La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il sistema pensionistico. 2 Definizioni Le ragioni dellintervento pubblico Confronto fra sistemi pensionistici a) rendimento b) effetti sulla crescita.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il sistema pensionistico. 2 Definizioni Le ragioni dellintervento pubblico Confronto fra sistemi pensionistici a) rendimento b) effetti sulla crescita."— Transcript della presentazione:

1 Il sistema pensionistico

2 2 Definizioni Le ragioni dellintervento pubblico Confronto fra sistemi pensionistici a) rendimento b) effetti sulla crescita c) equità d) ripartizione del rischio fra generazioni Il sistema italiano Equilibrio macroeconomico e finanziario Confronti internazionali

3 Il sistema pensionistico 3 Il sistema pensionistico e' un meccanismo che trasferisce risorse correntemente prodotte dalla popolazione attiva a favore di chi: –ha cessato l'attività lavorativa per ragioni di età anagrafica (pensioni di vecchiaia) o di età contributiva (pensioni di anzianità); –non è più in grado di partecipare al processo produttivo per una sopravvenuta incapacità lavorativa (pensioni di invalidità); –pur non avendo mai fatto parte della forza lavorativa, è legato da rapporti familiari con persone decedute che hanno fatto parte della forza lavoro (pensioni ai superstiti); –è sprovvisto di qualunque forma di reddito e non è in grado di lavorare (pensioni assistenziali).

4 Il sistema pensionistico 4 Il sistema è finanziato dai contributi sociali versati dai lavoratori e dai datori di lavoro agli enti che erogano prestazioni pensionistiche. Lo Stato può intervenire ricorrendo alla fiscalità generale.

5 Il sistema pensionistico 5 Funzioni svolte dal sistema pensionistico Funzione assicurativa: lindividuo rinuncia a parte delle sue risorse quando attivo per vedersi riconosciuto un certo livello di reddito (e consumo) quando anziano Funzione previdenziale: il sistema garantisce all'individuo il mantenimento di un tenore di vita simile a quello raggiunto nella fase terminale della vita lavorativa (purché abbia adeguatamente contribuito al finanziamento del sistema) Funzione assistenziale: la collettività assicura a tutti i cittadini un reddito adeguato ad una esistenza dignitosa

6 Il sistema pensionistico 6 Realizzazione delle funzioni del sistema pensionistico in assenza di intervento pubblico Funzioni assicurativa e previdenziale attraverso a) il risparmio privato, investendo sul mercato dei capitali o sottoscrivendo delle polizze assicurative b) trasferimenti intrafamigliari Funzione assistenziale delegata al volontariato

7 Il sistema pensionistico 7 Ragioni dellintervento pubblico 1) Realizzazione della funzione assistenziale 2) Fallimenti dei mercati dei capitali –Limitato sviluppo dei mercati dei capitali –Asimmetrie informative (tra investitori e intermediari finanziari) sul rischio degli investimenti 3) Fallimenti dei mercati assicurativi –Assenza di copertura dal rischio di inflazione 4) Assicurazione come bene meritorio (la collettività ritiene miope chi non costituisce delle risorse per la vecchiaia)

8 Il sistema pensionistico 8 Evoluzione storica Famiglia patriarcale funzioni assistenziali delegate alle organizzazioni religiose, funzioni previdenziali e assicurative garantite all'interno della famiglia. Rivoluzione industriale dissolvimento della famiglia patriarcale sistemi assicurativi (volontari o su base contrattuale) finanziati dai contributi dei lavoratori e dei datori di lavoro. Soluzioni volontaristiche e contrattuali insufficienti a risolvere i problemi posti dallindustrializzazione e dallurbanizzazione negli ultimi decenni del XIX secolo, la Germania di Bismarck iniziò a mettere le basi del primo e più sviluppato sistema di previdenza sociale (obbligatorietà dellassicurazione pensionistica).

9 Il sistema pensionistico 9 Evoluzione storica Ragioni di tipo paternalistico (BENI MERITORI) spiegano lobbligatorieta l'individuo non e' in grado di prevedere con cura i propri bisogni effettivi in un periodo lontano nel tempo e di risparmiare in modo adeguato. Inizialmente, i sistemi pensionistici, pur essendo obbligatori, applicavano criteri assicurativi privati: –contributi versati investiti sui mercati dei capitali e immobiliare e montante corrisposto sotto forma di pensione, senza alcuna garanzia di adeguatezza della rendita ottenuta al momento del pensionamento. In seguito i sistemi pensionistici pubblici si sono assunti la responsabilità di garantire prestazioni adeguate.

