La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ESPERIENZE DI PROMOZIONE DI SANA ALIMENTAZIONE ED ATTIVITÀ FISICA IN AMBIENTE DI LAVORO Convegno nazionale Ministero della Salute, Regioni, SIANET Auditorium.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ESPERIENZE DI PROMOZIONE DI SANA ALIMENTAZIONE ED ATTIVITÀ FISICA IN AMBIENTE DI LAVORO Convegno nazionale Ministero della Salute, Regioni, SIANET Auditorium."— Transcript della presentazione:

1 ESPERIENZE DI PROMOZIONE DI SANA ALIMENTAZIONE ED ATTIVITÀ FISICA IN AMBIENTE DI LAVORO Convegno nazionale Ministero della Salute, Regioni, SIANET Auditorium Regione Emilia Romagna - Bologna19 novembre 2010 Convegno nazionale Ministero della Salute, Regioni, SIANET Auditorium Regione Emilia Romagna - Bologna19 novembre 2010 EMILIA GUBERTI Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione Azienda USL di BOLOGNA

2 43% in eccesso ponderale (32% sovrappeso,11% obeso) 33% fa abbastanza attività fisica mentre il 22% è del tutto sedentario 97% mangia frutta e verdura almeno una volta al giorno 39% ne mangia 3-4 porzioni, solo il 9% consuma le 5 porzioni raccomandate (vs 10% 2007) ( fonte PASSI 2009 studio sugli stili di vita ISS – SSR ) Necessità di attivare azioni che favoriscano abitudini alimentari corrette ed un attività fisica regolare. Popolazione ADULTA ( ANNI)

3 RACCOMANDAZIONI PER LA PREVENZIONE DELLOBESITÀ NEI LUOGHI DI LAVORO (NICE, 2006) Politiche aziendali e Progetti di Incentivazione per creare una cultura che sostiene alimentazione sana ed esercizio fisico. Azione con impatto non solo sulla salute dei lavoratori, ma anche in termini di risparmio delle aziende. Tutti i luoghi di lavoro, particolarmente le grandi aziende, devono indirizzarsi a prevenzione e controllo obesità. NICE è un organismo indipendente incaricato di fornire linee guida nazionali in materia di promozione della buona salute e prevenire e curare malattie.

4 E. Guberti Secondo i criteri stabiliti dalla Community Guide, vi è una forte evidenza di un effetto costante, seppur modesto, degli interventi nei luoghi di lavoro su dieta e attivit à fisica volti al controllo del peso corporeo. In base alla valutazione dei risultati della revisione, la Task Force on Community Preventive Services raccomanda gli interventi sul luogo di lavoro rivolti al controllo del sovrappeso e dell obesit à. Revisione sistematica The effectiveness of worksite nutrition and physical activity interventions for controlling employee overweight and obesity: a systematic review Laurie M. Anderson e colleghi –2009 ( alta qualità metodologica : 10)

5 E. Guberti Per adulti in età lavorativa Promuovere lofferta da parte dei datori di lavoro di scelte dietetiche sane nelle mense aziendali e a facilitare la pratica di unattività motoria e sportiva da parte dei dipendenti. Le collaborazioni: Associazioni Industriali, Imprese, Sindacati, Ristorazione, Enti di promozione sportiva

6 E. Guberti 6 Per adulti in età lavorativa PROPOSTE In accordo con Osservatorio Unindustria proposta di Intervento teso a promuovere stili di vita salutari con particolare riferimento ad alimentazione presso i lavoratori dellAziende provincia di Bologna : interventi per miglioramento qualità nutrizionale servizio mensa ed interventi di educazione alla salute

7 E. Guberti Per adulti in età lavorativa INTERVENTO per LAVORARE IN SALUTE da sperimentare in due aziende del bolognese: da sperimentare in due aziende del bolognese: 1 azienda di servizi (Az. USL) 1 azienda di servizi (Az. USL) e 1 azienda manifatturiera e 1 azienda manifatturieraObiettivo far acquisire ai lavoratori, competenze specifiche che li rendano in grado di contribuire in modo attivo alla promozione di abitudini salutari : far acquisire ai lavoratori, competenze specifiche che li rendano in grado di contribuire in modo attivo alla promozione di abitudini salutari : alimentazione ed attività fisica

