La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Piano delle regole del Piano di governo del territorio ex art. 10 della Lr. 12/2005 smi Comune di Martinengo Piazza Maggiore, 1 Politecnico di Milano Via.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Piano delle regole del Piano di governo del territorio ex art. 10 della Lr. 12/2005 smi Comune di Martinengo Piazza Maggiore, 1 Politecnico di Milano Via."— Transcript della presentazione:

1 Piano delle regole del Piano di governo del territorio ex art. 10 della Lr. 12/2005 smi Comune di Martinengo Piazza Maggiore, 1 Politecnico di Milano Via Bonardi, 3 Gruppo di lavoro: prof. Pier Luigi Paolillo (coordinamento e metodi) dott. pt. Massimo Rossati (coordinamento operativo) dott. pt Roberto Raimondi, dott. pt. Umberto Baresi (concorso al coordinamento operativo) dott. pt. Andrea Nardin, dott. Massimo Spinelli, dott. Francesca Affolti, dott. iunior Alison Bruno, dott. iunior Luca Festa, dott. iunior Massimo Cassani, dott. iunior Francesco Rossi, dott. iunior Elisabeth Rota (attività di ricerca) Staff del Comune di Martinengo Dott. avv. Paolo Nozza (sindaco) Enzo Bendoricchio (assessore ai Lavori pubblici, patrimonio, manutenzioni, edilizia privata) Fabiano Fratus (assessore all'Ecologia, ambiente, agricoltura e sport) Dott. avv. Annalisa di Piazza (direttore generale e segretario generale) Dott. arch. Mauro De Simone (responsabile del procedimento per la formazione del Pgt) Dott. iunior Cristian Bono (Area 3a – Servizi Tecnici)

2 Comune di Martinengo Piazza Maggiore, 1 Politecnico di Milano Via Bonardi, 3 27 giugno 2011 Consiglio Comunale Impostazione metodologica delle operazioni analitiche e classificatorie interne al Piano delle Regole Parte 1 Le indagini preliminari Parte 2 Lapprofondimento sul tessuto urbano consolidato Parte 3 Lapprofondimento sul nucleo dantica formazione Parte 4 Lo spazio extraurbano Parte 5 Le valutazioni di sintesi La cartografia del Piano delle regole Parte 0 Limpostazione metodologico/operativa della banca dati

3 Comune di Martinengo Piazza Maggiore, 1 Politecnico di Milano Via Bonardi, 3 Parte 0 Limpostazione metodologico/operativa della banca dati Input normativi (art. 10 Lr.12/2005) Banca dati a disposizione Identificazione immobili: (1) a rischio compromissione o degrado (2) a rischio dincidente rilevante (3) soggetti a tutela nazionale e regionale Analisi dellassetto morfologico ed insediativo (4, 5) del tessuto consolidato, con attenzione alla conformazione degli organismi edilizi (6) Analisi del territorio extraurbano (7): (7.1) assetti idrogeologici e geologici (7.2) sensibilità paesaggistica (7.3) declinazione degli ambiti non edificati Input metodologici Metodi, modelli e strumenti - modello Valori/Disvalori/Rischi - modello Pressione/Stato/Risposta - analisi multidimensionali - statistica geoapplicata - Sistemi informativi territoriali - Geographic information system (Gis) per la georeferenziazione, analisi, valutazione e renderizzazione dei fenomeni - riconduzione ad analisi discrete (suddivisione dello spazio in celle) di fenomeni spazialmente continui Portato conoscitivo mutuato da esperienze pianificatorie pregresse e diffuse in letteratura (stimoli recepiti in particolare per i punti 4, 5, 8) Analisi del nucleo storico dantica formazione (8) Regione Lombardia ed enti/società terze Censimento urbanistico, elaborazioni proprie Provincia di BergamoUffici comunali Formalizzazione indici e variabili (1) stato di manutenzione immobile, tipo di tessuto Analisi e valutazioni: passaggi tecnici ed operativi Restituzione degli esiti Documenti: relazioni ed allegati Impianto normativo di dettaglio Cartografia (3) vincoli regionali e nazionali (4.1) indice di propensione alla centralità (4.2) indice dinstabilità nelluso del suolo (4.3) indice dintensità di pressione antropica (4.4) indice di rilevanza del contesto urbano (5.1) indice di frammentazione del perimetro urbano (5.2) indice di densità della maglia urbana (5.3) indice di compattezza insediativa (8) condizioni strutturali e caratteri architettonici degli immobili, aspetti socio/economici e demografici, relazioni tra gli immobili e lintorno (6) altezza, volumetria, densità e funzioni dei fabbricati(7) utilizzo di materiali già sviluppati nel Ddp 27 giugno 2011 Consiglio Comunale

