La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MEA è realizzato da un consorzio guidato dal CESR-CNRS di Tolosa (PI Dr. J.A. Sauvaud) L'IFSI ha partecipato a MEA sin dalla fase di preparazione della.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MEA è realizzato da un consorzio guidato dal CESR-CNRS di Tolosa (PI Dr. J.A. Sauvaud) L'IFSI ha partecipato a MEA sin dalla fase di preparazione della."— Transcript della presentazione:

1

2

3 MEA è realizzato da un consorzio guidato dal CESR-CNRS di Tolosa (PI Dr. J.A. Sauvaud) L'IFSI ha partecipato a MEA sin dalla fase di preparazione della proposta alla JAXA. Composizione del gruppo dellIFSI: E. Amata (responsabile) R. Bruno M.B. Cattaneo G. Consolini M.F. Marcucci I.Coco

4 L'interazione del vento solare con la magnetosfera di Mercurio è molto interessante per le somiglianze con il caso della Terra. Infatti, Mercurio, come la Terra, possiede un campo magnetico intrinseco. Inoltre, esiste una magnetopausa, cioè una superficie, che, in prima approssimazione, separa il flusso del vento solare dalla magnetosfera, cioè la regione di spazio dominata dal campo magnetico del pianeta. Ill vento solare, che è supersonico, forma un'onda d'urto stazionaria non collisionale davanti al pianeta. Nella coda della magnetosfera si accumula energia magnetica e plasma, in modo simile a quanto avviene alla Terra: tale accumulo può provocare fenomeni esplosivi come le cosiddette "tempeste magnetiche". Vento solare Linee di forza del campo magnetico di Mercurio

5 Il campo magnetico di Mercurio è poco intenso e la sua magnetosfera è molto piccola… Perciò, possono manifestarsi fenomeni simili, ma in condizioni molto diverse: - sottotempeste magnetiche (substorms) - accelerazione di particelle, - riconnessione magnetica. In particolare, la riconnessione magnetica (responsabile anche dei brillamenti solari) finora è stata studiata solo in prossimità della Terra. Si spera di studiarla anche alla magnetopausa e nella coda magnetosferica di Mercurio. … molto più piccola di quella della Terra.

6 Obiettivi Scientifici MEA per MMO MEA (Mercury Electron Analyzer) è parte di MPPC (M. Plasma Particle Consortium). - Somiglianze con la Terra (Mariner 10, ): - campo magnetico intrinseco, - onda durto stazionaria non collisionale, - magnetosfera con magnetopausa, - coda magnetosferica, - sottotempeste magnetiche. - Differenze principali: - punto sub-solare della magnetopausa : 1.3 R M a Mercurio, 10 R T alla Terra; - variazione di tale distanza fra perielio (0.3 UA) ed afelio (0.47 UA); - niente atmosfera e, di conseguenza, niente ionosfera. - Principali obiettivi. - Sottotempeste: come si chiudono le correnti allineate al campo magnetico in assenza di una ionosfera? - Riconnessione magnetica alla magnetopausa e nella coda magnetosferica, in condizioni molto diverse da quelle alla Terra. - Onda durto a numero di Mach e β molto sono più piccoli che alla Terra. - Osservazioni in situ della turbolenza MHD nel vento solare allorbita di Mercurio. - Validazione di modelli di propagazione di disturbi nel vento solare Space Weather.

7 Dati Tecnici di MEA MMO incontrerà plasmi con caratteristiche molto diverse nel corso della missione. Per raggiungere i suoi obiettivi scientifici, MEA deve: - coprire lintervallo denergia fra ~10 eV e 30 keV; - coprire 4p steradianti con risoluzione di 11.25° 22.5°; - avere unalta dinamica (> 10 6 ); - ottenere misure ad alta risoluzione temporale in tutte le condizioni incontrate nel corso della missione; MEA consisterà di due sensori posti a 90° luno dallaltro sul piano equatoriale del satellite per coprire 4 steradianti in ¼ di spin. Per ottenere la dinamica di ~10 6, ognuno dei due sensori avrà un fattore geometrico variabile. La variabilità dei flussi attesi è illustrata dalla figura che indica anche i limiti inferiori e superiori dei flussi misurati dai due sensori per tre fattori geometrici massimi e minimi, in modo da coprire tutte le condizioni incontrate nel vento solare e nelle varie regioni della magnetosfera. I diversi fattori geometrici saranno realizzati con tecniche meccaniche ed elettroniche. - calcolare a bordo densità, velocità, tensore pressione, vettore flusso di calore, dalla funzione di distribuzione degli elettroni con risoluzione di ¼ e ½ di spin; - avere modi di operazione versatili e riprogrammabili.

