La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Michelangiolo bolognini1 Salute ed ambiente, dallidentità alla contrapposizione Napoli 30 settembre 2007.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Michelangiolo bolognini1 Salute ed ambiente, dallidentità alla contrapposizione Napoli 30 settembre 2007."— Transcript della presentazione:

1 michelangiolo bolognini1 Salute ed ambiente, dallidentità alla contrapposizione Napoli 30 settembre 2007

2 michelangiolo bolognini2 CHIARIRE LE PAROLE Il concetto di salute Definizioni tecniche: Condizione di completo benessere fisico, mentale e sociale che non consiste soltanto in una assenza di malattia o di infermità. Condizione di equilibrio armonioso tra luomo e lambiente circostante (Organizzazione Mondiale della Sanità – OMS – 1948). La salute è semplicemente una parola del linguaggio quotidiano che designa lintensità con cui gli individui riescono a tenere testa ai loro stati interni ed alle condizioni ambientali ….sano è un aggettivo che qualifica azioni etiche e politiche. Almeno in parte la salute di un popolo dipende dal modo in cui le azioni politiche condizionano lambiente e creano quelle circostanze che favoriscono in tutti, e specialmente nei più deboli, la fiducia in se stessi, lautonomia e la dignità (I. Illich, Nemesi Medica, 1976). La definizione (di salute) dellOMS è diventata, nel frattempo, altrettanto incongrua ed inopportuna quanto unutopia rivoluzionaria. Non può più assolutamente trattarsi di questo, quando i soli dati e cifre stabiliscono che lambiente morboso è ovunque (Osservazioni sullagricoltura geneticamente modificata, e sulla degradazione della specie, 1999, Editions de lEncyclopedie des Nuissances)

3 michelangiolo bolognini3 CHIARIRE LE PAROLE Il concetto di salute ( e di ambiente ) Definizioni giuridiche: art 32 Costituzione italiana (1948)* : "La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività...." art. 152 Trattato di Amsterdam (1997, ratificato con legge 16/6/1998 n. 209). "Nella definizione e nell'attuazione di tutte le politiche ed attività della Comunità è garantito un livello elevato di protezione della salute umana. L'azione della Comunità, che completa le politiche nazionali, si indirizza al miglioramento della sanità pubblica, alla prevenzione delle malattie e affezioni e all'eliminazione delle fonti di pericolo per la salute umana". Art 174 Trattato di Amsterdam: "La politica della Comunità in materia ambientale mira a un elevato livello di tutela, tenendo conto della diversità delle situazioni nelle varie regioni della Comunità. Essa è fondata sui principi della precauzione e dell'azione preventiva, sul principio della correzione, una via prioritaria alla fonte, dei danni causati all'ambiente, nonché sul principio "chi inquina paga". Art. 95 della cosiddetta Costituzione Europea (2004). "Ogni persona ha il diritto di accedere alla prevenzione sanitaria e di ottenere cure mediche alle condizioni stabilite dalle legislazioni e prassi nazionali. Nella definizione e nell'attuazione di tutte le politiche ed attività dell'Unione è garantito un livello elevato di protezione della salute umana".

4 michelangiolo bolognini4 SALUTE E MALATTIA: LA STORIA NATURALE

5 michelangiolo bolognini5 COSA SI PUO FARE ? La vera e la falsa prevenzione La vera prevenzione (primaria) serve ad eliminare le cause della malattia (con le leggi, con il loro rispetto, con leducazione). La falsa prevenzione (secondaria) serve, il più delle volte, a mantenere la famiglia di varie figure professionali, non elimina le cause, né si pone questo problema. Economico Politico Culturale Diffidare di storicismi e progressismi faciloni Importanza del contesto

6 michelangiolo bolognini6 UN PO DI STORIA IN DUE AREE DEL MONDO Anni – il contesto: massimo sviluppo del modello occidentale e, dopo, crisi economica politica, finanziaria ed ideologica – I limiti dello sviluppo. Negli Stati Uniti dAmerica –La nascita del problema ambientale ( R. Carson, B. Commoner ) –E delle Agenzie Federali (EPA, OSHA), Amministrazione democratica. –La guerra al cancro del presidente Nixon ( da sconfiggere entro il 2000) i finanziamenti pubblici alla ricerca N.I.H. –La breve parentesi dellamministrazione Carter, 1978 lOSHA propone la strategia del MAC zero. In Italia –Contestazione studentesca e crescita movimento operaio –La scoperta collettiva del rapporto tra nocività in fabbrica e nellambiente, la fabbrica che fa ammalare ed uccide, il MAC zero. –Laura Conti, Lega per l ambiente; Giulio Maccacaro, Medicina democratica. –La preparazione della riforma sanitaria, laumento della spesa sanitaria, salute ed ambiente insieme nella Legge istitutiva del SSN ( L. 833/78 ) La massima differenza ideologica – culturale: –La nocività, il cancro, come dato esterno (in USA) da combattere con le armi della medicina terapeutica. – La nocività (i cancerogeni), come dato interno (in Italia) che dipende da come e dove si vive e si lavora, da combattere con più armi e molte conoscenze.

