La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Progetto nazionale Scuole aperte Istituto Comprensivo Jesi Monsano Anno scolastico 2007-2008 I viventi invisibili Insegnante: prof. Paola Filipponi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Progetto nazionale Scuole aperte Istituto Comprensivo Jesi Monsano Anno scolastico 2007-2008 I viventi invisibili Insegnante: prof. Paola Filipponi."— Transcript della presentazione:

1 Progetto nazionale Scuole aperte Istituto Comprensivo Jesi Monsano Anno scolastico I viventi invisibili Insegnante: prof. Paola Filipponi

2 Invisibile è ciò che è molto piccolo, ma anche ciò che non si è abituati ad osservare.

3 Iniziamo dal……..

4

5 I funghi non sono solo quelli con il cappello. Esistono anche funghi microscopici quali i lieviti. Anche le muffe sono funghi. I funghi si riproducono con le spore. Le spore invisibili delle muffe viaggiano anche nellaria e quando trovano ambienti adatti germinano e danno origine alle ife che si moltiplicano e crescono fino ad essere visibili. Dimostriamo che laria è ricca di spore:

6 Occorrente: dado per brodo di carne Preparato per gelatina per torte 2 o più Capscule petri

7 Preparare il brodo Versare nel brodo metà busta di tortagel Mescolare bene Filtrare con carta da filtro

8 Versare il contenuto nelle capsule petri Far raffreddare con coperchio aperto Chiudere il coperchio Attendere qualche giorno

9 Gelatina di brodo fresca Gelatina di brodo dopo 10 giorni

10 Durante la preparazione e durante il raffreddamento alcune spore e alcuni batteri sono caduti nella capsula petri. Hanno trovato nutrimento, si sono riprodotti fino a formare micelio visibile nel caso delle muffe e colonie nel caso dei batteri. Quanta roba nellaria………!!!!!

11 Lo riconoscete?? E un limone in stato di decomposizione ad opera di muffe. Le muffe sono decompositori Questa è una muffa verde.

12 Preleviamone una parte……..

13 ……osserviamola allo stereomicroscopio. Bello questo penicillum!: è lo stesso genere della muffa di Fleming, quella che produce antibiotici

14 Preleviamo poi un po della polvere verde (spore), prepariamo un vetrino e osserviamo al microscopio ottico (ingrandimento 400 x). Le spore appaiono come piccole uova luna accanto allaltra.

15 Questa è unaltra muffa : si tratta di una muffa bianca. E molto bella! Allo stereomicroscopio si presenta costituita da filamenti bianchi con una pallina nera in cima. La pallina nera è lo sporangio.

16 Altre muffe : 1 e 2 sono rispettivamente del genere Rhizopus e Penicillum. La 3 non sappiamo, ma labbiamo soprannominata TIRAMISU 1 2 3

17 E questa cos è??? Unopera darte?

18 …..Si tratta di un fungo a mensola che si è sviluppato su un ramo di un albero di albicocco.

19 Passiamo al……………..

20 Pianta :………………………….. Colore petali:………………………… N. petali……………………….. N.stami……………………………. Pianta:………………………….. Colore petali:………………………… N. petali:……………………….. N. stami:……………………………. Scheda di osservazione di fiori Obiettivo: saper osservare secondo parametri assegnati, confrontare e riconoscere elementi di classificazione di fiori. Alunno:……………………………………….. Classe:…………………………. Data:…………………. Disegna i fiori assegnati negli appositi riquadri. Osserva e cerca di descrivere i fiori utilizzando termini specifici : Fiore N1: Fiore N 2: Osserviamo e cataloghiamo alcuni fiori

21 Fiore ermafrodita di Rosacea Molto evidenti stami antere e pistilli.

22 Infiorescenza di Biancospino

23 Amento fiorale di Salice

24 Amento fiorale di Pino

25 Pianta :………………………….. Nome del frutto:………………………… Secco o carnoso……………………….. N.semi……………………………. Pianta:………………………….. Nome del frutto:………………………… Secco o carnoso:……………………….. N. semi:……………………………. Scheda di osservazione di frutti Obiettivo: saper osservare secondo parametri assegnati, confrontare e riconoscere elementi di classificazione dei frutti. Alunno:……………………………………….. Classe:…………………………. Data:…………………. Disegna i frutti assegnati negli appositi riquadri. Osserva e cerca di descrivere i fiori utilizzando termini specifici : Frutto N1: Frutto N 2: Osserviamo e cataloghiamo alcuni frutti

