La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DEMETRA & FONDAZIONE 8 OTTOBRE 2001 V CORSO DI FORMAZIONE GIURIDICO- AMMINISTRATIVO LA COSTRUZIONE E GESTIONE DI AEROPORTI ED ELIPORTI TRAMITE PROCEDURE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DEMETRA & FONDAZIONE 8 OTTOBRE 2001 V CORSO DI FORMAZIONE GIURIDICO- AMMINISTRATIVO LA COSTRUZIONE E GESTIONE DI AEROPORTI ED ELIPORTI TRAMITE PROCEDURE."— Transcript della presentazione:

1 DEMETRA & FONDAZIONE 8 OTTOBRE 2001 V CORSO DI FORMAZIONE GIURIDICO- AMMINISTRATIVO LA COSTRUZIONE E GESTIONE DI AEROPORTI ED ELIPORTI TRAMITE PROCEDURE DI FINANZA DI PROGETTO Ing. MARCO ROSATI A.D. ESPERIA AVIATION SERVICES SpA 11 DICEMBRE 2010

2 ESPERIA e IL PROGETTO DI FINANZA ESPERIA PROMOTORE P.F. ELIPORTO CORTINA DAMPEZZO Eliporto minore di Cortina DAmpezzo – inattivo dal 1976 Principali Linee di Business: Trasporto Servizi aeronautici Sviluppo infrastrutture aeronautiche Mission: Individuare e superare le difficoltà del sistema per migliorare la mobilità attraverso unofferta competitiva Fornire servizi di eccellenza fissando i più elevati standard di sicurezza (piloti/macchine) Consapevolezza dellimportanza del requisito infrastrutturale per il raggiungimento degli obiettivi Esperia Aviaton Services, nuovo brand nel settore della General/Business Aviation,

3 RIQUALIFICAZIONE DELLELIPORTO DI FIAMES (CORTINA DAMPEZZO) Linfrastruttura prevede: -La piazzola decollo/atterraggio (FATO/TLOF) di dimensione di 16,70 metri, adatta per elicotteri del tipo Agusta AW139, completa di impianto voli notte e impianto antincendio. -5 piazzole di sosta per tipo A109 e AW139 ; -Hangar di mq con 7 baie, riscaldato; -Un blocco servizi con funzione di accoglienza -Un parcheggio auto; -Un impianto di rifornimento carburante. 3 Convenzione trentennale firmata giugno 2010 ATI proponente Finanza di progetto per la progettazione, sistemazione e gestione delleliporto di Fiames con le seguenti caratteristiche: Traffico passeggeri, elisoccorso e lavoro aereo. Progetto Esperia - intervento di riqualificazione eliporto Cortina

4 Perché il Project Finance ed il Partenariato Pubblico Privato (PPP) Superamento del gap infrastrutturale, sviluppo e manutenzione delle infrastrutture a livello nazionale e locale Scarsità di risorse finanziarie pubbliche Necessità di rispettare i vincoli di bilancio Contenimento della spesa per investimento e ottimizzazione dei costi operativi Coinvolgimento di risorse e competenze private in tutte le fasi della gestione dellopera e dellerogazione dei servizi Trasferimento ottimale dei rischi al settore privato 4 I PROMOTORI propongono alla PA la realizzazione di OPERE DI PUBBLICA UTILITA In cambio di UTILI (da efficiente gestione)

5 Principali Caratteristiche Il progetto viene valutato principalmente per la sua capacità di generare flussi di cassa; i flussi di cassa costituiscono la fonte primaria per il rimborso del debito e per la remunerazione del capitale di rischio Le principali garanzie connesse alloperazione sono di natura contrattuale piuttosto che di natura reale La durata relativamente lunga della collaborazione tra il partner pubblico ed il partner privato relativamente ai vari aspetti di un progetto da realizzare La modalità di finanziamento del progetto in cui quote di finanziamento pubblico possono aggiungersi ai finanziamenti privati Il ruolo importante delloperatore economico che partecipa a varie fasi del progetto. Il partner pubblico si concentra principalmente sulla definizione degli obiettivi da raggiungere in termini di interesse pubblico, di qualità dei servizi offerti, di politica dei prezzi, e garantisce il controllo del rispetto di questi obiettivi La ripartizione dei rischi tra il partner pubblico ed il partner privato 5

