La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 1 LE RAGIONI DELLA SOSTENIBILITÀ: per il progetto di un futuro possibile Toni Federico, ISSI, Istituto Sviluppo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 1 LE RAGIONI DELLA SOSTENIBILITÀ: per il progetto di un futuro possibile Toni Federico, ISSI, Istituto Sviluppo."— Transcript della presentazione:

1 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 1 LE RAGIONI DELLA SOSTENIBILITÀ: per il progetto di un futuro possibile Toni Federico, ISSI, Istituto Sviluppo Sostenibile Italia Seminario UISP: Ambiente e sostenibilità; Firenze giugno 2007 nnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnn nn

2 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 2 Il consumo esponenziale delle risorse Agli inizi dello scorso secolo, nel 1900, utilizzavamo giornalmente solo pochi barili di petrolio: nel 1997 il consumo quotidiano era di 72 milioni di barili di petrolio. Utilizzavamo metalli per una ventina di milioni di tonnellate e siamo passati ad oltre 1,2 miliardi di tonnellate. Il consumo di carta e' passato dai 4 milioni di tonnellate del 1900 a circa 160 milioni di tonnellate nel La produzione di materie plastiche era praticamente sconosciuta nel 1900 ed ha raggiunto i 131 milioni di tonnellate nel Leconomia umana attinge attualmente a tutti i 92 elementi presenti in natura e compresi nella Tavola periodica, mentre nel 1900 ne utilizzava solo una ventina. Il prodotto globale lordo delleconomia mondiale è passato dai miliardi di dollari nel 1900 ad oltre miliardi di dollari nel 2000.

3 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 3 Lesplosione demografica La nostra specie (Homo sapiens sapiens) esiste da almeno anni, e si è andata evolvendo da linee filetiche che, risalgono a più di 4,5 milioni di anni fa. Secondo le stime più accreditate anni fa vi erano dai 2 ai 20 milioni di abitanti. Intorno allinizio dell'era cristiana la popolazione umana era tra i 170 ed i 330 milioni. Intorno al 1650 eravamo tra 1500 ed i 600 milioni. Il primo miliardo di abitanti fu raggiunto intorno al Abbiamo iniziato il 900 con 1,6 miliardi di abitanti e lo abbiamo chiuso con oltre 6 miliardi. I 6 miliardi sono stati raggiunti alla data simbolica indicata dallONU il 12 ottobre La popolazione cresce attualmente ad un tasso annuale dell' 1 ~2 %, il che significa 77 milioni in più di esseri umani lanno. Sei paesi costituiscono da soli la metà di questo incremento: LIndia per il 21%, la Cina per il 12%, il Pakistan per il 5%, la Nigeria ed il Bangladesh per il 4% e lIndonesia per il 3%. Al 2050 la forcella previsionale si estende tra i 7,9 e i 10,9 miliardi con un valore più probabile di 9,3 miliardi.

4 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 4 La crescita che verrà

5 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 5 I primi segni del rallentamento

6 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 6 La questione centrale per il nostro futuro e' come riuscire a vivere su questa Terra affollata in maniera dignitosa ed equa per tutti; senza distruggere i sistemi naturali che sono le basi stesse della vita. Gli economisti continuano a concentrare la loro attenzione sul perseguimento di una crescita economica continua che, inevitabilmente, nonostante i perfezionamenti della tecnologia, che erode ed inquina i sistemi naturali, aggrava le differenze sociali e materiali tra i ricchi e i poveri del pianeta. Siamo la prima generazione che possiede gli strumenti per comprendere i cambiamenti che la stessa attività umana ha prodotto sulla Terra e nello stesso tempo siamo l'ultima generazione che ha lopportunità' di influenzare molti di essi. Manca ancora la consapevolezza, che questi problemi possono essere risolti solo con una vera e propria rivoluzione culturale rispetto ai nostri modi di concepire i sistemi economici, quelli sociali e quelli naturali. Ambiente e sviluppo

7 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 7 La crescita delle attività umane e lambiente potranno trovare un punto di equilibrio stabile e durevole. Il concetto di sostenibilità deriva dal verbo sostenere (G. Bologna) che vuol dire supportare, sopportare, mantenere il peso di, dare forza a, ecc. Si tratta di un concetto apparentemente molto chiaro; sembra infatti facile pensare al fatto che ogni nostra azione possa essere sostenuta dalle capacità presenti nel sistema su cui si opera. Il termine sostenibilità e, soprattutto, quello di sviluppo sostenibile, si e' andato formando negli anni 80 nellambito della comunità internazionale, in particolare nelle Nazioni Unite. Il concetto di sviluppo, strettamente legato a quello di crescita economica, entrava in evidente conflitto con lambiente. La crescita economica anziché creare abbondanza, benessere e rimozione dei fattori di povertà è diventata nei paesi poveri sempre più causa di povertà e scarsità. Un equilibrio è possibile?

