La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INDICE I PARTE DEL LAVORO INTERDISCIPLINARE DELLE CLASSI II SEZ. E – F INS. DIFONZO ANNA, LORUSSO MARIA NICOLA, PERRUCCI LUCIA ANNO SCOLASTICO 2009 - 2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INDICE I PARTE DEL LAVORO INTERDISCIPLINARE DELLE CLASSI II SEZ. E – F INS. DIFONZO ANNA, LORUSSO MARIA NICOLA, PERRUCCI LUCIA ANNO SCOLASTICO 2009 - 2010."— Transcript della presentazione:

1 INDICE I PARTE DEL LAVORO INTERDISCIPLINARE DELLE CLASSI II SEZ. E – F INS. DIFONZO ANNA, LORUSSO MARIA NICOLA, PERRUCCI LUCIA ANNO SCOLASTICO PER NAVIGARE

2 PER VISIONARE IL LAVORO CLICCARE SULLE FRECCE. SE SI VOLESSE PROCEDERE PER ARGOMENTI ANDARE ALLINDICE. PER VISIONARE POESIE O APPROFONDIMENTI CLICCARE SULLE PAROLE CALDE

3 INDICE PREMESSA REGOLE IN FAMIGLIA REGOLE NELLA SCUOLA REGOLE NEL GIOCO REGOLE NEL GRUPPO

4 Tale lavoro ci ha visto impegnati, nel corso dellanno scolastico, in numerose attività, al fine di sensibilizzarci sulla necessità di avere delle regole e rispettarle. In modo particolare è stata data importanza alle regole di comportamento sulla strada e, più in generale, alle tematiche relative alla sicurezza stradale La finalità generale del Progetto è contribuire, attraverso lEducazione Stradale, al processo di formazione di noi bambini, allinterno di quel grande ambito di raccordo culturale ed interdisciplinare che è lEducazione alla Convivenza Civile.

5

6

7

8

9

10

11 CIASCUNO DI NOI E DIVERSO DALLALTRO.DIVERSO CIASCUNO HA UNA PROPRIA >.IDENTITA CIASCUNO DI NOI E UNA RICCHEZZA PER SE E PER GLI ALTRI.RICCHEZZA

12 Ogni essere ha un valore (S. Teresa di Lisieux) Gesù... mi ha messo innanzi agli occhi il libro della natura e ho capito che tutti i fiori creati da Lui sono belli, che lo splendore della rosa e il candore del giglio non tolgono nulla al profumo della piccola violetta o alla semplicità incantevole della margheritina... Ho capito che se tutti i fiorellini volessero essere rose, la natura perderebbe il suo ornamento primaverile, i campi non sarebbero più smaltati di fioretti... Così avviene nel mondo delle anime che è il giardino di Gesù. Egli ha voluto creare grandi Santi che possono paragonarsi ai gigli e alle rose, ma ne ha creati anche di più piccoli e questi devono contentarsi di essere pratoline o violette destinate a rallegrare lo sguardo del buon Dio quando Egli lo abbassa ai suoi piedi. La perfezione consiste nel fare la sua volontà e nell'essere ciò che Egli vuole che siamo...

13 , C'era una volta una virgola seccata dalla poca considerazione in cui tutti la tenevano. Perfino i bambini delle elementari si facevano beffe di lei. Che cos'è una virgola, dopo tutto? Nei giornali nessuno la usa più … la buttano a casaccio ….. Un giorno la virgola si ribellò e quando il Presidente scrisse un breve appunto, dopo un lungo colloquio con il Presidente avversario: "Pace, impossibile lanciare i missili" e lo passò frettolosamente al Generale, la piccola, trascurata virgola mise in atto il suo piano e si spostò. Si spostò solo di una parola, appena un saltino. Quello che lesse il Generale fu: "Pace impossibile, lanciare i missili". Scoppiò, perciò, la Guerra Mondiale Fai attenzione alle piccole cose. Sono il seme di quelle grandi! LA VIRGOLA

14 DIVERSI MA … UGUALI OGNUNO DI NOI E UNA PERSONA SPECIALE DIVERSA,SIMPATICA, ALLEGRA ED ECCEZIONALE … QUALCUNO LASSU PER NOME LHA CHIAMATA E DAL PRIMO ISTANTE, LHA SEMPRE AMATA. A CIASCUNO HA AFFIDATO UN COMPITO DA REALIZZARE NON IMPORTA SE AI NOSTRI OCCHI NON SEMBRA REALE. NEL SUO CUORE BRUCIA SEMPRE E SOLO AMORE PERCHE IN OGNUNO SI VELA NOSTRO SIGNORE.