6 La mobilità e lo sviluppo Portare la mobilità allavanguardia è condizione fondamentale per lo sviluppo e la competitività del Paese: risparmio di tempo Accessibilità del territorio Sviluppo Mobilità interazioni creatività innovazione occupazione e indotto Risultato della ricerca Vertipass*: un aumento dellaccessibilit à territoriale tra l1 e il 2% determinato dallo sviluppo di un network di collegamenti elicotteristici avrebbe un impatto globale sul PIL del Paese compreso tra 3 e 9 miliardi di Euro allanno * Source The European House – Ambrosetti 2009

7 FRANCIA 447 aeroporti/aerodromi aerei di A.G GRAN BRETAGNA 270 aeroporti/aerodromi aerei di A.G GERMANIA 500 aeroporti/aerodromi aerei di A.G SPAGNA 120 aeroporti/aerodromi aerei di A.G SVIZZERA 57 aeroporti/aerodromi aerei di A.G ITALIA 98 aeroporti/aerodromi 900 aerei di A.G 7 In Europa gli aeroporti, anche minori, sono utilizzati soprattutto nelle aree di maggiore successo economico SVILUPPO DEGLI AEROPORTI ED ELIPORTI ATTRAVERSO IL PROGETTO DI FINANZA *(fonte A.O.P.A. dati 2004)

8 Sviluppo dellaeroportualità minore nel Sistema Integrato della Mobilità Gli aeroporti minori e la Business Aviation La minore congestione di traffico e lassenza di slot fanno dellAeroporto minore meta preferita per la Business Aviation (tra le società Top 500 il 92% utilizza laviazione daffari). In un contesto in cui tempo/qualità sono valori fortemente legati alla produttività delle aziende, lAviazione dAffari gioca un ruolo fondamentale nel soddisfare il passeggero con servizi eccellenti, riduzione dei tempi improduttivi e snellezza procedure sbarco e imbarco. Cè un nuovo ruolo per gli aeroporti minori (emerso anche dalla Commissione IX della Camera Deputati Trasporti, Poste e telecomunicazioni) Lo sviluppo dellaeroportualità minore può fornire nuove risposte ai cambiamenti che hanno investito lAviazione negli ultimi anni (aumento passeggeri, proliferazione voli low cost, rigorosa security, saturazione infrastrutture esistenti e conseguente livellamento dei servizi offerti) Per tali Aeroporti, lontani dai grandi flussi di traffico commerciale, il successo è nella qualità dei servizi offerti, e il loro ruolo risulterà complementare e di supporto ai grandi aeroporti.

9 IL VALORE DEGLI AEROPORTI MINORI Hanno un grande potenziale di utilizzo (posizione) Agevolano una mobilità alternativa attraverso il collegamento punto-punto (aerotaxi) Consentono di superare le difficoltà dei collegamenti Normali Permettono lo sviluppo di altre funzioni quali: Sicurezza sociale (elisoccorso, protezione civile) Formazione Manutenzione Lavoro Aereo Turismo ecc Per lo sviluppo degli aeroporti minori Esperia intende proporre questi come terminali Business/General Aviation per maggiori opportunità di mobilità e valorizzazione turistica e culturale del territorio

10 Il caso dellAeroporto dellUrbe 10 LUrbe come esempio pilota sul territorio italiano Un progetto di rilancio dellaeroportualità minore che risponda efficacemente alle richieste di spostamenti rapidi Business/Corporate e connessioni con il Centro Città potrebbe divenire pionieristico Inoltre laeroporto minore rappresenterebbe lo snodo fondamentale di una rete infrastrutturale efficace di eliporti ed elisuperfici a supporto di una mobilità allavanguardia (progetto Esperia 100 piazzole) Unopportunità per la Città Limminente candidatura di Roma ai Grandi Eventi e il forte trend di crescita dellimprenditoria romana esigono una equilibrata ripartizione modale della crescente domanda di mobilità capitolina.

