La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

N°18 Apr - Lug 06 Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica QUADRIMESTRALE DI INFORMAZIONE DELLA SEZIONE CENTRO SOCI SOSTENITORI DELLAIDIC DEL CENTRO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "N°18 Apr - Lug 06 Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica QUADRIMESTRALE DI INFORMAZIONE DELLA SEZIONE CENTRO SOCI SOSTENITORI DELLAIDIC DEL CENTRO."— Transcript della presentazione:

1 N°18 Apr - Lug 06 Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica QUADRIMESTRALE DI INFORMAZIONE DELLA SEZIONE CENTRO SOCI SOSTENITORI DELLAIDIC DEL CENTRO ITALIA: ECOS ENGINEERING, TECHNIP-KTI, QMS, PROCTER&GAMBLE Segr. c/o: ECOS Engineering Viale Castello della Magliana 28, Roma Tel Fax Sito web: Il 2 Febbraio scorso si è tenuta lAssemblea ordinaria dellAIDIC Centro presso lUniversità La Sapienza, nel quale sono stati discussi tra gli altri i seguenti argomenti: - Approvazione Bilancio preconsuntivo 2005 e budget Rinnovo cariche coordinatore e consiglieri - - Relazione sulle attività svolte nel 2005 I soci iscritti per lanno 2005 sono stati 166. Per ulteriori informazioni e per una descrizione delle attività svolte si rimanda alle finestre specifiche. Nella stessa data si è tenuto presso lUniversità La Sapienza di Roma il forum per monitorare levoluzione dei corsi di laurea in Ingegneria Chimica, confermando il notevole interesse già suscitato dal precedente convegno organizzato presso lUniversità dellAquila (riferirsi alla finestra allegata). E in corso la valutazione delle tesi presentate per il bando promosso dallAIDIC Sezione Centro. Lelenco dei vincitori sarà riportato nella prossima edizione del Notiziario. Prosegue lattività dei progetti sullIdrogeno monitorati dallAIDIC. Nelle finestre allegate è stato riportato un resoconto per il Progetto FISR Vettore Idrogeno, portato avanti da Technip - KTI e dallUniversità dellAquila con il ruolo di coordinatore. Si ringrazia ling. Alessandro Bettoni per la collaborazione nella redazione del Notiziario e ling. Iaquianiello per il resoconto sullandamento del progetto FISR Vettore Idrogeno

