La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Regione Emilia-Romagna L.R. n°4/2009 Criteri di attuazione della nuova normativa nel settore agriturismo 1 Provincia di Ferrara.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Regione Emilia-Romagna L.R. n°4/2009 Criteri di attuazione della nuova normativa nel settore agriturismo 1 Provincia di Ferrara."— Transcript della presentazione:

1 Regione Emilia-Romagna L.R. n°4/2009 Criteri di attuazione della nuova normativa nel settore agriturismo 1 Provincia di Ferrara

2 L.R. 4/09 Agriturismo e multifunzionalita Delibera G.R. 1693/09 Applicativa delle norme per lAgriturismo Delibera G.R. 314/10 Applicativa delle norme per le Fattorie Didattiche Legge 96/06 Legge quadro nazionale Provincia di Ferrara 2

3 Sito Provincia: Agricoltura Nuove Disposizioni Per L'agriturismo Allegati 3 Provincia di Ferrara

4 Le imprese che al 15/04/09 avevano già autorizzazione comunale di cui alla LR 26/94, o di comunicazione inizio attività rilasciata ai sensi della L. 96/2006 non sospesa e revocata, sono iscritte dufficio nel nuovo elenco Alla Provincia che ne fa richiesta formale, le imprese iscritte dufficio devono comunicare entro 20 gg. i dati autorizzativi e di rilevazione. Pena sanzione da 250 a Le aziende iscritte nellelenco dopo il 15/04/09, in base alle norme transitorie, devono eventualmente provvedere ad un aggiornamento Tutte le altre aziende devono ripetere liter presentando la domanda di abilitazione allesercizio dellattività agrituristica, di rilascio del certificato di connessione e di iscrizione nellelenco degli Operatori Agrituristici La mia azienda è già iscritta allelenco degli Operatori Agrituristici, cosa devo fare? Provincia di Ferrara 4

5 Essere imprenditore agricolo ai sensi dell art del Cod. Civ. e aver partecipato ad un corso di formazione per operatore agrituristico Richiedere labilitazione allesercizio dellattività, la relativa certificazione, nonché liscrizione allelenco provinciale con domanda unica secondo il modello previsto nellAllegato 2 Presentare DIA al Comune competente secondo quanto previsto dallart. 10 L. 4/09 Come posso aprire un agriturismo? REQUISITI SOGGETTIVI Provincia di Ferrara 5

6 La connessione dellattività agrituristica con quella agricola (che deve rimanere prevalente) viene calcolata in tempo lavoro (le giornate lavorative per il calcolo sono riportate nellAllegato 1) Sempre ai fini della connessione devono essere utilizzate prevalentemente le strutture, le attrezzature ed i prodotti della propria azienda, le risorse umane compreso il personale dipendente regolarmente assunto Come posso aprire un agriturismo? CONNESSIONE Provincia di Ferrara 6

7 Quelli esistenti sul fondo alla data del 15/04/2009 destinati ad abitazione o strumentali allattività agricola Nel rispetto dei vincoli e dei limiti indicati dalla pianificazione territoriale ed urbanistica È ammesso il ripristino di unità fatiscenti o parzialmente demolite di cui è possibile reperire adeguata documentazione circa la loro organizzazione originaria, individuabile anche in unità edilizie dello stesso periodo storico presenti sul territorio E ammessa la ricostruzione anche in aree di sedime differenti nel rispetto degli strumenti urbanistici vigenti Tutti gli edifici destinati allattività agrituristica devono essere censiti al catasto come D10 Beni strumentali dellazienda agricola Quali edifici posso destinare allattività agrituristica? Provincia di Ferrara 7

8 Gli interventi di nuova costruzione- se ammessi dagli strumenti urbanistici comunali - sono possibili esclusivamente per la realizzazione di servizi accessori allattività agrituristica; Sono servizi accessori: locali di servizio (bagni non funzionali allattività di ospitalità, spogliatoi, ripostigli, disimpegni), vani tecnici per impiantistica (locali caldaia, condizionamento, ecc.) Ampliamenti di edifici esistenti possono essere realizzati nel rispetto delle regole urbanistiche vigenti e comunque del Capo A-2 e A-4 della LR 20/2000 Posso fare nuove costruzione e/o ampliamenti? Provincia di Ferrara 8