11 Campidoglio Aeroporto Roma Urbe Stazione Termini Aeroporto G.B.Pastine Ciampino Aeroporto Leonardo Da Vinci Fiumicino Perimetro aeroporto dellUrbe SS4 Via Salaria SS3 Via Flaminia Ferrovia FM1 Stazione Nuovo Salario FM Fara Sabina/ Fiumicino aeroporto 7.5 Km AEROPORTO DI ROMA URBE Superficie complessiva Ha 108 ca Gestione diretta ENAC con operatività entro le effe meridi Presenza di numerose Società di scuola volo e lavoro aereo Presenza di servizi di Stato (ENAC, Polizia di Stato,dogana, carabinieri, VV.FF, Pronto soccorso, Corpo forestale, ENAV) Individuazione principali infrastrutture aeroportuali nellarea metropolitana di Roma Individuazione perimetro dellaeroporto su foto aerea ST 11 INQUADRAMENTO TERRITORIALE DEL PROGETTO

12 1. Nuova pista di volo 2. Edifici attività complementari aeroporto 4. Riqualificazione preesistenze aeroporto 3. Hangar per attività aeroportuali 12 HANGAR A SERVIZIO DELLATTIVITÀ AEROPORTUALE SISTEMAZIONE AREE LAND SIDE E NUOVA AEROSTAZIONE PASSEGGERI Aeroporto dellUrbe: Piano di sviluppo - Studio Prefattibilità ENAC (2007)

13 13 Lo studio di prefattibilità trattato da ENAC nel 2007 apre le porte ad un piano di riassetto dellUrbe con finalità di sviluppo nel breve per il traffico di piccola ala fissa e ala rotante, e destinarlo nel medio ai fini istituzionali e di Business Aviation Lallungamento della pista ridonerebbe allAeroporto un raggio dazione dal Nord Europa al Nord Africa (con conseguente alleggerimento di Ciampino in vista anche della vicinanza con il centro città) La posizione dellaeroporto, lontano dai grandi flussi commerciali potrebbe lanciarlo come primo hub elicotteristico nazionale (Vertiporto) Un recente studio dimostra ampi margini di sviluppo per il trasporto elicotteristico in Italia come modalità di collegamento punto/punto, aumentandone il valore aggiunto per il recupero di tempi improduttivi Possibile ruolo attivo anche per la continuità territoriale, offrendo nuove soluzioni alla carenza infrastrutturale locale (Lazio con Isole Pontine) Prospettive di sviluppo turistico e di efficienze per le funzioni sociali Potenzialità sotto il profilo del trasporto Aeronautico Aeroporto dellUrbe: potenzialità Ipotesi di nuova pista di volo rotazione di 20° ca.in senso antiorario rispetto alla precedente. dimensioni m 1260 x m 23, operatività sullo scalo di voli executive (Falcon 2000 e Falcon 900).

14 14 La sua posizione strategica sulla Via Salaria pone oggi laeroporto in condizione privilegiata ma potenzialmente inespressa: Facilita laccesso stradale e ferroviario con il centro città e per questo è già frequentemente utilizzato dalle Autorità di Governo e Forze Armate (recente visita Obama) Presuppone un futuro sviluppo della viabilità fluviale (negli anni 30 la zona era caratterizzata da un idroscalo) Numerosi interventi sono possibili per migliorare i collegamenti intermodali con la rete ferroviaria, metropolitana e stradale (proposte già esistenti) Aeroporto dellUrbe: potenzialità Ipotesi 2 nuovo ponte di collegamento Aeroporto / SS.3 Via Flaminia Svincolo esistente da adeguare Ipotesi 1 nuovo collegamento viario Aeroporto / SS.3 Via Flaminia Ipotesi 1 nuovo ponte sul fiume Tevere Potenzialità sotto il profilo Intermodale Nuova viabilità via flaminia

15 Aeroporto dellUrbe: potenzialità Potenzialità sotto il profilo socio-economico Il terminale riqualificato diviene volano di sviluppo economico e sociale territoriale (Servizi turistici, commerciali, leisure, cultura delvolo, presidio elisoccorso e forestale) Notevole beneficio arriverebbe agli interventi di protezione civile e dalle attività di emergenza-urgenza (soccorso sanitario, pubblica sicurezza) che trovano sempre maggiori difficoltà di collocazione e di movimento nel tessuto urbano Grande opportunità per linsediamento di una Scuola Nazionale dellAviazione Civile Posizione strategica nel bacino mediterraneo e valenza storica significativa ne prefigurano unarea ricettiva per centro congressuale, spazio espositivo legato alle attività aeronautiche e museo storico dellAviazione Servizi a supporto dellaeroporto Area espositiva Attività ricettive e centro congressuale Verde e parcheggi Piazzola per elicotteri dotata di strumentazione H 24 (realizzata) Ponte di collegamento con Via Flaminia edifici per attività collaterali dellaeroporto

