La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 INFORSCUOLA PIANI DI STUDIO PERSONALIZZATI UNITA DI APPRENDIMENTO TIC E PERSONALIZZAZIONE Dirigente Tecnico MIUR Dirigente Tecnico MIUR Prof. Anna Maria.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 INFORSCUOLA PIANI DI STUDIO PERSONALIZZATI UNITA DI APPRENDIMENTO TIC E PERSONALIZZAZIONE Dirigente Tecnico MIUR Dirigente Tecnico MIUR Prof. Anna Maria."— Transcript della presentazione:

1 1 INFORSCUOLA PIANI DI STUDIO PERSONALIZZATI UNITA DI APPRENDIMENTO TIC E PERSONALIZZAZIONE Dirigente Tecnico MIUR Dirigente Tecnico MIUR Prof. Anna Maria Schiano

2 2 INDICAZIONI NAZIONALI PER LA COSTRUZIONE DEI PIANI DI STUDIO PERSONALIZZATI - UNITA DI APPRENDIMENTO TIC PER LA PERSONALIZZAZIONE Dirigente Tecnico M.I.U.R. Anna Maria Schiano INDICAZIONI NAZIONALI PER LA COSTRUZIONE DEI PIANI DI STUDIO PERSONALIZZATI - UNITA DI APPRENDIMENTO TIC PER LA PERSONALIZZAZIONE Dirigente Tecnico M.I.U.R. Anna Maria Schiano INDICAZIONI NAZIONALI LOGICA OLOGRAMMATICA: OGNI REALTA E UNITA DI MOLTEPLICI ELEMENTI (MORIN) CIASCUNO PORTATORE DEL SENSO E DEL SIGNIFICATO DELLUNITA DEL REALE CONSIDERATO LOGICA OLOGRAMMATICA: OGNI REALTA E UNITA DI MOLTEPLICI ELEMENTI (MORIN) CIASCUNO PORTATORE DEL SENSO E DEL SIGNIFICATO DELLUNITA DEL REALE CONSIDERATO OBIETTIVI GENERALI ( PROCESSI di APPRENDIMENTO – VALORIZZAZIONE DELLE ESPERIENZE) OBIETTIVI GENERALI ( PROCESSI di APPRENDIMENTO – VALORIZZAZIONE DELLE ESPERIENZE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO : CONOSCENZE - ABILITA DISCIPLINARI ( SAPERE-SAPER FARE ) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO : CONOSCENZE - ABILITA DISCIPLINARI ( SAPERE-SAPER FARE ) DIVENTANO DIVENTANO OBIETTIVI FORMATIVI:TRANSFERT DI COMPETENZE- DAR FORMA A NUOVI ATTEGGIAMENTI (SAPER ESSERE) OBIETTIVI FORMATIVI:TRANSFERT DI COMPETENZE- DAR FORMA A NUOVI ATTEGGIAMENTI (SAPER ESSERE)

3 3 PIANI DI STUDIO PERSONALIZZATI DIDATTICA PER PROBLEMI: ( CURIOSITA- DIDATTICA PER PROBLEMI: ( CURIOSITA- MOTIVAZIONI- MOTIVAZIONI- INTERESSI) INTERESSI) RAPPRESENTABILE MEDIANTE IL DIAGRAMMA A V DI GOWIN RAPPRESENTABILE MEDIANTE IL DIAGRAMMA A V DI GOWIN ORGANIZZAZIONE DELLATTIVITA DIDATTICA PER DISCIPLINE ED EDUCAZIONI (TRASVERSALI) ORGANIZZAZIONE DELLATTIVITA DIDATTICA PER DISCIPLINE ED EDUCAZIONI (TRASVERSALI) LABORATORI ( PERCORSI A SCELTA) LABORATORI ( PERCORSI A SCELTA) - RICERCA-AZIONE COME COSTRUZIONE DI CONOSCENZE - RICERCA-AZIONE COME COSTRUZIONE DI CONOSCENZE