7 michelangiolo bolognini7 Il cerchio da chiudere Barry Commoner la natura, luomo e la tecnologia (1971) Ovunque, nel mondo, è evidente il fallimento di partenza del tentativo di usare la competenza, la ricchezza, il potere a disposizione delluomo per raggiungere il massimo di beneficio per gli esseri umani. La crisi ambientale è un esempio macroscopico di questo fallimento: lessere arrivati alla crisi è dovuto al fatto che i mezzi da noi usati per ricavare ricchezza dallecosfera sono distruttivi dellecosfera stessa. Il sistema attuale di produzione è autodistruttivo; landamento attuale della società umana sembra avere come fine il suicidio.

8 michelangiolo bolognini8 UN PO DI STORIA IN DUE AREE DEL MONDO Anni 80 – il contesto: la riscossa vittoriosa delloccidente, la crisi del Secondo mondo, neocolonizzazione tramite anche Agenzie e trattati internazionali ( Banca Mondiale, FMI, Uruguay round ) Reagan e la Thatcher – Hayek & Friedman ( la grande ripresa del Primo mondo sotto legida della rendita monetaria, liquidazione del modello keynesiano, prime indicazioni strategiche in campo ambientale) La riscossa di Dio; Negli Stati Uniti dAmerica –Lamministrazione Reagan: lOSHA viene tagliata del 25% –La strategia della valutazione a costo pieno, il superamento del comando controllo con autoregolamentazioni e/o strumenti economici –La preparazione dello sviluppo sostenibile. In Italia –La riduzione della spesa sanitaria. –La normalizzazione burocratica e gestionale della riforma sanitaria. –Lambiente a se stante – il ministero dellecologia, poi ministero dellambiente, fondi pubblici per le associazioni fiancheggiatrici. –Il referendum sul nucleare – gli orfani del nucleare: lENEA – DISP.

9 michelangiolo bolognini9 Stephan Schmidheiny Con il Business Council for Sustainable Development Società editrice il Mulino CAMBIARE ROTTA Una prospettiva globale del mondo economico industriale sullo sviluppo sostenibile

10 michelangiolo bolognini10 Business Council for Sustainable Development 1992 Massachusetts Institute of Tecnology - Comando e controllo. Sono in genere regolamentazioni governative, che includono standard per le tecnologie e i prodotti, effluenti ed emissioni e così via. - Autoregolamentazione. Sono iniziative do società o settori industriali per autoregolarsi attraverso standard, monitoraggi, obiettivi di riduzione dellinquinamento e simili. - Strumenti economici. Sono sforzi per modificare i prezzi di mercato delle risorse, dei beni e dei servizi per mezzo di azioni governative che riguardano i costi di produzione e/o di consumo. Ed anche: le valutazioni a costo pieno, il principio chi inquina paga…

11 michelangiolo bolognini11 UN PO DI STORIA IN DUE AREE DEL MONDO Anni 90 – il contesto: dopo qualche incertezza il trionfo del modello anglo americano, il cosiddetto smantellamento dello stato a favore dei gruppi neomonopolisti transnazionali, delle Agenzie internazionali, ma anche delle reti e strutture nongovernative. - Il crollo e la normalizzazione del Secondo mondo - la retorica della modernizzazione ( ripresa, dopo 20 anni, dai generali golpisti brasiliani) Negli Stati Uniti dAmerica – La crisi del modello ambientalista puro, la nascita del NIEHS. – La piena commercializzazione dellambiente, i diritti dellinquinamento – il modello del Trattato di Kyoto. – Le foglie di fico: Il modello Bruntdland dello Sviluppo sostenibile, il Principio di precauzione. In Italia –Il referendum del 92, la nascita dellANPA e delle Agenzie Regionali –Il sistema delle Agenzie nella strategia del superamento del Comando Controllo Esempio: la normativa sulla prevenzione e riduzione integrale dellinquinamento –Il depotenziamento delle strutture sanitarie di prevenzione. –Il blocco e smantellamento della Commissione Tossicologica Nazionale. –Lambiente contro la sanità, le Valutazioni dimpatto, diventate ambientali –Le foglie di fico: Il reato ambientale, la trasparenza dei dati.

