La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Crescere col cellulare: essere genitori ed essere figli nell'era della comunicazione digitale. 2. Il cellulare nella relazione genitori-figli Letizia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Crescere col cellulare: essere genitori ed essere figli nell'era della comunicazione digitale. 2. Il cellulare nella relazione genitori-figli Letizia."— Transcript della presentazione:

1 1 Crescere col cellulare: essere genitori ed essere figli nell'era della comunicazione digitale. 2. Il cellulare nella relazione genitori-figli Letizia Caronia Dipartimento di Scienze dellEducazione (Università di Bologna) Ozzano dellEmilia, 19 marzo 2009

2 2 Il cellulare nella e per la relazione genitori-figli. Premessa. 1. Le persone costruiscono i modelli culturali attraverso la prassi e viceversa: i modelli culturali sedimentati ci portano verso certe prassi. 2. La prassi é costituita anche di azioni e comunicazioni tecnologicamente mediate. 3. In che modo luso del cellulare dà forma ai modelli culturali di essere genitore e essere figli? E, riflessivamente, in che modo il Ns modello culturale di genitorialità ha creato certi usi del cellulare?

3 3 Negli ultimi 10 anni: Il telefono cellulare é diventato uno strumento di comunicazione genitori-figli. E stato interpretato secondo una pre- esistente cultura della genitorialità. E stato addomesticato nei termini propri alleconomia morale della famiglia e trasformato in uno strumento di educazione familiare.

4 4 Cultura e uso quotidiano delle tecnologie Il nostro modello culturale di genitorialità ha dato forma alluso del cellulare come strumento di educazione familiare. I genitori hanno strategicamente piegato il cellulare alle funzioni connesse col proprio ruolo.

5 5 Il cellulare come CORDONE OMBELICALE. Es. n.1 Mantenere il contatto con i figli. Guy (padre, 55 anni): lo abbiamo anche usato come... adesso meno.. Era una specie di cordone ombelicale con i bambini. I ragazzi ci potevano chiamare.. Adesso è meno importante.. Hanno 19 e 20 anni adesso. Tutti e due hanno un pager. Bruno non lo voleva, lo abbiamo quasi costretto per poter restare in contatto.

6 6 Es. 2 Ricercatore:chiami spesso i tuoi genitori? Louis (figlio 10 anni): eh, si, anche quando sto andando a scuola Gerry (padre 45 anni):diciamo piuttosto.. Non sei tu che chiami, siamo noi che ti diciamo di chiamare Ricercatore:Come mai non li chiami? Louis:be, a volte quando è importante o qualcosa che.. Madeleine (madre, 40):Ma non ci chiama! Dobbiamo insistere perchè ci chiami. Gerry:Infatti. E che stiamo cominciando a lasciarlo solo a casa un poco. Allora gli diaciamo: prima di uscire, telefona.

7 7 Il cellulare come kit di pronto soccorso: il discorso dellurgenza e del pericolo Ricercatore: mi avevi detto che avrai un cellulare, no? Louis (figlio, 10 anni): si Madeleine (madre 40): quandè che avremmo parlato del fatto che avresti un cellulare? Louis: quando eravamo in macchina Gerry (padre, età 45): è vero Louis: per poterci chiamare se ci sono emergenze Gerry: cioè, che gli avremmo prestato uno dei nostri cellulari, come quando era in montagna, se fosse successo qualcosa, se si fosse perso.. Come quando eravamo andati sulla Green mountain e si era perso.. Cosi avrebbe il suo cellulare che poi ovviamente sarebbe da programmare. Perche lo puoi programmare, puoi programmare il numero da chiamare Louis: a Green Mountain ce lavevo. Gerry: glielo hai prestato tu, no? Madeleine: si si mi ricordo.

