La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

NUOVE PRESENZE RELIGIOSE IN ITALIA Alessandria, 16 ottobre 2010 ACSAL Religioni e democrazia WORKSHOP Tavolo 1 Linee essenziali del regime giuridico degli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "NUOVE PRESENZE RELIGIOSE IN ITALIA Alessandria, 16 ottobre 2010 ACSAL Religioni e democrazia WORKSHOP Tavolo 1 Linee essenziali del regime giuridico degli."— Transcript della presentazione:

1 NUOVE PRESENZE RELIGIOSE IN ITALIA Alessandria, 16 ottobre 2010 ACSAL Religioni e democrazia WORKSHOP Tavolo 1 Linee essenziali del regime giuridico degli Enti locali

2 Enti locali e Costituzione dopo la riforma del Titolo V (2003) Articolo 5: Autonomia e decentramento nel rispetto dellUnità nazionale Articolo 114: Pari dignità tra i livelli istituzionali (invece di gerarchia) - Autonomia statutaria Articolo 118: SussidiarietàLe funzioni amministrative sono attribuite ai Comuni (salvo esercizio unitario)

3 La riforma legislativa A partire dagli anni 90 OrdinamentoProcedimento Privatizzazione pubblico impiego Elezione diretta del Capo dellAmministrazione Lavori Pubblici Contabilità Semplificazione amministrativa

4 Legislazione Enti locali Legge 8 giugno 1990, n 142 Ordinamento delle autonomie locali Legge 7 agosto 1990, n. 241 Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi Legge 23 ottobre 1992, n. 421 Delega al Governo per la razionalizzazione e la revisione delle discipline in materia di sanità, di pubblico impiego, di previdenza e di finanza territoriale Decreto Legislativo 3 febbraio 1993, n. 29 Razionalizzazione dellorganizzazione delle amministrazioni pubbliche e revisione della disciplina in materia di pubblico impiego, a norma dellart. 2 della legge 23 ottobre 1992, n. 421 Legge 25 marzo 1993, n. 81 Elezione diretta del Sindaco e del Presidente della Provincia Decreto Legislativo 10 novembre 1993, n. 470 Disposizioni correttive del Decreto Legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, recante razionalizzazione dellorganizzazione delle amministrazioni pubbliche e revisione della disciplina in materia di pubblico impiego

5 Legislazione Enti locali Decreto Legislativo 25 febbraio 1995, n. 77 Ordinamento finanziario e contabile degli enti locali Legge 15 marzo 1997, n Bassanini 1 Delega al Governo per il conferimento di funzioni e compiti alle Regioni ed enti locali, per la riforma della Pubblica Amministrazione e per la semplificazione amministrativa Legge 15 maggio 1997, n Bassanini 2 Misure urgenti per lo snellimento dellattività amministrativa e dei procedimenti di decisione e di controllo Legge 16 giugno 1998, n Bassanini 3 Modifiche ed integrazioni alle leggi 15 marzo 1997, n. 59 e 15 maggio 1997, n. 127, nonché norme in materia di formazione del personale dipendente e di lavoro a distanza nelle pubbliche amministrazioni. Disposizione in materia di edilizia scolastica Legge 3 agosto 1999, n Napolitano-Vigneri Disposizioni in materia di autonomia e ordinamento degli enti locali, nonché modifiche alla legge 8 giugno 1990, n. 142 Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267 Testo Unico sullOrdinamento degli enti locali

6 Gli Enti locali Rappresentano la rispettiva comunità (Comune: ente a fini generali; Provincia: area vasta) Ne curano gli interessi Ne promuovono lo sviluppo Godono di legittimazione democratica

7 Gli Enti locali ENTI LOCALI TERRITORIALI: Comuni (Comunità Montane e isolane, Unioni di Comuni, Consorzi,…) Province e Città Metropolitane ENTI LOCALI FUNZIONALI: Scuole e Università Camere di Commercio Altri enti (strumentali : parchi, ASL, … ) Rapporti tra Enti locali e Regioni / Stato: -Principio di LEALE COLLABORAZIONE (120 Cost) -Previsione obbligatoria negli statuti regionali dellistituzione del CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI (123 Cost) -CONFERENZA UNIFICATA Stato / Regioni / Autonomie (L.281/1997)

8 Testo unico sugli Enti locali Competenze e ruolo del Sindaco (rafforzato in seguito allelezione diretta) –ufficiale di Governo –potere di ordinanza Competenze residue di Giunta e Consiglio (limitate) STATUTO (norme fondamentali di organizzazione dellEnte) REGOLAMENTI (funzionamento organi e uffici) Separazione tra politica e gestione

9 Testo unico sugli Enti locali Segretario (Direttore Generale) - Dirigenza Scompare il controllo di merito (salvo quello degli organi istituzionali interni) è ridotto ai minimi termini il controllo di legittimità Copertura finanziaria (parere) - Revisori Controllo di gestione (efficacia ed efficienza) Trasparenza e partecipazione (URP)

10 La Legge 241/1990 e s.m.i. Ribalta il rapporto tra Ente pubblico e cittadino Bisogna informare il cittadino comunicandogli lavvio del procedimento che lo interessa E sancito il diritto del cittadino allaccesso agli atti amministrativi e alla partecipazione al procedimento Legge così rivoluzionaria che dopo 20 anni non è ancora pienamente attuata

11 Il contesto sociale Dopo gli scandali dagli anni 90 si pongono le basi di una nuova pubblica amministrazione Si tenta di ridisegnare alla radice la P.A., restituendole trasparenza Viene rivoluzionato completamente il ruolo degli operatori della pubblica amministrazione (da AUTORITA a SERVIZIO) Vengono istituiti gli URP e il Difensore Civico

12 Le ragioni della Legge 241/1990 Il cittadino non vuole più essere un suddito Chiede di sapere cosa realmente succede nella pubblica amministrazione e di poter partecipare alle decisioni che lo riguardano Linformatizzazione di massa consente luso generalizzato delle nuove tecnologie

13 Viene individuato il responsabile del procedimento Bisogna fissare un termine entro cui un procedimento si deve concludere Associazioni rappresentative di interessi diffusi possono partecipare ai procedimenti Viene ribadito lobbligo di motivazione degli atti Con la Legge 241

14 Potere di ordinanza Tradizionali ordinanze contingibili e urgenti, art. 50 TUEL(calamità, igiene e sanità, ordine pubblico) PACCHETTO SICUREZZA (2008) –D.L. 92 del –L. 125 del Contenuti non prestabiliti dalla legge (discrezionalità) RUOLO SUSSIDIARIO DEL PREFETTO

15 I siti culturali dichiarati Patrimonio dellUmanità UNESCO e Stato decidono la candidatura e linserimento (finalità: dialogo e comprensione reciproca tra culture e religioni) PIANO DI GESTIONE (tutela e valorizzazione) Le Amministrazioni locali e la comunità devono essere coinvolte nelle decisioni Città d'arte o siti di interesse religioso


Scaricare ppt "NUOVE PRESENZE RELIGIOSE IN ITALIA Alessandria, 16 ottobre 2010 ACSAL Religioni e democrazia WORKSHOP Tavolo 1 Linee essenziali del regime giuridico degli."

Presentazioni simili


Annunci Google