo il principio per cui lintegrazione della dimensione ambientale nelle politiche dellUE permette appunto che la crescita odierna non metta in pericolo le possibilità di crescita delle generazioni future. Lo sviluppo sostenibile offre al mondo un piano per salvare la Terra.

44 Documento della Organizzazione Meteorologica Mondiale OMM, 2004 In Asia, severe flooding causes loss of life, destroys property and crops and triggers a cholera epidemic. Rising sea-level inundates resorts on a small Pacific island, leaving its economy in tatters. Another hectare of African drylanddrought-ridden and overgrazed blows away on the wind. In the blink of an eye, a cyclone destroys hundreds of flimsy houses in an East Asian city and another forces thousands of people in the Caribbean to evacuate. Tornadoes, heatwaves and floods ravage parts of Europe, South and North America. These examples point to a single global reality: the profound impact that weather, climate and water have on the livelihoods and health of people, national economies, and the environment. Any country can find itself in a costly battle with the forces of nature, but the weakest suffer most: a single storm, if severe enough, can leave them struggling for years. Preparedness is essentialand, in this context, sustainable development is the best way of fostering it.

45 Mappa della fame nel mondo

46 Politica Ambientale Europea La politica ambientale dellUnione Europea concerne la salvaguardia, la tutela e il miglioramento della qualità dell'ambiente, nonché la protezione della salute umana, l'utilizzazione accorta e razionale delle risorse naturali, la promozione, di misure destinate a risolvere i problemi dell'ambiente a livello regionale e mondiale. In sede di elaborazione, la politica ambientale è soggetta a diverse procedure decisionali a seconda dei settori in cui si applicano le disposizioni da adottare. La politica ambientale è fondata sui principi di precauzione, di azione preventiva, di correzione alla fonte e sul principio chi inquina paga

47 Obiettivi Strategici e Documento di Lavoro La Commissione ha adottato gli obiettivi strategici il 26 Gennaio Tra gli obiettivi di Prosperità, Solidarietà e Sicurezza, lAmbiente è stato incluso tra le Priorità di Solidarietà con lobiettivo di sostenere e rinforzare e proteggere lambiente. Il documento di Lavoro e il programma Legislativo include una serie di iniziative concrete per trasformare gli obiettivi strategici in azione.

48 Le 10 iniziative ambientali della DG Ambiente adottate nel corso del : 1.Strategia tematica sullinquinamento atmosferico 2.Strategia tematia sulla prevenzione e riciclo dei rifiuti 3.Strategia tematica sulla conservazione e protezione dellambiente marino 4.Strategia tematica sulluso sostenibile dei pesticidi 5.Strategia tematica sulluso sostenibile e gestione delle risorse 6.Strategia tematica sullambiente urbano Ed inoltre: Comunicazione della Commissione sul Cambiamento climatico Comunicazione sulla biodiversità

49 Vertice Mondiale sullo Sviluppo Sostenibile - JOHANNESBURG 2002 Il Vertice Mondiale sullo Sviluppo Sostenibile di Johannesburg 2002 ha riunito capi di Stato e di Governo, delegati nazionali e i leader di organizzazioni non governative (NGOs), del mondo degli affari ed altri principali gruppi al fine di focalizzare lattenzione del mondo sulle azioni necessarie per raggiungere lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede un miglioramento della qualità della vita per tutti i popoli del mondo senza dover aumentare luso delle nostre risorse naturali oltre la capacità di sopportazione del pianeta. Se vogliamo raggiungere uno sviluppo sostenibile, dovremo dimostrare una maggiore responsabilità nei confronti degli ecosistemi dai quali dipende ogni forma di vita, considerandoci parte di una sola comunità umana, e nei confronti delle generazioni che seguiranno la nostra.

50 Il cammino dopo Johannesburg

51 Acqua e impianti fognari dimezzare entro il 2015 la percentuale di persone che non dispongono di accesso ad acqua potabile sicura dimezzare entro il 2015 la percentuale di persone che non dispone di un accesso agli impianti fognari essenziali Energia incrementare lacceso ai moderni servizi di energia, ad accrescere lefficienza energetica e limpiego delle energie rinnovabili, e ad eliminare gradualmente, dove opportuno, i sussidi energetici. garantire entro 20 anni laccesso allenergia ad almeno il 35 per cento degli africani.