10 Il sistema pensionistico 10 Classificazione Modalità di finanziamento delle prestazioni Sistema a ripartizione: in ogni periodo il gettito contributivo (somma dei contributi sociali versati) e' destinato al finanziamento delle prestazioni erogate nello stesso periodo (non si accumulano riserve: PATTO INTERGENERAZIONALE). Sistema a capitalizzazione: i contributi che ogni lavoratore versa nel periodo di attività sono investiti sul mercato dei capitali. La pensione corrisponderà al montante accumulato, riscosso sotto forma di rendita (accumulazione di riserve: OTTICA ASSICURATIVA INDIVIDUALE).

11 Il sistema pensionistico 11 SISTEMA A CAPITALIZZAZIONE Nel Sistema a capitalizzazione i contributi sono investiti sul mercato dei capitali. Il montante contributivo (MC) alla fine della vita lavorativa deve essere uguale al valore attuale del flusso di pensioni future (VA) data la speranza di vita. VA(P) = MC Classificazione Modalità di determinazione delle prestazioni

12 Il sistema pensionistico 12 Esistono due tipologie di fondi pensione: –fondi a contribuzione definita: ogni lavoratore è titolare di una posizione nell'ambito del fondo alla quale confluiscono i contributi, nella componente determinata contrattualmente ed in quella (eventualmente) volontaria. I versamenti danno luogo a un capitale che al momento della cessazione del rapporto di lavoro e' trasformato in rendita il rischio dell'investimento e' a carico dell'assicurato. –fondi a prestazione definita: il beneficio pensionistico e' fissato sulla base di una formula che lega la prestazione al salario e al numero di anni di contribuzione, in maniera analoga al Sistema a Ripartizione (Metodo Retributivo) il rischio dell'investimento passa dall'assicurato all'assicuratore. Tali fondi hanno lobbligo di mantenere una riserva a garanzia degli assicurati.

13 Il sistema pensionistico 13 Determinazione delle prestazioni SISTEMA A RIPARTIZIONE Il gettito complessivo annuale e destinato al finanziamento delle pensioni pagate nello stesso anno non si ha quindi costituzione di riserve e fondi intitolati ai singoli contribuenti; si formano invece diritti al pagamento di una pensione di un certo importo o secondo una certa formula. Le pensioni possono essere calcolate secondo due fondamentali metodi di calcolo: –il metodo retributivo; –il metodo contributivo.

14 Il sistema pensionistico 14 Il metodo retributivo La pensione annuale è pari ad una certa percentuale della retribuzione pensionabile moltiplicata per il numero di anni di contribuzione P = R p L = coeff. di rendimento R p =retribuzione pensionabile L = anni di contributi

15 Il sistema pensionistico 15 Il metodo contributivo La pensione annuale è determinata moltiplicando il montante contributivo per un coefficiente P = MC x a(r z, L)

16 Il sistema pensionistico 16 Tasso di rendimento Ripartizione vs. capitalizzazione Ipotesi: –pensioni finanziate esclusivamente con contributi sociali; –W t = monte salari al tempo t (pari al totale dei salari pagati) al lordo dei contributi sociali; –n = tasso di crescita delloccupazione; –m = tasso di crescita della produttività; – = percentuale di contribuzione. Monte salari al tempo t+1 = W t+1 =W t (1+n)(1+m)

17 Il sistema pensionistico 17 SISTEMA A CAPITALIZZAZIONE Contributi riscossi al tempo t = C t = W t investiti sul mercato dei capitali rendimento i Pensioni erogate al tempo t+1 = P t+1 = C t (1+i) = W t (1+i). Il rendimento è i un sistema pensionistico a capitalizzazione garantisce un rendimento pari al tasso di rendimento garantito sui mercati dei capitali.

18 Il sistema pensionistico 18 SISTEMA A RIPARTIZIONE Contributi riscossi al tempo t = C t = W t = P t = Pensioni erogate al tempo t. Contributi riscossi al tempo t+1= C t+1 = W t+1 = W t (1+n)(1+m)= P t+1 = Pensioni erogate al tempo t+1. Il rendimento implicito (ottenuto dalla generazione che lavora e versa contributi al tempo t e percepisce pensione al tempo t + 1) è tale che: un sistema pensionistico a ripartizione puro (in cui tutti i contributi versati sono esauriti nel pagamento delle pensioni nello stesso anno) garantisce un rendimento implicito (circa) pari alla somma del tasso di crescita dell'occupazione e della produttività.