8 8 Remote parenting: luso del cellulare riflette un modello di genitorialità Le funzioni date al cellulare riflettono alcune dimensioni caratteristiche del ns modello culturale di genitore: Sono tutti tratti che definiscono il comportamento di ruolo del genitore indipendentemente dal cellulare Esercitare una forma di controllo/supervisione. Assicurarsi del benessere/sicurezza dei figli. Far fronte alle emergenze. Organizzare i tempi dei membri della famiglia per assicurare momenti di condivisione. Supervisionare i tempi/luoghi/attività extrafamiliari dei figli. Restare in contatto

9 9 Ipotesi Il cellulare non é soltanto espressione di un modello già esistente di fare il genitore, é anche uno strumento per costruire o confermare questo modello. Seguendo passo passo i movimenti dei figli Conoscendo con chi sono e dove a far che cosa Pretendendo di sapere se va tutto bene Ricordando ai figli che é lora di rientrare I genitori agiscono in quanto genitori: assolvono i diritti e i doveri connessi all essere genitore. Partecipando a queste interazioni mobili, i figli sono educati processualmente agli impegni e alle responsabilità connesse allessere membri di una famiglia.

10 10 Gli usi pratici del cellulare sono azioni simboliche. Usando il cellulare per comunicare con i figli, i genitori: stabiliscono e confermano i confini familiari enunciano: chi fa famiglia con chi definiscono quali sono i comportamenti legittimi e attesi da ciascuno dei membri in relazione al ruolo. Luso e le regole duso del cellulare sono strumenti di insegnamento/apprendimento dei diritti e doveri propri a quella comunità specifica (famiglia). Attraverso i corsi di azione (le prassi) implicate nelluso del cellulare, i genitori fanno molto più che esercitare il loro ruolo: Costruiscono cultura legittimando momento per momento le definizione di ciò che conta come essere genitore essere figlio, essere famiglia che sono inscritte nelle loro prassi mobili.

11 11 Un esempio di vita quotidiana. Scena: sabato pomeriggio, a Bologna, Serena (madre divorziata 40 anni) sta parlando al telefono fisso con Laura (38) Matilde (figlia 13 anni) é a Milano a casa del padre. Il cellulare di Serena squilla. 1. Serena a Laura: aspetta, un attimo. é serafini-milano ((leggendo sul display)) 2. Laura : okay 3. Serena a Matilde: si, amore sono al telefono con la Laura 4. Serena: wear? ((Inglese in originale)), w-e-a-r ? ((fa lo spelling)) significa indossare 5. Serena: back? ((Inglese nell originale)), significa dietro o indietro dipende, devi vedere la frase 6. Serena: appear? ((Inglese in originale)), non lo so aspetta che chiedo alla Laura 7. Serena a Laura sul fisso: Laura, che vuol dire appear? a-p-p-e-a-r? 8. Laura: sembrare 9. Serena a Matilde: sembrare, la Laura dice che significa sembrare 10. Serena: fail ((Inglese )), non lo so, chiedo alla Laura 11. Serena a Laura: efail? ((Inglese )), f-a-i-l? 12. Laura: fallire, fail, non riuscire a fare qualcosa 13. Serena a Matilde: non riuscire a fare, ok amore? E tutto a posto? ti voglio bene. 14. Serena a Laura: hei grazie mille, grazie mille anche da Matilde. É davvero fantastico, non mi era mai successo, di aiutare Matilde a fare i compiti così. Lei a milano, io a bologna, e tu a casa tua, é pazzesco.

12 12 Costruire un modello di genitore/costruire un modello di figlio. Attraverso luso del cellulare, la madre implicitamente costruisce e propone le dimensioni che definiscono il (suo) modello culturale di genitore: essere sempre a disposizione dare priorità alle necessità de figli rispetto a quelle degli adulti interrompere il corso di azione attuale (parlare con Laura) per aprirne uno parallelo usare il registro dellaffettività parlando con i figli dare ai figli un supporto per superare le loro difficoltà Allo stesso tempo le azioni della madre propongono un modello culturale di figlio: un figlio é un individuo dipendente i cui bisogni vengono per primi un figlio ha il diritto di aspettarsi che il genitore storni lattenzione dallinterazione adulto-adulto per prendersi cura del figlio.

13 13 E la figlia? Partecipando a questa interazione, Matilde sta imparando molto di più che il significato di alcune parole di inglese. E informalmente e processualmente educata ai modelli culturali di madre e di figlio che vigono in questa famiglia.

