La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 La politica dinformazione e comunicazione dellUnione europea Daniela Lanzotti - IPE Modena.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 La politica dinformazione e comunicazione dellUnione europea Daniela Lanzotti - IPE Modena."— Transcript della presentazione:

1 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 La politica dinformazione e comunicazione dellUnione europea Daniela Lanzotti - IPE Modena

2 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 Accesso ai documenti Art. 255 del Trattato che istituisce la Comunità europea 1. Qualsiasi cittadino dellUnione e qualsiasi persona fisica o giuridica che risieda o abbia la sede sociale in uno Stato membro ha il diritto di accedere ai documenti del parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione, secondo i principi e alle condizioni da definire a norma dei paragrafi 2 e 3. Il Regolamento (CE) n.1049/2001 del 30 maggio 2001 fissa i principi generali e i limiti che disciplinano lesercizio di questo diritto

3 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 Accesso ai documenti Altri testi regolamentari che organizzano il diritto di accesso Parlamento europeo Decisioni del 13 novembre 2001 (GU C 140 del ) e del 14 maggio 2002 Decisione dellUfficio di presidenza sullaccesso al pubblico ai documenti del PE (GU C 347 del ) Consiglio dellUnione europea Decisione 2001/840/CE del Consiglio del 29 novembre 2001 (GU L 313 del ) Commissione europea Decisione del 5 dicembre 2001 C(2001) 3714 (GU L 345 del

4 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 Accesso ai documenti Laccesso e in linea di max gratuito, per più di 20 pagine possono essere fatturate spese di copia e di spedizione… La richiesta può essere fatta in una delle lingue ufficiali, via , posta, fax termine di risposta 15 giorni Le istituzioni rifiutano laccesso a un documento quando si arrechi pregiudizio alla tutela di (Art.4 Reg. 1049/201): a) interesse pubblico b) vita privata e integrità individuo Ricorsi: presentare denuncia al Mediatore europeo adire al Tribunale di primo grado (via avvocato)

5 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005

6

7

8 Trattato che istituisce una Costituzione per lEuropa per quanto riguarda la trasparenza dei lavori delle istituzioni, l'articolo I-50 stabilisce chiaramente che il Parlamento, così come il Consiglio dei ministri, si riunisce in seduta pubblica allorché esamina e adotta un progetto di atto legislativo. Il medesimo articolo estende il diritto di accesso ai documenti degli organi e delle agenzie dell'Unione, laddove l'articolo equivalente del trattato CE contemplava espressamente solo i documenti del Parlamento, della Commissione e del Consiglio. ( I lavori della Convenzione sono stati un esempio di trasparenza)

9 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 Trattato che istituisce una Costituzione per lEuropa ARTICOLO I-50 Trasparenza dei lavori delle istituzioni, organi e organismi dell'Unione 1. Al fine di promuovere il buon governo e garantire la partecipazione della società civile, le istituzioni, organi e organismi dell'Unione operano nel modo più trasparente possibile. 2. Il Parlamento europeo si riunisce in seduta pubblica, così come il Consiglio allorché delibera e vota in relazione ad un progetto di atto legislativo. 3. Qualsiasi cittadino dell'Unione o persona fisica o giuridica che risieda o abbia la sede sociale in uno Stato membro ha il diritto di accedere, alle condizioni previste nella parte III, ai documenti delle istituzioni, organi e organismi dell'Unione, a prescindere dal loro supporto. La legge europea stabilisce i principi generali e le limitazioni a tutela di interessi pubblici o privati applicabili al diritto di accesso a tali documenti.

10 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 La politica dinformazione Nella sua volontà di trasparenza, l'Unione europea fornisce al pubblico l'accesso a numerose fonti di informazione: le reti d'informazione presenti in tutti gli Stati membri dell'Unione europea che permettono al cittadino un contatto diretto con l'informazione europea; il server Europa, il portale dell'Unione europea con oltre un milione e mezzo di pagine; Le pubblicazioni, edite da EUR-OP l'Ufficio delle pubblicazioni, a carattere generale e specialistico, i documenti ufficiali, il tutto sia su formato elettronico che cartaceo; I dati statistici raccolti ed elaborati dall'Ufficio statistico delle Comunità europee Eurostat disponibili sia sotto forma di pubblicazione sia su Internet.