8 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 8 Lenergia totale delluniverso è costante; lentropia totale è in continuo aumento. Una determinata quantità di energia può essere parzialmente trasformata in lavoro. Il residuo non va perduto ma trasformato in altra forma, generalmente calore, con aumento di entropia. Senza apporto di energia solare la risorsa energetica globale del pianeta si degrada inesorabilmente ed in maniera irreversibile. Lo stock energetico terrestre ha due tipologie : fonti rinnovabili con riferimento allunità temporale della vita umana e fonti fossili rinnovabili solo in tempi geologici e che quindi, luomo deve considerare come non rinnovabili per il raggiungimento dei suoi obiettivi. Gli stock terrestri a bassa entropia possono essere classificati in energia e materia. Entrambe le fonti, la terrestre e la solare, sono limitate. Le risorse terrestri non rinnovabili sono limitate dalla quantità totale disponibile. Anche le rinnovabili hanno un ammontare disponibile limitato e, se sfruttate fino allesaurimento, si comportano esattamente come le risorse non rinnovabili. I determinanti dello sviluppo: lenergia

9 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 9 La domanda mondiale di energia

10 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 10 I determinanti dello sviluppo: la materia I flussi di materia, energia ed acqua attraversano tutti i sistemi e condizionano la produzione industriale, come è ben rappresentato dal modello input-output. Il fabbisogno di materia è vitale e crescente. La dematerializzazione delleconomia e leco- efficienza si giocano sulla riduzione dei flussi di materia.

11 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 11 La curva di Hubbert dellesaurimento del petrolio

12 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 12 I determinanti dello sviluppo: la mobilità e i trasporti Leconomia dei paesi sviluppati è caratterizzata da una domanda ipertrofica di mobilità per i passeggeri e le merci, incompatibile con i costi economici, sociali ed ambientali. In Europa la domanda di trasporto passeggeri è aumentata del 110% dal 1970 al 1997, con un tasso di crescita annua pari a 2,8%, sorpassando anche la crescita media del PIL pari a 2,5%. Nelle città più grandi la crescita del trasporto pubblico e privato su strada è rallentata solo per effetto della maggior congestione della rete viaria. Linefficienza dei sistemi di trasporto si riflette sulla qualità della vita, sullambiente e sullefficienza del sistema economico. Gli alti costi del trasporto urbano restano spesso nascosti, sia per gli aspetti socio-economici che per quelli ambientali (costi esterni). Gli effetti ambientali si manifestano sia in termini di uso di risorse e di territorio, sia in termini di peggioramento delle condizioni di vita e di salute dei cittadini. E atteso un aumento del 10-15% nelle emissioni di CO2 in EU per il 2010 rispetto ai livelli del 1995.

13 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 13 I determinanti dello sviluppo: la mobilità e i trasporti Leconomia dei paesi sviluppati è caratterizzata da una domanda ipertrofica di mobilità per i passeggeri e le merci, incompatibile con i costi economici, sociali ed ambientali. In Europa la domanda di trasporto passeggeri è aumentata del 110% dal 1970 al 1997, con un tasso di crescita annua pari a 2,8%, sorpassando anche la crescita media del PIL pari a 2,5%. Nelle città più grandi la crescita del trasporto pubblico e privato su strada è rallentata solo per effetto della maggior congestione della rete viaria. Linefficienza dei sistemi di trasporto si riflette sulla qualità della vita, sullambiente e sullefficienza del sistema economico. Gli alti costi del trasporto urbano restano spesso nascosti, sia per gli aspetti socio-economici che per quelli ambientali (costi esterni). Gli effetti ambientali si manifestano sia in termini di uso di risorse e di territorio, sia in termini di peggioramento delle condizioni di vita e di salute dei cittadini. E atteso un aumento del 10-15% nelle emissioni di CO2 in EU per il 2010 rispetto ai livelli del 1995.