12 michelangiolo bolognini12 Business Council for Sustainable Development 1992 Massachusetts Institute of Tecnology - Comando e controllo. Sono in genere regolamentazioni governative, che includono standard per le tecnologie e i prodotti, effluenti ed emissioni e così via. - Autoregolamentazione. Sono iniziative do società o settori industriali per autoregolarsi attraverso standard, monitoraggi, obiettivi di riduzione dellinquinamento e simili. - Strumenti economici. Sono sforzi per modificare i prezzi di mercato delle risorse, dei beni e dei servizi per mezzo di azioni governative che riguardano i costi di produzione e/o di consumo. Ed anche: le valutazioni a costo pieno, il principio chi inquina paga…

13 michelangiolo bolognini13 Decreto Legislativo 4 agosto 1999, n° 372 Art. 9 – comma 3. Le agenzie regionali e provinciali per la protezione dellambiente e, ove non istituite, gli organismi di controllo individuati dallautorità competente, effettuano nellambito delle disponibilità finanziarie del proprio bilancio, ispezioni periodiche sugli impianti autorizzati ai sensi del presente decreto…. Con la nuova normativa (Decreto Legislativo 18 febbraio 2005, n. 59 ) pagano i responsabili degli impianti

14 michelangiolo bolognini14 Lalba del nuovo millennio Il contesto: La crisi dellegemonia USA ( P.Kennedy, G.Arrighi) e il colpo di coda militare della guerre infinite sviluppi industriali e crisi finanziarie, robuste economie di carta ed alcuni problemi con le risorse La completa e realizzata egemonia dellecocapitalismo: gli allievi superano il loro maestro (che non conoscono nemmeno) dimostrandosi più realisti del re La demistificazione culturale (ma non solo) del concetto di sviluppo sostenibile La critica alle nuove istituzioni: soprattutto lOrganizzazione Mondiale del Commercio, FMI, Banca Mondiale, FAO (ma non ancora lOMS). I movimento globali e i comitati locali – consapevolezze e saldature. La riscoperta della dimensione sanitaria (anche come prevenzione primaria: Devra Davies, Samuel Epstein ) spazi per il mercato (sul principio chi inquina paghi)

15 michelangiolo bolognini15 Più realisti del re L'autoregolamentazione può dimostrarsi alla società in generale più conveniente sia delle regolamentazioni comando e controllo, sia degli strumenti economici. L'industria spesso detiene le informazioni sulle tecnologie e sulle emissioni che il governo deve regolare in modo efficace. Allora l'autoregolamentazione evita, in una certa misura, le spese del governo nella raccolta delle informazioni, nella loro trasformazione in regolamentazioni e poi nel monitoraggio degli effetti. Ovviamente ci sarebbe sempre una raccolta di informazioni e un monitoraggio da parte dei governi, anche in un sistema di estesa autoregolamentazione, ma essa dovrebbe essere meno antagonista e meno estesa, perciò più economica. Comando e controllo è particolarmente utile quando si è in presenza di una seria minaccia alla salute o alla sicurezza o quando linquinamento diviene particolarmente pericoloso o quando raggiunga livelli preoccupanti localmente. Business Council for Sustainable Development 1992 Massachusetts Insitute of Tecnology

16 michelangiolo bolognini16 Antony Giddens LA TERZA VIA prefazione di Romano Prodi ….Brundtland ha fornito una definizione ingannevole semplice dello sviluppo sostenibile, in quanto capacità della generazione attuale di garantire (uno sviluppo) che soddisfi i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle generazioni future di rispondere ai propri bisogni. Dal momento che non sappiamo quali saranno i bisogni delle generazioni future, o come il cambiamento tecnologico influenzerà lutilizzazione delle risorse, il concetto di sviluppo Sostenibile non consente una definizione precisa; non sorprende che si siano contate più di quaranta definizioni diverse. Lo sviluppo sostenibile è quindi più un concetto guida che una formula precisa. Tuttavia ha trovato convalida nellAgenda 21, un programma promosso dalle Nazioni Unite con lintento di fornire un seguito dettagliato agli sforzi di Brundtland. Diversi paesi si sono impegnati ad integrarlo nel proprio pensiero economico. E stupefacente che nel 1988 il governo conservatore del Regno Unito affermasse che la politica economica britannica rispettava i principi dello sviluppo sostenibile, il che dimostra quanto sia malleabile tale concetto….

17 michelangiolo bolognini17 La denuncia di Tomatis - Alla fine del 2002 Lorenzo Tomatis, il maggior oncologo italiano, per 11 anni direttore dello IARC e recentemente scomparso, pubblica una denuncia sulla deriva della IARC a favore degli interessi delle imprese, su una quotata rivista scientifica internazionale (Int J Occup Environ Health 2002;8) -La stessa denuncia viene ribadita, nello stesso numero, da James Huff, già responsabile delle monografie IARC ed attualmente funzionario di strutture sanitarie pubbliche USA - Assordante ed incredibile silenzio dei media

18 michelangiolo bolognini18 Quali Priorità? Clima o cancro?