16 NUOVI PIAZZALI INTERVENTO 1: realizzazione nuovi hangar per tot. Mq 2900 INTERVENTO 2: piano riqualificazione hangar esistenti Planimetria delle attuali concessioni Aerotech Esperia Aviomar Freeair Esperia nuova concessione mq 2000 Concessione mq 900 FreeAir mq 470 Eventuale Ampliamento Esperia mq 700 Aeroclub da ristrutturare Esperia mq 900 Esperia mq 2000 Area a disposizione per nuove concessioni 1000 mq Ipotesi assetto nuove concessioni 16 Iniziative in corso: costruzione hangar ESPERIA (2009)

17 B A C A. Nuova Aerostazione, in corso di realizzazione B. Nuova Porta dellUrbe, ricerca progettuale Università di Roma La Sapienza C. Riqualificazione Hangar esistenti, in corso di realizzazione 17 Iniziative in corso

18 LA RETE DEGLI AEROPORTI MINORI Laeroporto come parte di una rete: tanto più è estesa e connessa, tanto più è funzionale I FATTORI che OSTACOLANO lo SVILUPPO dellAEROPORTUALITA MINORE: Mancanza di una convinta politica complessiva Mancanza attribuzione di un ruolo nel sistema mobilità Scarsa considerazione dellaeromobilità minore (affetta posizione ideologica: solo per ricchi!) Timore di concorrenza (grandi infrastrutture/compagnie, soggetti non nazionali) Sovrapposizione di competenze sul piano amministrativo Mancanza di risorse finanziarie pubbliche Procedure complesse, servizi ridondanti, non adeguate al livello di traffico (Risk Assessment) (i.e. antiincendio) Politica fiscale che disincentiva la permanenza della flotta aerea nazionale 18 Aeroporto di Milano Bresso, Italia Aeroporto di Le Bourget, Francia

19 OBIETTIVOARTICOLAZIONEPRODOTTOSOGGETTO ATTUATORE Definire il ruolo dellaeroportualità minore Protezione civile, aerotaxi, formazione, manutenzione, lavoro aereo, elisoccorso, collegamenti punto-punto, turismo, scuola di volo, cultura, continuità territoriale, ecc Decisione politica concordata con i livelli amministrativi, politici e imprenditoriali (proposta) Governo Nazionale Individuazione delle reti degli aeroporti minori come precondizioni per il rilancio dellAviazione Generale Dimensione nazionale con possibilità di connessioni frontaliere; Feedereggio sugli aeroporti di livello superiore Piano regionale per gli aeroporti minori che metta a rete gli aeroporti minori esistenti con interventi di base accessibilità Governo Regionale Individuazione del livello base di Infrastrutture e procedure comuni idonee allA.G. Individuazione del livello di prestazioni delle attrezzature studiate per il traffico Minore; Definizione della strategia di apertura al P.F. nel provvedimento di cessione degli aeroporti minori alle Regioni Interventi di base da definire nella logica del minor costo e della minore difficoltà di accedere ai servizi; Definizione della dimensione finanziaria Organo Amministrativo/ENAC Specificazione dei livelli di utilizzo degli aeroporti minori assegnati alle Regioni Strategia regionale; Individuazione dei parametri che individuano lefficiente gestione dellopera stessa, tipica del P.F. Per ciascun aeroporto, implementazione delle infrastrutture aeronautiche, servizi di scambio (city airport), immobiliari, ecc Regioni/Amministrazioni locali Limplementazione delle infrastrutture di base attraverso lo strumento del P.F. Offerta dei promotori Valutazione delle convenienze; Offerta di P.F(Regioni/)Privati 19 IPOTESI PIANO DI LAVORO

20 La via dello sviluppo 20 City Airport London Le Bourget France Riqualificazione hangar esistenti, vista dalla Via Salaria

21 Esperia Aviation Services SpA Aeroporto dellUrbe,Via Salaria 825, Roma T F


Scaricare ppt "DEMETRA & FONDAZIONE 8 OTTOBRE 2001 V CORSO DI FORMAZIONE GIURIDICO- AMMINISTRATIVO LA COSTRUZIONE E GESTIONE DI AEROPORTI ED ELIPORTI TRAMITE PROCEDURE."

Presentazioni simili


Annunci Google