11 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 Documenti chiave COM (2001) Un nuovo quadro di cooperazione per le attività di politica dellInformazione e della Comunicazione nellUE. Cooperazione fra le istituzioni comunitarie e stati membri: verso un decentramento dellinformazione Cooperazione tra Commissione e Parlamento: a livello politico - gruppo interistituzionale sullinformazione, a livello operativo - DG stampa e DG 3 Informazione e relazioni pubbliche, a livello decentrato Rappresentanze e Uffici per il PE Cooperazione tra Commissione, Consiglio e Comitati Cooperazione tra Istituzioni Comunitarie e autorità degli stati membri a livello nazionale, regionale, locale: - ruolo fondamentale hanno le rappresentanze e gli uffici PE - reti e i centri dinformazione.

12 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 Documenti chiave Libro Bianco sulla governance europea adottato dalla Commissione europea nel luglio 2001 la democrazia dipende dalla possibilità di tutti di partecipare al dibattito pubblico. A tale scopo, tutti devono avere accesso a una buona informazione sulle questioni europee e devono essere in grado di seguire il processo politico nelle sue varie fasi.

13 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 Documenti chiave COM (2002) Una strategia dinformazione e di comunicazione per lUnione europea. La sfida democratica La necessità di una nuova strategia Un sistema di riferimento comune a tutte le Istituzioni Le istituzioni devono operare in modo più aperto: assieme agli Stati membri, devono adoperarsi attivamente per spiegare meglio, con un linguaggio accessibile e comprensibile al grande pubblico, che cosa fa l'Unione europea e in che consistono le decisioni che essa adotta. Questo principio riveste particolare importanza se si vuole accrescere la fiducia dei cittadini in istituzioni complesse. Associare i cittadini al processo decisionale

14 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 Il filo conduttore Punti – l'Unione europea è garanzia di maggiore libertà, prosperità e sicurezza per gli Europei; – l'Unione europea promuove un modello di società solidale, dinamico, rispettoso delle diversità; – l'Unione europea ci permette di svolgere a livello mondiale un ruolo consono ai nostri valori e alla nostra importanza.

15 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 Temi prioritari LAmpliamento; Il futuro dellUnione europea; Lo spazio di libertà, sicurezza e giustizia; Il ruolo dellUnione europea nel mondo.

16 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 I destinatari dei messaggi Comunicazione mirata (opinion leader e grande pubblico) Le informazioni e i messaggi devono poi essere adattati alle realtà, alle lingue e alle percezioni locali nonché agli interessi e alle preoccupazioni specifiche dei diversi gruppi destinatari prescelti. La scelta di questi gruppi dovrà essere fatta sulla base di appositi piani di comunicazione concordati con gli Stati membri su ciascuno dei settori prioritari considerati (M.of U. Giovani e settore istruzione vengono individuati come destinatari prioritari

17 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 Il coordinamento generale della Politica dinformazione è affidato al Servizio Comunicazione e Stampa della Commissione europea che agisce con funzione di prestazione di servizi e di coordinamento nei riguardi delle altre direzioni generali, delle altre istituzioni e degli Stati membri. A livello nazionale tale ruolo è affidato alle Rappresentanze della Commissione europea Il coordinamento

18 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 Documenti chiave COM (2004) Attuazione della strategia dinformazione e di comunicazione per lUnione europea. (Comunicazione destinata al grande pubblico) Obiettivi: Comunicazione + strutturata e ordinata gerarchicamente Sinergia tra gli strumenti dazione Cooperazione interistituzionale Partenariato e decentramento Settori prioritari Programmazione pluriennale

19 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 StrumentiStrumenti Memorandum of understanding (protocollo dintesa tra Stati membri e Istituzioni comunitarie) Programma PRINCE (gestione centralizzata delle linee dinformazione - bandi) Centri e Reti dinformazione (convenzione con strutture ospitanti - nuova rete ) Grandi centri (Lisbona,Parigi,Roma) Altri mezzi e strumenti (EbS, coofinanziamento programmi sullUE, Europa II generazione, Eurobarometro, Europe Direct )