9 Massimo 12 camere e 8 piazzole in spazi aperti. In media non più di 3 posti letto per camera, eventuale culla o letto per bambini con meno di 12 anni non rientra nel calcolo della media Nei Parchi nazionali, aree protette e siti Rete Natura 2000, nei territori delle C.M. e delle Unioni dei Comuni montani, i limiti sono elevati a 18 camere e 15 piazzole (lappartenenza ad uno di questi casi viene attribuita in funzione della localizzazione del fabbricato in oggetto) Ladesione ad un Club deccellenza (comma 4 art. 20 LR 4/09) per almeno 3 anni, fatte salve le condizioni di connessione, permette – previa domanda - lampliamento fino a 5 camere e fino 15 posti letto OSPITALITA Limiti Provincia di Ferrara 9

10 Le piazzole adeguatamente predisposte non possono prevedere strutture fisse quali case mobili o prefabbricati (deroghe solo nel caso in cui il RUE lo preveda esplicitamente) Le piazzole dovranno avere una superficie minima a prato pari a 60 mq, provviste di impianti di prevenzione incendi e illuminazione, realizzate nel rispetto delle norme vigenti I servizi igienici per campeggiatori dovranno essere distinti da quelli già esistenti e possono essere realizzati in aggiunta (min 2 wc, 2 docce, 2 lavabi ogni 5 piazzole o frazione di 5 OSPITALITA Piazzole per agricampeggio Provincia di Ferrara 10

11 Art. 6 comma 4 L. 4/2009 Possono impiegarsi le seguenti tipologie di prodotto: SOMMINISTRAZIONE PASTI E BEVANDE a) prodotti DOP, IGP, DOC, ecc. b) prodotti tipici regionali inseriti nellapposito Albo ministeriale; c) Prodotti BIO regionali Prodotti di altre az. Agricole regionali, con preferenza per quelle della zona prodotti propri dellazienda e/o ricavati da materie prime dellazienda anche se lavorati da terzi almeno il 35% in termini di valore annuo + = >80% in valore del prodotto totale annuo utilizzato (le percentuali vanno rispettate su base a annuale, intesa come anno solare) Provincia di Ferrara 11

12 Tè, caffè, cacao, pepe e spezie orientali non entrano nel calcolo delle percentuali minime di materie da utilizzare Tutti i prodotti utilizzati per la somministrazione dei pasti devono risultare dalla contabilità aziendale Le lavorazioni da parte di terzi di prodotti aziendali devono essere comprovate da: 1) documento fiscale che attesta la lavorazione; 2) documento di conferimento/vendita della materia prima; 3) documento attestante il ritiro/acquisto del trasformato Si ammette la soccida quando la proprietà degli animali è solo ed esclusivamente del soccidante; in questo caso i prodotti sono considerati aziendali (gli animali non rientrano nel calcolo della connessione) Le strutture collettive di trasformazione/commercializzazione presso cui effettuare acquisti devono essere costituite da imprenditori agricoli o comunque rispondere ai requisiti del comma 2 art. 1 Dlgs. 228/2001 SOMMINISTRAZIONE PASTI E BEVANDE Provincia di Ferrara 12

13 In un mese (30 giorni) si possono somministrare al massimo una media di 50 pasti giornalieri (elevabile di 2 pasti per ogni camera o piazzola prevista nella DIA presentata al Comune); Il numero massimo di pasti che possono essere somministrati contemporaneamente nei locali dellazienda o negli spazi esterni dedicati deve essere specificato nella DIA presentata al Comune competente In sede di controllo il numero dei pasti viene rilevato dalla contabilità aziendale, se lesame della documentazione risultasse insufficiente si procede suddividendo il totale delle ricevute/fatture emesse per il prezzo medio del pasto comunicato al Comune SOMMINISTRAZIONE PASTI E BEVANDE Provincia di Ferrara 13

14 Solo occasionalmente sono ammesse offerte enogastronomiche non regionali (nellambito di iniziative di scambio di esperienze, iniziative sociali o di promozione specifica) Loperatore agrituristico ha lobbligo di mettere a disposizione dellospite lelenco dettagliato dei piatti e delle bevande offerte tramite un menù indicante anche i prezzi Loperatore agrituristico ha lobbligo di comunicare allospite anche lelenco delle principali materie prime tipiche alimentari regionali utilizzate per la preparazione dei cibi con gli estremi dei fornitori locali SOMMINISTRAZIONE PASTI E BEVANDE Provincia di Ferrara 14