4 4 PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO Insieme organizzato di Unità di Apprendimento (UA) che sono prodotto di una progettazione dell ambiente educativo e di unazione didattica che tiene conto degli adattamenti deliberati in itinere. Insieme organizzato di Unità di Apprendimento (UA) che sono prodotto di una progettazione dell ambiente educativo e di unazione didattica che tiene conto degli adattamenti deliberati in itinere. Documento interno della scuola costituito da Unità di Apprendimento (UA) elaborate dalléquipe pedagogica coordinata dal docente tutor. Documento interno della scuola costituito da Unità di Apprendimento (UA) elaborate dalléquipe pedagogica coordinata dal docente tutor. Si realizza in cooperazione con la famiglia e con lallievo Si realizza in cooperazione con la famiglia e con lallievo

5 5 IL MOSAICO DELLE U.A. INTEGRATE U.A. U.A.

6 6 REDAZIONE PROCEDURA PROCEDURA Gruppo di lavoro Riforma – Università di Bergamo Docenti Allievi Devono conoscere: Il Profilo educativo, Professionale e culturale (Pecup) Le Indicazioni Nazionali (obiettivi generali del processo formativo e obiettivi specifici di apprendimento) Il POF Devono conoscere: Il Profilo educativo, Professionale e culturale (Pecup) Le Indicazioni Nazionali (obiettivi generali del processo formativo e obiettivi specifici di apprendimento) Il POF Devono progettare la declinazione in Unità di Apprendimento… …che integrate costituiscono il Piano di Studio Personalizzato 5

7 7 PROGETTAZIONE U.A. U.A. Gruppo di lavoro Riforma – Università di Bergamo Obiettivi formativi Adatti e significativi per i singoli allievi, definiti anche con standard di apprendimento relativi a conoscenze e abilità Obiettivi formativi Adatti e significativi per i singoli allievi, definiti anche con standard di apprendimento relativi a conoscenze e abilità Competenze degli allievi Attività Metodi Soluzioni organizzative Modalità di verifica 6

8 8 DIDATTICA PER PROBLEMI:DIAGRAMMA A V (GOWIN) VERSANTE CONCETTUALE VERSANTE METODOLOGICO VERSANTE CONCETTUALE VERSANTE METODOLOGICO TEORIE - COLLOQUI CLINICI/BRAINSTORMING TEORIE - COLLOQUI CLINICI/BRAINSTORMING PRINCIPI - SIMULAZIONI / ROLE PLAYNG PRINCIPI - SIMULAZIONI / ROLE PLAYNG CONCETTI (MAPPE CONCETTUALI) - RICERCA-AZIONE/COOPERATIVE CONCETTI (MAPPE CONCETTUALI) - RICERCA-AZIONE/COOPERATIVE DISCIPLINE (INTERDISCIPLINARITA) LEARNING DISCIPLINE (INTERDISCIPLINARITA) LEARNING DOMANDE PROBLEMATICHE DOMANDE PROBLEMATICHE V EVENTO PROBLEMATICO PROGETTO DI EVENTO PROBLEMATICO PROGETTO DI (ES. ERUZIONE DEL VESUVIO) PROTEZIONE CIVILE (ES. ERUZIONE DEL VESUVIO) PROTEZIONE CIVILE

9 9 Diagramma a V dell Unità di Apprendimento PECUP DEL BAMBINO PECUP DEL BAMBINO Versante teorico concettuale d omande V ersante metodologico focali focali Obiettivo (/i) gen. del proc. formativo brainstorming con la classe Obiettivo (/i) gen. del proc. formativo brainstorming con la classe Obiettivo (/i) sp. di apprendimento colloquio clinico Obiettivo (/i) sp. di apprendimento colloquio clinico osservazione osservazione mappa concettuale mappa concettuale(FaseProgettuale) rete concettuale dellunità di app. matrice cognitiva della classe rete concettuale dellunità di app. matrice cognitiva della classe Obiettivo (/i) formativo compito di apprendimento Obiettivo (/i) formativo compito di apprendimento attività e organizzazione attività e organizzazione metodi e strumenti (TIC:mediatori) metodi e strumenti (TIC:mediatori) PECUP Nazionale PECUP Nazionale verifica e valutazione verifica e valutazione (Fase (Fase attiva) attiva) (Fase PROBLEMA di di certificazione e Registrazione delle competenze e loro certificazione nel portfolio certificazione e Registrazione delle competenze e loro certificazione nel portfolio registrazione) registrazione)