19 Il sistema pensionistico 19 Tasso di rendimento Ripartizione vs. capitalizzazione Il sistema a capitalizzazione garantisce un rendimento superiore del sistema a ripartizione se i > n + m

20 Il sistema pensionistico 20 Tasso di rendimento Retributivo vs. Contributivo Tasso rendimento interno MC(i)=VA(i) Osservazione 1 Per particolari valori dei parametri il sistema retributivo può determinare pensioni eguali al sistema contributivo (a parità di contribuzione) Osservazione 2 Il sistema contributivo garantisce sempre leguaglianza dei tassi di rendimento interni fra contribuenti - pensionati

21 Il sistema pensionistico 21 Tasso di rendimento Retributivo vs. Contributivo Osservazione 3 Il sistema retributivo non garantisce in generale leguaglianza dei tassi di rendimento interno Osservazione 4 I sistemi retributivi favoriscono le carriere dinamiche. Tanto minore è il periodo su cui si calcola la retribuzione pensionabile tanto maggiore sarà la differenza dei TRI a favore delle carriere dinamiche

22 Il sistema pensionistico 22 Esempio R1R2R3R4R5P1P2TRI1TRI2 A ,8%2,5% B ,2% C ,7%2,8% Aliquota contributiva 15% Coefficiente di rendimento 0,16 P1: pensione calcolata con R p = R L P2: pensione calcolata con R p = media retribuzioni nellarco della vita R1(1+i) 5 + R2(1+i) 4 + R3(1+i) 3 + R4(1+i) 2 + R5(1+i) = P

23 Il sistema pensionistico 23 Effetti sulla crescita Quali sono gli effetti dei vari sistemi sul risparmio? Un aumento del risparmio fa aumentare la crescita? Qual è limpatto sul mercato dei capitali?

24 Il sistema pensionistico 24 Effetti sul risparmio SISTEMA A CAPITALIZZAZIONE In ogni periodo gli individui risparmiano e destinano parte del risparmio al finanziamento della propria previdenza. Poiché anche il risparmio previdenziale è investito sul mercato dei capitali al tasso i, il livello complessivo del risparmio effettuato in ogni periodo non è distorto dallesistenza del sistema pensionistico il sentiero di accumulazione di un sistema economico non e' modificato.

25 Il sistema pensionistico 25 SISTEMA A RIPARTIZIONE Il sistema a ripartizione confrontato con i sistemi tradizionali a capitalizzazione soffre di quattro principali difetti: l'incertezza congenita sulla sua capacità di pagare in futuro le pensioni promesse, incertezza dovuta al fatto che il sistema è stato creato sulla base di ipotesi non più valide sulla crescita dell'economia e della popolazione e sulla vita media dopo il pensionamento; l'estrema onerosità del sistema per i partecipanti; l'enorme contribuzione obbligatoria che non partecipa alla formazione del risparmio e dell'investimento nazionale (e quindi alla crescita dell'economia) perché usata per pagare le pensioni già in corso; l'illiquidità del credito accumulato per la pensione. (F. Modigliani, M.L. Ceprini, 1998) Se n+m=i a regime un sistema a capitalizzazione e un sistema a ripartizione hanno gli stessi effetti sul risparmio Nel sistema a ripartizione esiste un EFFETTO PRIMA GENERAZIONE: al momento dellavvio una parte del risparmio dei lavoratori viene trasferito ai pensionati. Se non esistono trasferimenti intergenerazionali il risparmio diminuisce Effetti sul risparmio

26 Il sistema pensionistico 26 Equità Un sistema pensionistico può realizzare diversi concetti di equità –Equità attuariale: realizzata quando a tutte le storie contributive e pensionistiche individuali è garantito lo stesso tasso di rendimento interno (= tasso che eguaglia in un dato istante di tempo il VA dei contributi versati al VA del flusso di pensioni). –Equità previdenziale: realizzata quando a tutti gli individui, a parità di durata della vita lavorativa, viene garantito lo stesso tasso di sostituzione (= Pensione/Ultima retribuzione). –Equità assistenziale: realizzata quando tutti i cittadini possono raggiungere un livello di reddito minimo.

