La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I DSA: ØDefinizione e Diagnosi ØSegnali precoci e prevenzione ØEvoluzione e Prognosi Dr.ssa Alessandra Luci Psicologa/Psicoterapeuta - Logopedista.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I DSA: ØDefinizione e Diagnosi ØSegnali precoci e prevenzione ØEvoluzione e Prognosi Dr.ssa Alessandra Luci Psicologa/Psicoterapeuta - Logopedista."— Transcript della presentazione:

1 I DSA: ØDefinizione e Diagnosi ØSegnali precoci e prevenzione ØEvoluzione e Prognosi Dr.ssa Alessandra Luci Psicologa/Psicoterapeuta - Logopedista

2 Definizione e Diagnosi

3 Una difficoltà di lettura e scrittura Può essere la conseguenza di uno svantaggio Può far parte di un quadro clinico più ampio Può essere la conseguenza di un disturbo non risolto Può costituire un disturbo settoriale

4 Definizione DSA Disturbi Evolutivi Specifici di Apprendimento disturbi delle abilità scolastiche:DISLESSIADISORTOGRAFIA DISGRAFIA DISGRAFIADISCALCULIA

5 *Neuropsicologia Doppia Dissociazione: 2 gr di pz con difficoltà in aritmetica test: A (lettura, scrittura e ripetizione N.) B (risoluzione di calcoli) Gr 1: difficoltà solo nel test A Gr. 2: difficoltà solo nel test B sistemi coinvolti: diversi e distinguibili*

6 I Disturbi Specifici di Apprendimento Difficoltà significativa * nellacquisizione del controllo del codice scritto (lettura, scrittura, calcolo) che interferisce con il funzionamento adattivo in presenza di Normodotazione intellettiva Adeguate opportunità di apprendimento in assenza di disturbi neuromotori o sensoriali disturbi psicopatologici (pre-esistenti)

7 Caratteristica principale dei DSA SPECIFICITA il disturbo interessa uno specifico dominio di abilità in modo significativo ma circoscritto lasciando intatto il funzionamento intellettivo generale

8 Principale criterio diagnostico DISCREPANZA deficitaria adeguata abilità nel dominio specifico interessato intelligenza generale

9 Implicazioni sul piano diagnostico 1.Utilizzazione di test standardizzati altre condizioni 2.Esclusione di altre condizioni che potrebbero influenzare i risultati ai test: A.menomazioni sensoriali e neurologiche B.disturbi significativi della sfera emotiva C.svantaggio socio-culturale

10 Test standardizzati e discrepanza 1.compromissione dellabilità specifica: <-2ds 2.livello intellettivo nei limiti di norma: QI non < -1ds (QI = 85)

11 Punti Standard (Z) indicano quante volte (DS) il punteggio grezzo (x) si scosta dalla media del gruppo di riferimento (M) z = (x­M)/DS Vantaggi: collocazione nella popolazione confronto tra test diversi: B1: lettura 1ds sotto la M, scrittura 4ds sotto la M? B2: QI 1 ds sopra la Md, lettura 6 DS sotto la md?

12 Proprietà di una curva Gaussiana Frequenza relativa distanza dalla md (y) = media della popolazione = deviazione standard Il 68,3% dei dati di una pop ricade nellintervallo Il 95,5% dei dati di una pop ricade nellintervallo 2

13 Efficienza Intellettiva WISC III (6-16 a): QIT (QIV+QIP) QI= (EM/EC)x100 Md: 100 – DS: 15 Borderline: <85Patologia: < 70 Matrici di RAVEN, PM 47 (6-11 a) Percentili Patologia: <10/5°P Scala Leiter (2-20 a) QI (non verbale)

14 Valutazione Dislessia 1)prove standardizzate di lettura a più livelli: lettere, parole, non-parole, brano 2) valutare i parametri di rapidità e accuratezza <2ds dalla media per la velocità < 5° percentile per laccuratezza DISTURBO NELLA COMPRENSIONE DEL TESTO SCRITTO: possibile DSA