4 Comune di Martinengo Piazza Maggiore, 1 Politecnico di Milano Via Bonardi, 3 Parte 0 Limpostazione metodologico/operativa della banca dati Le analisi effettuate e la banca dati di riferimento (stralcio) 4 Assetto morfologico e dispersività armatura urbana 4.1 Indice sintetico di propensione alla centralità (I pc ) FonteContenutoFinalità Piano di governo del territorioStradario digitale – grafo stradaleIdentificazione della propensione alla centralità connessa alla conformazione del network stradale Piano di governo del territorioElaborazioni di affinamento della distribuzione di attività extraresidenziali Identificare la localizzazione e corretta classificazione della totalità delle attività extraresidenziali presenti nel territorio di Martinengo Uffici comunaliBanca dati attività da Tassa sui rifiuti solidi urbani – Tarsu Camera di commercio di BergamoElenco delle attività distribuite 4.2 Indice sintetico dinstabilità dei tipi duso in atto (Inst ) FonteContenutoFinalità Uffici comunaliBanca dati attività identificabili tramite Tassa sui rifiuti solidi urbani Identificare la localizzazione delle attività produttive Uffici comunaliBanca dati anagraficaSpazializzazione della popolazione residente al fine di verificarne la compatibilità di localizzazione rispetto alle aree a vocazione produttiva Censimento urbanisticoLocalizzazione degli immobili con destinazioni produttive Verifica della localizzazione delle attività produttive Piano di governo del territorioPoligono del tessuto urbano consolidato Identificare i poligono dellurbanizzato consolidato da utilizzare per la caratterizzazione dei perimetri tra aree periurbane ed extraurbane 4.3 Indice sintetico dintensità della pressione antropica ( Ipa) FonteContenutoFinalità Terna – EnelLocalizzazione elettrodottiDeterminazione delle fasce di rispetto per la stima dellinterferenza generata Arpa LombardiaRilevamenti rispetto alle stazioni radio base nel comune Identificazione della fascia di rispetto delle stazioni radio base Uffici comunaliBasi informative inerenti i pozzi di captazione e Tavole di Prg Identificazione della zona tutela assoluta e zona rispetto di ciascun pozzo per la stima dellinterferenza generata 27 giugno 2011 Consiglio Comunale

5 Comune di Martinengo Piazza Maggiore, 1 Politecnico di Milano Via Bonardi, 3 La localizzazione di immobili con caratteristiche peculiari Parte 1 Le indagini preliminari Il Piano delle regole individua le aree e gli edifici a rischio di compromissione o degrado e a rischio di incidente rilevante (lett. c, c. 1, art. 10 Lr. 12/2005) Individuazione delle aree e gli edifici a rischio di compromissione o degrado 27 giugno 2011 Consiglio Comunale

6 Comune di Martinengo Piazza Maggiore, 1 Politecnico di Milano Via Bonardi, 3 La localizzazione di immobili con caratteristiche peculiari Parte 1 Le indagini preliminari Gli immobili ed i beni storico/artistici oggetto di tutela nazionale o regionale Chiesa di San Fermo; Santuario della Fiamma; Cappella dell'Addolorata; Chiesa di San Michele; Madonna di Via Milano; Casa via Locatelli; Villa e parco Allegreni; Casa con balcone, via Tadino; Chiesa di S. Chiara; Casa via Tadino; Chiesa dei Riformati; Castello/ruderi; Chiesa di S. Agata. Luoghi e testimonianze di significato e valore storico 27 giugno 2011 Consiglio Comunale

7 Comune di Martinengo Piazza Maggiore, 1 Politecnico di Milano Via Bonardi, 3 I fenomeni indagati e gli indicatori approntati Indice sintetico Parte 2 Lapprofondimento sul tessuto urbano consolidato Struttura e finalizzazione Indice di propensione alla centralità (Ipc) Riconoscere le aree di territorio comunale con significativi livelli di centralità, da valorizzarsi, e le aree a bassa propensione, potenzialmente a rischio emarginazione Indice dinstabilità dettata dalle tipologie duso (Inst) Identificare aree destinate ad usi residenziali ed inedificate potenzialmente problematiche in termini di prossimità ad impianti produttivi Indice dintensità di pressione antropica (Ipa) Determinare le porzioni di territorio caratterizzate da elevata interferenza antropica riconducibile ad elementi di disturbo sia per lambiente che per la salute umana Indice dintensità di rilevanza storica e paesaggistica (Iril) Distinguere le aree del territorio caratterizzate da valore di tipo antropico o naturale, declinato nella presenza o prossimità ad elementi storico/paesaggistici Indice di struttura morfo – insediativa (Imorf) Caratterizzare le diverse porzioni del tessuto insediativo rispetto ad elementi quali: instabilità dei margini urbani, densità, compattezza dellarmatura edificata 27 giugno 2011 Consiglio Comunale