14 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 14 I determinanti dello sviluppo: le modalità di trasporto in EU

15 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 15 I determinanti dello sviluppo: traffico automobilistico in EU

16 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 16 Il Rapporto indipendente preparatorio della conferenza di Stoccolma, Una sola terra, scritto con il contributo di numerosi esperti di fama internazionale, sottolineava ripetutamente la necessità di ecologizzare i processi di sviluppo. Nel rapporto Que faire? predisposto dalla Dag Hammarskjold Foundation (1975) leco-sviluppo veniva definito come uno sviluppo endogeno basato sulle proprie forze locali, sottomesso alla logica dei bisogni dellintera popolazione e non della produzione economica considerata come un fine in sé e finalmente cosciente della propria dimensione ecologica e alla ricerca di un'armonia tra uomo e natura. Siamo allindomani della grave crisi petrolifera del 1974 che fu causa di pesanti restrizioni dei consumi ma anche una occasione storica per riflettere sui temi strutturali dello sviluppo. Un sola Terra

17 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 17 Già nella prima parte del volume compilato dalla WCED dellONU, presieduta dal primo ministro norvegese Brundtland, una donna, dedicata ad una panoramica riassuntiva della Commissione dal titolo Da un'unica Terra a un unico mondo compare quella che e' poi diventata la più diffusa definizione di sviluppo sostenibile: Lumanità ha la possibilità di rendere sostenibile lo sviluppo, cioè di far si che esso soddisfi i bisogni dellattuale generazione senza compromettere la capacità di quelle future di rispondere ai loro. Il concetto di sviluppo sostenibile comporta limiti, ma non assoluti, bensì imposti dallattuale stato della tecnologia e dell'organizzazione sociale alle risorse economiche e dalla capacità della biosfera di assorbire gli effetti delle attività umane. La tecnologia e lorganizzazione sociale possono essere però gestite e migliorate allo scopo di inaugurare una nuova era di crescita economica. Our Common Future: Il testo che prepara il Summit di Rio 1992

18 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 18 Quasi tutti i testi si riportano solo le prime tre righe. Nellintroduzione al Rapporto la stessa BrundtIand scrive chiaro e tondo: Ciò di cui abbiamo bisogno attualmente e' una nuova era di crescita economica – una crescita vigorosa e in pari tempo socialmente ed ambientalmente sostenibile. E lidea-forza della futura Conferenza di Rio: lo sviluppo economico come paradigma dei nuovi equilibri più giusti e ambientalmente sostenibili. Unidea paradossale, destinata al fallimento. Nei dieci anni seguenti la crescita diventerà ancor più un privilegio di pochi ed entrerà in conflitto con la scarsità delle risorse, dellacqua, del territorio e con gli effetti gravi del cambiamento climatico. La globalizzazione, rottura dei confini nazionali ed accelerazione della velocità di circolazione del capitale finanziario, aprirà una nuova fase a livello mondiale. Crescita o sviluppo?

19 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 19 Noi prendiamo a prestito capitali ambientali di generazioni future, senza avere ne' lintenzione ne' la possibilità di rifonderli: le generazioni future potranno maledirci per il nostro atteggiamento da scialacquatori, ma non potranno mai farsi ripagare il debito che abbiamo contratto con loro. Se cosi ci comportiamo, è perché possiamo permettercelo: le generazioni future non votano, non hanno potere politico ne' finanziario, non possono opporsi alle nostre decisioni. Ma le conseguenze dellattuale sperpero stanno rapidamente precludendo le opzioni delle generazioni future. Gran parte degli attuali responsabili di decisioni sarà morta prima che il pianeta avverta gli effetti più dannosi delle piogge acide, del riscaldamento globale, dellimpoverimento della fascia di ozono, della diffusa desertificazione e dello sterminio delle specie viventi. Gran parte dei giovani che oggi votano a quell'epoca sarà ancora viva; e durante le udienze della Commissione sono stati proprio i giovani coloro che hanno più da perdere, i più aspri critici dellattuale gestione del pianeta. I diritti delle generazioni future

20 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 20 I principi di Rio: Responsabilità 1.Gli esseri umani sono al centro delle problematiche per lo sviluppo sostenibile. Essi hanno diritto a una vita sana e produttiva in armonia con la natura. … 7.Gli Stati devono cooperare in uno spirito di collaborazione globale per conservare, tutelare e ripristinare lintegrità e la salute dellecosistema della Terra. Nel quadro dei diversi contributi al degrado ambientale globale, gli Stati avranno responsabilità comuni, ma differenziate. I Paesi sviluppati prendono atto della propria responsabilità nel perseguimento internazionale dello sviluppo sostenibile, considerando le pressioni che le loro società esercitano sullambiente globale e le tecnologie e delle risorse finanziarie che essi controllano.

