La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 1 Promozione della cittadinanza europea attiva passato – presente - futuro Promozione della cittadinanza europea attiva.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 1 Promozione della cittadinanza europea attiva passato – presente - futuro Promozione della cittadinanza europea attiva."— Transcript della presentazione:

1 L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/ Promozione della cittadinanza europea attiva passato – presente - futuro Promozione della cittadinanza europea attiva passato – presente - futuro

2 2L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Un programma sulla « società civile » PERCHE ? Il PE, nella risoluzione del 15 aprile 1988 ha ritenuto opportuno che si compia un notevole sforzo per intensificare le relazioni tra i cittadini dei vari Stati membri e che sia giustificato e auspicabile un contributo specifico delle istituzioni comunitarie allo sviluppo dei gemellaggi fra comuni e città appartenenti a Stati membri diversi. Il PE, nella risoluzione del 15 aprile 1988 ha ritenuto opportuno che si compia un notevole sforzo per intensificare le relazioni tra i cittadini dei vari Stati membri e che sia giustificato e auspicabile un contributo specifico delle istituzioni comunitarie allo sviluppo dei gemellaggi fra comuni e città appartenenti a Stati membri diversi. Il Consiglio europeo di Nizza (dicembre 2000) ha riconosciuto la necessità di migliorare e garantire costantemente la leggittimità democratica e la trasparenza dellUnione e delle sue istituzioni, per avvicinarle ai cittadini degli Stati membri. Il Consiglio europeo di Nizza (dicembre 2000) ha riconosciuto la necessità di migliorare e garantire costantemente la leggittimità democratica e la trasparenza dellUnione e delle sue istituzioni, per avvicinarle ai cittadini degli Stati membri.

3 3L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 LAgenda sociale europea –adottata a Nizza- si fonda su una nuova forma di governance che sottolinea il ruolo essenziale svolto dal dialogo civile ai fini della promozione della cooperazione con la società civile. LAgenda sociale europea –adottata a Nizza- si fonda su una nuova forma di governance che sottolinea il ruolo essenziale svolto dal dialogo civile ai fini della promozione della cooperazione con la società civile. La Dichiarazione di Laeken sottolinea tra le sfide fondamentali quella di « avvicinare i cittadini al progetto europeo e alle sue istituzioni » (dicembre 2000) La Dichiarazione di Laeken sottolinea tra le sfide fondamentali quella di « avvicinare i cittadini al progetto europeo e alle sue istituzioni » (dicembre 2000) Con decisione del Consiglio del 26 gennaio 2004 si è istituito il Programma dAzione comunitaria per la promozione della cittadinanza europea attiva Con decisione del Consiglio del 26 gennaio 2004 si è istituito il Programma dAzione comunitaria per la promozione della cittadinanza europea attiva

4 4L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Durata del programma attuale: 1° GENNAIO 2004 – 31 DICEMBRE 2006 budget totale: 72 MILIONI DI EURO

5 5L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Obiettivi Promuovere e diffondere i valori e gli obiettivi dellUE Promuovere e diffondere i valori e gli obiettivi dellUE Avvicinare i cittadini dellUE alle sue istituzioni e incoraggiarli ad avere contatti più frequenti con le istituzioni Avvicinare i cittadini dellUE alle sue istituzioni e incoraggiarli ad avere contatti più frequenti con le istituzioni Far partecipare pienamente i cittadini alle riflessioni e ai dibattiti sulla costruzione dellUE Far partecipare pienamente i cittadini alle riflessioni e ai dibattiti sulla costruzione dellUE Intensificare i rapporti e gli scambi tra cittadini dei paesi che partecipano al programma (gemellaggi di città) Intensificare i rapporti e gli scambi tra cittadini dei paesi che partecipano al programma (gemellaggi di città) Incoraggiare le iniziative degli organismi impegnati nella promozione di una cittadinanza attiva e partecipativa Incoraggiare le iniziative degli organismi impegnati nella promozione di una cittadinanza attiva e partecipativa

6 6L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azioni 1 sostegno degli organismi operanti nel settore della cittadinanza europea attiva 2 Azioni nel settore della cittadinanza europea attiva realizzate da ONG, dalle associazioni e federazioni dinteresse europeo o dalle organizzazioni sindacali interprofessionali 3 Azioni a favore di gemellaggi fra città, avviati dalle amministrazioni comunali, dagli enti e dagli organismi locali e regionali, dalle amministrazioni locali e regionali e dalle loro organizzazioni (TOWN TWINNING)