8 Comune di Martinengo Piazza Maggiore, 1 Politecnico di Milano Via Bonardi, 3 Multiple centrality assessment (Mca) - Approccio derivato dalle analisi configurazionali della scuola di Bill Hillier, sviluppatasi dagli anni 80 ad oggi presso lo University College of London - Si basano sullanalisi dei caratteri configurazionali dello spazio urbano al fine di riconoscerne struttura e propensioni Strumenti e applicazioni innovative Ipc – Indice di propensione alla centralità Parte 2 Lapprofondimento sul tessuto urbano consolidato misura della centralità globale (betweenness) misura della centralità locale (local closenness) intensità dinterazione del network stradale 27 giugno 2011 Consiglio Comunale

9 Comune di Martinengo Piazza Maggiore, 1 Politecnico di Milano Via Bonardi, 3 La distribuzione delle attività extraresidenziali per la determinazione della vitalità funzionale Ipc – Indice di propensione alla centralità Parte 2 Lapprofondimento sul tessuto urbano consolidato densità della distribuzione funzionale eterogeneità funzionale del tessuto urbano intensità di vitalità funzionale 27 giugno 2011 Consiglio Comunale

10 Comune di Martinengo Piazza Maggiore, 1 Politecnico di Milano Via Bonardi, 3 Analisi orientate ad individuare: - Ambiti a basso grado di coesistenza tra funzioni, dove prevedere azioni di possibile delocalizzazione delle funzioni interferenti - Ambiti consolidati, potenzialmente idonei a recepire le funzioni non residenziali delocalizzate Inst – Indice dinstabilità degli usi in atto Parte 2 Lapprofondimento sul tessuto urbano consolidato indice di densità produttiva indice di densità abitativa Indice dimensionale delle destinazioni duso in essere 27 giugno 2011 Consiglio Comunale

11 Comune di Martinengo Piazza Maggiore, 1 Politecnico di Milano Via Bonardi, 3 Fenomeni tenuti in considerazione: - Dimensione dellattività (riconoscimento della dimensione delle attività – da banca dati Tarsu) - Frequenza delle attività (identificazione delle aree di concentrazione delle attività e degli impianti produttivi isolati) Inst – Indice dinstabilità degli usi in atto Parte 2 Lapprofondimento sul tessuto urbano consolidato indice di densità produttiva indice di densità abitativa Incidenza delle destinazioni produttive sugli usi in essere 27 giugno 2011 Consiglio Comunale

12 Comune di Martinengo Piazza Maggiore, 1 Politecnico di Milano Via Bonardi, 3 Analisi orientate a: - Stimare la pressione esercitata sul sistema territoriale da parte dei fattori riconducibili ad attività o ad attrezzature inerenti agli insediamenti umani - Distinguere linterferenza creata dal sistema vincolistico e dal sistema infrastrutturale Ipa – Indice di pressione antropica Parte 2 Lapprofondimento sul tessuto urbano consolidato i – esimi vincoli presenti sul territorio Tipo di vincoloFascia di tutela fascia di rispetto elettrodotti10 m pozzi approvvigionamento idrico: zona tutela assoluta10 m pozzi approvvigionamento idrico: zona rispetto200 m fascia di rispetto cimiteriale200 m fascia di rispetto depuratore100 m fascia di rispetto stradale – primarie e secondarie30 m stazioni radio base per telefonia mobile 100 m Intensità di presenza dei vincoli esistenti 27 giugno 2011 Consiglio Comunale

13 Comune di Martinengo Piazza Maggiore, 1 Politecnico di Milano Via Bonardi, 3 Fenomeni tenuti in considerazione: - Attività impattanti associate a fasce di rispetto e di tutela entro le quali le attività antropiche risultano considerevolmente interferite - Strutturazione del reticolo infrastrutturale locale, con gerarchia eterogenea e caratterizzante specifiche aree Ipa – Indice di pressione antropica Parte 2 Lapprofondimento sul tessuto urbano consolidato i – esima classe di volume di traffico stimato Pressione indotta dal traffico veicolare Gerarchia stradaleFascia di influenza Extraurbane principali60 m Extraurbane secondarie40 m Urbane di scorrimento28 m Urbane locali16 m 27 giugno 2011 Consiglio Comunale