14 14 Cultura genitoriale e tecnologie: unalleanza. Se lessere disponibili e lessere in contatto possono essere considerati tratto distintivi della cultura genitoriale, in cosa fa la differenza il cellulare? Il cellulare rende possibile il contatto e la disponibilità perenne (perpetual contact). Offre una condizione di possibilità per lazione, per nuovi o diversi modi di fare il genitore.

15 15 Liper-genitorialità Una pre-esistente definizione culturale di genitore ha chiaramente informato luso del cellulare tra genitori e figli ben oltre la gestione dellurgenza, sicurezza e controllo. Ma in modo riflessivo la tecnologia ha permesso la creazione di nuovi modi di fare il genitore. I genitori hanno colto questa proposta e la trasformano in risorsa: la possibilità (offerta dal cellulare) del remote parenting é stata trasformata in un hyper-parenting.

16 16 Essere genitori oggi: lhypergenitorialità e la complessità del quotidiano Attraverso le interazioni mobili che punteggiano la vita quotidiana, genitori e figli: hanno trasformato la distanza fisica in prossimità relazionale. Hanno superato i limiti spaziali e temporali della comunicazione a distanza o del telefono tradizionale. Hanno trasformato praticamente qualunque luogo e momento in una opportunità per costruire azioni congiunte e per dare e ricevere cura, supporto e attenzione e supervisione.

17 17 I paradossi della modernità Un mondo senza fili e individui iperconnessi. Genitori distanti eppure iperpresenti

18 18 Prima i figli…, naturale no? Prima i figli. Un modello del tutto storico – culturale di genitorialità. La svolta culturale degli anni 60.

19 19 Genitorialità nel XXI secolo Molte società occidentali hanno dismesso la nozione di patria potestà sostituendola con quella di Cure e responsabilità parentali. La Convenzione dei diritti del bambino (1989) ratifica questo cambiamento. La nozione di potere come probabilità di ottenere obbedienza non definisce più il modello contemporaneo di genitorialità. Come é possibile conciliare questa nuovo modello culturale di bambino (soggetto di diritti) con la nozione di autorità parentale (governance) Come é possibile parlare di un autorità senza potere? Come fare fronte ad un bambino definito sia come vulnerabile e dipendente ( bisogni) sia come persona orientata allautonomia e soggetto di diritti?

20 20 Cambiamento nella definizione dello status di figlio e della nozione di autorità parentale e le pratiche di educazione familiare A parte alcune tragiche eccezioni, genitori e figli delle società occidentali contemporanee interagiscono secondo un quadro consensuale per cui: La negoziazione più che lobbedienza La competenza più che il potere. La fiducia più che lautorità sono i principii di base che sottostanno alle interazioni tra genitori e figli. Lappropriazione del cellulare come strumento materiale nella relazione genitori-figli é avvenuta secondo questo quadro di riferimento. Il cellulare gioca un ruolo nel far fronte alla natura paradossale del modello contemporaneo di educazione familiare.

21 21 I diritti incompatibili di genitori e figli: il cellulare come uno strumento di negoziazione Lambito in cui la natura paradossale dei ruoli di genitore e figlio é più evidente é il progressivo spostamento dei figli verso luniverso dei pari. (dalla preadolescenza in poi) Cominciano a costruire legami significativi fuori dal filtro familiare. É soprattutto in questo momento del loro percorso evolutivo che i figli rivendicano il loro diritto allautonomia, alla libertà di prendere le proprie decisioni, di commettere i propri errori. Non a caso é in questo momento che i genitori rivendicano il loro diritto/dovere alla supervisione e controllo e allesercizio della responsabilità parentale

22 22 I 2 modi tradizionali di gestire queste prospettive in conflitto 1. Modello dialogico Si parla con i figli della loro vita extrafamiliare (cosa, dove, quando e come). 2. Modello autoritario Si pongono limiti al tempo e al genere di attività extradomestiche. A seconda del modello pedagogico della famiglia, la transizione verso luniverso dei pari può essere più orientata al dialogo o più orientata al controllo. Il cellulare é stato interpretato come un ulteriore strumento per gestire lappartenenza dei figli a più universi socioculturali

23 23 Il cellulare in regalo: un marcatore simbolico di autonomia e di dipendenza Consideriamo il semplice fenomeno del possesso del cellulare (in Italia il 60% dei ragazzini di 11 anni possiede e usa un cellulare). In genere i genitori regalano il cellulare in corrispondenza di un rito di passaggio: fine delle scuole elementari, compimento del 10 compleanno. Questo dono ha una potente valenza simbolica: il genitore riconosce al figlio un certo grado di autonomia (privatizzazione della comunicazione).