7 7L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 1 sostegno degli organismi operanti nel settore della cittadinanza europea attiva promuovendo le azioni e il funzionamento degli organismi operanti in questo settore

8 8L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 1 Azione 1 È una sovvenzione annuale di funzionamento destinata a cofinanziare le spese connesse al programma di lavoro annuale di organismi che perseguono: un interesse generale europeo nel settore della cittadinanza europea attiva oppure un obiettivo che si inserisce nel quadro della politica dellUE in questo settore

9 9L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 1 Azione 1 La sovvenzione annuale di funzionamento puo essere direttamente concessa previa approvazione di un piano di lavoro e un bilancio appropriati (Operating grant) Le spese ammissibili comprendono sia le spese di funzionamento sia quelle necessarie alla realizzazione delle loro azioni Le sovvenzioni non possono finanziare la totalità delle spese ammissibili di questi organismi per lanno civile per il quale le sovvenzioni sono assegnate: tra il 10% - e il 20% del bilancio deve essere cofinanziato da fonti diverse da quelle comunitarie

10 10L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 2 Azioni nel settore della cittadinanza europea attiva realizzate da ONG, dalle associazioni e federazioni dinteresse europeo o dalle organizzazioni sindacali interprofessionali

11 11L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 2 È una sovvenzione concessa per finanziare conferenze, seminari, gruppi di lavoro, costituzioni di reti, scambi di esperienze e di buone pratiche, iniziative nellambito dellistruzione e formazione, strategie e attività di divulgazione (attività specificate via via in singoli inviti a presentare proposte - call for proposals )

12 12L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 2 E una sovvenzione concessa mediante lapplicazione di tariffe forfettarie per le spese di organizzazione e di viaggio, spese di diffusione, costi del materiale di consumo e delle forniture (grant to co-finance specific actions) i costi del personale amministrativo del progetto non devono superare il 20% del totale di tutte le altre spese dirette

13 13L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azione 3 TOWN TWINNING Azioni a favore di gemellaggi fra città, avviati dalle amministrazioni comunali, dagli enti e dagli organismi locali e regionali, dalle amministrazioni locali e regionali e dalle loro organizzazioni

14 14L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Il gemellaggio tra città è uno strumento importante nella formazione dellidentità europea a livello locale, è il più vicino ai cittadini europei. I gemellaggi hanno una funzione di rilievo nel programma comunitario destinato a promuovere la cittadinanza europea attiva. In vista del futuro programma sono stati apportati alcuni cambiamenti, come la pubblicazione di inviti a presentare proposte per conferenze tematiche, seminari di formazione e campagne dinformazione ( call DG EAC N. 24/05) distinti da incontri tra cittadini (call DG EAC N. 25/05)

15 15L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Call DG EAC N. 24/05 categorie di progetti: - CONFERENZA TEMATICA - SEMINARIO DI FORMAZIONE - CAMPAGNE DINFORMAZIONE

16 16L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 CONFERENZA TEMATICA deve far conoscere ai partecipanti lUnione europea, sensibilizzandoli sui suoi valori e sugli sviluppi politici È possibile richiedere sovvenzioni sia per una singola conferenza tematica sia per una serie di conferenze. Le conferenze devono sempre essere realizzate nellambito del gemellaggio tra città. Ciò significa che ogni comune partecipante deve aver stretto un accordo di gemellaggio, già in vigore, o una cooperazione di gemellaggio ufficialmente in fase di preparazione con almeno un altro comune partecipante. A una conferenza tematica devono partecipare almeno 50 rappresentanti di comuni appartenenti ad almeno 2 paesi ammessi al programma, almeno uno dei quali deve essere uno Stato membro dellUE. Le conferenze tematiche devono rivolgersi a un gruppo destinatario specifico per il quale il tema prescelto è di particolare interesse. Le conferenze devono comunque coinvolgere unampia rappresentanza di membri delle principali comunità locali.

17 17L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 SEMINARIO DI FORMAZIONE deve rivolgersi alle persone che si occupano delle attività di gemellaggio per approfondire le conoscenze e le competenze necessarie per organizzare validi progetti di gemellaggio con un alto contenuto europeo. È possibile richiedere sovvenzioni sia per un singolo seminario di formazione sia per una serie di seminari Ad ogni seminario di formazione devono partecipare almeno 20 persone.