20 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005

21 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 La politica dinformazione e comunicazione dellUnione europea : la DG Press e i servizi Daniela Lanzotti - IPE Modena

22 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005

23

24

25 La politica dinformazione e comunicazione dellUnione europea : le Reti dinformazione Daniela Lanzotti - IPE Modena

26 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/ Comunicazione del Commissario Pinheiro SEC (93) 916/9 Linformazione e la comunicazione non possono rimpiazzare la politica ma sono indispensabili per qualsiasi politica efficace Una politica d'informazione e comunicazione si fonda sui seguenti principi: Trasparenza. L'informazione fa parte integrante della comunicazione e deve essere franca, completa, semplice e chiara. Adattamento alla domanda. La politica d'informazione e di comunicazione deve essere pertinente alla domanda, cui deve adattarsi, tenendo conto delle richieste di un pubblico chiaramente identificato Coordinamento. L'approccio deve essere coerente, ciò richiede il coordinamento tra i diversi fornitori d'informazione; Semplicità e disponibilità. L'informazione deve essere semplice e rapidamente disponibile, sia in risposta alla domanda sia su iniziativa della Commissione. Documenti chiave - storia

27 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/ Comunicazione del Commissario Pinheiro SEC (94) 488 Politica di reti e relay tendenza verso il decentramento accesso rapido del cittadino a qualsiasi tipo di informazione specializzata o generale maggiore coerenza e efficienza = coordinamento flessibilità e ascolto del cittadino (quindi feed-back) Documenti chiave - storia

28 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/ Comunicazione del Commissario Pinheiro SEC (94) 488 Politica di reti e relay tendenza verso il decentramento accesso rapido del cittadino a qualsiasi tipo di informazione specializzata o generale maggiore coerenza e efficienza = coordinamento flessibilità e ascolto del cittadino (quindi feed-back) Documenti chiave - storia

29 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 Documenti chiave COM (2004) Attuazione della strategia dinformazione e di comunicazione per lUnione europea. (Comunicazione destinata al grande pubblico) Obiettivi: Comunicazione + strutturata e ordinata gerarchicamente Sinergia tra gli strumenti dazione Cooperazione interistituzionale Partenariato e decentramento Settori prioritari Programmazione pluriennale

30 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 Le Reti dinformazione Info Point Europa (IPE) Gli Info point Europa sono la rete più giovane e nascono con lobiettivo di portare l'informazione comunitaria alla portata del grande pubblico. Si trovano sempre in luoghi molto centrali e di facile accesso. Centri di docuemntazione europea (CDE) I centri nascono generalmente allinterno delle Università a supporto dellattività di ricerca di docenti e studenti. Dispongono di tutti i documenti ufficiali dellUnione Europea. Carrefour - centri dinformazione e animazione rurale I centri portano l'informazione comunitaria nel cuore della comunità rurali ed hanno una competenza specifica in materia di sviluppo rurale. Team Europe Rete di conferenzieri

31 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 Rete Europe Direct - Antenne di informazione Bando Bando "Creazione di strutture ospitanti le antenne di informazione della rete EUROPE DIRECT scaduto il 22 novembre Selezione di una nuova generazione di antenne in sostituzione di Info-point Europa e Carrefours. La Rappresentanza in Italia ha provveduto alla selezione delle 39 antenne italiane che saranno operative secondo la nuova convenzione a partire da metà Aprile (?)

32 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 La politica dinformazione e comunicazione dellUnione europea : Europa II generazione Daniela Lanzotti - IPE Modena

33 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 Politica interattiva

34 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 Consulenza e informazione personalizzata

35 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 Consulenza e informazione personalizzata

36 Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 Servizi on-line


Scaricare ppt "Daniela Lanzotti - Trieste 5/4/2005 La politica dinformazione e comunicazione dellUnione europea Daniela Lanzotti - IPE Modena."

Presentazioni simili


Annunci Google