15 Disortografia e Disgrafia DISTURBO dellaSCRITTURA componente di natura motoria componente di natura motoria : deficit nei processi di realizzazione grafica componente di natura linguistica natura linguistica : deficit nei processi di cifratura

16 Valutazione Disortografia/Disgrafia 1.Disortografia correttezza < 5° percentile (correttezza = numero di errori) 1.Disgrafia fluenza <2 ds analisi qualitativa del segno grafico

17 Età diagnostica: dislessia disortografia disgrafia fine 2^ elementare completamento del ciclo dellistruzione formale del codice scritto (riduzione della variabilità inter-individuale ) Anticipazione: ipotesi diagnostica fine della 1^elementare -profili funzionali molto compromessi -presenza di altri specifici indicatori diagnostici (DSL/familiarità)

18 ESCLUSE:DIFFICOLTA DI SOLUZIONE DEI PROBLEMI MATEMATICI -debolezza nella strutturazione cognitiva delle componenti di cognizione numerica (intelligenza numerica basale) Discalculia: profili subitizing quantificazione/ comparazione/seriazione calcolo a mente - debolezza nelle procedure esecutive lettura scrittura messa in colonna dei numeri - problemi nel calcolo recupero dei fatti numerici e algoritmi del calcolo scritto

19 Discalculia: diagnosi < 2 ds per correttezza e rapidità Cognizione numerica: -rapidità -Sogg a rischio: ritardi in età prescolare Principi a 5 a: corrispondenza/ordine stabile/cardinalità/irrilevanza dellordine/astrazione Disturbi delle procedure esecutive/calcolo: diagnosi non prima della fine della 3^ primaria

20 Diagnosi Funzionale valutazione di altre componenti dellapprendimento: linguistiche, percettive, prassiche, visuomotorie, attentive, mnestiche fattori ambientali condizioni emotive e relazionali comorbilità = co-occorrenza di altri DSA e/o compresenza di altri disturbi evolutivi (ADHD,disturbi del comportamento, dellumore, ecc…)

21 Relazione diagnostica REFERTO SCRITTO Il professionista sanitario redige un referto scritto sulla valutazione attuata, indicando: motivo dinvio risultati delle prove somministrate giudizio clinico sui dati riportati Strumenti compensativi e misure dispensative

22 Strumenti Compensativi Prot. N.4099/A/4 del permettono di ridurre la difficoltà funzionale derivante dal disturbo: compensando le difficoltà di esecuzione derivanti da una disabilità specifica mettendo il soggetto in condizione di operare più agevolmente (Stella 2001)

23 Internazionale 12-18/3/2010, n.837, anno 17: Non toccate quel tasto! TECNOPSICOSI: Socrate: la scrittura crea dimenticanze nellanimo dei discenti, perché non usano la memoria Malesherbes: la lettura dei giornali isola socialmente le persone distogliendole dalla pratica, spiritualmente edificante, di ricevere in gruppo le notizie dal pulpito (1700 DC) ADAMS: la tecnologia che cera quando siamo nati sembra normale, quella che arriva prima dei nostri 35 anni è emozionante e tutto quello che viene dopo è sospetto…

24 Prot.n.26/A 4° del 5 gennaio 2005 Per lutilizzazione dei provvedimenti dispensativi e compensativi è sufficiente la diagnosi specialistica di disturbo specifico di apprendimento (o dislessia) Tali strumenti devono essere applicati in tutte le fasi del percorso scolastico, compresi i momenti di valutazione finale

25 LEGGE Ottobre Gli studenti con diagnosi di DSA hanno diritto a fruire di appositi provvedimenti dispensativi e compensativi di flessibilità didattica nel corso dei cicli di istruzione e formazione e negli studi universitari

