La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 I partiti politici Definizione di partito politico Le funzioni dei partiti Evoluzione storica La crisi dei partiti di massa Partiti e sistemi di partito.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 I partiti politici Definizione di partito politico Le funzioni dei partiti Evoluzione storica La crisi dei partiti di massa Partiti e sistemi di partito."— Transcript della presentazione:

1

2 1 I partiti politici Definizione di partito politico Le funzioni dei partiti Evoluzione storica La crisi dei partiti di massa Partiti e sistemi di partito Le fratture sociali e il congelamento dei sistemi partitici Competizione e sistemi di partito

3 2 Dai partiti storici ai partiti moderni õ I retaggi storici: partiti come fazione o setta õ Madison, e Burke [1774]: il partito come organizzazione per il bene pubblico õ Linizio della Sociologia dei partiti politici: Michels [1911]

4 3 Le definizioni di Weber, Downs, Sartori Weber [1922]: …associazioni fondate su una adesione libera, costituite al fine di attribuire ai propri capi una posizione di potenza allinterno di un gruppo sociale e ai propri militanti attivi le possibilità per il per perseguimento di fini oggettivi o per il perseguimento di vantaggi personali, o per tutti e due gli scopi. Downs [1957] … una compagine di persone che cercano di ottenere il controllo dellapparato governativo a seguito di regolari elezioni Sartori [1976] un partito è qualsiasi gruppo politico identificato da unetichetta ufficiale che si presenta alle elezioni, ed è capace di collocare attraverso le elezioni (libere o meno) candidati alle cariche pubbliche.

5 4 Le funzioni dei partiti Strutturazione della domanda Strutturazione del voto Socializzazione politica Reclutamento dei governanti Controllo sul governo Partecipazione alla formazione delle politiche pubbliche

6 5 4 Ragioni per la sopravvivenza dei partiti (Pizzorno 1983) Mantenimento del consenso Coordinamento del personale politico Sondano le opinioni di cittadini e li rappresentano responsabilmente Riducono leccesso di problemi che lamministrazione dello stato dovrebbe affrontare se tutte le domande della società le pervenissero direttamente

7 6 I partiti nellapproccio razionale (Downs) e in quello identitario (Pizzorno) Razionale: 1) Le preferenze sono date. 2) I partiti perseguono la rielezione e a tal fine rispondono alle preferenze degli elettori intesi come attori coerenti. Identitario: 1) Le preferenze non sono definite 2) I partiti contribuiscono attraverso lideologia alla costituzione di identità collettive e alla formazione delle preferenze

8 7 Prospettiva Strutturale-organizzativa di Duverger Per spiegare la nascita dei partiti e le cruciali differenze organizzative tenere conto dei rapporti fra organizzazioni protopartitiche, parlamento e suffragio Fino a che il suffragio è largamente limitato, i partiti nascono in parlamento e sono connessioni rispettabili fra parlamentari Con lampliarsi del suffragio possono nascere strutture partitiche extraparlamentari che fanno leva su organizzazioni esterne al parlamento per ottenere la rappresentanza. Una volta consolidatosi il sistema parlamentare e partitico possono anche nascere (anni 20) partiti antiparlamentari.

9 8 I tipi di partito per Weber [1922] PARTITO DI NOTABILI Personale dotato di risorse autonome Attività saltuaria Deferenza verso i politici PARTITO DI MASSA Politici di professione Attività permanente Delega ai politici Fattore: allargamento del suffragio

10 9 Le tipologie di Duverger [1951] Rispetto al tipo di partecipazione: PARTITO DI QUADRI vs. PARTITO DI MASSA Rispetto allunità organizzativa PARTITO DI COMITATI PARTITO DI CELLULE PARTITO DI MILIZIE PARTITO DI SEZIONI

11 10 Unità di base dei partiti (Duverger) ComitatoSezioneCellulaMilizia N. componenti Nucleo notabili (10-5) Organismo di massa Organismo ristretto Piccoli gruppi Tipo di adesione CooptazioneIscrizione formale Inquadramento permanente Reclutamento militare Risorse dei membri Prestigio sociale AttivismoPartecipazione comunitaria Fedeltà Luogo di adesione Circoli borghesi TerritorialeFabbrica Tipo di struttura InformaleBurocraticaTotalizzanteGerarchica Tipo di partito Partiti liberaliPartiti socialisti Partiti comunistiPartiti fascisti

12 11 La crisi del partito di massa La legge ferrea delloligarchia [Michels 1909] Il partito pigliatutto [Kirchheimer 1966] Il partito professionale-elettorale [Panebianco 1982] Il Cartel party [Katz e Mair 1995]

