La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Modelli matematici per lanalisi delle città: approcci per le Smart City Valentino Moretto Puglia Smart Lab Smart City in 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Modelli matematici per lanalisi delle città: approcci per le Smart City Valentino Moretto Puglia Smart Lab Smart City in 1."— Transcript della presentazione:

1 Modelli matematici per lanalisi delle città: approcci per le Smart City Valentino Moretto Puglia Smart Lab Smart City in 1 indicatore!!! + 14

2 PSLab è un neonato Living Lab, un luogo dinnovazione in cui cittadini, enti governativi ed aziende collaborano insieme per co-creare servizi derivanti da bisogni concreti presenti nel nostro territorio. Puglia Smart Lab PSLab è uno dei primi risultati di un progetto di ricerca finanziato dal MIUR, con lobiettivo di formare un gruppo di 15 giovani professionisti (ingegneri innovatori imprenditori) con competenze multidisciplinari per lo sviluppo strutturale di un territorio intelligente. Il progetto è supervisionato dal Dhitech Scarl, il distretto tecnologico hi-tech nato nel 2005 in Puglia. PSLab è entrato a fare parte della rete ENoLL, European Network of Living Labs (come membro aderente) ad Agosto 2013 durante "The 7th wave of ENoLL members

3 Source: LEVOLUZIONE DELLE CITTA Negli USA lurbanizzazione era ai minimi fino a 200 anni fa; oggi è circa all82% La Cina costruirà 300 nuove città nei prossimi 20 anni Un milione di persone a settimana si sposterà nelle città da qui al 2050 Source: 18 La Habana 11 Marseille 12 Athene 8 Istanbul 3 Naples 5 Santo Domingo 7 Houston 19 Port au Prince 2 Baranquilla20 Algeri 14 Benghazi 1 Alexandria 9 Jakarta 15 Tel Aviv 10 Igmir 6 Bayrut 4 Sapporo 6 Bayrut 13 Shangai 17 Ningbo 16 Fuzhou

4 UNA GIUNGLA DI INDICATORI GDP Total Fertility Rate Deficit/GDP Density Urban Growth Rate Total Population NO x Emission GDP/GHG Emission PM10 Emission Nitrogen Dioxide CO 2 Emission Green technologyGreen Action Plan Public Participation in green policy Use of non- car transport Green transport promotion Congestion Reduction Policies Source: ROI- Return on Investment ROE- Return on Equity ROS- Return on Sales Water Consumption Energy Intensity Waste Water Treatment Green Transport

5 … le specie animali più grandi necessitano di meno energia per Kg se confrontate con le specie più piccole. Ad esempio, un elefante necessita di energia volte maggiore rispetto ad un porcellino dIndia nonostante sia volte più grande IN BIOLOGIA… …E INVECE COSA ACCADE NELLE CITTA?

6 Ogni essere vivente diventa più lento al crescere delle sue dimensioni; questo comportamento è chiamato sublineare. Le città, invece, assumono un comportamento differente: ogni aspetto sociale accelera quando le loro dimensioni aumentano. Non cè un modello equivalente in natura! Source: intersci.ss.uci.edu/wiki/index.php/Realistic_modeling_of_complex_interactive_systems TEORIE DI WEST - BETTENCOURT

7 REGOLA DEL 15% – CITY SUPERLINEAR SCALING Laumento delle dimensioni di una città riflette due trend: Superlineare: laumento delle interazioni sociali che comporta maggiore innovazione e benessere, ma anche maggiore diffusione di criminalità (β = 1.15) Sublineare: minori investimenti in infrastrutture (strade, cavi, fogna, ecc) pro capite (β = 0.85) Source: /intersci.ss.uci.edu/wiki/index.php/Realistic_modeling_of_complex_interactive_systems

8 IPOTESI DI WEST-BETTENCOURT City Behaviour MIXING POPULATION INCREMENTAL NETWORK GROWTH SOCIO-ECONOMIC OUTPUT BOUNDED HUMAN EFFORT Uso di reti decentralizzate per la connettività delle persone Limpegno fisico e mentale dei city user, così come le interazioni sociali, aumentano con la dimensione della città Gli output socio-economici sono proporzionali alle interazioni sociali Le reti di trasporto urbano non seguono una distribuzione lineare

9 INDICATORE G G è loutput che rappresenta le variabili derivanti da tutti gli aspetti urbani, ovvero la condizione per lesistenza ed il miglioramento delle città. G = Y (Social interaction outcome) – W (dissipation). Gmin: La città non esiste Gmax : La città collassa G*: Città al max potenziale Source:

10 Per migliorare le condizioni di vita dei city user, dato laumento delle dimensioni delle città, è fondamentale spostare lindicatore G* in avanti. Ciò comporterà migliori output socio-economici e maggiori interazioni sociali. Come? partecipazione proattiva pianificazione urbana innovativa bilanciamento tra densità, mobilità e connettività sociale Source: G. West, "Is a quantitative predictive,science of cities conceiveable? What can we learn from physics & biology? Santa Fe Institute, Said Business School, Oxford University. February,2012 INDICATORE G*

11 IL NOSTRO OBIETTIVO Un assessment analitico ed innovativo per sfruttare appieno il potenziale delle città Uno strumento che fornisce supporto alle PA per una migliore analisi delle città Una nuova metodologia per la pianificazione strategica e a lungo termine delle città

12 Lanno prossimo a Smart City Exhibition 2014 vorremmo presentare risultati sorprendenti! Chi è con noi? …Riuscire a coinvolgervi, stimolare la vostra partecipazione a Puglia Smart Lab, per sperimentare insieme questo modello …QUINDI, QUAL È IL NOSTRO VERO OBIETTIVO?

13 Grazie! Follow us on 15!!!


Scaricare ppt "Modelli matematici per lanalisi delle città: approcci per le Smart City Valentino Moretto Puglia Smart Lab Smart City in 1."

Presentazioni simili


Annunci Google