10 10 LABORATORI:DIAGRAMMA A V (GOWIN) COMPRENDERE LA STRUTTURA DELLA CONOSCENZA COMPRENDERE LA STRUTTURA DELLA CONOSCENZA DIAGRAMMA A V : STRUMENTO EURISTICO PER UNA METACOGNIZIONE DIAGRAMMA A V : STRUMENTO EURISTICO PER UNA METACOGNIZIONE PROCEDURA: PROCEDURA: - QUAL E IL PROBLEMA/DOMANDA DI PARTENZA? - QUAL E IL PROBLEMA/DOMANDA DI PARTENZA? - QUALI SONO I CONCETTI CHIAVE / TEORIE? - QUALI SONO I CONCETTI CHIAVE / TEORIE? - QUALI METODI SI UTILIZZANO PER CERCARE LA RISPOSTA? - QUALI METODI SI UTILIZZANO PER CERCARE LA RISPOSTA? - QUALI SONO LE PRINCIPALI ASSERZIONI DI CONOSCENZA A CUI - QUALI SONO LE PRINCIPALI ASSERZIONI DI CONOSCENZA A CUI SI ARRIVA? SI ARRIVA? - QUALI SONO LE AFFERMAZIONI DI VALORE / I GIUDIZI? - QUALI SONO LE AFFERMAZIONI DI VALORE / I GIUDIZI? RIFLESSIONE SU COME SI IMPARA RIFLESSIONE SU COME SI IMPARA

11 11 UNITA DI APPRENDIMENTO : DIAGRAMMA A V PROSPETTIVA DELLALLIEVO = SOGGETTO CHE APPRENDE PROSPETTIVA DELLALLIEVO = SOGGETTO CHE APPRENDE (PERSONALIZZAZIONE DEI PROCESSI-PIANI DI STUDIO) (PERSONALIZZAZIONE DEI PROCESSI-PIANI DI STUDIO) CENTRALITA DEL PROBLEMA DA RISOLVERE CENTRALITA DEL PROBLEMA DA RISOLVERE (INTERDISCIPLINARITA = TUTTE LE DISCIPLINE LE CUI CONOSCENZE SONO AFFERENTI AL PROBLEMA INTERVENGONO, CON LE LORO TEORIE, A COSTRUIRE IPOTESI RISOLUTIVE DA FALSIFICARE MEDIANTE LA RICERCA-AZIONE) (INTERDISCIPLINARITA = TUTTE LE DISCIPLINE LE CUI CONOSCENZE SONO AFFERENTI AL PROBLEMA INTERVENGONO, CON LE LORO TEORIE, A COSTRUIRE IPOTESI RISOLUTIVE DA FALSIFICARE MEDIANTE LA RICERCA-AZIONE) FOCUS (FOCUS GROUP) FOCUS (FOCUS GROUP) DOMANDA CENTRALE DOMANDA CENTRALE INTEGRAZIONE ATTIVA TRA VERSANTE TEORICO / CONCETTUALE E VERSANTE METODOLOGICO INTEGRAZIONE ATTIVA TRA VERSANTE TEORICO / CONCETTUALE E VERSANTE METODOLOGICO VERSANTE TEORICO CONSOLIDAMENTO DI : VERSANTE TEORICO CONSOLIDAMENTO DI : - VISIONI DEL MONDO (FILOSOFIE) - VISIONI DEL MONDO (FILOSOFIE) - TEORIE / PRINCIPI / COSTRUTTI/ STRUTTURE CONCETTUALI / - TEORIE / PRINCIPI / COSTRUTTI/ STRUTTURE CONCETTUALI / REGOLARITA SCIENTIFICHE / CONCETTI DISCIPLINARI REGOLARITA SCIENTIFICHE / CONCETTI DISCIPLINARI