14 Comune di Martinengo Piazza Maggiore, 1 Politecnico di Milano Via Bonardi, 3 Analisi orientate a: - Portare a sistema gli elementi di pregio storico e paesaggistico determinanti la qualità urbana percepibile - Identificare possibili orientamenti ed indicazioni utili a determinare lintervenibilità nel contesto Iril – Indice di rilevanza storico/paesaggistica Parte 2 Lapprofondimento sul tessuto urbano consolidato Categoria Descrizione (desc_pvl) Sistema Antropico vincoli beni artistici storici (vincoli pav) centro storico cascina o fabbricato rurale parco storico o giardino mulini edificio di archeologia industriale architetture civili non residenziali architetture civili residenziali architetture religiose percorsi di interesse paesistico Sistema Naturalistico area di rilevanza paesaggistica o naturalistica fontanili (teste) corsi acque principali corsi acque minori fontanili (aste) aree agricole vincolate Beni storico – paesaggistici presenti sul territorio comunale 27 giugno 2011 Consiglio Comunale

15 Comune di Martinengo Piazza Maggiore, 1 Politecnico di Milano Via Bonardi, 3 Parte 2 Lapprofondimento sul tessuto urbano consolidato Iril – Indice di rilevanza storico/paesaggistica Indice di valore del contesto urbano Fenomeni tenuti in considerazione: - Rilevanze di carattere puntuale - Rilevanze di carattere lineare - Rilevanze di carattere areale 27 giugno 2011 Consiglio Comunale

16 Comune di Martinengo Piazza Maggiore, 1 Politecnico di Milano Via Bonardi, 3 Analisi orientate a: - Identificare le porosità urbane, spazi vuoti nellarmatura urbana dovute a trasformazioni non attuate per riammagliare il tessuto - Localizzare gli spazi interstiziali derivanti dalla frammentazione dei margini urbani Imorf – Indice di destrutturazione dellassetto morfo-insediativo Parte 2 Lapprofondimento sul tessuto urbano consolidato Indice di frammentazione del perimetro Frastagliamento del perimetro urbano - Cesura della sagoma di tessuto urbano consolidato (Tuc) rispetto ad elementi di rottura o di discontinuità del perimetro, infrastrutturale e morfo-insediativa - Analisi mirata su singoli tratti del perimetro 27 giugno 2011 Consiglio Comunale

17 Comune di Martinengo Piazza Maggiore, 1 Politecnico di Milano Via Bonardi, 3 Parte 2 Lapprofondimento sul tessuto urbano consolidato Fenomeni tenuti in considerazione: - Distribuzione degli edifici su lotto - Densità volumetrica attuale - Densità di aree verdi urbane Intensità della maglia insediativa esistente Imorf – Indice di destrutturazione dellassetto morfo-insediativo 27 giugno 2011 Consiglio Comunale

18 Comune di Martinengo Piazza Maggiore, 1 Politecnico di Milano Via Bonardi, 3 Analisi basata su: - Indice di continuità spaziale, orientato alla contiguità ossia al numero di volte in cui si ha presenza di nuclei urbanizzati consecutivamente tra le celle i e i + 1 Imorf – Indice di destrutturazione dellassetto morfo-insediativo Parte 2 Lapprofondimento sul tessuto urbano consolidato Continuità dellarmatura edificatoria Matrice di presenza delle superfici urbanizzate Discretizzazione a celle quadrate Relazione di contiguità della cella 27 giugno 2011 Consiglio Comunale

19 Comune di Martinengo Piazza Maggiore, 1 Politecnico di Milano Via Bonardi, 3 Lindividuazione delle classi di intensità per la definizione delle variabili di analisi statistica Parte 2 Lapprofondimento sul tessuto urbano consolidato Ipc – Indice di propensione alla centralità Inst – Indice dinstabilità degli usi in atto Ipa – Indice di pressione antropica Iril – Indice di rilevanza storico paesaggistica Imorf – Indice di destrutturazione dellassetto morfo-insediativo 27 giugno 2011 Consiglio Comunale

20 Comune di Martinengo Piazza Maggiore, 1 Politecnico di Milano Via Bonardi, 3 Lanalisi multidimensionale dei fenomeni concorrenti alla determinazione dellintervenibilità Parte 2 Lapprofondimento sul tessuto urbano consolidato Nuvola di punti (celle) rispetto ai cluster (bacini) derivati Clusters Classe di intervenibilità Estensione (celle) Classe 10Alta1.962 Classi 4 e 6Medio/alta2.333 Classi 3 e 7Media1.430 Classi 1, 5 e 8 Medio/bassa Classi 2 e 9Bassa4.833 Aggregazione dei cluster in 5 classi dintervenibilità Ricorso al software Addawin di analisi geostatistica applicata Analisi dei fenomeni in atto per analisi delle correlazioni ed analisi non gerarchica Riduzione di complessità (tramite software Addawin) e derivazione di bacini disofenomenicità (cluster) 27 giugno 2011 Consiglio Comunale

21


Scaricare ppt "Piano delle regole del Piano di governo del territorio ex art. 10 della Lr. 12/2005 smi Comune di Martinengo Piazza Maggiore, 1 Politecnico di Milano Via."

Presentazioni simili


Annunci Google