26 Bacche di Edera

27 Samare di Olmo

28 Disamare di Acero campestre

29 Baccelli di Acacia

30 Silique di Crucifere

31 Amenti fruttiferi di Pioppo femmina

32 Amenti fruttiferi di Salice

33 Capsula di Papavero

34 E infine il………………

35 E in particolare gli artropodi (animali a zampe articolate) e, tra gli artropodi, gli insetti.

36 In quante parti è suddiviso il corpo?……………………… Quanti arti ha ?………………………… Ha esoscheletro rigido ?……………………….. Animale della classe…………………………. In quante parti è suddiviso il corpo?……………………… Quanti arti ha ?………………………… Ha esoscheletro rigido ?……………………….. Animale della classe…………………………. Scheda di riconoscimento di artropodi Obiettivo: saper osservare secondo parametri assegnati, confrontare e riconoscere elementi di classificazione degli artropodi. Alunno:……………………………………….. Classe:…………………………. Data:…………………. Osserva e rispondi alle domande : Animale N1: Animale N2:

37 In quante parti è suddiviso il corpo?……………………… Quanti arti ha ?………………………… Ha esoscheletro rigido ?……………………….. Animale della classe…………………………. In quante parti è suddiviso il corpo?:……………………… Quanti arti ha ?………………………… Ha esoscheletro rigido ?……………………….. Animale della classe…………………………. Animale N3: Animale N4:

38 Classe Caratteristiche MiriapodiCrostaceiAracnidiInsetti 2 parti del corpo si 3 parti del corpo si 6 arti si 8 arti si Più arti si Esoscheletro rigido si Chiave per il riconoscimento delle classi degli artropodi

39 Ricorda: Gli insetti hanno 6 zampe I ragni hanno 8 zampe

40 Scheda di riconoscimento di insetti Obiettivo: osservare secondo parametri assegnati, confrontare e riconoscere elementi di classificazione degli insetti. Alunno:……………………………………….. Classe:…………………………. Data:…………………. Osserva linsetto al microscopio, disegnalo e riconosci il tipo di ali. Insetto N 1 Descrizione delle ali: Ordine: Osserviamo e cataloghiamo alcuni insetti

41 ORDINE CARATTERISTICHE Coleotteri Ali a guaina. Le ali anteriori (elitre)sono spesse e non trasparenti. Le ali posteriori a riposo sono piegate sotto le anteriori. Apparato boccale masticatore Lepidotteri Ali ricoperte di squame. Ali membranose ricoperte di peluria. Apparato boccale masticatore per le larve, succhiatore per gli adulti. Ditteri Due ali. Una sola coppia di ali strette e membranose; ali posteriori ridotte a bilancieri. Apparato boccale succhiatore o pungente Imenotteri Ala a membrana. Ali sottili e membranose. Apparato boccale masticatore o succhiatore Emitteri Ali a metà. Le ali anteriori sono metà indurite e metà membranose. Le ali posteriori membranose. Apparato boccale pungente succhiante. Chiave per il riconoscimento degli ordini più comuni degli insetti

42 Coleotteri: ali anteriori spesse

43 Emitteri: ali per metà spesse e per metà trasparenti

44 Ditteri: due ali anziché quattro

45 Lepidotteri Insetti con ali con squame

46 Imenotteri insetti con ali trasparenti

47 Ricapitolando :

48 Levoluzione degli insetti ha selezionato caratteri molto specializzati:

49 Zampe adatte per saltare

50 Zampe adatte per scavare

51 Zampe adatte per correre

52 Zampe adatte per trasportare polline

53


Scaricare ppt "Progetto nazionale Scuole aperte Istituto Comprensivo Jesi Monsano Anno scolastico 2007-2008 I viventi invisibili Insegnante: prof. Paola Filipponi."

Presentazioni simili


Annunci Google