15 La cucina domestica può essere utilizzata solo nel caso in cui si svolga attività di somministrazione pasti e bevande per un massimo di 10 coperti per ciascuno dei due pasti principali (ciò vale anche nel caso dellattività di ospitalità rurale familiare – art. 16 LR 4/2009) Sia nella DIA presentata al Comune per lavvio attività, che nella notifica ai fini della registrazione di cui al Reg. Ce 852/2004 (Det. Regionale n°9223/2008), occorre identificare gli spazi interni ed esterni destinati alla somminIstrazione di pasti e bevande con lindicazione del numero di posti tavola In fase progettuale occorre tenere conto delle superfici minime dei vari locali e del numero dei servizi igienici da allestire Il Reg. CE 852/2004 stabilisce che gli operatori del settore alimentare devono adottare un sistema di controllo basato sui principi HACCP SOMMINISTRAZIONE PASTI E BEVANDE Norme di sicurezza alimentare Provincia di Ferrara 15

16 Requisiti strutturali CUCINA - almeno 12 mq fino a 6000 pasti/anno - almeno 20 mq + 1 locale o area delimitata per lavaggio stoviglie con più di 6000 pasti/anno DISPENSA -almeno 8 mq fino a 6000 pasti/anno -almeno 12 mq con più di 6000 pasti/anno SALA DA PRANZO -almeno 1,20 mq per ogni posto a sedere SERVIZI IGIENICI -almeno 2 WC di cui 1 per il pubblico e 1 per il personale di servizio, fino a 6000 pasti/anno -Almeno 3 WC di cui 2 per il pubblico (1 accessibile) e 1 per il personale di servizio, con più di 6000 pasti/anno NB : con più di pasti/anno occorre attenersi a regolamenti locali relativi alle attività di ristorazione pubblica SOMMINISTRAZIONE PASTI E BEVANDE Norme di sicurezza alimentare Provincia di Ferrara 16

17 Per la preparazione di trasformati quali pasta fresca, conserve vegetali, preparazioni cotte a base di alimenti di origine animale come condimenti e salse, confetture e prodotti apistici, prodotti da forno, ecc. destinati sia al consumo interno che alla vendita diretta occorre avere APPOSITO LOCALE CHE DISPONGA DI: -una superficie di almeno 9 mq; areazione naturale con aperture dotate di protezione anti-insetti; acqua potabile; pareti e pavimenti lavabili e disinfettabili; attrezzature lavabili e disinfettabili; attrezzature idonea al lavaggio; eventuale zona per il confezionamento ALTRIMENTI SI PUO UTILIZZARE LA CUCINA A QUESTE CONDIZIONI -Con superficie è superiore ai 20 mq, se dotate di apposito spazio, per produzioni volte al consumo interno dellagriturismo, non vi sono restrizioni, -con superficie inferiore ai 20 mq per produzioni volte al consumo interno dellagriturismo, in tempi di chiusura settimanale o stagionale; -Nel caso della preparazione di marmellate e/o conserve di pomodoro sono consentite allinterno della cucina nei periodi di chiusura al pubblico dellagriturismo SOMMINISTRAZIONE PASTI E BEVANDE Norme di sicurezza alimentare Provincia di Ferrara 17

18 Si tratta di un servizio ristorativo non completo, finalizzato a mettere in valore e promuovere la corretta utilizzazione enogastronomica dei prodotti aziendali Non rientra nel servizio la semplice offerta di degustazione di prodotti agricoli (vino, frutta, formaggio, ecc.) che non siano stati elaborati enogastronomicamente Occorre disporre di locali a norma per la preparazione e somministrazione di alimenti ORGANIZZAZIONE DI DEGUSTAZIONI DI PRODOTTI AZIENDALI TRASFORMATI IN PRODOTTI ENOGASTRONOMICI Provincia di Ferrara 18

19 Devono essere prevalentemente finalizzate alla valorizzazione del territorio, delle attività e del patrimonio rurale, nonché delle attività e delle produzioni agricole Attività non strettamente legate al mondo rurale non possono dare luogo a corrispettivo autonomo e devono essere dimensionate per le esigenze degli ospiti aziendali (ospitalità e ristorazione) Le attività didattiche agrituristiche devono mirare alla conoscenza ed alla valorizzazione del mondo rurale e alle sue specificità attuali e storiche ORGANIZZAZIONE DI attività ricreative, culturali, didattiche, di pratica sportiva escursionistica ed ippoturismo Provincia di Ferrara 19