12 12 LE TIC PER LA PERSONALIZZAZIONE DEI PROCESSI E PER LINCLUSIONE SOCIALE INFORMATICA = METODOLOGIA INFORMATICA = METODOLOGIA TOP DOWN TOP DOWN PROCEDURE PROCEDURE ALGORITMI ALGORITMI PC = PROLUNGA GRAFICA DEL PC = PROLUNGA GRAFICA DEL CORPO CORPO PC = SUPERAMENTO DI BARRIERE PC = SUPERAMENTO DI BARRIERE INFORMATIVE INFORMATIVE INTERNET= NAVIGARE NEL MONDO INTERNET= NAVIGARE NEL MONDO COMUNICARE-CONOSCERE COMUNICARE-CONOSCERE

13 13 PC E PROGRAMMI PER DISABILI PROGRAMMI DI RICONOSCIMENTO VOCALE /POTENZIAMENTO VOCALE PROGRAMMI DI RICONOSCIMENTO VOCALE /POTENZIAMENTO VOCALE TRACKER= DISPOSITIVO CHE TRADUCE I MOVIMENTI DEL CAPO IN MOVIMENTI DEL CURSORE TRACKER= DISPOSITIVO CHE TRADUCE I MOVIMENTI DEL CAPO IN MOVIMENTI DEL CURSORE SENSORI CHE PERMETTONO ALLE PERSONE CON GRAVI DEFICIT MOTORI DI AZIONARE/GESTIRE IL PC SENSORI CHE PERMETTONO ALLE PERSONE CON GRAVI DEFICIT MOTORI DI AZIONARE/GESTIRE IL PC

14 14 LA COSTRUZIONE DELLE CONOSCENZE SCOPRIRE LINGUAGGI ( DISCIPLINARI, TECNOLOGICI, INFORMATICI, SCOPRIRE LINGUAGGI ( DISCIPLINARI, TECNOLOGICI, INFORMATICI, MULTIMEDIALI) MULTIMEDIALI) ELABORARE CONCETTI/ PRODURRE IDEE DIVERGENTI ELABORARE CONCETTI/ PRODURRE IDEE DIVERGENTI SELEZIONARE PROCEDURE/METODI SELEZIONARE PROCEDURE/METODI CONTESTUALIZZARE ESPERIENZE / FATTI/ FENOMENI IN SFONDI INTEGRATORI CHE DIANO SIGNIFICATO E SENSO ALLE AZIONI CONTESTUALIZZARE ESPERIENZE / FATTI/ FENOMENI IN SFONDI INTEGRATORI CHE DIANO SIGNIFICATO E SENSO ALLE AZIONI COSTRUZIONE DELLIDENTITA/PROFILO: EDUCATIVO COSTRUZIONE DELLIDENTITA/PROFILO: EDUCATIVO CULTURALE CULTURALE PROFESSIONALE dellallievo PROFESSIONALE dellallievo PORTFOLIO DELLE COMPETENZE PORTFOLIO DELLE COMPETENZE

15 15 PIANO DI STUDI PERSONALIZZATO: UNITA DI APPRENDIMENTO PIANO DI STUDI PERSONALIZZATO = MOSAICO DI UNITA DI APPRENDIMENTO INTEGRATE MODULATE SU: PIANO DI STUDI PERSONALIZZATO = MOSAICO DI UNITA DI APPRENDIMENTO INTEGRATE MODULATE SU: - RITMI DI APPRENDIMENTO - RITMI DI APPRENDIMENTO - INTELLIGENZE MULTIPLE ( GARDNER) - INTELLIGENZE MULTIPLE ( GARDNER) - ECCELLENZE/TALENTI DI CIASCUN ALLIEVO - ECCELLENZE/TALENTI DI CIASCUN ALLIEVO LE UNITA DI APPRENDIMENTO (ES. STORIE – FENOMENI – NUCLEI TEMATICI) LE UNITA DI APPRENDIMENTO (ES. STORIE – FENOMENI – NUCLEI TEMATICI) POSSONO ESSERE RAPPRESENTATE ANCHE MEDIANTE MAPPE CONCETTUALI (MODELLO DI NOVAK) POSSONO ESSERE RAPPRESENTATE ANCHE MEDIANTE MAPPE CONCETTUALI (MODELLO DI NOVAK) LE MAPPE CONCETTUALI VISUALIZZANO LE RELAZIONI TRA I CONCETTI LE MAPPE CONCETTUALI VISUALIZZANO LE RELAZIONI TRA I CONCETTI LE MAPPE CONCETTUALI INDIVIDUANO LE PAROLE-CHIAVE LE MAPPE CONCETTUALI INDIVIDUANO LE PAROLE-CHIAVE ( I CONCETTI FONDAMENTALI ) ( I CONCETTI FONDAMENTALI ) LE MAPPE CONCETTUALI EVIDENZIANO LE PAROLE-LEGAME ( LE RELAZIONI ESISTENTI ) LE MAPPE CONCETTUALI EVIDENZIANO LE PAROLE-LEGAME ( LE RELAZIONI ESISTENTI ) LE MAPPE CONCETTUALI SERVONO PER RIFLETTERE LE MAPPE CONCETTUALI SERVONO PER RIFLETTERE

