La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA SCUOLA DELLA SALUTE: FRA LA VIA EMILIA E IL WEST

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA SCUOLA DELLA SALUTE: FRA LA VIA EMILIA E IL WEST"— Transcript della presentazione:

1 LA SCUOLA DELLA SALUTE: FRA LA VIA EMILIA E IL WEST
IL PIANO PER LA SALUTE NEL COMUNE DI MODENA A cura di : Antonietta De Luca - Carla Martignani - Paolo Tori sito web: LA SCUOLA DELLA SALUTE: FRA LA VIA EMILIA E IL WEST Modena

2 PIANI PER LA SALUTE sono piani poliennali
elaborati dagli Enti Locali di concerto con le Aziende sanitarie, secondo indirizzi forniti dalla Conferenza Sanitaria Territoriale; individuano le cause che mettono a rischio la nostra salute trovando le soluzioni giuste con cui si crede di potere eliminare o almeno ridurre queste cause; indicano chi, come e quando metterà in pratica le soluzioni definiscono gli obiettivi e gli interventi di promozione della salute, di prevenzione e di cura delle malattie emergenti nel distretto; prevedono interventi intersettoriali delle istituzioni, dei cittadini e delle loro associazioni sui determinanti delle condizioni di salute della popolazione; rappresentano le modalità con cui gli Enti Locali integrano le proprie politiche con politiche di salute. riorientano il modo di operare delle aziende sanitarie del territorio

3 Il Piano per la salute deve essere elaborato e redatto da una pluralità di attori, coordinati dal Governo locale, che impegnano risorse umane e materiali allo scopo di migliorare la salute della popolazione intervenendo sui determinanti che la condizionano.

4 i DETERMINANTI di salute possono essere classificati in:
NON MODIFICABILI (ad esempio l’età, il sesso, ecc.) MODIFICABILI, quali: - i FATTORI AMBIENTALI (ad esempio la qualità dell’aria, dell’acqua, degli alimenti, del territorio, della città, della casa, ecc.) - i FATTORI SOCIALI ed ECONOMICI ( ad esempio la povertà, la disoccupazione, l’emarginazione, ecc.) - gli STILI DI VITA (ad esempio l’alimentazione, l’attività fisica, l’abitudine a fumare e a bere, ecc.) - la DISPONIBILITA’ di SERVIZI di QUALITA’ (ad esempio i servizi sociali, sanitari, educativi, ricreativi, di trasporto, ecc.)

5 Patto per la salute Determinanti della salute

6 LIVELLI DI RESPONSABILITA’
Politica Responsabilità Gestionale Responsabilità Tecnica Conferenza Sanitaria Territoriale Comitati di Distretto Verifiche Indirizzi Coordinamento Distrettuale Commissione tecnica Proposte Programmi

7 I DISTRETTI

8 attività distrettuali integrate
Piano per la Salute Risposta sanitaria Risposta sociale Risposta ambientale Risposta formativa Risposta civica Piano Attività Territoriale Piano di zona Agenda 21 Patto per la scuola Città sane attività distrettuali integrate 1-Priorità 2-Indirizzi 3-Obiettivi 4-Azioni 5-Verifiche

9 OBIETTIVI DI UN PROGRAMMA DEL PIANO PER LA SALUTE
- migliorare la salute del gruppo di popolazione a cui il programma è dedicato; - individuare i determinanti che influiscono sulla salute di tale gruppo con l’ascolto dei bisogni, delle proposte degli esperti e dei portatori di interesse; - coinvolgere quanti possono intervenire per migliorare la situazione esistente partecipando direttamente alle azioni; - mettere in rete le risorse e gli interventi dedicati a raggiungere gli obiettivi che vengono fissati; - governare i processi intersettoriali attivati; - individuare politiche e strategie di intervento; - verificare e monitorare i risultati che vengono raggiunti nel tempo.

10 Il Piano per la Salute del Comune di Modena
si articola nei programmi di azioni: - Sicurezza Stradale (approvato dal Consiglio Comunale il 21 ottobre 2002 per il biennio , prolungato per l’anno 2004 dal Consiglio Comunale il 22 aprile 2004) - Salute Anziani (approvato dal Consiglio Comunale il 2 dicembre 2002 per il biennio , prolungato per l’anno 2004 dal Consiglio Comunale il 22 aprile 2004) - Salute e Sicurezza sul Lavoro (approvato dal Consiglio Comunale il 9 giugno 2003, per il biennio ) - Salute Infanzia e Adolescenza (approvato dal Consiglio Comunale il 16 febbraio 2004, per gli anni ) - Patologie Prevalenti (approvato dal Consiglio Comunale il 1 marzo 2004, per gli anni ) - Salute Donna (approvato dal Consiglio Comunale il 22 aprile 2004, per gli anni )