27 Il sistema pensionistico 27 I rischi di un sistema pensionistico I principali rischi del sistema pensionistico sono classificabili in due classi: –Rischi nella fase di formazione del diritto alla pensione rischio di inadeguatezza dei rendimenti: il lavoratore, nonostante il versamento dei contributi, potrebbe trovarsi a fruire di un trattamento previdenziale insufficiente per una vita dignitosa. –Rischi nel periodo successivo al pensionamento rischio di inflazione: il valore reale della pensione non si mantiene nel tempo per la crescita dei prezzi; rischio demografico: collegato allallungamento della vita media. Ciò può determinare un aumento dei contributi sociali (quindi è a carico dei lavoratori attivi) o una diminuzione delle prestazioni (quindi è a carico dei pensionati); rischio salariale: legato alle posizioni economiche relative di lavoratori e pensionati. E coperto quando il rapporto Monte pensioni/Monte salari si mantiene costante nel tempo.

28 Il sistema pensionistico 28 Equilibrio finanziario Un sistema pensionistico è in equilibrio finanziario quando le entrate contributive e le pensioni erogate in un istante di tempo sono uguali. –Il sistema a capitalizzazione garantisce automaticamente lequilibrio finanziario. –Il sistema a ripartizione è in equilibrio finanziario se laliquota contributiva è pari a quella di equilibrio ( *):

29 Il sistema pensionistico 29 Distribuzione dei rischi SISTEMA A RIPARTIZIONE Le generazioni attive si impegnano a trasferire ai pensionati parte delle risorse correntemente prodotte, sulla base di una formula che definisce i diritti individuali e che può prescindere dal risultato dell'accumulazione dei contributi. –I termini del contratto riguardano: tasso di sostituzione tra ultimo salario e pensione; tipo di indicizzazione della pensione; aliquota contributiva. SISTEMA A CAPITALIZZAZIONE Ogni generazione finanzia le proprie pensioni, senza impegni nei confronti delle generazioni precedenti né diritti nei confronti di quelle successive.

30 Il sistema pensionistico 30 Distribuzione del rischio demografico SISTEMA A RIPARTIZIONE (ipotizziamo lequilibrio finanziario). I caso: Tasso di sostituzione dato. Con questo contratto la comunità si impegna a mantenere invariato nel tempo il rapporto tra pensione e ultima retribuzione. in questo caso il rischio demografico è accollato ai giovani (in Italia, prima della riforma Dini).

31 Il sistema pensionistico 31 II caso: Aliquota contributiva data. Con questo contratto la comunità si impegna a mantenere invariata nel tempo laliquota contributiva. in questo caso il rischio demografico è accollato agli anziani (in Italia, dopo la riforma Dini)

32 Il sistema pensionistico 32 SISTEMA A CAPITALIZZAZIONE Apparentemente non si pone a livello individuale il problema dellattribuzione del rischio demografico.Laumento del rapporto di dipendenza non sembra avere effetti sui pensionati che hanno accumulato in passato i fondi per la loro pensione. Tuttavia: Se una generazione numerosa è seguita da una generazione meno numerosa ci sara una forte accumulazione di fondi pensione che appartengono alla generazione anziana. La generazione più anziana fara ricorso ai risparmi accumulati per finanziare il livello desiderato di consumo. Tale livello di consumo superera i contributi pensionistici desiderati dalla generazione più piccola e giovane. Se la produzione non aumenta si verifica un disequilibrio che si puo manifestare in due modi differenti

33 Il sistema pensionistico 33 SISTEMA A CAPITALIZZAZIONE 1.Eccesso di domanda sul mercato dei beni linflazione riduce il potere dacquisto delle pensioni 2.Eccesso di offerta sul mercato dei titoli il valore dei fondi accumulati dai pensionati si riduce

34 Il sistema pensionistico 34 Distribuzione del rischio di inflazione SISTEMA A RIPARTIZIONE Coperto se sono previste forme di indicizzazione delle pensioni al tasso dinflazione. SISTEMA A CAPITALIZZAZIONE Rischio non assicurabile (coperto eventualmente con intervento pubblico).

35 Il sistema pensionistico 35 Distribuzione del rischio salariale SISTEMA A RIPARTIZIONE Coperto se sono previste forme di indicizzazione delle pensioni al tasso di crescita dei salari. SISTEMA A CAPITALIZZAZIONE A carico degli anziani poiché la dinamica salariale degli attivi non influenza la dinamica delle pensioni percepite.