18 18L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 CAMPAGNE DI INFORMAZIONE lobiettivo di promuovere lidea del gemellaggio in Europa quale strumento per sviluppare una cittadinanza europea attiva. Le campagne dinformazione devono rivolgersi ad almeno 50 comuni e coprire almeno due paesi ammessi al programma, almeno uno dei quali deve essere uno Stato membro dellUE.

19 19L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Chi può presentare una candidatura? comuni, nonché loro associazioni/comitati di gemellaggio; amministrazioni regionali e locali; associazioni che rappresentano enti locali ( tra le quali possono figurare le organizzazioni che rappresentano gli interessi generali degli enti locali, le federazioni europee di città e comuni, o le organizzazioni che rappresentano interessi specifici degli enti locali, ad esempio quelle che raggruppano le città e i villaggi montani).

20 20L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Paesi Eleggibili Possono presentare la propria candidatura gli organismi appartenenti a: I 25 Stati Membri dellUnione Europea I 25 Stati Membri dellUnione Europea I due paesi candidati BULGARIA e ROMANIA I due paesi candidati BULGARIA e ROMANIA

21 21L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Per i progetti selezionati, la Commissione proporrà un Accordo di sovvenzione. DUE POSSIBILITÀ: MODELLO A BENEFICIARIO UNICO: viene siglata un accordo di sovvenzione tra la Commissione e lorganizzazione che presenta la candidatura (il beneficiario). In questo caso il bilancio del progetto può comprendere solo le spese sostenute dal beneficiario e registrate nella sua contabilità. Questo modello è particolarmente adatto per singole manifestazioni o quando è il beneficiario stesso ad organizzare una serie di manifestazioni. MODELLO CON COORDINATORE: viene siglata un accordo di sovvenzione tra la Commissione e lorganizzazione che presenta la candidatura (coordinatore), che è stata ufficialmente autorizzata a rappresentare le organizzazioni partner (cobeneficiari). In questo caso il bilancio del progetto può comprendere le spese sostenute dal coordinatore o dai cobeneficiari e registrate nella loro contabilità. Il coordinatore trasmette alla Commissione tutte le informazioni riguardanti il progetto e fornisce prova della cooperazione con le organizzazioni partner sotto forma di una lettera d'approvazione. Questo modello è adatto per progetti costituiti da una serie di iniziative condotte nella pratica da partner diversi. Per le conferenze e i seminari di formazione, i richiedenti possono scegliere tra questi due modelli, mentre per le campagne dinformazione è d'obbligo utilizzare il modello con coordinatore

22 22L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Documenti allatto di candidatura: lettera ufficiale di accompagnamento a introduzione della candidatura; modulo di richiesta di sovvenzioni 2006 (Invito a presentare proposte DG EAC n° 24/05) modulo di candidatura giusto, ovvero il modulo 2006 per conferenze, seminari e campagne dinformazione; il modulo deve essere compilato per intero e contenere tutte le informazioni richieste; bilancio particolareggiato compilato correttamente e per intero (parte V del modulo); dichiarazione con limporto della sovvenzione richiesta + data e firma (parte VII del modulo); scheda didentificazione finanziaria oltre alla firma del richiedente, la firma e il timbro della banca; i moduli per lentità giuridica e i documenti giustificativi richiesti; descrizione particolareggiata delle iniziative proposte: per i progetti di tipo 1 e 2: un programma giornaliero dettagliato della/e manifestazione/i, che illustri il contenuto educativo e indichi chiaramente il/i tema/i affrontato/i e le competenze disponibili; per i progetti di tipo 3: un piano dazione comprendente il calendario di tutte le manifestazioni/attività (e le loro fasi) nell'ambito del progetto e una descrizione dettagliata di tutte le iniziative previste.

23 23L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Calcolo della sovvenzione - parte V la parte del modulo di candidatura dedicata al bilancio (parte V) è costituita da un bilancio riassuntivo e da una descrizione dettagliata dei costi. Il bilancio deve essere in pareggio: entrate = costi tenendo conto dellimporto della sovvenzione richiesta alla Commissione. La sovvenzione non può superare il 60% del totale dei costi rimborsabili previsti. La sovvenzione massima è di euro. La sovvenzione minima è di euro.