11 33 soggetti partecipanti
Il programma di azioni “ SICUREZZA STRADALE” INTERVENTI strutturali (10 azioni) educativi, preventivi e di sensibilizzazione (27 azioni) vigilanza, monitoraggio e controllo sui comportamenti ( 2 azioni) riduzione del danno (10 azioni) monitoraggio delle diverse attività realizzate e degli obiettivi raggiunti (5 azioni) Il fenomeno nel 2003 1668 gli incidenti 2255 i feriti 31 i morti TOTALE SCHEDE n°54 33 soggetti partecipanti Costi Euro 14 milioni

12 Il programma “Salute Anziani” 57 soggetti partecipanti
La popolazione anziana - progressivo invecchiamento della popolazione, che proseguirà e si accentuerà nel futuro: a Modena, nel 2002, gli anziani sono 38607, il 21.6% della popolazione; - difficoltà delle famiglie ad assistere l'anziano; - oltre 5000 persone di età oltre i 65 anni mostrano due o più difficoltà nello svolgere le comuni attività della vita quotidiana; - circa anziani hanno una disabilità di grado severo o completo; sono gli anziani affetti da Alzheimer. Gli interventi strutturali (7 azioni) educativi, preventivi e di socializzazione (27 azioni) accesso, sostegno e assistenza ( 22 azioni) riduzione del danno (5 azioni) monitoraggio di alcune patologie (5 azioni) TOTALE SCHEDE n°66 57 soggetti partecipanti Costi Euro 64 milioni

13 Il programma “Salute e Sicurezza sul lavoro” 55 soggetti partecipanti
Gli interventi per il miglioramento del sistema di tutela della salute nei luoghi di lavoro (65 azioni) per il miglioramento della salute dei lavoratori per le principali patologie individuate nel piano per la salute (20 azioni) per la riduzione del danno (5 azioni) interventi di vigilanza e controllo (5 azioni) Dati 2002: 84026 addetti Infortunati: 2767 maschi e 1059 femmine Morti: 2 maschi e 0 femmine Invalidi: 60 maschi e 27 femmine DI CUI STRADALI: Infortunati:372 maschi e 242 femmine Morti: 1 maschio e 0 femmine Invalidi: 10 M; 10 F Totale schede n° 100 55 soggetti partecipanti Costi Euro 1,4 milioni

14 82 soggetti partecipanti
Il programma “Salute Infanzia e Adolescenza” i minori a Modena nel 2002 erano 25924, di cui stranieri 2841; il 18% dei minori è in sovrappeso 1363 i posti disponibili per 4813 bambini tra 0 e 2 anni nei Nidi d’infanzia 4459 i posti nelle Scuole d’infanzia (che coprono il 100% della domanda) Gli interventi strutturali (18 azioni) educativi (43 azioni) per l’accesso e il sostegno (15 azioni) per la riduzione del danno (26 azioni) di monitoraggio (4 azioni) Dispersione scolastica nelle scuole superiori (a.s ): 1150 maschi e 618 femmine 566 maschi e 421 femmine interessati da malattie croniche 1394 maschi e 892 femmine interessati da problemi neuropsichiatrici Totale schede n° 106 82 soggetti partecipanti Costi Euro 24 ML

15 Il programma “Patologie Prevalenti” 47 soggetti partecipanti
Mortalità (2002) oncologia 575 cardiovascolare 750 respiratorio 100 Aids 10 Rare 10 totale 1445 (77%) totale anno 1881 Ospedalizzazione(2002) oncologia 4550 cardiovascolare 5670 respiratorio Aids 450 Rare 950 totale (39%) totale anno 36297 Gli interventi strutturali (6 azioni) educativi, formativi e di sensibilizzazione (21 azioni) per l’accesso, il sostegno e la riduzione del danno (38 azioni) di monitoraggio (4 azioni) Totale schede n° 69 47 soggetti partecipanti Costi Euro 4,8 ML più una spesa annua di 46,5 ML per i ricoveri, 6,3 ML per l’assistenza domiciliare e circa il 50% dei 33,4 ML di spesa farmaceutica