36 Il sistema pensionistico 36 Distribuzione del rischio di inadeguatezza dei rendimenti SISTEMA A RIPARTIZIONE I contributi vengono rivalutati a tassi che riflettono le grandezze reali (tasso di crescita delloccupazione e della produttività). SISTEMA A CAPITALIZZAZIONE I contributi versati vengono investiti sul mercato dei capitali (rendimenti più variabili; rischio di perdite in conto capitale a causa dellinflazione). –E' interessante notare che gran parte dei sistemi pensionistici è nato come Sistema a Capitalizzazione e il passaggio verso i Sistemi a Ripartizione è stato causato da fenomeni inflazionistici che polverizzarono le riserve previdenziali.

37 Il sistema pensionistico 37 Il sistema pensionistico italiano Tra i momenti costitutivi del sistema pensionistico italiano si possono ricordare: –1919: introduzione previdenza obbligatoria per i dipendenti privati (principalmente operai), in ritardo rispetto ad altri paesi europei –1939: introduzione previdenza a favore dei superstiti –anni 50-60: introduzione previdenza obbligatoria per impiegati, coltivatori diretti e lavoratori autonomi –1969: introduzione pensione sociale per anziani privi di reddito (assistenza) –1970: introduzione definitiva del sistema a ripartizione –1992: riforma Amato –1995: riforma Dini

38 Il sistema pensionistico 38 La contribuzione al sistema In Italia, il finanziamento del sistema pensionistico avviene mediante la contribuzione sociale obbligatoria. Il prelievo contributivo complessivo per i lavoratori dipendenti può superare il 42%. L'aliquota contributiva per i lavoratori autonomi e' fissata al 20% del reddito dichiarato ai fini IRPEF/IRE. Nella tabella: contributi sociali relativi a operai in imprese con più di 50 dipendenti nel 2004 Fonte: Relazione generale 2004

39 Il sistema pensionistico 39 A inizio anni '90 il giudizio sul sistema pensionistico italiano era fortemente negativo. I problemi principali erano: –gravi rischi di squilibrio finanziario: nel 1992 il debito previdenziale (i.e. la differenza tra valore attuale delle prestazioni da erogare in futuro e valore attuale dei contributi secondo le aliquote contributive vigenti) era pari a (circa) euro 2,000 miliardi. –differenziazioni molto forti tra categorie e settori (agricoltura, pubblico impiego e industria, con situazioni mediamente di privilegio per i primi due settori) e disomogeneità di trattamento tra lavoratori autonomi e dipendenti; –abnorme estensione delle pensioni di anzianità (baby pensionati), in particolare nel pubblico impiego, con l'effetto di avere pensionati con pochi anni di contribuzione e lunga speranza di vita; –uso della previdenza per finalità assistenziali (attraverso le pensioni di invalidità) o per la soluzione di crisi industriali (prepensionamenti in caso di crisi aziendali o settoriali).

40 Il sistema pensionistico 40 Previsioni demografiche Istat, marzo 2006

41 Il sistema pensionistico 41 Previsioni demografiche Istat, marzo 2006

42 Il sistema pensionistico 42 Previsioni demografiche Istat, marzo 2006

43 Il sistema pensionistico 43 Le riforme Descriviamo sinteticamente i 3 regimi (ci limitiamo per semplicità ai soli lavoratori dipendenti dell'industria): –pre-1992 –riforma Amato (1992) –riforma Dini (1995) confrontandoli sulla base di: –funzione previdenziale e assicurativa –funzione assistenziale –distribuzione dei rischi –equilibrio finanziario e macroeconomico

44 Il sistema pensionistico 44 Le riforme Funzione previdenziale e assicurativa Condizioni di accesso PRE-1992 –Pensioni di vecchiaia: 55 anni donne; 60 anni uomini (minimo di 15 anni di contribuzione). –Pensioni di anzianità: 35 anni di contributi. RIFORMA AMATO –Pensioni di vecchiaia: 60 anni donne; 65 anni uomini (minimo di 20 anni di contribuzione). –Pensioni di anzianità: 35 anni di contributi. RIFORMA DINI –Pensioni di vecchiaia: minimo 57 anni, massimo 65 anni (minimo di 5 anni di contribuzione). –Abrogate (con gradualità) le pensioni di anzianità.