26 LEGGE Ottobre Agli studenti con DSA le istituzioni scolastiche garantiscono: a)una didattica individualizzata e personalizzata… b)Lintroduzione di strumenti compensativi, compresi i mezzi di apprendimeto alternativi e le tecnologie informatiche, nonché misure dispensative da alcune prestazioni non essenziali ai fini della qualità dei concetti da apprendere c)Per linsegnamento delle lingue straniere, luso di strumenti compensativi che favoriscano la comunicazione verbale… prevedendo anche, ove risulti utile, la possibilità dallesonero

27 LEGGE Ottobre Agli studenti con DSA sono garantite, durante il percorso di istruzione e di formazione scolastica e universitaria, adeguate forme di verifica e di valutaizone, anche per quanto concerne gli esami di Stato e di ammissione alluniversità nonché gli esami universitari

28 Quale diagnosi? Legge 170 La diagnosi dei DSA è effettuata nellambito dei trattamenti specialistici già assicurati dal Servizio sanitario nazionale a legislazione vigente ed è comunicata dalla famiglia alla scuola di appartenenza dello studente. Le regioni nel cui territorio non sia possibile effettuare la diagnosi nellambito dei trattamenti specialistici erogati dal Servizio sanitario nazionale possono provvedere… che la medesima diagnosi sia effettuata da specialisti o strutture accreditate

29 …definizione… Segnali precoci e Prevenzione

30 International Dyslexia Association la Dislessia è: Una disabilità specifica dellapprendimento di origine neurobiologica caratterizzata dalla difficoltà ad effettuare una lettura accurata e/o fluente e da scarse abilità nella scrittura e nella decodifica. Queste difficoltà derivano tipicamente da un deficit nella componente fonologica del linguaggio inattesa in rapporto altre abilità cognitive e alla garanzia di unadeguata istruzione scolastica. Conseguenze secondarie possono includere problemi nella comprensione della lettura e una ridotta crescita del vocabolario e della conoscenza generale

31 … Una disabilità specifica dellapprendimento di origine neurobiologica…

32 Georgiewa et al, 1999 Differenze nelle regioni temporo-parieto -occipitali fra dislessici e normo-lettori anche nei bambini, quindi non determinati da lettura scadente (Shaywitz eta al, 2002)

33 Anomalie strutturali microscopiche Galaburda and Livingstone, 1993

34 Basi genetiche della dislessia Cromosoma 6 ( 6p ) Kaplan, 2002 Abilità fonologiche e ortografiche e consapevolezza fonologica in rapporto al QI Cromosoma 2 (2p12-16) Francks, 2002 Locus di suscettibilità per la dislessia Cromosoma 18 (18p11.2 ) Fisher, 2001 Zona di rischio generico? Lettura di parole singole

35 … Essa è caratterizzata dalla difficoltà ad effettuare una lettura accurata e/o fluente e da scarsa abilità nella scrittura e nella decodifica

36 In un DSA possono essere compromessi: La rapidità/fluidità della lettura/scrittura/calcolo: Lettura/scrittura sillabica, pause, riletture, autocorrezioni; Non automatizzazione fatti numerici e algoritmi La correttezza della lettura/scrittura/calcolo Sostituzioni, elisioni-inversioni-aggiunte, errori ortografici; Errori di scrittura, incolonnamento, calcolo Luso cognitivo della lettura/scrittura/calcolo Comprensione, studio; progettazione testo scritto; Risoluzione di problemi aritmetici e geometrici

37 Ipotesi patogenetiche Visuo-spaziale-motoria Processamento delle informazioni Metacognitiva Linguistica - Metafonologica

38 Queste difficoltà derivano tipicamente da un deficit della componente fonologica del linguaggio, inattesa in rapporto alle abilità cognitive e alla garanzia di unadeguata istruzione scolastica

39 Consapevolezza fonologica Abilità di confrontare, segmentare e discriminare le parole in base alla loro struttura fonologica

40 La ricerca... Esiste una correlazione significativa tra abilità di lettura e abilità linguistiche Le competenze linguistiche in scuola materna sono i migliori predittori del livello di lettura successivo Questa correlazione è particolarmente significativa per le abilità di processamento fonologico (Liberman e Liberman 2004)