19 michelangiolo bolognini19 Quali Priorità? Traffico o inceneritori?

20 michelangiolo bolognini20 ECOLOCRATI ( e PATOLOCRATI ) Coloro che non vogliono sopprimere le nocività ma semplicemente gestirle, traendone potere IL METODO: Parassitare la conoscenza per fini ed interessi privati UNA REGOLA non giudicare gli uomini in base alle loro opinioni ma in base a ciò che le loro opinioni fanno di essi ( Indirizzo a tutti coloro che non vogliono gestire le nocività ma sopprimerle, 1990 Encyclopedie des Nuissances)

21 michelangiolo bolognini21 LE DIMENSIONI DI UN PROBLEMA: IL CANCRO I tumori maligni (accrescimento disordinato di cellule con tendenza ad invadere e colonizzare) sono un insieme di molte decine di diverse malattie - si classificano sugli organi che colpiscono per primo. In 20 anni sono aumentati del 25% nei maschi, del 20% nelle femmine Negli ultimi 30 anni il tasso di crescita, nei bambini è stato dell1.2% annuo La probabilità di contrarre un cancro nel corso della vita è del 47%; E di morirne è del 28%; I linfomi non-Hodkin crescono del 4% lanno in tutto il mondo industrializzato Si può correttamente parlare di Epidemia di Cancro Un problema male affrontato (puntare tutto sulla ricerca finalizzata alla cura) Le cause (fattori di rischio) dei tumori maligni sono quasi del tutto conosciute, soprattutto le cause "ambientali" - gli aspetti genetici (predisposizioni individuali) sono ancora, e lo saranno per molto, invece abbastanza oscuri.

22 michelangiolo bolognini22 Sopravvivenza relativa (%) a 5 anni per periodo di diagnosi nelle province di Firenze e Prato: Follow-up Tumore del polmone

23 michelangiolo bolognini23 I gruppi dello I.A.R.C. Gruppo 1 - Sostanze cancerogene (è stata stabilita una relazione causale tra esposizione nell'uomo e tumore). Gruppo 2 A - Sostanze a probabile azione cancerogena nell'uomo (è stata osservata un'associazione positiva tra esposizione e tumori, per la quale è credibile l'associazione causale e nel contempo non possono essere esclusi, con ragionevole sicurezza, effetti del caso, di preselezione o altri elementi di incertezza; a una tale situazione si associano dati sufficienti di cancerogeni cita per gli animali da esperimento). Gruppo 2 B Sostanze a possibile azione cancerogena nell'uomo (esistono prove sufficienti di cancerogenicità negli animali non accompagnate da dati adequati di induzione di tumori nell'uomo considerato esposto). Gruppo 3 Sostanze non classificabili per la loro cancerogenicità per l'uomo. Gruppo 4 Sostanze probabilmente non cancerogene per l'uomo.

24 michelangiolo bolognini24 COME GESTIRE I CANCEROGENI ? Il MAC Zero (problema culturale, etico, politico, economico). La possibilità di sostituire (lOSHA nel 1978; rientra nel principio cautelativo) necessita di valutazione di impatto strategico (VIS), da noi diventata VAS. La fissazione di limiti sulla sostanza (con margini o fattori di sicurezza) il metodo dellE.P.A. (il N.O.A.E.L.) - anchesso può rientrare nel principio cautelativo. Il criterio dei minimis sugli effetti nella popolazione fa parte del risk assessment (valutazione del rischio) che sfocia nel risk management (gestione del rischio), anche in Italia (il DM 471/99 sulle bonifiche) ma allitaliana – non può rientrare nel principio cautelativo, però abbastanza stringente (nelloriginale USA). I limiti tabellari (sempre indietro rispetto alle conoscenze scientifiche) : di fatto la normativa italiana reale – completamente opposta al principio cautelativo. Ignorare il problema : la VIA, le autorizzazioni, i controlli eventuali come problema ambientale e non sanitario (la strategia in campo).