24 24 MA.... I costi restano a carico del genitore a causa delle dipendenza economica del figlio. Come altri beni di consumo offerti dai genitori, il cellulare marca simbolicamente sia linizio dellautonoma sia la dipendenza del figlio dai genitori rispetto ad alcune attività, ivi compresa la gestione dei propri legami sociali.

25 25 Quando i costi sono a carico del genitore, lautonomia sociale dei figli é al guinzaglio economico dei genitori Ricercatorer: in generale, tra voi, chi paga ? In coro: I nostri genitori! Mishan: A volte é metà e metà. Cioè.. quelli che vorrebbero un poco di indipendenza e quindi pagano la metà ma siccome non possono permettersi di pagare tutto, i genitori pagano il resto Il cellulare é un ponte che connette il mondo della famiglia e luniverso extrafamiliare: laccesso a questo ponte però é controllato dai genitori. Il cellulare permette una indipendenza economicamente controllata: diventa uno oggetto culturale che favorisce la mediazione e la modulazione graduale dellindipendenza.

26 26 I modi di usare il cellulare come pratiche di mediazione Karine (15 anni ): é anche per i miei genitori, perché loro loro vogliono sempre sapere dove sono, vogliono sempre potermi raggiungere, hanno sempre paura quando sono fuori. Quando esco non possono raggiungermi perchè non cé telefono, quando sono da qualcuuno é tutto ok, ma se vado da qualche parte e non li chiamo quando vado, be vanno fuori di testa,. Ecco perché ne ho bisogno. Pénélope (15 anni): spesso ci sono, cioé conosco alcuni che.. Sono i genitori che vogliono sapere dove sono i figli.. Ricercatori: ah si eh? Pénélope:É un forma di tranquilllità per loro, di sicurezza, ci sono genitori che lo comprano loro per i figli e glielo regalano cosi i figli hanno una certa libertà e nello stesso tempo i genitori possono sempre sapere dove sono

27 27 Oltre gli aut-aut: articolare diritti incompatibili Il diritto di essere in ansia: una conseguenza dell aver cura. Oltre i divieti ansiolitici e i permessi ansiogeni, il cellulare rende possibile delle alternative: consentire lautonomia avendo cura e contendendo la relativa preoccupazione. Esercitare il diritto/dovere di genitore (responsabilità educativa, monitorare il chi, quando, dove e come della vita extrafamiliare dei figli) e rispettare il diritto dei figli ad avere una vita autonoma

28 28 Luso strategico del contatto mobile: riconoscere il diritto dei genitori ad essere preoccupati - accettare il proprio dovere a rendere conto Sophie (15) anni: É piu sicuro, non solo per noi, anche per i nostri genitori… a volte ci sono dei genitori separati, noi no siamo tutti insieme ma anche cosi mia madre vuole potermi raggiungere Antoine ( 17 anni): e poi penso ci sia un altro vantaggio: é un modo forse per poter avere piu permessi per uscire perché gli puoi sempre dire: ehi, potete chiamarmi sempre, non ci sono problemi. Sophie:Papà, mamma se cé qualcosa vi chiamo.. Karine (age 15):perché alcuni escono molto, hanno davvero una vita sociale molto piena e con i genitori, li aiuta non poco Ricercatore: il fatto di poterli chiamare? Karine:si, di poterli raggiungere, cosi non vanno fuori di testa i genitori, non cominciano a dire AAHH..!