45 Il sistema pensionistico 45 Determinazione delle prestazioni PRE-1992 –Metodo retributivo: P = β Rp L Rp = media degli stipendi degli ultimi 5 anni, rivalutati al costo della vita β=2% (max βL=80%) –Tassi di sostituzione simili a parità di anzianità contributiva e indipendentemente dalletà di pensionamento garantisce equità previdenziale. –Tassi di rendimento interno più elevati per i profili salariali dinamici e minore letà di pensionamento non garantisce equità attuariale.

46 Il sistema pensionistico 46 RIFORMA AMATO –Metodo retributivo: P = β Rp L Rp = media degli stipendi di tutta la vita, rivalutati al costo della vita β=2% (max βL=80%) –Tassi di sostituzione inversamente proporzionali al tasso di crescita dei salari non garantisce equità previdenziale. –Tassi di rendimento interno si riducono, soprattutto per chi ha profili salariali dinamici.

47 Il sistema pensionistico 47 RIFORMA DINI –Metodo contributivo: P=a MC Il montante contributivo MC è calcolato rivalutando i contributi di ciascun lavoratore (33% delle retribuzioni) ad un tasso pari alla media mobile quinquennale del tasso di crescita del PIL nominale a = coefficiente di trasformazione che riflette la vita attesa al momento del pensionamento (crescente con letà di pensionamento; aggiornato ogni 10 anni in base alle variazioni della speranza di vita media) –Tassi di sostituzione crescenti nelletà di pensionamento; più bassi per chi ha profili salariali che crescono più velocemente del PIL non garantisce equità previdenziale. –Tassi di rendimento interno uguali per tutti indipendentemente dalletà di pensionamento (nella fascia consentita) e dalla dinamica salariale garantisce equità attuariale.

48 Il sistema pensionistico 48 Confronto in termini di tassi di sostituzione

49 Il sistema pensionistico 49 Confronto in termini di tassi di rendimento interno

50 Il sistema pensionistico 50 Funzione assistenziale PRE-1992 –Periodo contributivo minimo: 15 anni. –Integrazione al minimo: integrazione ad un livello di 402 mensili per chi avesse pensioni inferiori. –Pensioni di invalidità: concessione della pensione integrata al minimo, dopo soli 5 anni di contribuzione, se si fosse dichiarata linvalidità del beneficiario. Le pensioni di invalidità sono state un potente strumento di sostegno del reddito (per chi non poteva avvalersi di un periodo sufficiente di contribuzione) e un ammortizzatore sociale che ha creato significative distorsioni nel funzionamento di tutto il sistema di protezione sociale. Nel 1980 il 35% delle erogazioni del FPLD erano pensioni di invalidità, e le pensioni di invalidità dei coltivatori diretti erano il 75% del totale. –Pensioni sociali: istituite nel 1969 a favore dei cittadini senza storia professionale e sprovvisti di reddito. Sempre inferiori alle pensioni integrate al minimo. Incentivo a farsi riconoscere linvalidità.

51 Il sistema pensionistico 51 RIFORMA AMATO –Periodo contributivo minimo: 20 anni. RIFORMA DINI –Periodo contributivo minimo: 5 anni (ma pensione prima dei 65 anni d'età solo se limporto maturato è almeno pari a 1,2 volte l'assegno sociale) –Integrazione al minimo: abolita –Pensioni di invalidità: attribuite solo in casi di gravi menomazioni –Pensioni sociali: sostituite dallassegno sociale (nel 2003 pari a 359 al mese).

52 Il sistema pensionistico 52 Distribuzione dei rischi Rischio demografico PRE-1992 –Tasso di sostituzione dato Rischio demografico a carico dei lavoratori. RIFORMA AMATO –Spostamento in avanti dell'età di pensionamento (per ridurre il numero dei pensionati), in parte neutralizzato dalla possibilità di avere comunque la pensione di anzianità con 35 anni di contributi. –Tasso di sostituzione dato. Rischio demografico a carico dei lavoratori. RIFORMA DINI –Abolizione graduale della pensione di anzianità. –Età di pensionamento flessibile tra i 57 e i 65 anni, ma disincentivo monetario ai pensionamenti anticipati rispetto alletà massima. –Revisione decennale del coefficiente di trasformazione. Rischio demografico spostato sui pensionati.