20 REQUISITI STRUTTURALI SALE PLURIUSO: -nella DIA presentata per linizio attività occorre specificare le principali attività ivi svolte, nonché la capienza massima; -deve essere presente almeno 1 servizio igienico accessibile a meno che lazienda non ne disponga già uno con caratteristiche di accessibilità PISCINE: - si rimanda alla deliberazione di Giunta Regionale n°1092 del ORGANIZZAZIONE DI attività ricreative, culturali, didattiche, di pratica sportiva escursionistica ed ippoturismo Provincia di Ferrara 20

21 Devono essere mirate al coinvolgimento, reinserimento, socializzazione di soggetti deboli che potranno avvalersi delle opportunità offerte dal contesto rurale devono rispettare le norme specifiche di settore possono essere organizzate anche attraverso un rapporto convenzionale con Enti pubblici possono avvalersi di collaboratori con professionalità medico/sociali indicati dallEnte e/o previsti dalle norme SONO AUSPICABILI: 1.Attività di ospitalità per la prima infanzia; 2.Attività per riabilitazione e inclusione lavorativa di soggetti a bassa contrattualità; 3.Presa in carico di soggetti deboli per favorire la socializzazione (ad es. anziani) 4.Attività di accoglienza complementare per soggetti assistiti dai servizi socio-sanitari ATTIVITA SOCIALI Provincia di Ferrara 21

22 Entro il 1°ottobre comunicare a Comune e Provincia il calendario di apertura e lelenco prezzi (tramite allegato 6) Variazioni di prezzo possono essere applicate solo dopo averne dato comunicazione agli enti soprarichiamati (entro il 31 marzo) La sospensione dellattività deve essere comunicata I prezzi comunicati devono intendersi come massimi praticabili PERIODO DI APERTURA E TARIFFE Provincia di Ferrara 22

23 È una specifica forma di agriturismo Può essere svolta solo nei territori delle CM, Unioni dei Comuni montani, aree svantaggiate, naturali e protette, SIC e ZPS Può essere svolta solo da IAP senza lutilizzo di personale esterno alla famiglia Solo nella parte abitativa del fabbricato rurale di residenza dellimprenditore Possono essere ospitate al massimo 9 persone al giorno Somministrazione pasti e bevande solo per gli ospiti Il certificato di connessione viene rilasciato agli IAP senza alcuna valutazione delle giornate lavoro per la sola attività di ospitalità rurale familiare e per attività ricreative, didattiche… OSPITALITA RURALE FAMIGLIARE Provincia di Ferrara 23

24 ENTI COMPETENTI IN MATERIA DI AGRITURISMO Regione Emilia Romagna Provincia Comuni, AUSL Provincia di Ferrara 24

25 REGIONE EMILIA ROMAGNA La Regione svolge funzioni normative, di programmazione, indirizzo e coordinamento. Specifica i criteri necessari per lesercizio dellattività agrituristica, le modalità di svolgimento della stessa nonché le procedure amministrative e di controllo applicabili. Provincia di Ferrara 25

26 PROVINCIA Abilita gli imprenditori agricoli a svolgere lattività agrituristica e certifica il rapporto di connessione con lattività agricola. Abilita gli IAP allospitalità rurale familiare rilasciando il certificato di connessione. Detiene lelenco degli operatori agrituristici Riceve dallimpresa agrituristica, unitamente ai Comuni, il calendario di apertura, lelenco prezzi sulla somministrazione dei pasti, bevande e pernottamenti. Verifica il mantenimento dei requisiti soggettivi e produttivi coordinandosi eventualmente con i Comuni per la programmazione dei controlli congiunti. Esercita funzioni di controllo sulle attività agricole svolte dalle aziende agrituristiche. Sanziona gli operatori che non mantengono le attività agricole con i volumi certificati. Istituisce eventuali commissioni consultive al fine di valutare e monitorare landamento dellofferta turistica rurale. Provincia di Ferrara 26