25 michelangiolo bolognini25 Quali strategie contro il cancro ? - la guerra contro il cancro: Nixon J974, nascita della "big science" biomedica ultimamente sfociata nel "big business!', il cancro sconfitto entro il 1990 (termine poi spostato al 2000); puntare tutto sui miglioramenti diagnostici e terapeutici - rendere l'uomo più adattabile ad un ambiente nocivo e/o degradato. - la prevenzione primaria: l'eliminazione e relativa sostituzione dei fattori di rischio dagli ambienti di vita e di lavoro. La valutazione tecnica preventiva dei prodotti o delle tecnologie. Principi cautelativi e di pericolo. - la digressione fuorviante dell'ambientalismo: da Stoccolma ( 1972) a Rio ( 1991 ) il principio di precauzione (Brundtland) con la valutazioni deboli e manipolabili dei prodotti e delle tecnologie. Dallambiente al clima (i gas tossici sono la CO2 e gli altri gas-serra)

26 michelangiolo bolognini26 La schizofrenia normativa nel campo della nocività Il criterio del pericolo (presente nella normativa da oltre un secolo) diventato adesso principio di cautela o Principio di precauzione. Il paradosso: applicabile più a rischi poco controllabili ed incerti piuttosto che a rischi certi (ma sempre poco controllabili) es. -La proibizione di vendita di alimenti teoricamente contaminati (da prioni) rispetto allaccettazione, come normalità, dellaumento di contaminazione da inquinanti persistenti (diossine, PCB) o da sostanze cancerogene, cessando magari anche di eseguire i controlli faticosamente iniziati. -Il criterio de minimis: accettabile 1 caso di tumore mortale ogni milione (o centomila o diecimila) persone – importato in Italia con un regolamento per le bonifiche (D.M. 471/99 ribadito dal D.lvo 152/06)). -Nelle valutazioni ( di impatto ambientale, nelle bonifiche) è sempre possibile trovare il metodo per fare tornare i dati. -In Italia, teoricamente, anche un solo caso su un milione è tutelato, in pratica non si valuta e non si tutela un bel nulla.

27 michelangiolo bolognini27 Il Principio di precauzione Definizione dellO.M.S. Una politica di gestione del rischio che viene applicata in circostanze caratterizzate da un alto grado di incertezza scientifica e riflette la necessità di intervenire di fronte ad un rischio potenzialmente serio in attesa dei risultati della ricerca scientifica. Norme Europee Una politica della Comunità ovvero le azioni concrete in materia ambientale (e sanitaria) è fondata sui principi della precauzione e dellazione preventiva, sul principio della correzione, in via prioritaria alla fonte, dei danni causati allambiente (ed alla salute), nonché sul principio chi inquina paga. La reale applicazione (non solo italiana) Non si può vietare la commercializzazione di un prodotto o lutilizzo di una tecnologia a meno che, nonostante la disinformazione, anche scientifica, non diventi palesemente insostenibile la sua assenza di nocività

28 michelangiolo bolognini28 La normativa sulle industrie insalubri (R.D. 3/2/1901 n° 45, RD 27/7/1934 n° 1265) (Art. 216 R.D. 1262/34, in teoria ancora in vigore) Le manifatture o fabbriche che producono vapori, gas o altre esalazioni insalubri o che possono riuscire in alcun modo pericolose alla salute degli abitanti sono indicate in un elenco diviso in due classi: la prima classe comprende quelle che debbono essere isolate nelle campagne e tenute lontane dalle abitazioni, la seconda quelle che esigono speciali cautele per la incolumità del vicinato, una industria o manifattura la quale sia inserita nella prima classe, può essere, permessa nellabitato, quante volte lindustriale che esercita provi che, per lintroduzione di nuovi metodi o speciali cautele, il suo esercizio non reca nocumento alla salute del vicinato. Chiunque intende attivare una fabbrica o manifattura, compresa nel sopra indicato elenco, deve quindici giorni prima darne avviso per iscritto al podestà (il sindaco, precedentemente 1901, alla giunta comunale), il quale, quando lo ritenga necessario, nellinteresse della salute pubblica, può vietare lattivazione o subordinarla a determinate cautele.

29 michelangiolo bolognini29 Art. 216 R.D. 1265/34 (in teoria, ancora in vigore) Modello cautelativo sulla base del livello di conoscenza di allora sui modelli diffusionali degli inquinanti. Allontanare dalle abitazioni le attività nocive Modello generale ed inclusivo di nocività (conosciute e non) Onere della prova di innocuità al produttore Dimostrazione del solo pericolo (rischio) e non del danno accertato Prescrittiva e poco garantista per il produttore, nessuna concreta possibilità di ricorso, (precedentemente, 1901, al prefetto, sentito il consiglio provinciale di sanità), comando - controllo al massimo livello Controllo sanitario (Ufficiale sanitario, funzioni di vigilanza sanitaria; sindaco come Autorità sanitaria locale). Paradigmi: La salute come interesse primario della collettività (la malattia come costo sociale che è troppo alto per prendere la cosa alla leggera. Consapevolezza degli scarsi mezzi di intervento terapeutico (problema di tutta la collettività, non delegabile ai soli medici).