53 Il sistema pensionistico 53 Rischio dinflazione e salariale PRE-1992 –Indicizzazione delle pensioni allinflazione e al tasso di crescita dei salari reali. Rischio di inflazione e salariale a carico dei lavoratori. RIFORMA AMATO –Indicizzazione delle pensioni allinflazione. –Eliminata lindicizzazione delle pensioni al tasso di crescita dei salari reali. Rischio di inflazione a carico dei lavoratori e rischio salariale a carico dei pensionati. RIFORMA DINI –Ridotta lindicizzazione allinflazione l'adeguamento allinflazione è al 100% solo per pensioni relativamente limitate (<2 volte il trattamento minimo del FPLD) e arriva al 75% per chi eccede il trattamento minimo di 3 volte. –Confermata leliminazione dellindicizzazione al tasso di crescita dei salari reali. Rischio di inflazione a carico dei lavoratori e rischio salariale a carico dei pensionati.

54 Il sistema pensionistico 54 Equilibrio finanziario –Lequilibrio finanziario è realizzato quando le spese pensionistiche sono tendenzialmente uguali alle entrate destinate al finanziamento delle pensioni. –L'equilibrio finanziario dipende fortemente dalla definizione di uscite adottata. –In una definizione ristretta si considerano uscite solo le pensioni di anzianità, vecchiaia e superstiti. –In una versione allargata si comprendono anche le pensioni di tipo assistenziale (pensioni di invalidità, integrazioni al minimo pensionistico, prepensionamenti concessi per motivi economico- congiunturali). –Una legge del 1988 ha previsto che lo stato versi lire all'INPS per ogni mensilità di pensione erogata: è visto come una compensazione per le prestazioni di tipo assistenziale.

55 Il sistema pensionistico 55 Equilibrio macroeconomico –L'equilibrio macroeconomico è misurato dal rapporto tra monte pensioni e PIL (MP/PIL). –L'equilibrio macroeconomico è realizzato quando lammontare di risorse trasferite alle generazioni anziane attraverso il sistema previdenziale (pubblico) non è eccessivo. –Se il trasferimento è eccessivo ci possono essere effetti negativi in termini di livelli di risparmio e di accumulazione o di livelli di consumo della classe degli attivi. –Nel 2001 la spesa per pensioni/PIL era pari al 13,4%. Nel decennio dovrebbe arrivare al picco massimo del 15% e ritornare poi a diminuire. –I risultati di queste simulazioni sono fortemente influenzati dalle ipotesi fatte sulle dinamiche demografiche e occupazionali. Tassi di crescita della produttività e del PIL molto contenuti.

56 Il sistema pensionistico 56 RIFORMA DINI –Controllo della spesa pensionistica pubblica Innalzamento delleffettiva età di pensionamento Revisione decennale del coefficiente di trasformazione Abolizione delle pensioni di anzianità Assenza di collegamento fra pensioni e salari Ridimensionamento degli istituti assistenziali –Incentivazione previdenza integrativa (fondi pensione)

57 Il sistema pensionistico 57

58 Il sistema pensionistico 58 Gradualità delle riforme Le riforme pensionistiche Amato e Dini sono state corredate da un insieme di disposizioni di carattere transitorio volte a rendere molto lento e graduale l'avvio a regime del sistema descritto. La riforma Dini sarà pienamente in vigore solo nel 2036.

59 Il sistema pensionistico 59 Coesistenza di Pubblico e Privato: la previdenza integrativa Se fattori demografici inducono a pensare che le pensioni pro- capite diminuiranno è naturale che si diffondano sistemi pensionistici integrativi. La previdenza complementare, e in particolare i fondi pensione aziendali o di categoria, sono destinati a sostituire, in prospettiva e sulla base della contrattazione tra le parti, l'attuale TFR.

60 Il sistema pensionistico 60 ITALIA In Italia convivono: –sistema previdenziale pubblico, con prestazioni indicizzate allinflazione, con tassi di sostituzione decrescenti all'aumentare del saggio di crescita medio della retribuzione; –sistema previdenziale privato, con prestazioni non indicizzate allinflazione, fondato sul principio della contribuzione definita. Senza prestazione garantita e indicizzazione, si sposta il rischio sui beneficiari. Come visto la riforma Dini penalizza i profili salariali più dinamici coloro che hanno più dinamismo nella carriera lavorativa dovrebbero rivolgersi al sistema privato; i contributi versati sono anche fiscalmente agevolati.