41 La ricerca... Differenze nella consapevolezza fonologica correlano col successo nellapprendimento della lettura (Bryant e Goswami, 1987) Le differenze individuali tra i bambini nella facilità con cui afferrano il principio alfabetico, che correlano con lapprendimento della lettura, si trovano nella componente fonologica della specializzazione linguistica del bambino (Baddeley, 1968; Katz, 1986)

42 La ricerca... Né lesperienza col linguaggio orale né la maturazione cognitiva forniscono ai lettori principianti la consapevolezza fonologica necessaria allapplicazione del principio alfabetico (Liberman e Liberman 2004) Linsegnamento della consapevolezza fonologica a bambini prescolari ha conseguenze positive per il successivo apprendimento della lettura specialmente per i bambini a rischio (Bradley e Bryant, 1983)

43 La ricerca... I Disturbi del linguaggio sono il predittore più affidabile della dislessia (Stella 2008) I bambini che presentano ancora alterazioni fonologiche dai 4 anni hanno l'80% di probabilità di sviluppare un DSA (Bishop 1992, Stella 2004)

44 La Riabilitazione del DSL come prevenzione e trattamento dei DSA!!!

45 La Riabilitazione nel DSL Chi?Quando?Individuale/gruppo?Intensità? Cosa si riabilita? Logopedista 1a Ipoacusia/2a RL/3a DSL 1a Ipoacusia/2a RL/3a DSL Individuale/gruppo Individuale/gruppo Minimo 2 volte/settimana Minimo 2 volte/settimana Deficit dominio-specifico: Deficit dominio-specifico: - Lessico/Vocabolario - Morfologia/Sintassi - Fonologia globale (3-4 a) - Fonologia analitica (5-6 a)

46 A scuola: laboratori di linguaggio Da chi? Supervisione? Per chi? Intensità? Bambini per gr? Dove? Cosa? Insegnanti Logopedis/Psicologo per tutti / per DSL 2 v a sett / sempre 5-8 / 2-3 Fuori dalla classe - Lessico/Vocabolario - Morfologia/Sintassi - Fonologia globale (3-4 a) - Fonologia analitica (5-6 a)

47 Competenze linguistiche 4-5 a Vocabolario/Semantica Morfologia/Sintassi Fonologia Analitica (metafonologia) Fonologia Globale

48 Assunto di base Per arrivare a leggere e scrivere il bambino: individuare la QUANTITA, la QUALITA e lORDINE degli elementi distintivi che compongono la parola (fonemi) individuare la QUANTITA, la QUALITA e lORDINE delle parole stesse nella loro disposizione sequenziale tenendo contemporaneamente conto delle REGOLE MORFO-SINTATTICHE (frasi)

49 Consensus conference in età pre-scolare Difficoltà nelle competenze: Indicatori di Rischio DSA *in anamnesi familiare positiva Comunicativo linguistiche Motorio-prassiche Uditivo visuospaziali

50 Consensus conference: conoscenza numerica Ultimo anno della scuola dellinfanzia: enumerazione fino a dieci (serie automatica) conteggio fino a cinque principio di cardinalità capacità di comparazione di piccole quantità Assenza = attività didattico-pedagogiche mirate Persistenza = segnalazione ai genitori per invio SSN

51 Consensus conference in età prescolare Rilevazione difficoltà: persistenti servizi sanitari delletà evolutiva Pediatra Genitori Insegnanti

52 Consensus conference: SEGNALAZIONE Primo interlocutore: la famiglia Fine: invio ai servizi sanitari eventualmente mediato dal pediatra

53 Consensus conference: screening Condotti: insegnanti Consulenza: professionisti della salute Ricerca-azione: attività di formazione costruzione condivisa di strumenti Fine: riconoscimento di indicatori di rischio sviluppo competenze implicate nell'apprendimento Tempi: inizio ultimo anno della scuola dell'infanzia Obiettivo: realizzare attività didattico-pedagogiche mirate Permanenza segnali di rischio: segnalazione