29 29 Permettendo a genitori e figli di essere potenzialmente raggiungibili in ogni momento... Il cellulare crea uno spazio simbolico in cui genitori e figli: possono prendere in conto e farsi carico dei diritti della controparte i genitori: hanno uno strumento che consente loro di agire da genitori (i.e. esercitando il loro diritto/dovere alla responsabilità educativa) e contemporaneamente accettare e rispettare il diritto dei figli allautonomia. i figli: hanno uno strumento che consente loro di agire da figli (esercitare il proprio diritto allautonomia) e contemporaneamente accettare il diritto dei genitori ad esercitare la responsabilità educativa

30 30 Il videofonino: uso dialogico e costruzione di una fiducia non cieca Layla ( 15 anni ): e poi puoi sempre dire ehi mamma guarda i miei amici. Poi scatti una foto col cellulare cosi tua madre può vedere che sei davvero con quegli amici Ricercatore: come hai detto scusa, puoi ripetere? Layla:ma si per esempio chiamo mia madre e lei vuole sapere dove sono o se sono davvero con quegli amici, faccio una foto e poi le dico si mamma, sono con i miei amici, guarda Ricercatore: come dire che hai una prova. Layla:si ho una prova.

31 31 Il cellulare: costruire un contratto fiduciario Inviare istantanee ai genitori é una pratica di soluzione del paradosso educativo: attraverso questa pratica genitori e figli articolano i loro diritti simmetrici e contradditori e costruiscono un terreno di mediazione: La vita sotterranea é meno nascosta, diventa (parzialmente) condivisa. E dunque si trasforma in qualcosa di negoziabile. Ovviamente i cellulari sono utilizzati anche per trasgredire questo modello dialogico.

32 32 I cellulari: strumenti di trasgressione La trasgressione fa parte dei compiti di sviluppo degli adolescenti : ignorare le norme familiari, spingere ai confini di ciò che é stato consensualmente definito legittimo, al limite rompere il contratto di fiducia sono tutte dimensioni tipiche della crescita. 2 strategie: Spegnere il cellulare Il caller display : ignorare la chiamata

33 33 Spegnere il cellulare Tania (15): il fatto é che, non lo sopporto proprio.. Sei li con i tuoi amici e tua madre chiama Ric:dunque preferiresti non averlo, é tua madre che insiste? Tania: ma si, ed é davvero cioé, deve sapere dove sono, se ho intenzione di tornare tardi e cose cosi Ric: e allora che fai? Tania:lo spengo (ride) Ric:ce lhai ma lo tieni spento

34 34 Ignorare la chiamata Delphine (15 anni):Io non ho il caller display, non ho alternative devo rispondere per forza. Sandrine (15 anni): Io ce lho. Quando é qualcuno, che so, sono da qualche parte e sono i miei e non ho voglia di parlarci, non ci ho voglia che mi rompono, non rispondo

35 35 Il cellulare nella relazione genitori - figli. Conclusioni 1. Il cellulare partecipa al processo invisibile attraverso cui le persone costruiscono il loro mondo della vita come un mondo (quasi) naturale. in particolare: svolge un ruolo nella costruzione del modello contemporaneo di educazione familiare. Il cellulare é stato totalmente integrato in un modello dialogico di esercitare la genitorialità Lattuale definizione culturale di autorità parentale e di diritti dei minori consegna al genitore contemporaneo un modello paradossale di educazione familiare.

36 36 Il cellulare nella relazione genitori–figli. Conclusioni 2. Il cellulare é usato come uno strumento per articolare i diritti simmetrici e opposti di genitori e figli. Agire e interagire secondo questo modello di genitore (tanto culturale quanto normativo) é un modo per costruirlo e confermarlo. Attraverso luso dialogico del cellulare genitori e figli partecipano al processo di costruzione del modello culturale di educazione familiare come pratica democratica In un contesto socio-storico in cui il ruolo guida del genitore non é più legittimato in nome delle nozione di potere e obbedienza, il cellulare é usato come strumento educativo compatibile con una nozione di autorità parentale fondata sul consenso.


Scaricare ppt "1 Crescere col cellulare: essere genitori ed essere figli nell'era della comunicazione digitale. 2. Il cellulare nella relazione genitori-figli Letizia."

Presentazioni simili


Annunci Google