16 16 CONTINUITA- FLESSIBILITA PIANO DI STUDI ORIENTATO NELLE SCELTE : PIANO DI STUDI ORIENTATO NELLE SCELTE : - DAL PORTFOLIO DELLE COMPETENZE DELLA SCUOLA DELLINFANZIA - DAL PORTFOLIO DELLE COMPETENZE DELLA SCUOLA DELLINFANZIA - DALLA FAMIGLIA DELLALLIEVO - DALLA FAMIGLIA DELLALLIEVO - DALLOSSERVAZIONE DEI COMPORTAMENTI- DALLE ESPERIENZE /CREDENZE /ASPETTATIVE DEGLI ALLIEVI - DALLOSSERVAZIONE DEI COMPORTAMENTI- DALLE ESPERIENZE /CREDENZE /ASPETTATIVE DEGLI ALLIEVI PIANO DI STUDI ARTICOLATO SECONDO: PIANO DI STUDI ARTICOLATO SECONDO: - MODULI DI DIDATTICA BREVE - MODULI DI DIDATTICA BREVE - MODULI DI RECUPERO - MODULI DI RECUPERO - MODULI DI APPROFONDIMENTO - MODULI DI APPROFONDIMENTO PIANO DI STUDI FLESSIBILE E MODIFICABILE SECONDO VERIFICHE E VALUTAZIONI IN ITINERE PIANO DI STUDI FLESSIBILE E MODIFICABILE SECONDO VERIFICHE E VALUTAZIONI IN ITINERE

17 17 OFFERTA FORMATIVA SISTEMA DI ISTRUZIONE E DI FORMAZIONE SISTEMA DI ISTRUZIONE E DI FORMAZIONE Scuola dellinfanzia Offerta formativa da un minimo di 875 h. ad un massimo di 1700 h. in base a: esigenze delle famiglie condizioni socio- ambientali convenzioni con enti locali Scuola dellinfanzia Offerta formativa da un minimo di 875 h. ad un massimo di 1700 h. in base a: esigenze delle famiglie condizioni socio- ambientali convenzioni con enti locali Scuola primaria dalla 1^ alla 5^ 1) Percorso obbligatorio 891 ore annuali + 2) Percorso opzionale facoltativo offerta formativa fino a 100 ore annuali Scuola primaria dalla 1^ alla 5^ 1) Percorso obbligatorio 891 ore annuali + 2) Percorso opzionale facoltativo offerta formativa fino a 100 ore annuali Scuola secondaria di primo grado 1) Percorso obbligatorio 900 ore annuali + 2) Percorso opzionale facoltativo offerta formativa fino a 200 ore annuali Scuola secondaria di primo grado 1) Percorso obbligatorio 900 ore annuali + 2) Percorso opzionale facoltativo offerta formativa fino a 200 ore annuali Gruppo di lavoro Riforma – Università di Bergamo 7


Scaricare ppt "1 INFORSCUOLA PIANI DI STUDIO PERSONALIZZATI UNITA DI APPRENDIMENTO TIC E PERSONALIZZAZIONE Dirigente Tecnico MIUR Dirigente Tecnico MIUR Prof. Anna Maria."

Presentazioni simili


Annunci Google