8 MMO (e MPO) forniranno dati di grande valore per studiare questi fenomeni. In particolare, l'IFSI partecipa ad uno degli strumenti del consorzio MPPE (Mercury Plasma Particle Experiment) su MPO: MEA (Mercury Electron Analyzer), composto di due sensori identici, per misurare velocità, temperatura e densità degli elettroni del vento solare e della magnetosfera di Mercurio. Funzionamento di uno dei sensori di MEA. MCP. Rivelatori di elettroni forniti dallIFSI. Traiettorie degli elettroni

9 PHEBUS Probing of Hermean Exosphere By Ultraviolet Spectroscopy Coordinated by P.G. Nicolosi

10 Phoebus è uno spettrometro che lavora nellUltravioletto. Due canali spettroscopici indipendenti, condividono ottica di raccolta della radiazione e fenditura. Lo specchio di ingresso può ruotare di 360° al fine di variare il campo di visto dello strumento Due reticoli olografici adiacenti, uno nellintervallo spettrale nm (canale EUV) il secondo tra 145 e 315 nm (canale FUV) Rivelatori Micro Channel Plate detector tipo wedge and strip di dimensioni 40x40 mm2. Il detector del canale FUV è protetto con una finestra di MgF2, mentre quello EUV dovrà operare senza finestra

11 Ricerca di nuove specie metalli (Si, Mg, Fe...), volatili (C, N, S…), molecole e radicali (H2O, H2, OH, CO…), gas nobili (Ar, Ne), ioni (He+, Na+, Mg+…), e specie già osservate (Na, K, O, H, He). Misurare esosfera media, in differenti posizioni di Mercurio lungo lorbita attorno al Sole, mediando su tempi scala di 10 giorni terrestri, per spiegare le asimmetrie Nord/Sud ed Est/Ovest osservate da Terra. Misurare piccole variazioni locali e temporali del contenuto dellesosfera in regioni e in periodi di particolare interesse. Misurare eventuali variazioni di albedo della superficie di Mercurio quando non è illuminata dal Sole, dovute alla presenza di strati di ghiaccio, soprattutto ad alte latitudini. Misurare caratteristiche dello spettro di riflettanza della superficie di Mercurio nellintervallo di nm.

12 Pianificazione studio coordinamento delle osservazioni da Terra dellesosfera di Mercurio con telescopi europei e confronto delle osservazioni con nuovi modelli di esosfera. Attività di calibrazione di prototipi e sottosistemi e modello di volo dello strumento.

13

14

15 Il compito principale di SIXS è quello di eseguire osservazioni da cui dedurre stime accurate della quantità di raggi X e particelle che bombardano la superficie di Mercurio. La superficie è contemporaneamente osservata invece dallo strumento MIXS, che invece misura i raggi X deflessi dalla superficie stessa Dati forniti da SIXS sono indispensabile per interpretare correttamente la flurescenza X dalla superficie ed interpretare quindi gli spettri di MIXS. SIXS è anche l'unica fonte di questa dati in fasi orbitali di Mercurio, quando il pianeta si trova dietro il Sole. SIXS dati possono anche essere per utili per dare informazioni relative al bombardamento di particelle su altri strumenti scientifici a bordo di BepiColombo. prestazioni

16 Obiettivi Scientifici per SIXS SIXS = Solar Intensity X-ray and particle Spectrometer Non essendo direttamente coinvolti nellhardware di SIXS, lobiettivo principale del WP8000 è quello di affiancare il SIXS Science Team per una migliore preparazione allindividuazione e risoluzione dei problemi scientifici legati alla radiazione corpuscolare allorbita e nellambiente di Mercurio, nonché allindividuazione dei requisiti per lanalisi dei dati che saranno raccolti da SIXS.

17 SIXS Mechanical Arrangement Concept (drawing not in scale) SIXS Sensor Unit (IFE), individually controlled thermal design SIXS (GaAs) X-ray detector, design heritage of SMART-1 XSM There will be 2-3 X-ray detectors in a SIXS sensor unit, depending on final design SIXS particle detector There will be 1 particle detector in a SIXS sensor unit 1 cm Sensor surface covered with radiator material and/or MLI, depending on final design 1 or 2 sensor units depending on S/C design

18 SOLAR X-RAY EVENTS, SOLAR VARIABILITYSEP ACCELERATION MECHANISMS AT THE SUN SEP TRANSPORT MODEL IN THE INTERPLANETARY MEDIUM - Stochastic acceleration: Plasma waves, MHD turbulence - DC electric fields: magnetic reconnection - Shock acceleration - Modelling of the proton intensity-time profiles of SEP events measured at 1 AU by using the Shock-and-Particle model developed by Lario et al. (1998) up to high energies (> 5 MeV up to 440 MeV). - Derivation of the particle injection and the transport parameters: evolution of the injection rate Q(t) of shock- accelerated particles - Analysis of the energy spectrum to investigate on the efficiency the associated interplanetary shock.