61 Il sistema pensionistico 61 USA In USA convivono: –pensione pubblica, con prestazioni indicizzate allinflazione, caratterizzata da tassi di sostituzione decrescenti al crescere del reddito e della velocità di carriera; –pensioni private, con prestazioni non indicizzate allinflazione, fondate sia sul principio della prestazione definita sia su quello della contribuzione definita. I tassi di sostituzione della pensione pubblica sono decisamente inferiori rispetto a quelli ottenibili in Italia (tra il 45% e il 20,5%). In USA e' molto estesa la copertura previdenziale mediante fondi privati (58% dei lavoratori pubblici e delle grandi imprese, solo il 17% dei dipendenti delle piccole imprese). In USA, se il lavoratore e' garantito da previdenza pubblica e privata ottiene tassi di sostituzione elevati paragonabili a quelli europei, e la funzione previdenziale è garantita. Se esiste solo pensione pubblica (circa metà dei lavoratori) la funzione previdenziale e' relativamente assicurata solo per i redditi più bassi e meno dinamici.

62 Il sistema pensionistico 62 CILE Il Cile rappresenta un'esperienza interessante in quanto si ha: –pensione privata a capitalizzazione con garanzia pubblica di rendimento minimo. Il sistema pensionistico e' dunque obbligatorio, privatamente gestito, regolato dall'autorità pubblica. Tutti i lavoratori sono obbligatoriamente iscritti ad un fondo pensione privato liberamente scelto, a cui devono versare almeno il 10% del proprio salario. I fondi operano nel mercato finanziario, in concorrenza tra loro. I fondi sono regolamentati nelle loro scelte di investimento per conciliare redditività e sicurezza. E' di fatto un sistema a capitalizzazione su base individuale, senza fondi aziendali come in USA. Lo stato garantisce la pensione minima, integra il capitale in caso di rendimenti insufficienti e garantisce il valore reale della pensione. In altri termini, i rischi di fallimento dei sistemi a capitalizzazione sono trasferiti allo stato.

63 Il sistema pensionistico 63 La nuova riforma pensionistica in Italia La riforma è contenuta nella legge delega 28/7/04. –La maggior parte delle novità saranno operative dal Obiettivi –elevare gradualmente l'età di pensionamento, principalmente su base volontaria; –sviluppare la previdenza complementare, da affiancare a quella pubblica.

64 Il sistema pensionistico 64 La nuova riforma pensionistica in Italia Strumenti La stretta contro le pensioni di anzianità –fino al 2007 restano in vigore le norme vigenti; –dal 2008 per le pensioni di anzianità entra in vigore il requisito unico dei 40 anni di contribuzione a prescindere dalletà; –dal 2008 i lavoratori dipendenti potranno andare in pensione di anzianità con 60 anni di età (61 per gli autonomi) + 35 anni di contributi. Letà sale a 61 anni (62 per gli autonomi) dal 2010 e, dopo una verifica nel 2013, a 62 anni (63 per gli autonomi) nel 2014; –per le donne dal 2008 resterà possibile ottenere la pensione di anzianità con 57 anni di età e 35 di contributi, ma la pensione sarà interamente calcolata con il metodo contributivo con una riduzione sostanziale della prestazione, oscillante tra il 30 e il 40%.

65 Il sistema pensionistico 65 Modifiche alle pensioni di vecchiaia –per le pensioni liquidate con il metodo retributivo non cambia nulla; –per i neo-assunti dal , per i quali la pensione è calcolata esclusivamente con il metodo contributivo, letà pensionabile viene elevata da 57 anni a 65 anni per gli uomini e 60 anni per le donne.

66 Il sistema pensionistico 66 TFR (dal 2008) –conferimento degli accantonamenti ai fondi pensione: il lavoratore avrà 6 mesi per decidere la destinazione del TFR (silenzio-assenso); –problemi: per le imprese, rinuncia a fonte di finanziamento a basso costo; per i lavoratori, assunzione del rischio associato agli investimenti sul mercato dei capitali.

67 Il sistema pensionistico 67 I risparmi della riforma

68 Il sistema pensionistico 68

69 Il sistema pensionistico 69

70 Il sistema pensionistico 70

71 Il sistema pensionistico 71


Scaricare ppt "Il sistema pensionistico. 2 Definizioni Le ragioni dellintervento pubblico Confronto fra sistemi pensionistici a) rendimento b) effetti sulla crescita."

Presentazioni simili


Annunci Google