27 COMUNI I Comuni ricevono le Dia dalle aziende agrituristiche che intendono esercitare le attività certificate dalle Province e dagli IAP per lattività di ospitalità rurale familiare Autorizzano gli interventi edilizi sugli immobili da destinare allattività agrituristica ed ai servizi accessori nel rispetto della LR 20/2000, del PTCP, dei PSC dei RUE, anche in riferimento alle disposizioni della LR 4 /2009, nonché alle norme igienico sanitarie per lidoneità delle strutture e dei locali da destinare a questa attività. Ricevono entro il 1 ottobre il calendario di apertura degli agriturismi e lelenco dei prezzi. Effettuano controlli periodici, programmabili con quelli della Provincia, per verificare che lattività agrituristica sia svolta nel rispetto delle norme vigenti. Affidano (facoltà) lavori di manutenzione, sistemazione del territorio, anche nellottica della difesa idrogeologica, alle imprese agricole Provincia di Ferrara 27

28 AUSL E di competenza delle AUSL il controllo degli aspetti igienico sanitari. In particolare il comma 2 dellart 13 della L.R. n. 4/2009 prevede che le normative igienico- sanitarie per il settore agrituristico devono tenere conto delle caratteristiche strutturali, rurali, architettoniche e tipologiche degli immobili nonché della specificità delle produzioni e delle attività agrituristiche. Provincia di Ferrara 28

29 La Provincia verifica il mantenimento dei requisiti soggettivi e produttivi alla base del rilascio dellabilitazione allesercizio e della certificazione del rapporto di connessione con controlli a cadenza almeno triennale Lesito può confermare le certificazioni emesse, oppure può portare allemissione di nuova certificazione aggiornata Se vengono riscontrati comportamenti non rispettosi si applicano sanzioni come previsto dal comma 3 art. 20 L.4/2009 Il Comune effettua, con cadenza almeno triennale, controlli rispetto al volume dellattività (pasti, pernottamenti…) e delle modalità di svolgimento Nel caso vengano riscontrate difformità rispetto alla norma il Comune applica sanzioni secondo i commi 1,2 e 4 dellart. 20 L.4/2009 I Comuni ogni anno (entro il 31-01) comunicano alla Provincia i risultati dei controlli CONTROLLI E SANZIONI Provincia di Ferrara 29

30 CONTROLLI E SANZIONI Principali obblighi a cui è sottoposto l'operatore agrituristico: - È obbligatorio esporre all'ingresso della struttura agrituristica il marchio dell'agriturismo ed eventualmente, a fianco,quello relativo all' "Ospitalità Rurale Familiare" - All'interno dei locali dell'azienda, dovrà essere esposta una copia dell'autorizzazione comunale o della Dichiarazione di inizio attività presentata al Comune - L'imprenditore dovrà rispettare i periodi di apertura comunicati al Comune. - L'attività dovrà essere svolta nel rispetto dei limiti massimi dichiarati al Comune. - L'attività agricola può essere modificata tuttaviale giornate necessarie all'esercizio dell'attività agricola non devono diminuire in termini tali da pregiudicare la prevalenza rispetto alle giornate agrituristiche autorizzate. - Quando è prevista la ristorazione, deve essere garantita la presenza di coltivazioni oallevamenti che permettano di ottenere produzioni alimentari sufficienti a garantire le percentuali minime di prodotto proprio. - L'operatore agrituristico deve fornire tutti i dati in suo possesso a Provincia, Comuni e/o ISTAT quando sono richiesti. 30 Provincia di Ferrara

31 Aziende iscritte nellelenco degli Operatori Agrituristici n. 83 Provincia di Ferrara 31

32 Totale aziende attive n. 52 di cui: Con solo alloggio n. 21 Con solo pasti n. 7 Con alloggio e pasti n. 24 Provincia di Ferrara 32

33 Az. iscritteAz. attiveN° Posti LettoN° PiazzoleN° Pasti 1ARGENTA BONDENO CENTO CODIGORO COMACCHIO COPPARO FERRARA JOLANDA DI SAVOIA LAGOSANTO MASI TORELLO MESOLA MIGLIARINO MIGLIARO MIRABELLO OSTELLATO POGGIORENATICO PORTOMAGGIORE RO VIGARANO MAINARDA VOGHIERA TOTALI

34 PROVINCIA DI FERRARA FINE Provincia di Ferrara


Scaricare ppt "Regione Emilia-Romagna L.R. n°4/2009 Criteri di attuazione della nuova normativa nel settore agriturismo 1 Provincia di Ferrara."

Presentazioni simili


Annunci Google