19 SEP EVENT FORECASTING TECHNIQUE from solar signatures Possible Trigger for SERENA - SEP DATA BASE Collection and calibration of SEP data available from different spacecraft. Association with solar sources. - ANALYSIS OF SEP EVENTS AT VARIOUS RADIAL HELIOCENTRIC DISTANCES (0.3–1 A.U.) AND LONGITUDES - EVALUATION OF FLUXES EXPECTED AT MERCURYS ORBIT STUDY OF SEP AND X-RAY INTERACTION WITH THE HERMAN ENVIRONMENT SIMULATIONS OF COSMIC RAY TRAJECTORIES SEP INDUCED PHOTOEMISSION (needed for MIXS) Computations by using different models for the Herman surface, and the magnetic field with several SEP spectra - Production of secondary particles (by interaction with soil); - Possible contribution to changes of Mercurys exosphere (e.g. Potter et al., 1999, Leblanc et al., 2003).

20 - Solar Activity and Cosmic Ray Science [WP8100], sub-tasks: (i) solar activity during sunspot cycle 24 [WP 8110] (ii) solar cosmic rays during sunspot cycle 24 [WP 8120] (iii) galactic cosmic rays during sunspot cycle 24 [WP 8130] (iv) derived tools for SIXS Science development [WP8130] - SEP Models and Simulations [WP8200], sub-tasks: ( i) SEP database and validation [WP 8210] (ii) SEP outside the Herman Environment [WP8220] (iii) SEP inside the Herman Environment [WP8230] (iv) Tools for the analysis of extreme solar events [WP8240] - SIXS Data [WP8300], sub-tasks: (i) Data treatment strategies [WP8310] (ii) Development of software and codes [WP8320] (iii) SIXS data for MIXS and SERENA [WP8330]

21 C. Federico

22 PI G. Fraser Space Research Centre University of Leicester UK Co-PI K. Muinonen Observatory Univ. Of Helsinki Finland E uno spettrometro raggi X che fornisce la mappa globale della composizione elementare della superficie di Mercurio ad una scala di circa 50 km. Durante l'attività solare intensa la risoluzione spaziale può raggiungere fino a 500 m. Lo spettrometro MIXS allo stato attuale della progettazione è caratterizzato da una massa di 4.6 kg e richiede una potenza e 12 W.

23 Obiettivi Scientifici MIXS Mercurio è il meno conosciuto tra i pianeti di tipo terrestre e lo spettrometro ad immagine a raggi X (MIXS) studierà la composizione chimica della superficie di Mercurio. In base ai risultati preliminari delle prestazioni dello strumento si può prevedere che MIXS sarà in grado di fornire informazioni: su la distribuzione areale degli elementi maggiori in modo da permettere la caratterizzazione chimica delle strutture geologiche presenti sulla superficie (crateri, piane, scarpate); sulle relazioni esistenti tra terreni diversi e confini geochimici; sulle abbondanze del Mg, Fe, Si, Na, Ca, Ti,S Il confronto, poi, tra le abbondanze degli elementi osservate con MIXS con le abbondanze degli elementi presenti nelle rocce terrestri e nelle meteoriti determinerà il tipo di rocce presenti su Mercurio e darà un contributo a risolvere il problema della presenza o meno di basalti e quindi di costruire un modello ragionevole della sua evoluzione.

24 Dati Tecnici MIXS MIXS è basato su una matrice alluopo disegnata di sensori X di tipo Swept Charge Device (SCD). MIXS opererà nellintervallo di energia (0.5-10) Kev permettendo lindividuazione di diversi elementi quali il Fe, Si, Al, Na, Mg e di altri durante i brillamenti solari. Nella figura sottostante vengono riportate le prestazioni calcolate dello strumento durante un brillamento di tipo X4 per un pixel equatoriale di dimensione pari a 120 km.

25 Ill contributo italiano consiste nellanalisi dati dello strumento unita a due attività specifiche: Messa a punto di una serie di modelli dellinterno di Mecurio e della sua evoluzione termica Costruzione di mappe tematiche integrate

26 26 Studio della convezionein un mantello poco spesso ( 450 Km) Codice agli Elementi Finiti Risultati preliminari che evidenziano la formazione di strutture lineari

27 27 Fotomosaici e mappe geologiche sia in formato cartaceo che digitale I dati in formato cartaceo sono stati opportunamente digitalizzati Tali dati vengono eleborati con tecniche digitali ed non necessitano più di essere proiettate in sottoregioni denominate quadrangoli (USGS)

28 28 Costruzione di sistemi di informazione geografica e messa a punto di mappe in cui i dati di diversi strumenti sono georeferenziati

29

30 30 USGS-AP Data – imported and displayed in GRASS GIS (at Univeristy of Perugia)

31

32


Scaricare ppt "MEA è realizzato da un consorzio guidato dal CESR-CNRS di Tolosa (PI Dr. J.A. Sauvaud) L'IFSI ha partecipato a MEA sin dalla fase di preparazione della."

Presentazioni simili


Annunci Google