30 michelangiolo bolognini30 Criteri della Regione Toscana di localizzazione di nuovi impianti di trattamento termico ed impianti dedicati di combustione CDR (Punto 6 Del. Cons. Reg. 21/12/99 n° 385) che prevede la distanza di 200 metri dai centri abitati, elevabili a 500 metri nel caso di impianti per rifiuti pericolosi Modello non cautelativo, senza considerazione dei livelli di conoscenza scientifici in materia di diffusione degli inquinanti (sempre maggiori di 500 metri dal camino) unica considerazione i cattivi odori dal punto di scarico Criteri aberranti e basati su teorie di 400 anni fa (i miasmi). La normativa di tutela "ambientale": limiti tabellari (una sostanza alla volta, senza tener conto degli effetti cumulativi e di bioaccumulo); permesso di; inquinare anche per cancerogeni riconosciuti (Cadmio, IPA, diossina, Cromo esavalente). Diritti reali al solo produttore: basta che si impegni; può "sperimentare" (ed inquinare), se supera può adeguarsi; la produzione come pubblica utilità (riforme "Bassanini") Onere della prova alla pubblica amministrazione, responsabile anche patrimonialmente; dissuasione ad agire contro "i potenti". Diritti ad inquinare contrattabili (accordi di programma, accordi di area) e commerciabili (modello U.S.A.); nessuna garanzia finanziaria (fideiussioni, assicurazione) che copra danni o costi sanitari. Nessuna considerazione sui limiti tecnici, scientifici ed economici del sistema dei controlli;

31 michelangiolo bolognini31 Legge 24 novembre 2000, n° 340 Art. 14-quater – Il dissenso di uno o più rappresentanti delle amministrazioni, regolarmente convocate alla conferenza di servizi, a pena di inammissibilità, deve essere manifestato nella conferenza di servizi, deve essere congruamente motivato, non può riferirsi a questioni connesse che non costituiscano oggetto della conferenza medesima e deve recare le specifiche indicazioni delle modifiche progettuali necessarie ai fini dellassenso.

32 michelangiolo bolognini32 L ambiente contro la salute Un esempio recente: Decreto Legislativo 18 febbraio 2005, n. 59 "Attuazione integrale della direttiva 96/61/CE relativa alla prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento Art. 8. Migliori tecniche disponibili e norme di qualità ambientale: Se, a seguito di una valutazione dell'autorità competente, che tenga conto di tutte le emissioni coinvolte, risulta necessario applicare ad impianti, localizzati in una determinata area, misure più rigorose di quelle ottenibili con le migliori tecniche disponibili, al fine di assicurare in tale area il rispetto delle norme di qualità ambientale, l'autorità competente può prescrivere nelle autorizzazioni integrate ambientali misure supplementari particolari più rigorose, fatte salve le altre misure che possono essere adottate per rispettare le norme di qualità ambientale. norma di qualità ambientale: la serie di requisiti, inclusi gli obiettivi di qualità, che sussistono in un dato momento in un determinato ambiente o in una specifica parte di esso, come stabilito nella normativa vigente in materia ambientale;

33 michelangiolo bolognini33 L ambiente contro la salute Decreto Legislativo 3 agosto 2007, n. 152 "Attuazione della direttiva 2004/107/CE concernente l'arsenico, il cadmio, il mercurio, il nichel e gli idrocarburi policiclici aromatici nell'aria ambiente Art. 2.Definizioni … valore obiettivo: concentrazione nell'aria ambiente stabilita al fine di evitare, prevenire o ridurre effetti nocivi per la salute umana e per l'ambiente, il cui raggiungimento, entro un dato termine, deve essere perseguito mediante tutte le misure a tale fine necessarie che non comportano costi sproporzionati; Però, nella premessa:…Considerato che i valori obiettivo di cui al presente decreto non sono da considerarsi norme di qualità ambientale quali quelle definite all'articolo 2, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 18 febbraio 2005, n. 59, le quali, conformemente all'articolo 8, comma 1, di tale decreto, richiedono condizioni più rigorose di quelle ottenibili con l'applicazione delle migliori tecniche disponibili;

34 michelangiolo bolognini34 L ambiente contro la salute Decreto Legislativo 3 agosto 2007, n. 152 "Attuazione della direttiva 2004/107/CE concernente l'arsenico, il cadmio, il mercurio, il nichel e gli idrocarburi policiclici aromatici nell'aria ambiente In pratica il decreto serve solo a mettere nuove centraline di rilevazione e a fornire dati ambientali Non da la possibilità di utilizzare questi dati, anche quando sono superiori ai limiti, per imporre misure più restrittive allindustrie Si tratta di sostanze cancerogene certe e/o estremamente tossiche Questo capolavoro è firmato da: Napolitano, Pecoraro Scanio, DAlema, Mastella, Padoa Schioppa, Turco e Lanzillotta Principio di cautela, Principio di precauzione?