24 24L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Costi diretti Se il progetto comprende varie attività (conferenze, visite di studio, mostre), indicare in dettaglio il costo di ciascuna di esse; indicare per ciascuna voce di spesa il costo unitario e totale. Costo unitario = il costo di un servizio per persona (ad esempio, alloggio per persona per notte) o per unità fornita (ad esempio, il costo dellaffitto di una sala per conferenze al giorno); le spese relative al personale non possono superare il 20% del totale dei costi diretti rimborsabili; il bilancio può includere solo i costi che saranno sostenuti dal beneficiario (o dai cobeneficiari), il che significa che sono escluse, ad esempio, le spese di viaggio di cui si fanno direttamente carico i partecipanti e che non vengono rimborsate dal beneficiario; se si prevede di subappaltare una parte del progetto, occorre specificarlo nel modulo (parte V A). I costi relativi alla parte subappaltata devono anchessi essere presentati suddivisi nelle varie voci di bilancio (personale, viaggi, manifestazioni, produzione ecc.); si possono includere unicamente i costi necessari alla realizzazione del progetto.

25 25L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Costi indiretti I costi sostenuti durante lesecuzione dellazione che non sono individuabili come costi diretti possono essere inclusi nel bilancio come costi indiretti (ossia come spese generali) sulla base di un importo forfetario (per tali spese non è necessario utilizzare costi unitari nel bilancio, né accludere documenti giustificativi nella relazione finale). Limporto forfetario non può essere superiore al 7% del totale di costi diretti rimborsabili. Lorganizzazione che beneficia di un contributo operativo da parte della Commissione europea, tuttavia, non può includere i costi indiretti nel bilancio. Entrate Nel bilancio riassuntivo occorre indicare: quote di partecipazione; fondi propri: contributo del beneficiario al progetto. Questo importo deve essere pari ad almeno il 5% del bilancio totale; contributo dei partner del progetto (organizzazioni partner); altre fonti di finanziamento, ad esempio, enti pubblici nazionali, regionali o locali, sponsor ecc. Nel caso di entrate di questo tipo, occorre compilare un modulo distinto in cui indicare le coordinate di ogni organismo cofinanziatore (parte VI del modulo); accordo di sovvenzione della Commissione: indicare limporto della sovvenzione richiesta alla Commissione.

26 26L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Criteri di Valutazione La valutazione si basa sui seguenti criteri: dimensione europea del contenuto del programma, in particolare la sua capacità di coinvolgere i cittadini nel processo di costruzione dellEuropa; sviluppo di reti e cooperazione; effetti previsti dellazione sui destinatari: scambio di esperienze e buone pratiche; visibilità dellazione e probabile effetto moltiplicatore (diffusione di informazioni, pubblicità, pubblicazioni, follow-up, capacità di far conoscere lazione a diversi livelli politici); rapporto costi/efficacia dellazione.

27 27L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 call DG EAC N. 25/05 incontri tra cittadini una città invita un gruppo di persone provenienti da una delle sue città gemelle. Un incontro può pertanto riunire persone di due o più città gemelle. L'invito si rivolge anche agli incontri organizzati durante il periodo di preparazione di un nuovo accordo di gemellaggio. Linvito consente inoltre la creazione di reti flessibili tra le città gemellate.

28 28L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Azioni destinate alla popolazione locale lobiettivo è quello di sostenere incontri tra cittadini comuni delle città gemellate, per creare legami tra le comunità locali su più vasta base, non solo tra dirigenti locali. E stato stabilito un numero minimo di partecipanti per i gruppi invitati: o incontri bilaterali: minimo 10 partecipanti della città invitata; o incontri multilaterali (almeno due città invitate): minimo 5 partecipanti per ciascuna città invitata. Verso una cittadinanza europea attiva elementi fondamentali che dovrebbero caratterizzare ogni incontro: Impegno a favore dellintegrazione europea Amicizie in Europa Partecipazione attiva

29 29L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Chi può presentare una candidatura? il comune che organizza l'incontro o l'associazione / il comitato di gemellaggio dello stesso. La candidatura va presentata dallufficio comunale o dall'associazione/comitato di gemellaggio che è ufficialmente preposto a tenere i rapporti di gemellaggio.