8 E. Guberti 8 La salute: una questione di stile anche al lavoro La salute: una questione di stile anche al lavoro Intervento scandito in 5 fasi : Intervento scandito in 5 fasi : 1) Presentazione progetto e raccolta adesioni (10 settembre 2008)

9 E. Guberti 9 La salute: una questione di stile anche al lavoro 2) fase Visita medica, misurazione peso, altezza, circonferenza vita, pressione arteriosa, glicemia, TGL, Colesterolo, HDL colesterolo Visita medica, misurazione peso, altezza, circonferenza vita, pressione arteriosa, glicemia, TGL, Colesterolo, HDL colesterolo Questionario su abitudini Questionario su abitudini alimentari ed attività fisica

10 E. Guberti 10 IL SUPPORTO AL CAMBIAMENTO 3) percorso motivazionale di gruppo attraverso incontro con specialisti (nutrizionisti, dietisti, medici dello sport), per aumentare la consapevolezza del problema e indurre graduali modifiche del comportamento. consegna Opuscolo : Guida a una Sana Alimentazione e a Guida a una Sana Alimentazione e a Sani Stili di Vita Sani Stili di Vita per Guadagnare Salute per Guadagnare Salute La salute: una questione di stile anche al lavoro

11 E. Guberti 11 Programma Bilancio energetico Linee Guida per una sana alimentazione La piramide degli alimenti Le porzioni Diario alimentare Suggerimenti per gli acquisti e la lettura delle etichette Suggerimenti per una preparazione e cottura sana Importanza dellesercizio fisico Lesercizio fisico nella routine quotidiana Presenti Medico e Dietista PERCORSO di EDUCAZIONE ALLA SALUTE ore dal 15 al 19 settembre 2008 per gruppi di max 30 persone

12 E. Guberti 12 RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI 4) interventi 4) interventi ristorazione aziendale ristorazione aziendale ( orientamento alla scelta ) accordi gestori di distributori automatici per accordi gestori di distributori automatici per rendere disponibili snack salutari (frutta…) La salute: una questione di stile anche al lavoro

13 E. Guberti 13 PROMUOVERE ATTIVITA FISICA Nella vita quotidiana ( fare le scale……) Negli spostamenti (bici, bus scendere prima, parcheggiare lontano….) Nel tempo libero ( passeggiate, sport, giocare coi figli, portare a spasso cane, andare a ballare…..) ACMA mette a disposizione un contapassi La salute: una questione di stile anche al lavoro

14 E. Guberti 14 ADESIONI AL PROGETTO 71% totale dei lavoratori (106 /150) 71% totale dei lavoratori (106 /150) 85%(90) Uomini e 15%(15) Donne 85%(90) Uomini e 15%(15) Donne età compresa tra i 24 e i 58 anni età compresa tra i 24 e i 58 anni 60,4 % (65) attività ufficio, 36% (38) manuale 60,4 % (65) attività ufficio, 36% (38) manuale e 4% (3) mista e 4% (3) mista Ha completato il percorso il 78% (83/106) dei partecipanti La salute: una questione di stile anche al lavoro

15 E. Guberti 15 5) V erifica dei risultati modifiche dei comportamenti ( abitudini alimentari ed attività fisica ) questionario verifica dei comportamenti ( abitudini alimentari ed attività fisica ) questionario verifica dei daticlinici ( peso, circonferenza vita, pressione arteriosa ) visita verifica dei daticlinici ( peso, circonferenza vita, pressione arteriosa ) visita verifica Dopo 3 mesi ( Dicembre 2008 ) Dopo 1 anno ( Settembre 2009) La salute: una questione di stile anche al lavoro

16 E. Guberti COMPORTAMENTI ALIMENTARI ( 60 lavoratori) COMPORTAMENTI ALIMENTARI ( 60 lavoratori) consumi alimentari raccomandati colazione del mattino dal 93 al 98% ( 96% dopo 3 mesi) FOLLOW - UP – 1 anno