35 michelangiolo bolognini35 Il Mascheramento Climatico: aspetti culturali Il catastrofismo di comodo, già denunciato dalla Encyclopédie des Nuisances ( non solo il clima, ci sono anche altri candidati) Moralismo e Malthusianesimo (gli impatti politicamente corretti, impronte ecologiche, buone azioni dei consumatori o del generico abitante del Pianeta) Naturalità e Socialità delle catastrofi ambientali ( dagli olocausti tardovittoriani alluragano Katrina )

36 michelangiolo bolognini36 Il Mascheramento Climatico: aspetti storico-politici La retorica sinistra del catastrofismo moralista in campo climatico (cattivi USA, cattivo Bush, cattivi petrolieri, cattivo consumismo, cattiva scienza venduta) Che non tiene conto che: la crescita sensazionale dei finanziamenti alla ricerca climatologica è della Thatcher e di Bush padre (per problemi di minatori e rilancio del nucleare); il maggior sponsor è stato il guerriero umanitario Al Gore; lincremento dei prezzi petroliferi come benedizione texana e delle corporations energetiche ( fatti salvi gli incidenti: Putin e Chavez )

37 michelangiolo bolognini37 Il Mascheramento Climatico: i negazionisti ( Assoluti o Relativi) Ignoranti e/o Interessati: i Lomborg, Cecchi Paone, Battaglia, Veronesi, Regge ecc. Problematici : Michael Crichton, Riccardo Cascioli, Alessio Grosso … Interessanti : Richard Lindzen ( 14/11/dossier/0011DAgnelliA.htm ), Antonino Zichichi, la Pontificia Accademia delle Scienze …http://www.unipi.it/athenet1- 14/11/dossier/0011DAgnelliA.htm

38 michelangiolo bolognini38 Il Mascheramento Climatico: le conseguenze Lenfatizzazione climatica, a responsabilità umana, svia lattenzione ( e la politica concreta) dalle reali priorità ( gas serra diventati nocivi, i soli inquinanti di cui si parla, e non i tossici per luomo, i cancerogeni, i P.O.P. – Stoccolma vs Kyoto ), intanto non si fa nulla sui Cip6- certificati verdi. La mercificazione dellaria e dallambiente ( in ossequio al dettato ecocapitalistico della regolazione mediante strumenti economoci, allargamento del campo operativo del mercato) La carestia da biocarburanti e/o di un eventuale rilancio del nucleare

39 michelangiolo bolognini39 La riconversione climatica Non c'è un ambientalismo di tutti sì, ma di sì e di no, ce ne può essere uno critico, colto, di sinistra. Siamo partiti da qui per avviare un percorso unitario a sinistra sulle politiche ambientali. Ora abbiamo predisposto un breve documento, ci impegniamo a iniziative comuni, coordineremo il lavoro parlamentare, convocheremo a settembre una assemblea dedicata alla manovra finanziaria Già i Verdi avevano proposto a maggio un Patto, scritto da Angelo Bonelli con argomenti condivisibili, sostenuto da un significativo gruppo di autorevoli personalità (da Rodotà a Petrini, da Rubbia a Rifkin), subito assunto da Mussi (alla manifestazione di Genova con il ministro Pecoraro), dal Prc, dalle altre forze politiche della sinistra. Sul clima il patto deve essere largo, non si può guardare molto per il sottile. Il prossimo presidente americano, repubblicano o democratico che sia (meglio democratico), cambierà rispetto all'attuazione e alla prosecuzione del protocollo di Kyoto. Ormai spingono interessi economici e opinione pubblica, nella stessa direzione (il successo di Live Earth lo conferma): nessuno al mondo può fare a meno di coalizzarsi per ridurre le emissioni di gas serra il prima possibile quanto più possibile. Differenze possono e debbono esserci nel merito delle politiche coerenti con la mitigazione: le politiche energetiche (nucleare no o sì, petrolio e carbone nella transizione, rinnovabili sulla filiera corta e partecipata), i trasporti su scala continentale e locale, l'aiuto allo sviluppo sostenibile e all'adattamento dell'Africa …