54 I fattori di rischio per un DSA Ritardo nelle acquisizioni linguistiche (anche solo a livello fonologico) Ritardo nelle acquisizioni prassiche più complesse Ritardo o difficoltà nelle competenze grafico-rappresentative

55 Il linguaggio Suoni del linguaggio: 1)Fonologia globale: IDR - riconoscimento di filastrocche o rime - riconoscimento della sillaba iniziale di parola -classificazione delle parole per lunghezza (sillabe) -Sintesi sillabica

56 2) Fonologia analitica: IDR - identificazione fonema iniziale -discriminazione di fonemi -delezione della sillaba iniziale -discriminazione di parole fonemicamente simili -sintesi fonetica -segmentazione fonetica e analisi della quantità dei suoni che compongono una parola

57 3. Vocabolario: IDR - capacità di comprendere parole singole - denominazione di oggetti, figure e particolari - capacità di raggruppare oggetti, figure e parole per categoria

58 4. Morfologia e sintassi: IDR - comprensione morfosintattica - uso dei funtori morfologici (articoli) - uso della morfosintassi*

59 Percezione Visiva 1 ) Discriminazione visiva: IDR - discriminazione visiva di segni grafici o forme geometriche 2) Motilità oculare: IDR - scanning sx-dx

60 Integrazione visivo-uditiva: IDR - associazione del suono al grafema

61 Abilità sequenziali di organizzazione spazio- temporale, IDR: -lettura e scrittura di sequenze ritmiche -difficoltà nel riordinamento di storie in sequenza -difficoltà nel riordinamento di parole in una frase

62 Attenzione 1) attenzione sostenuta: IDR - portare a termine un compito 2) attenzione distribuita: IDR - eseguire più compiti contemporaneamente

63 Memoria di lavoro: IDR* - memory (M spaziale BT) - ripetizione di sequenze di suoni (M uditiva BT) - riconoscimento di un disegno … (M visiva BT) - ripetizione immediata di sillabe, parole e numeri (M verbale BT)

64 Scrittura: peculiarità* Disortografia Disgrafia … dissociazione …

65 Grafia Motricità fine: IDR - infilare perline, tenere la penna e disegnare)* Atti motori consecutivi, coordinazione: IDR - ritagliare, copiare disegni o costruzioni con cubi, fare un disegno unendo i punti Abilità visuo-spaziali: IDR - labirinti e puzzle

66 Prerequisiti delle competenze aritmetiche capacità di conteggio capacità di lettura e scrittura dei numeri capacità di calcolo*

67 Capacità di conteggio* 1)principio corrispondenza: ad ogni elemento contato deve corrispondere una sola etichetta numerica - conta riconta più volte gli stessi oggetti

68 2) principio dellordine stabile capacità di ordinare le etichette numeriche secondo una sequenza fissa - non presenta una sequenza stabile

69 3) principio della cardinalità lultima etichetta numerica usata in un conteggio rappresenta la numerosità degli elementi contati - non sa dire che lultimo numero contato sia maggiore dei precedenti

70 4) principio dellirrilevanza dellordine È possibile iniziare il conteggio di un gruppo di oggetti a partire da uno qualsiasi dei suoi elementi - Non è in grado di contare a partire da un determinato elemento imposto da voi

71 5) principio dellastrazione tutti gli oggetti o gli eventi possono essere contati - casa si può contare? limita le risposte ad una categoria di oggetti, nonostante i vostri suggerimenti*

72 Leggere e scrivere i numeri capacità di distinguere in uno scritto le lettere e i numeri capacità di transcodificazione (5 a)

73 Capacità di calcolo Bambini prescolari in grado di risolvere situazioni problematiche di inferenze circa la quantità di oggetti che gli vengono mostrati e che possono manipolare