17 E. Guberti comportamenti dopo 1 anno (60 lavoratori ) Consumo di frutta /verdura comportamenti dopo 1 anno (60 lavoratori ) Consumo di frutta /verdura CENA dal 35 (t0) al 65 % La salute: una questione di stile anche al lavoro PRANZO PRANZO dal 20 (t0) al 48%

18 E. Guberti comportamenti dopo 1 anno (60 lavoratori ) consumi alimentari secondo le porzioni raccomandate comportamenti dopo 1 anno (60 lavoratori ) consumi alimentari secondo le porzioni raccomandate Consumo 2-3 volte/giorno Frutta dal 27 al 37% (38% dopo 3 mesi ) La salute: una questione di stile anche al lavoro Consumo 2 volte/giorno Verdura dal 47 al 62% ( 65 % dopo 3 mesi ) ( 65 % dopo 3 mesi )

19 E. Guberti Dopo una iniziale riduzione dei consumi di carne e formaggio ( verifica a tre mesi) a distanza di un anno si è assistito ad una ripresa dei consumi tornati ai livelli iniziali. Ridotto il consumo di dolci nellarco della settimana: dall8 al 3% chi ne consuma 5 volte la settimana incrementato del15% il numero di chi non ne consuma affatto COMPORTAMENTI ALIMENTARI COMPORTAMENTI ALIMENTARI consumi alimentari raccomandati FOLLOW - UP – 1 anno

20 E. Guberti 53% (vs 39%) dei soggetti svolge almeno 150 minuti 53% (vs 39%) dei soggetti svolge almeno 150 minuti alla settimana di attività fisica con una riduzione della sedentarietà del 14%. Attività Fisica Valutazione di impatto di intervento DOPO 1 ANNO

21 E. Guberti follow - up dopo 1 ANNO Indice di Massa Corporea ( media popolazione) ha registrato un incremento del 2% del soprappeso essenzialmente nel sesso maschile ( 24% normopeso, 56% sovrappeso e 20 % obesi) mentre nel sesso femminile, pari al 17 % del campione, prevale continua a prevalere il normopeso ( 80% normopeso, 20% sovrappeso ). Sostanzialmente invariati e nella norma si sono mantenuti i valori medi di popolazione relativamente a Pressione Arteriosa sisto/diastolica.

22 E. Guberti CONCLUSIONI Da segnalare il sostanziale miglioramento delle abitudini alimentari ( aumentato consumo di frutta e verdura e riduzione di dolci) e la riduzione della sedentarietà. Il permanere di una quota significativa di eccesso ponderale nella popolazione maschile fa ritenere utile ladozione di un intervento più incisivo sia sul fronte alimentare che dellattività fisica.

23 E. Guberti Promozione Stili di Vita Salutari Il 54% delle persone in eccesso ponderale dice di aver ricevuto, da un medico o altro operatore sanitario, il consiglio di fare una dieta per perdere peso. Il 38% dichiara di aver ricevuto il consiglio di fare regolarmente attività fisica. (PASSI 2009) PROMOTORI E TESTIMONIALS

24 E. Guberti Per dipendenti e pazienti RISTORAZIONE OSPEDALIERA Az.USL BOLOGNA oltre qualità igienico nutrizionale interventi di promozione alimentazione salutare diretta a dipendenti, pazienti e loro famigliari Presso Ospedali e sedi territoriali inoltre distributori automatici con offerta alimenti salutari, veicolo promozione sani stili di vita con la collaborazione di Aziende di Ristorazione, Municipalità, Produttori, Vending……..

25 E. Guberti Indagine su lavoratori notturni Indice di Massa Corporea (IMC) ha evidenziato eccesso ponderale nel 46% (28% sovrappeso,18% obesi) degli intervistati. La condizione di eccesso ponderale è risultata statisticamente associata (p<0,005) al sesso maschile, alle professioni non sanitarie.