2 AIDIC Sezione Centro Convegno Il Laureato Triennale in Ingegneria Chimica: la Formazione ed il Mercato del Lavoro Roma, 2 Febbraio 2006 Il 2 Febbraio, presso laula del Chiostro della Facoltà di Ingegneria, Università di Roma La Sapienza, si è tenuto il Convegno sul corso di Laurea triennale, nato con lintenzione di monitorare levoluzione dei Corsi di Laurea dopo il Forum tenutosi a fine 2004 presso LUniversità dellAquila. Situazione Lesperienza della Laurea triennale si è andata consolidando, e nel frattempo iniziano ad essere disponibili dati relativi al periodo biennale di specializzazione (Laurea Specialistica), mentre i laureati del nuovo corso sostituiscono quelli della laurea quinquennale tra i neoassunti nelle aziende. Dopo un periodo di difficoltà iniziale, nel quale le Università hanno cercato di riprodurre nel corso triennale il modello tradizionale del corso quinquennale ed il frazionamento dei corsi ha portato ad una offerta fin troppo varia di proposte formative, le Facoltà stanno cercando di fare tesoro dellesperienza, riducendo linflazione delle proposte di percorsi formativi e rafforzando limportanza dei corsi fondamentali. Le statistiche confermano che i laureati triennali, con rarissime eccezioni, decidono di continuare con il corso di specializzazione biennale, anziché presentarsi nel mondo del lavoro. Conseguentemente cambia di poco letà a cui viene concluso il percorso universitario e la percentuale di abbandoni, facendo così venire meno alcuni degli obiettivi fondamentali della riforma universitaria. Resta difficile affidare un maggiore ruolo formativo al tirocinio che, essendo stato fissato alla fine della laurea triennale (e quindi, per gran parte dei laureati, ad almeno due anni dallentrata nel mondo del lavoro) perde gran parte del suo valore di inserimento nella realtà lavorativa. Interessante è lesperienza presentata dallUniversità dellAquila, che mostra come i corsi di specializzazione biennale di Ingegneria Chimica diventano talvolta loccasione per laureati triennali di altri Corsi di Laurea di trasformare il loro titolo in un equivalente della Laurea di Ingegneria Chimica, che offre maggiori opportunità di lavoro. Il Quadro Normativo Rimane tuttora certa confusione relativamente alle nuove proposte di riforma dei corsi di Laurea, tra le quali quella di dividere ulteriormente il triennio iniziale in un primo anno di orientamento e due anni successivi di approfondimento. Prima di prendere iniziative e modificare la struttura dei corsi, è necessario attendere che le proposte siano confermate. Il tirocinio - punto di vista degli Studenti e delle Aziende Le aziende lamentano il fatto che il tirocinio è troppo breve e gode di pochi crediti allinterno del cursus universitario, impendendo così che possa avere il valore formativo previsto tra gli obiettivi della riforma. Dallaltra parte gli studenti confermano la perplessità nei confronti del tirocinio, che è vissuto come un ostacolo da superare al più presto per poter proseguire nel corso di studi, piuttosto che una opportunità per conoscere il mondo del lavoro. Ne risulta di conseguenza la preferenza verso attività svolte allinterno delle università rispetto a proposte di aziende che pur esistono. Le Proposte Aziende e Università condividono che sia necessario incrementare e migliorare la collaborazione. Tra le proposte avanzate dalluna e dallaltra parte, a cui si sta dando seguito, sono segnalate le seguenti: Lidea di creare dei Laboratori Aziendali, nel periodo previsto come tirocinio, in cui siano le Aziende a venire presso lUniversità piuttosto che viceversa, cercando di simulare problemi e situazioni tipiche del mondo lavorativo La partecipazione delle Aziende a seminari e corsi universitari (citando come esempio la collaborazione tra la Technip e lUniversità dellAquila e lUniversità Sapienza di Roma)

3 AIDIC Sezione Centro – Attività svolte nel corso del 2005 Nel 2005 si sono tenuti due convegni: Il Progetto Observer – Come individuare, valutare e ridurre i Quasi Incidenti (in collaborazione con Federchimica) Trattamento RSU: Considerazioni tecniche, economiche, ambientali e di pubbliche relazioni (in collaborazione con il Gruppo Diossine) Il terzo convegno programmato (Il laureato triennale in ingegneria chimica : la formazione ed il mercato del lavoro) è stato spostato al 2 Febbraio 2006, data dellAssemblea Ordinaria. Continua ad essere pubblicato il notiziario quadrimestrale della Sezione. E stata data diffusione delle schede predisposte dalla Commissione Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità, cui è stata premessa una scheda generale che inquadra la tematica di sicurezza per lindustria chimica. In occasione della nuova denominazione data alla Sezione nel 2004, è stato istituito un premio per tesi di laurea nelle sedi universitarie delle regioni del centro Italia. Rinnovo delle Cariche e del Consiglio Direttivo Il Consiglio Direttivo si ripropone nella stessa composizione dellanno scorso, compreso Coordinatore e Segretario. LAssemblea ratifica la nomina a Consigliere avvenuta nel corso del 2005 di Alessandro Bettoni e rinnova tutte le cariche per il A fine 2006 dovrà essere nominato un nuovo Consiglio Direttivo.