30 30L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Paesi Eleggibili Possono presentare la propria candidatura gli organismi appartenenti a: I 25 Stati Membri dellUnione Europea I 25 Stati Membri dellUnione Europea I due paesi candidati BULGARIA e ROMANIA I due paesi candidati BULGARIA e ROMANIA

31 31L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Documenti allatto di candidatura: lettera ufficiale di accompagnamento a introduzione della candidatura; modulo di candidatura giusto, ovvero il modulo 2006 per incontri tra cittadini; il modulo è stato compilato per intero e contiene tutte le informazioni richieste; dichiarazione che figura alla fine del modulo di candidatura contiene data e firma (parte VI del modulo); programma particolareggiato giornaliero dellincontro (se possibile, redatto in inglese, francese o tedesco). prova del gemellaggio tra città. E un documento ufficiale rilasciato dall'amministrazione comunale (ad esempio, una lettera firmata dal sindaco), attestante l'esistenza o la preparazione di un accordo di gemellaggio. Se il candidato è un comune, questa informazione può essere contenuta nella lettera ufficiale daccompagnamento. scheda d'identificazione finanziaria (coordinate bancarie) + la firma del richiedente, la firma e il timbro della banca; moduli per lentità giuridica e documenti giustificativi richiesti

32 32L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Calcolo della sovvenzione - parte v Le sovvenzioni sono calcolate su base forfettaria, il loro importo non è direttamente collegato a costi specifici. Al candidato non è pertanto richiesto di presentare un bilancio particolareggiato del progetto, né di rendere conto dei costi effettivi dopo lincontro. La sovvenzione sarà versata alla città organizzatrice, la quale sincaricherà di trasmettere alle città invitate le rispettive parti dell'importo. La sovvenzione sarà calcolata nel seguente modo: sovvenzione per i costi organizzativi: si calcola moltiplicando il numero di partecipanti provenienti dai comuni invitati per il numero di giorni dell'incontro e per limporto giornaliero del paese in cui si svolge l'incontro. Gli importi giornalieri dei vari paesi figurano in allegato alla Guida e al modulo di candidatura; sovvenzione per le spese di viaggio si calcola per ciascun gruppo invitato moltiplicando il numero dei partecipanti per il numero dei chilometri complessivi (distanza percorsa nel viaggio di andata e ritorno) e per un importo forfettario pari a 0,025 /km/partecipante. L'importo massimo della sovvenzione è di per progetto. L'importo minimo della sovvenzione è di per progetto.

33 33L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Criteri di Valutazione a) il contenuto europeo del programma, in particolare per quanto riguarda: la divulgazione di conoscenze sullUnione europea e sulla vita dei suoi cittadini; il rafforzamento dellimpegno dei partecipanti a favore dellintegrazione europea; b) la partecipazione attiva, dimostrata da: ladesione della comunità locale al progetto (associazioni locali, gruppi di volontari, famiglie ospitanti ecc.) durante la preparazione, la realizzazione ed eventuali iniziative successive; il ruolo attivo dei partecipanti; la collaborazione tra gruppi di città diverse; c) lattinenza delle attività proposte agli obiettivi principali del progetto e al gruppo destinatario; d) la visibilità del progetto e delle iniziative previste a seguire (pubblicità, iniziative concrete nei comuni partecipanti, misure di sensibilizzazione al progetto e ai suoi risultati a vari livelli politici).

34 34L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 La selezione delle proposte Se si presenta una domanda di sovvenzione, la domanda è registrata dalla Commissione e il candidato riceve un attestato di ricevimento con un numero di file. Occorre citare questo numero in tutta l'ulteriore corrispondenza con la Commissione. Se si presenta una domanda di sovvenzione, la domanda è registrata dalla Commissione e il candidato riceve un attestato di ricevimento con un numero di file. Occorre citare questo numero in tutta l'ulteriore corrispondenza con la Commissione. La Commissione si accerta che la domanda sia completa e correttamente compilata. Se la domanda non soddisfa i criteri di partecipazione, l'interessato ne viene informato per iscritto. La Commissione si accerta che la domanda sia completa e correttamente compilata. Se la domanda non soddisfa i criteri di partecipazione, l'interessato ne viene informato per iscritto. Soltanto le candidature complete vengono valutate e presentate ad un Comitato di selezione. Il comitato esamina i progetti sotto il profilo della qualità sulla scorta dei criteri specificati nell'invito a presentare proposte. Esso presta particolare attenzione ai contenuti europei e al valore educativo dei progetti. Soltanto le candidature complete vengono valutate e presentate ad un Comitato di selezione. Il comitato esamina i progetti sotto il profilo della qualità sulla scorta dei criteri specificati nell'invito a presentare proposte. Esso presta particolare attenzione ai contenuti europei e al valore educativo dei progetti.