15 IL MEGLIO DI TE Madre Teresa di Calcutta L'uomo è irragionevole, illogico, egocentrico: non importa, amalo. Se fai il bene, diranno che lo fai per secondi fini egoistici: non importa, fa' il bene. Il bene che fai forse domani verrà dimenticato: non importa, fa' il bene, L'onestà e la sincerità ti rendono vulnerabile: non importa, sii onesto e sincero. Quello che hai costruito può essere distrutto: non importa, costruisci. La gente che hai aiutato, forse non te ne sarà grata: non importa, aiutala. Da' al mondo il meglio di te, e forse sarai preso a pedate: non importa, da' il meglio di te.

16

17

18

19

20 A volte, sono necessarie norme sociali, ossia regole, che disciplinino il comportamento degli individui e dei gruppi in determinate occasioni e mirino a impostare correttamente i rapporti tra gli uomini. Esse sono poste alla base dellorganizzazione sociale per disciplinare il comportamento umano garantendo una convivenza tranquilla e ordinata. Le norme sociali possono essere scritte, oppure orali, universali (che tutti sono tenuti a rispettare) o speciali (destinate solo ad alcuni membri della società).

21 REGOLE IN FAMIGLIA REGOLE NEL GIOCO REGOLE NELLA SCUOLA REGOLE NEL GRUPPO REGOLE STRADALI ( II PARTE ) Le regole sono molto importanti perché ci aiutano a vivere con gli altri in modo civile … Senza regole cè solo caos! INDICE

22

23 La famiglia è il primo nucleo sociale in cui i figli vengono al mondo e si sviluppano. Di conseguenza, è il luogo primario in cui i figli hanno modo di comprendere la necessità di regole, disciplina e responsabilità per la buona convivenza comune … I vari componenti sono legati da diritti e doveri …

24 Educare è ben più che allevare. Il bambino non è un cucciolo, ma un essere da formare … Educare è andare oltre il pane e il companatico … Educare è perdere tempo oggi, per guadagnarlo domani … Educare è formare delle solide personalità.

25 Vi sono parole che sembrano carezze: ciao, scusa, grazie, per favore, ti voglio bene... E parole che sono massi : sei un incapace! Sei un irresponsabile! Sei un disastro! … che bloccano una crescita serena. Educare è anche imparare a parlare!

26 Perché il bambino non svincoli da grande, teniamo docchio i primi anni di vita… E più facile formare un bambino, che raddrizzare un uomo.. Sospendere in certi momenti il nostro intervento autoritario può essere una posizione di comodo.

27 Il bambino per crescere ha bisogno di permessi che lo rendano autonomo, ma anche di norme che limitino i desideri e orientino i comportamenti, rispettando e accogliendo il suo fondamentale bisogno di affetto, sicurezza e comunicazione.

28 La disapprovazione e i rimproveri devono colpire gli errori, non il bambino. Se lo schiacciamo sotto il peso di giudizi senza appello come sei sempre il solito!... non ne fai una giusta!..., perderà sicurezza in se stesso e la fiducia di poter cambiare. Ricordiamo che il controllo di sé è una conquista interna, non un blocco provocato dalla paura.

29 Non eliminiamo la rinuncia e il sacrificio. A conti fatti la pedagogia del permissivismo si rivela spesso controproducente. La costruzione di una solida personalità passa attraverso limpegno costante e tenace.

30 Bruciare ogni attesa è un danno …. negandogli la possibilità di domandare e il tempo di aspettare, si soffocano i suoi desideri ancor prima che nascano. Senza lattesa del domani, il tempo si contrae a oggi - subito - qui - ora… costringendolo nella logica assoluta del tutto o niente.. adesso o mai più … Dare tutto e subito è preparare un IO con la grinta del fallito!

31 Occorre prestare attenzione alla vita del bambino in modo che non cada vittima di altri pericoli. Infatti, quando il bambino cresce e assapora il piacere dellautonomia, emergono altri pericoli: incontri pericolosi, esperienze sbagliate, comportamenti negativi …. INDICE

32

33 Per vivere con noi stessi e nella comunità scolastica, in modo più sereno, è necessario rispettare alcune regole …

34

35

36

37

38

39

40

41

42

43 INDICE

44

45 Anche giocando incontriamo delle regole... è necessario rispettarle: Impegnarsi per vincere, ma essere pronti ad accettare la sconfitta. Giocare rispettando lavversario. Non insultare i vari partecipanti al gioco. Rispettare le regole stabilite. Permettere a tutti di poter partecipare al gioco. INDICE

46

47 Più persone che hanno uno scopo in comune o un obiettivo da raggiungere, formano un gruppo. Al suo interno è necessario:

48 Discutere in modo corretto Dare il proprio contributo Rispettare gli altri Non voler prevalere Riconoscere i propri errori INDICE


Scaricare ppt "INDICE I PARTE DEL LAVORO INTERDISCIPLINARE DELLE CLASSI II SEZ. E – F INS. DIFONZO ANNA, LORUSSO MARIA NICOLA, PERRUCCI LUCIA ANNO SCOLASTICO 2009 - 2010."

Presentazioni simili


Annunci Google