52 Agricoltura finanziare e a sostenere lattuazione della Convenzione per Combattere la Desertificazione. entro il 2005 dovranno essere sviluppate delle strategie per la sicurezza alimentare per lAfrica. Sanità diminuire di due terzi, entro il 2015, i tassi di mortalità per i neonati e i bambini al di sotto dei cinque anni, e di ridurre di tre quarti i tassi di mortalità materna diminuire del 25 per cento, entro il 2005, la diffusione dellHIV fra i giovani che vivono nelle nazioni maggiormente colpite e di raggiungere il medesimo obiettivo a livello globale entro il 2010, come pure a combattere la malaria, la tubercolosi e altre malattie assicurare che entro il 2020, i prodotti chimici non vengano utilizzati migliorare la cooperazione per diminuire linquinamento atmosferico

53 Finanza, commercio e globalizzazione In occasione del Vertice, i Governi hanno concordato che aprire laccesso ai mercati è essenziale per lo sviluppo e si sono impegnati a: Appoggiare leliminazione graduale di tutte le forme di sussidi alle esportazioni, come pure i sussidi per i carburanti fossili e per i prodotti agricoli. Offrire particolare attenzione e sostegno allAfrica e alla NEPAD, per meglio concentrare gli sforzi volti ad affrontare le esigenze di sviluppo del continente. Istituire una cornice decennale di programmi sulla produzione e il consumo sostenibile. Favorire la creazione di un fondo di solidarietà mondiale per leliminazione della povertà. Promuovere attivamente la responsabilità aziendale. Sviluppare e consolidare una gamma di attività per migliorare il grado di preparazione e la capacità di risposta nei confronti dei disastri naturali.

54 Nel 1854, pochi anni prima del trattato di Fort Laramie, che avrebbe sancito la fine dell'indipendenza indiana, il "grande capo bianco" di Washington (il Presidente degli Stati Uniti, Franklin Pierce del New Hampshire) si offrì di acquistare una parte del territorio indiano e promise di istituirvi una "riserva" per i pellirosse. La risposta del capo indiano Seattle è stata definita come la più la più bella e la più profonda dichiarazione mai fatta sullambiente.

55 …………………… l grande Capo che sta a Washington ci manda a dire che vuole comprare la nostra terra. Ma come potete acquistare o vendere il cielo, il calore della terra? Lidea ci sembra strana. Se noi non possediamo la freschezza dellaria, lo scintillio dellacqua sotto il sole, come potete chiederci di acquistarli? Ogni zolla di questa terra è sacra per il mio popolo. Ogni ago lucente di pino, ogni riva sabbiosa, ogni lembo di bruma dei boschi ombrosi, ogni radura ed ogni ronzio di insetti è sacro nel ricordo e nellesperienza del mio popolo. La linfa che scorre nel cavo degli alberi reca con sé le memorie dell'uomo rosso. ……………………Questa terra per noi è sacra ……………………Noi sappiamo almeno questo: non è la terra che appartiene alluomo ma è luomo che appartiene alla terra. Questo noi lo sappiamo. Tutte le cose sono collegate come i membri di una famiglia sono collegati da un medesimo sangue. Tutte le cose sono collegate. Tutto ciò che accade alla terra accade anche ai figli. Non è luomo che ha tessuto la trama della vita: egli ne è soltanto un filo. Tutto ciò che egli fa alla trama lo fa a se stesso. Importa poco dove spenderemo il resto dei nostri giorni. l figli hanno visto i padri umiliati nella sconfitta. Ma perché dovrei piangere la scomparsa del mio popolo? Gli uomini vanno e vengono come le onde del mare. Lo stesso uomo bianco, che dialoga con il suo Dio come da amico ad amico, non può sottrarsi al destino comune. Dopo tutto, forse, noi siamo fratelli. Vedremo.

56 …………………… Cè una cosa che noi sappiamo e che forse luomo bianco scoprirà presto: il nostro Dio è il suo stesso Dio. Voi forse pensate di possederlo adesso come volete possedere le nostre terre; ma non lo potete. Egli è il Dio degli uomini, e la sua misericordia è uguale per tutti: tanto per luomo bianco quanto per l'uomo rosso. Questa terra anche per lui è preziosa ed il recar danno alla terra è come disprezzare il suo Creatore. Così se noi vi venderemo la nostra terra, amatela come l'abbiamo amata noi. Conservate in voi la memoria della terra come essa era quando l'avete presa e con tutta la vostra forza, con tutta la vostra capacità, e con tutto il vostro cuore conservatela per i vostri figli e amatela come Dio ci ama tutti. Anche i bianchi spariranno; forse prima di tutte le altre tribù. Contaminate i giacigli dei vostri focolari e una notte vi ritroverete soffocati dai vostri stessi rifiuti. Ma mentre morirete voi brillerete bruciati dalla forza dello stesso dio che vi ha condotto qui. ………………….

57


Scaricare ppt "Ambiente e Sviluppo Marina Baldi Istituto di Biometeorologia Ibimet – CNR, Roma."

Presentazioni simili


Annunci Google