26 E. Guberti per dipendenti e pazienti RISTORAZIONE OSPEDALIERA ALIMENTA la tua SALUTE Interventi di promozione alimentazione salutare Corsi di educazione sensoriale : degustazione di frutta e verdura, degustazione pane ed olio …………………………….. Ricette benessere N°verde mail Informazioni veicolate mediante intranet aziendale

27 E. Guberti IL TEMPO PER MANGIARE Mangiare è uno dei grandi piaceri della vita ! Farlo in fretta non aiuta la digestione nè il senso di sazietà. E IMPORTANTE SEPARARE L ALIMENTAZIONE DA ALTRE ATTIVIT À Tre pasti al giorno (colazione, pranzo, cena) eventualmente completati da uno spuntino.

28 E. Guberti Per dipendenti e pazienti Calendario

29 E. Guberti Esperienze in corso PROMUOVERE SANE ABITUDINI Accordi con produttori e commercianti ortofrutticoli locali per favorire il consumo di frutta e verdura fra i dipendenti, grazie a un accesso agevolato allacquisto.

30 E. Guberti BIKE SHARING e TRASPORTO PUBBLICO Lazienda AUSL di Bologna ha recentemente attivato luso condiviso di una serie di biciclette, mentre da alcuni anni ha firmato delle convenzioni con le aziende di trasporto pubblico per facilitare luso dei mezzi fra i dipendenti (abbonamenti annuali a prezzo speciale). Esperienze in corso

31 E. Guberti PROMOZIONE DELLATTIVITÀ FISICA Nel è partita la campagna Datti una mossa: questo slogan, nato nel 2006 in occasione della partecipazione al Salone internazionale del naturale (Sana) di Bologna, è presto diventato un tormentone che lAz. USL di Bologna ha declinato ogniqualvolta si promuova il movimento come corretto stile di vita ed ha dato il nome alla POLISPORTIVA aziendale Esperienze in corso

32 E. Guberti PROMOZIONE DELLATTIVITÀ FISICA Partecipazione Az. USL di Bologna alla 6a edizione della Unicredit Banca Run Tune Up, con un folto gruppo di operatori che hanno partecipato alla mezza maratona di Bologna DATTI UNA MOSSA ! Esperienze in corso

33 E. Guberti MARATONE 2010 New York E.Castaldini S.IAN. Atene Atene V.Benfenati S. VET. V.Benfenati S. VET.

34 E. Guberti Per adulti in età lavorativa OTTIMIZZARE ATTRAVERSO UN AZIONE INTEGRATA In analogia con quanto si sta già facendo in ambito scolastico, il progetto rappresenta unoccasione per realizzare una piattaforma aziendale sul tema della salute, per lAz. Usl e per le altre aziende partecipanti, nellambito di una piattaforma più ampia che coinvolga complessivamente i lavoratori, le loro famiglie e gli utenti

35 I SIAN catalizzatori degli interventi di contrasto allobesità È essenziale sostenere crescita dei S.I.A.N. È essenziale sostenere crescita dei S.I.A.N. CULTURALE affinchè le abilità necessarie a portare avanti interventi efficaci diventino parte integrante della pratica quotidiana CULTURALE affinchè le abilità necessarie a portare avanti interventi efficaci diventino parte integrante della pratica quotidiana NUMERICA oltre la semplice sopravvivenza, alimentandoli con nuove forze in grado di dare continuit à nel tempo e nuove energie per affrontare efficacemente l epidemia di obesit à e le patologie croniche a concausa nutrizionale. NUMERICA oltre la semplice sopravvivenza, alimentandoli con nuove forze in grado di dare continuit à nel tempo e nuove energie per affrontare efficacemente l epidemia di obesit à e le patologie croniche a concausa nutrizionale.


Scaricare ppt "ESPERIENZE DI PROMOZIONE DI SANA ALIMENTAZIONE ED ATTIVITÀ FISICA IN AMBIENTE DI LAVORO Convegno nazionale Ministero della Salute, Regioni, SIANET Auditorium."

Presentazioni simili


Annunci Google