35 35L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 time-table

36 36L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Controlli e audit Il beneficiario di una sovvenzione conserva a disposizione della Commissione tutti i giustificativi delle spese effettuate nel corso dellanno per il quale la sovvenzione è stata concessa Il beneficiario di una sovvenzione conserva a disposizione della Commissione tutti i giustificativi delle spese effettuate nel corso dellanno per il quale la sovvenzione è stata concessa PER UN PERIODO DI 5 ANNI DALLULTIMO PAGAMENTO PER UN PERIODO DI 5 ANNI DALLULTIMO PAGAMENTO

37 37L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 La Commissione ha il diritto di effettuare direttamente tramite i suoi agenti La Commissione ha il diritto di effettuare direttamente tramite i suoi agentioppure tramite qualsiasi altro organismo qualificato di sua scelta un audit dellutilizzo della sovvenzione. Gli audit possono essere effettuati durante tutta la durata della convenzione per un periodo di 5 anni dalla data di pagamento del saldo. Gli audit possono essere effettuati durante tutta la durata della convenzione e per un periodo di 5 anni dalla data di pagamento del saldo.

38 38L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Le prossime call for proposals Le prossime call for proposals dovrebbero (indicativamente) essere pubblicate a fine ottobre 2006

39 39L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Si presuppongono alcune novità Si presuppongono alcune novità - nuove calls - È in atto un processo di semplificazione: (grant agreement > decisione)

40 40L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 NEW!!! Agenzia esecutiva Il Programma e i compiti di amministrazione saranno gestiti dallAgenzia esecutiva della Commissione, mentre la Direzione generale EAC si concentrerà sulle attività, sulle politiche e sui compiti istituzionali Il Programma e i compiti di amministrazione saranno gestiti dallAgenzia esecutiva della Commissione, mentre la Direzione generale EAC si concentrerà sulle attività, sulle politiche e sui compiti istituzionali Dal 1° gennaio 2006 tutti i progetti town twinning (inclusi i file aperti dei progetti relativi al 2004 e 2005) sono pertanto gestiti da: Dal 1° gennaio 2006 tutti i progetti town twinning (inclusi i file aperti dei progetti relativi al 2004 e 2005) sono pertanto gestiti da: Education, Audiovisual and Culture Executive Agency. EACE Agency, Unit P7 Citizenship BOUR Brussels Fax : (0) Education, Audiovisual and Culture Executive Agency. EACE Agency, Unit P7 Citizenship BOUR Brussels Fax : (0) presta assistenza telefonica al numero , dal martedì al giovedì, dalle 9.30 alle

41 41L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 Il futuro del Programma Il 6 aprile 2005 la Commissione Europea ha adottato la proposta legislativa per il futuro programma « Citizens for Europe » « Citizens for Europe » « Cittadini per lEuropa » Si spera sia approvato per fine dicembre 2006

42 42L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 « Cittadini per lEuropa » Azione 1 « Cittadini attivi per lEuropa » Azione 1 « Cittadini attivi per lEuropa » Azione 2 « Una società civile attiva per lEuropa » Azione 2 « Una società civile attiva per lEuropa » Azione 3 « Insieme per lEuropa » Azione 3 « Insieme per lEuropa »

43 43L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 "Stelle dOro" per i migliori progetti di gemellaggio fra città Dieci eccellenti iniziative di gemellaggio che associano 27 città sono state premiate il 3 febbraio 2005 a Bruxelles con il conferimento delle Stelle dOro". Dieci eccellenti iniziative di gemellaggio che associano 27 città sono state premiate il 3 febbraio 2005 a Bruxelles con il conferimento delle Stelle dOro". ha dichiarato Ján Figel, Commissario europeo per lIstruzione, la formazione, la cultura e il multilinguismo, in occasione della cerimonia di apertura del Forum.Il gemellaggio fra città è un ottimo esempio di quanto possono fare i cittadini a livello locale per contribuire a una maggiore integrazione dellEuropa. Lo scambio delle nostre diverse esperienze porta a un reciproco arrichimento sul piano culturale e sociale ha dichiarato Ján Figel, Commissario europeo per lIstruzione, la formazione, la cultura e il multilinguismo, in occasione della cerimonia di apertura del Forum.


Scaricare ppt "L.Cascone - NOWY SACZ -28/09/2006 1 Promozione della cittadinanza europea attiva passato – presente - futuro Promozione della cittadinanza europea attiva."

Presentazioni simili


Annunci Google