13 12 La legge ferrea delloligarchia (Michels, 1909).. quanto più si estende e si ramifica lapparato ufficiale del partito, cioè quanto maggiore è il numero dei membri, quanto più si riempiono le sue casse, quanto più aumenta la stampa di partito, tanto più si riduce il potere popolare sostituito dallonnipotenza dei comitati e delle commissioni (..) Gli ex lavoratori si appropriano di una routine che li fa ascendere sempre più al di sopra dei loro mandanti, così che infine perdono il senso di comunità con la classe che li ha espressi; ne deriva una vera differenza di classe tra i capi ex proletari e i gregari proletari (..) Con una sostituzione dei fini originari lorganizzazione diventa da mezzo scopo e infine scopo assoluto

14 13 Critica a Michels e approccio organizzativo allo studio dei partiti di Panebianco I dirigenti partitici non godono di unautonomia assoluta. Il potere è relazionale ossia è basato su uno scambio di risorse, che sebbene in misura diseguale, sono possedute sia dai leaders che dalla base Le ideologie non sono del tutto manipolabili. Sono un punto di riferimento per la costruzione di solidarietà interne e strumento di continuità dellorganizzazione. Si ha non una sostituzione dei fini ma una loro articolazione La struttura organizzativa dei partiti tende a variare al variare dei vincoli ambientali e delle scelte strategiche di leaders e attivisti.

15 14 Il catch all party [Kirchhemeir 1966] Ridimensionamento del supporto ideologico Rafforzamento della leadership Ridimensionamento dellattivismo partitico Messaggi rivolti a un pubblico più ampio Apertura a diversi gruppi di interesse

16 15 Da partito burocratico di massa a partito professionale-elettorale [Panebianco 1982] Centralità della burocrazia Partito di membership Preminenza dei dirigenti interni Finanziamento tramite tesseramento ed attività Accento sullideologia Centralità dei professionisti Partito elettorale Preminenza dei rappresentanti pubblici Finanziamento tramite gruppi di interesse e fondi pubblici Accento su issues e leadership Partito burocratico di massa Partito Professionale- elettorale

17 16 Il Cartel party [Katz e Mair 1996] Organizzazione sempre più leggera Concentrazione del lavoro sul profilo elettorale Finanziamento pubblico come risorsa principale Diminuzione ulteriore degli assetti ideologici Predominio del messaggio sul programma Pieno controllo sui mezzi della comunicazione politica

18 17 Presenza nella Società Civile Presenza nello Stato _ + _ Partito di notabili Partito di massa Partito pigliatutto Cartel Party +

19 18 Evoluzione della forma partito

20 19 Partito A Partito BPartito C Partito D OUTPUT DEL SISTEMA POLITICO Il sistema dei partiti Piano elettorale Piano parlamentare Piano governativo

21 20 La ricostruzione dei sistemi di partito di Rokkan Origini FratturaTipo di partiti Oggetti di conflitto Costruzione dello stato nazionale Centro/PeriferiaRegionalistiLingua Stato/ChiesaReligiosi - Liberali Istruzione Rivoluzione industriale Città/CampagnaContadiniBarriere doganali Capitale - Lavoro Conservatori e socialisti Stato Sociale Rivoluzione Internazional e Socialismo - Comunismo Comunisti e rivoluzionari Internazionalismo pro URSS

22 21 Ipotesi del congelamento e sue ragioni (Lipset, Rokkan 1967) In ciascun paese, linsieme dei partiti presenti negli anni sessanta riflette ancora, con poche eccezioni significative la struttura delle fratture degli anni venti I partiti nati dalle fratture sociali contribuirebbero in modo determinante a riprodurre quelle fratture, offrendo ad esse simboli e rappresentanza. Essi sarebbero capaci non solo di incanalare i conflitti ma anche di plasmarli.

23 22 Tipologie delle famiglie spirituali dei partiti [Ware 1996] Partiti liberali e radicali Partiti conservatori Partiti socialisti e socialdemocratici Partiti democratici cristiani Partiti comunisti Partiti agrari Partiti etnici-regionalisti Partiti della destra radicale Partiti ecologisti

24 23 Elementi fondamentali nella tipologia di Sartori [1976] La distanza ideologica Il formato del sistema (ovvero il tipo di frammentazione che emerge da un conteggio intelligente)

25 24 Come contare i partiti in modo intelligente ? Certamente il criterio iniziale è basato sulla grandezza elettorale (scegliere una soglia di rilevanza). Esistono tuttavia altri due criteri: il potenziale di ricatto il potenziale di coalizione

26 25 La tipologia di Sartori [1976] atomizzazione pluripart. polarizzati pluripart. moderati bipartitismi alta Distanza ideologica bassa formato del sistema (numero di partiti)


Scaricare ppt "1 I partiti politici Definizione di partito politico Le funzioni dei partiti Evoluzione storica La crisi dei partiti di massa Partiti e sistemi di partito."

Presentazioni simili


Annunci Google