4 PROGETTO FISR VETTORE IDROGENO IDROGENO PURO DA GAS NATURALE MEDIANTE REFORMING A CONVERSIONE TOTALE OTTENUTA INTEGRANDO REAZIONE CHIMICA E SEPARAZIONE A MEMBRANA Il processo innovativo, che si intende sviluppare, con solide radici nel know-how esistente,assume come obiettivo la massimizzazione della conversione ad idrogeno a partire da gas naturale. Ciò viene attuato con la messa a punto di un reattore di nuova generazione, che ottimizza la resa di conversione attraverso step successivi di reazione chimica e separazione dellidrogeno mediante membrane metalliche/ceramiche. Lidrogeno prodotto e purificato viene avviato ad uno stoccaggio di processo per la successiva utilizzazione. Il processo innovativo viene testato attraverso la realizzazione e sperimentazione su di un impianto pilota dimostrativo con potenzialità stimata in 30Nm 3 /h di idrogeno. Lobiettivo generale del presente progetto è pertanto la messa in opera di un processo innovativo per la produzione di idrogeno a partire da gas naturale. Nellarco del primo anno appena concluso è stata condotta unanalisi quantitativa dello stato dellarte e dei dati industriali dei processi di produzione di idrogeno da gas naturale che hanno come denominatore comune la sezione di reforming autotermico o di steam reforming accoppiata a moduli di separazione dellidrogeno a membrana. Lanalisi ha riguardato le operazioni unitarie del processo di produzione, le tipologie di reattori impiegati, i catalizzatori utilizzati unitamente ai supporti, le modalità di purificazione dellidrogeno prodotto. Sulla base degli stati dellarte sviluppati sono stati analizzati alcuni schemi di processo ritenuti più interessanti. Lanalisi dei processi così individuati, effettuata anche attraverso simulazione matematica ha riguardato prevalentemente i processi di steam reforming e di reforming autotermico. Accanto ai reattori tradizionali sono stati analizzati sistemi di reazione differenti quali: reattore a membrana, reattori a stadi con rimozione intermedia di idrogeno, ecc. Sulla base dei risultati ottenuti dalle attività di modellazione matematica preliminare delle unità di produzione e di purificazione dellidrogeno, sono state definite le operazioni unitarie del processo produttivo ed in particolare, per ciascuna di esse, i requisiti e le efficienze operative oltre ai bilanci di materia e di energia di ciascuna operazione ed ai profili di pressione e temperatura. Sono state inoltre definite le specifiche preliminari delle membrane di separazione dellidrogeno in termini di caratteristiche chimico-strutturali, permeabilità, reiezione, temperatura e pressione operativa. Sono state individuate possibili configurazioni del modulo integrato conversione - purificazione dellidrogeno e dei recuperi di calore. Per ciascuna configurazione, prendendo come capacità di reformer la produzione di Nm3/h di idrogeno, attraverso unanalisi di sensitività delle variabili operative è stato definito: il bilancio globale di materia e di calore, caratteristiche delle utilities, lottimizzazione del recupero di calore e lo schema di processo. Per il sistema ibrido di coproduzione di energia elettrica e di idrogeno, ritenuto il più valido dal punto di vista energetico nel suo insieme, lo sviluppo dellingegneria di processo si è spinto fino alla progettazione del reformer e delle apparecchiature principali, definizione preliminare degli schemi meccanici e di una planimetria. In figura è rappresentato uno schema a blocchi dello schema ibrido con il reattore a membrane. Linsieme di questa documentazione è stato poi utilizzato per elaborare una stima del costo di investimento e del costo di produzione dellidrogeno e per fare quindi un confronto con il costo di produzione della tecnologia convenzionale. A questo stadio del progetto sono in corso le attività di progettazione dellimpianto pilota (che verranno svolte entro il 2006), la cui realizzazione rappresenta un punto fondamentale nello sviluppo del progetto, in quanto attaverso esso si potranno verificare su scala semi-industriale linsieme dei paramentri significativi della nuova architettura. Limpianto pilota sarà avviato nel secondo semestre del 2007.


Scaricare ppt "N°18 Apr - Lug 06 Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica QUADRIMESTRALE DI INFORMAZIONE DELLA SEZIONE CENTRO SOCI SOSTENITORI DELLAIDIC DEL CENTRO."

Presentazioni simili


Annunci Google