La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ESPERIENZA CLIL ESPERIENZA SCUOLA PRIMARIA A. S. 2006/07.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ESPERIENZA CLIL ESPERIENZA SCUOLA PRIMARIA A. S. 2006/07."— Transcript della presentazione:

1 ESPERIENZA CLIL ESPERIENZA SCUOLA PRIMARIA A. S. 2006/07

2 La professionalità docente si deve sviluppare tenendo conto di alcuni aspetti fondamentali: … le conoscenze disciplinari; la capacità di progettare, organizzare, gestire processi di apprendimento tesi a garantire la crescita culturale dei propri alunni; sostegno allorganizzazione e alla gestione della sua attività professionale, strumenti che possono aiutarlo a rendere più efficace lattività svolta al di fuori della classe; supporto della sua attività culturale in quanto la rete Internet offre la possibilità di reperire materiali utili alla didattica delle discipline; di comunicare/collaborare in maniera proficua con colleghi ed esperti lontani; di partecipare a dibattiti e seminari su temi di interesse senza la necessità di spostarsi dalla scuola a dalla abitazione; miglioramento e facilitazione del processo di apprendimento della disciplina da parte dei suoi allievi. (tratto da Ministero della Pubblica Istruzione Inglese e informatica nella scuola primaria) La nuova professionalità docente

3 … Si tratta di predisporre un ambiente di apprendimento, dove con spontaneità e naturalità, a partire dallesperienza degli alunni … si avrebbe davvero una situazione positiva e ricca di stimoli, se lInformatica fosse insegnata come ambiente di apprendimento che si connette spontaneamente con litaliano, con la musica, con la matematica, con la storia, insomma con lesperienza, che è sempre unitaria. (tratto da Ministero della Pubblica Istruzione Inglese e informatica nella scuola primaria)

4 CLIL = approccio metodologico che consiste nel trasmettere contenuti non linguistici in una lingua straniera, al fine di favorire lapprendimento sia dei contenuti presentati, sia della lingua stessa.

5 Insegnamento tradizionale si basa sullinsegnamento di pronuncia, vocabolario, funzioni e abilità (controlled input and practise); è focalizzato sulla lingua da apprendere e sugli step metodologici da attivare (PPP). non rientra in un sillabo rigidamente sequenziale; necessita dellanalisi della dimensione cognitiva del contenuto disciplinare; necessita dellanalisi delle richieste linguistiche per poter fornire un supporto linguistico necessario ad affrontare il contenuto disciplinare arricchisce lapprendimento formale CLIL

6 imparare non solo a usare una lingua, ma usare una lingua per imparare; accrescere lefficacia dellapprendimento della lingua straniera e acquisire migliore conoscenza delle discipline; offrire occasioni di utilizzo della lingua in contesti concreti e motivanti integrando in modo naturale le abilità di ricezione, produzione, interazione; realizzare uneconomia di tempo contestualizzando lapprendimento e concentrando nello stesso insegnamento porzioni di curricola diversi; segue Finalità

7 utilizzare abilità, conoscenze e competenze di altre discipline ossia tutti i canali di apprendimento non solo quello linguistico; valorizzare le molteplicità dellintelligenza e i diversi stili di apprendimento degli alunni; sviluppare negli alunni abilità sociali di cooperazione e alternanza di turni; conseguire standard formativi più elevati.

8 Progettazione di un modulo CLIL 1° fase Riflettere sul proprio curricolo nazionale e cercare gli argomenti interdisciplinari più adatti: alletà degli alunni; alle loro competenze linguistiche; al periodo dellanno.

9 Progettazione di un modulo CLIL 2° fase Individuare : un tema, un contenuto significativo; tempi; obiettivi linguistici e disciplinari; pre-requisiti disciplinari e linguistici/competenze trasversali; strategie comunicative che linsegnante dovrà utilizzare; strategie per la motivazione; sequenze di lavoro che costituiscano un insieme equilibrato; risorse e materiali.

10 Progettazione di un modulo CLIL 3° fase Definire modalità di verifica, valutazione e autovalutazione.

11 Unità dapprendimento n°. 1 UDA 1

12 Unità dapprendimento n°. 2 UDA 2

13 Unità dapprendimento n°. 3 UDA 3

14

15 W E BREAKFAST

16 W E SNACKS

17 W E

18 W E LUNCH

19 W E DINNER

20

21

22

23

24

25

26 Healthy quiz NEVERSOMETIMESOFTENALWAYS How often do you watch television? 4321 How often do you eat vegetables? 1234 How often do you eat fruit? 1234 Do you sleep 8/10 hours a night? 1234 How often do you play sport? 1234 Do you brush your teeth after a meal? 1234 Do you wash your hands before a meal? 1234 How often do you have a bath or a shower? 1234 How often do you have a fizzy drink? 4321 How often do you go to school on foot 1234

27 SCORE 32 – 40 Congratulation! Youre a healthy boy/girl! 23 – 31 Cheer up! Youre a nearly a healthy boy/girl! 14 – 22 Youre not a healthy boy/girl!

28

29 BIBLIOGRAFIA Schema UDA da Didattica del testo! Processi e competenze L. Cisotto Carocci Editore Inglese e informatica nella scuola primaria MIUR Cross-curricolar Projects Proposte operative e schede fotocopiabile per un apprendimento integrato di lingua e contenuti, I. Calabrese, S. Rampone Ed. Loescher Effective Teaching in the Primary School Instruments, activities and strategies for the laboratory of English language E. Burchietti, C. Valentini 2005 Ed. Loescher Sito web Software usato Star Office., Microsoft Word ed Excel


Scaricare ppt "ESPERIENZA CLIL ESPERIENZA SCUOLA PRIMARIA A. S. 2006/07."

Presentazioni simili


Annunci Google