40 michelangiolo bolognini40 La riconversione climatica.. l'acqua come bene comune o come merce sociale, la gestione pacifica dei conflitti in sede Onu, e una sinistra del futuro non può che basarsi sulla consapevolezza e sulla gestione dei cambiamenti climatici. Consumiamo più materia e energia di quanto il sistema terra non riesca a innovare. Le attuali previsioni di crescita dei singoli paesi sono insostenibili, insicure, inique per il pianeta. Va contestata l'idea stessa di misurare lo sviluppo di un paese dalla crescita della ricchezza e del Pil. Affermiamo che ci sono prodotti e consumi che devono crescere, ci sono prodotti e consumi che devono decrescere. Ci sono interessi che devono essere garantiti come diritti, ci sono interessi che devono essere limitati e mediati. L'indice da assumere deve essere quello dello sviluppo umano equo e diffuso e della salvaguardia ambientale. Noi del movimento della Sinistra democratica lo abbiamo scritto chiaramente prima nella mozione per l'ultimo congresso Ds, poi nei documenti e nelle relazioni fondativi. Abbiamo discusso con il Prc, Verdi, Comunisti italiani e Socialisti democratici, è un percorso che possiamo fare insieme, alleati e paralleli con il Partito democratico. Giudichiamo positivamente il percorso avviato nel Dpef, particolarmente in merito alla sostenibilità ecologica e alla contabilità ambientale delle scelte economico-finanziarie, merito anche della tempestiva efficace sollecitazione unitaria dei ministri per il rispetto del programma dell'Unione ….

41 michelangiolo bolognini41 La riconversione climatica.. Permangono invece criticità e riserve sul piano delle infrastrutture allegato al Dpef, dove non si cita mai Kyoto, di fatto si assegna priorità alle autostrade, non si investe in metro e ferrovie. Il Dpef può essere tradotto e precisato in una Finanziaria per il clima, quell'allegato va considerato contraddittorio e riscritto dalle commissioni parlamentari sulla base del programma dell'Unione che impegna alla «modifica profonda» della legge obiettivo di Berlusconi-Lunardi. Ci sono procedure che vanno semplificate, ci sono tempi che possono essere concertati e passaggi di consultazione (anche referendaria, chiarendo l'abitante di quale giardino vota, su cosa, in quale sosta del percorso) che possono essere previsti. Suggerisco di adottare il principio «anche nel mio giardino», un principio di responsabilità critica: ridurre le emissioni a casa propria, nel proprio comune, nel proprio governo (modificando la propria vita, non comprando quelle degli altri); proporre impianti sostenibili nel proprio territorio (comparando impianti e fonti, non escludendo ogni impatto); ottenere un bel mix di gesti individuali, scelte collettive e private, politiche governative. Pensare la politica del clima come incontro tra democrazia rappresentativa e democrazia partecipativa. Pensare la politica energetica e trasportistica come modello «spalmato» sul territorio a partire dalla Torino-Lione: sì al rafforzamento ferroviario, sì all'aumento di potenzialità delle linee esistenti, sì al protagonismo scientifico delle popolazioni locali.

42 michelangiolo bolognini42 CHI? e DOVE? VALERIO CALZOLAIO IL MANIFESTO (Quotidiano comunista ) 11 LUGLIO 2007 Riduzione di emissioni anche nel mio giardino

43 michelangiolo bolognini43 Gli infortuni che il compagno Calzolaio forse vuol far dimenticare …Per questo, con l'emanazione del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, il Governo ha inteso fornire gli strumenti possibili anche per l'uscita da tali situazioni di emergenza, ….passando dal sistema delle discariche ad un sistema di ciclo integrato di gestione dei rifiuti ….la discarica sarà attiva, comunque, fino al 31 dicembre 1998, data di scadenza della dichiarazione dello stato di emergenza e dei poteri conferiti ai commissari delegati. Entro tale data, in base a quanto disposto dall'ordinanza che ho citato, viene ipotizzata finalmente l'entrata in esercizio degli impianti þ Ȁ la realizzazione di impianti per la produzione di energia mediante l'impiego del combustibile derivato dai rifiuti, che devono essere posti in esercizio entro il 31 dicembre 2000 assicurando, nelle more, il recupero energetico del combustibile prodotto. I relativi bandi di gara sono già in corso di pubblicazione…. Seduta n. 379 del 25/6/1998, Camera dei deputati, risposta del Sottosegretario Valerio Calzolaio in appoggio della discarica Difesa grande ad Ariano Irpino

44 michelangiolo bolognini44 ECOLOCRATI ( e PATOLOCRATI ) Che fare? Necessario identificare e denunciare mistificazioni culturali ed ogni operazione di disinformazione Sono gli sfruttatori e i parassiti ad aver bisogno delle loro vittime …. e non viceversa


Scaricare ppt "Michelangiolo bolognini1 Salute ed ambiente, dallidentità alla contrapposizione Napoli 30 settembre 2007."

Presentazioni simili


Annunci Google