74 Prevenzione Dislessia/Disgrafia/Disortografia -Corso 1° cl primaria: osservazioni sistematiche e periodiche delle competenze di lettura-scrittura da parte delle insegnanti per la realizzazione di attività didattiche pedagogiche mirate Fine 1° cl primaria: segnalazione ai genitori dei bambini che presentano: difficoltà associazione grafema-fonema e/o fonema-grafema mancato raggiungimento del controllo sillabico in lettura e scrittura eccessiva lentezza nella lettura e scrittura incapacità a produrre le lettere in stampato maiuscolo

75 Prevenzione Discalculia -Fine 1° cl primaria: individuazione -2° cl primaria: attività didattiche- pedagogiche mirate Per bambini che non hanno raggiunto: a) riconoscimento di piccole quantità b) lettura e scrittura dei numeri entro il dieci c) calcolo orale entro la decina anche con supporto concreto invio ai servizi sanitari in caso di persistenza

76 Legge 170: prevenzione è compito delle scuole di ogni ordine e grado, comprese le scuole dellinfanzia, attivare, previa apposita comunicazione alle famiglie interessate, interventi tempestivi, idonei a individuare i casi sospetti di Disturbo Specifico di Apprendimento degli studenti, secondo modalità stabilite successivamente, mediante accordi, con il Ministero della Salute e la Conferenza Stato-Regioni, e prevede che la scuola trasmetta apposita comunicazione alla famiglia, per gli studenti che, nonostante adeguate attività di recupero didattico mirato presentano persistenti difficoltà" FINE: stimolare la famiglia agli ccertamenti diagnostici presso i servizi sanitari

77 …definizione… Evoluzione e Prognosi

78 …conseguenze secondarie possono includere problemi nella comprensione della lettura e una ridotta crescita del vocabolario e della conoscenza generale

79 Le caratteristiche evolutive deI DSA 1. Inizialmente le difficoltà sono rappresentate soprattutto dagli errori e dalla lentezza nella lettura e nella scrittura Più avanti gli errori tendono a diminuire, mentre rimane la lentezza esecutiva e possono comparire difficoltà di comprensione e di stesura di un testo Le reazioni emotive al disturbo, se non riconosciuto, tendono a crescere nel tempo

80 Il controllo della lettura e della scrittura diventa difficilmente automatico Leggere e scrivere diventano raramente attività piacevoli Curiosità e voglia di imparare si riducono di fronte alla fatica necessaria per leggere Il gap tra potenzialità e livello scolastico tende ad aumentare Rischio di abbandono scolastico e di deriva sociale nei casi non riconosciuti Le caratteristiche evolutive dei DSA 2.

81 CORSO EVOLUTIVO E PROGNOSI La PROGNOSI dei DSA può essere considerata a diversi livelli : a) evoluzione a distanza dellefficienza del processo di lettura, scrittura e calcolo b) qualità delladattamento c) presenza di un disturbo psicopatologico d) avanzamento nella carriera scolastica

82 CORSO EVOLUTIVO E PROGNOSI Fattori di vulnerabilità / protezione aggiuntivi rispetto allentità del disturbo: EVOLUZIONE dei diversi tipi di PROGNOSI influenzata da fattori diversi: gravità iniziale del DSA tempestività e adeguatezza degli interventi livello cognitivo e metacognitivo estensione delle compromissioni neuropsicologiche associazione di difficoltà di lettura, scrittura, calcolo presenza di comorbilità psichiatrica tipo di compliance ambientale

83 Un consiglio ai bambini e ragazzi con la mia stessa difficoltà Andrea, 18 anni (Dr.ssa Roberta Penge)

84 GRAZIE!!!


Scaricare ppt "I DSA: ØDefinizione e Diagnosi ØSegnali precoci e prevenzione ØEvoluzione e Prognosi Dr.ssa Alessandra Luci Psicologa/Psicoterapeuta - Logopedista."

Presentazioni simili


Annunci Google