16 Il programma “Salute Donna”
A Modena risiedono donne, il 52% della popolazione, di cui un quarto ha più di 65 anni. Le donne straniere residenti sono il 6% della popolazione femminile (2002) Tasso di occupazione femminile pari al 59,7% e di disoccupazione del 3,9%, alto livello di istruzione. Gli interventi strutturali (4 azioni) educativi, informativi e di socializzazione (16 azioni) per l’accesso, il sostegno e l’assistenza (20 azioni) per la riduzione del danno (7 azioni) di monitoraggio (4 azioni) LAVORO retribuito, di cura, e domestico L’attività di assistenza e cura verso anziani, bambini, familiari non autosufficienti è svolta dalle donne; le donne lavorano mediamente 10 ore e 33 minuti al giorno:: 7,3 ore per il lavoro retribuito e 3,1 ore per le occupazioni domestiche. PRINCIPALI CAUSE DI MORTE: malattie del sistema circolatorio (48% dei decessi) tumori (26%) disturbi psichici (5%); Totale schede n° 51 65 soggetti partecipanti Costi Euro 5.3 ML

17 Associazioni di categoria, dei lavoratori
Istituzioni Associazioni di categoria, dei lavoratori e pensionati Istituti scolastici e di formazione Associazioni di cittadini 200 partners Enti Associazioni di volontariato Associazioni professionali Aziende pubbliche e private Associazioni di promozione sociale

18 L’EDUCAZIONE ALLA SALUTE NEI PROGRAMMI D’AZIONE DEL PPS
Obiettivi - Promuovere la salute attraverso il coinvolgimento dei singoli e dei gruppi sui problemi di salute ritenuti prioritari a livello distrettuale secondo le indicazioni della Conferenza Socio-Sanitaria; - Diffondere una cultura della prevenzione dei fattori che possono compromettere uno buono stato di salute; - Promuovere percorsi di progettazione integrata scuole territorio su interventi mirati e specifici volti a contrastare i fattori di rischio per la salute e promuovere benessere; - Coinvolgere un numero sempre maggiore di alunni e studenti nelle attività di promozione della salute - Favorire la formazione dei docenti, del personale non docente delle scuole e dei genitori sui temi della salute;

19 N° delle azioni educative del Piano per la Salute che coinvolgono direttamente le scuole
*alcune azioni sono rivolte a più scuole, a più target e sono imputabili a più responsabili **4 azioni coinvolgono anche i nidi e le scuole d’infanzia

20 Offerte formative del Comune di Modena e dell’Azienda USL
rivolte alle scuole del distretto

21 ITINERARI SCUOLA- CITTA’ progetti e proposte per la scuola
Comune di Modena Il catalogo, prodotto dal Servizio Itinerari scuola - città del Comune di Modena è rivolto alle scuole di ogni ordine e grado e raccoglie le diverse proposte formative provenienti dal Comune, dalle Istituzioni ed Enti di formazione presenti nel territorio Per l’anno scolastico gli interventi educativi proposti alle scuole sono 232, di cui 52 interventi riguardano la formazione dei docenti (circa il 22% del totale)

22 Valori % delle azioni suddivise per determinati di salute
N° azioni dell’offerta formativa degli itinerari didattici che incidono sui determinanti la salute Valori % delle azioni suddivise per determinati di salute che riguardano la formazione dei docenti Valori % delle azioni suddivise per determinati di salute

23 4 azioni per l’asilo nido 9 azioni per la scuola d’infanzia
L’ATTIVITA DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE del Servizio Educazione alla salute dell’AUSL Il catalogo, prodotto dal Servizio Educazione alla Salute dell’AUSL è rivolto alle scuole di ogni ordine e grado. Per l’anno scolastico 2004/2005 propone 48 programmi dedicati alla promozione della salute e riguardano: 4 azioni per l’asilo nido 9 azioni per la scuola d’infanzia 18 azioni per la scuola elementare 23 azioni la scuola media 29 azioni la scuola superiore (alcuni percorsi sono comuni a diversi livelli di scuola) N° 21 azioni riguardano la formazione dei docenti

24 % dei destinatari* coinvolti negli interventi educativi realizzati nell’anno scolastico 2003/2004 nelle scuole del distretto sui programmi del Piano per la Salute dal Servizio Educazione alla salute dell’AUSL *alunni, docenti, non docenti e genitori

25 Report dell’attività educativa del Servizio di Educazione alla salute dell’AUSL per il distretto di Modena (anno scolastico 2002/2003) Attività educativa informativa sugli stili di vita realizzati nelle scuole suddivisi per tipologia di destinatari (anno scolastico 2002/2003)


Scaricare ppt "LA SCUOLA DELLA SALUTE: FRA LA VIA EMILIA E IL WEST"

Presentazioni simili


Annunci Google