21 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 21 I principi di Rio: Partecipazione 7.Per realizzare lo sviluppo sostenibile e ottenere una migliore qualità della vita per tutte le persone, gli Stati devono ridurre ed eliminare i modelli insostenibili di produzione e di consumo e promuovere adeguate politiche demografiche. 8.Gli Stati devono collaborare per rafforzare la formazione endogena di competenze per lo sviluppo sostenibile, promuovendo il sapere scientifico attraverso scambi di conoscenze scientifiche e tecniche e favorendo lo sviluppo, ladattamento, la diffusione e il trasferimento di tecnologie, incluse quelle nuove e innovative. 10.I problemi ambientali vengono affrontati al meglio con la partecipazione di tutti i cittadini interessati, ciascuno a seconda del proprio livello. …

22 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 22 I principi di Rio: Precauzione … 15.Al fine di tutelare lambiente, gli Stati adotteranno ampliamente un approccio cautelativo in conformità alle proprie capacità. Qualora sussistano minacce di danni gravi o irreversibili, la mancanza di una completa certezza scientifica non potrà essere addotta come motivo per rimandare iniziative costose in grado di prevenire il degrado ambientale. 16.Le autorità nazionali dovranno cercare di promuovere linternalizzazione dei costi ambientali e luso di strumenti economici, tenendo presente il principio che chi inquina deve fondamentalmente sostenere il costo dellinquinamento, … …

23 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 23 I principi di Rio: Pace e protagonisti 20.Le donne hanno un ruolo fondamentale nella gestione e nello sviluppo ambientale. … 21.La creatività, gli ideali e il coraggio della gioventù di tutto il mondo devono essere mobilitati per … realizzare uno sviluppo sostenibile e assicurare un migliore futuro per tutti. 22.Le genti indigene e le altre comunità locali hanno un ruolo fondamentale nella gestione e nello sviluppo ambientale grazie alla loro conoscenza e alle usanze tradizionali. … … 25.La pace, lo sviluppo e la tutela dellambiente sono interdipendenti e indivisibili. 26.Gli Stati risolveranno le controversie ambientali pacificamente e con gli strumenti idonei in conformità alla Carta delle Nazioni Unite.

24 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 24 Nel programma dazione della conferenza di Rio de Janeiro nel 1992 si realizza in chiave ed ottimistica la conciliazione del conflitto tra Ambiente e Sviluppo nel nome del progresso economico e tecnologico, rimedio alle diseguaglianze ed alla povertà degli uomini. Il documento prende il nome di Agenda 21: 40 importanti capitoli che definiscono il percorso verso lo sviluppo sostenibile indicando obbiettivi, metodi, ruoli e doveri. E un grande documento che dopo 15 anni conserva inalterati ed in gran parte inattuati i suoi valori. Per molti anni ancora lAgenda 21 resterà il punto più alto della consapevolezza dellumanità sul proprio destino, una sorta di Vangelo laico. Viene affidata ai 184 stati firmatari e negli anni successivi entrerà gradualmente nel lessico dei governi e delle amministrazioni locali di tutto il mondo. Agenda 21

25 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 25 La Convenzione UNFCCC è stata negoziata nel 1991 e 1992 ed è entrata in vigore il 21 marzo Il suo obiettivo è definito allart. 2: The ultimate objective (…) is to achieve, in accordance with the relevant provisions of the Convention, stabilization of greenhouse gas concentrations in the atmosphere at a level that would prevent dangerous anthropogenic interference with the climate system. Such a level should be achieved within a time-frame sufficient to allow ecosystems to adapt naturally to climate change, to ensure that food production is not threatened and to enable economic development to proceed in a sustainable manner. Il cambiamento climatico dopo 15 anni è ormai in atto ed è divenuto il vero banco di prova delle capacità del mondo di dotarsi di un governo globale per un futuro possibile. Le Convenzioni quadro di Rio: Cambiamenti Climatici

26 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 26 Nel corso della 3° Conferenza delle Parti alla fine del 1997, viene approvato il Protocollo di Kyoto, primo atto contenente indicazioni operative per lattuazione di alcuni degli impegni più urgenti previsti della Convenzione. Il Protocollo individua i gas serra climalteranti dei quali debbono essere ridotte le emissioni, nonché i tempi e le misure di tali riduzioni. Le riduzioni prescritte, pur se insufficienti a stabilizzare le concentrazioni planetarie di gas serra, devono essere obbligatoriamente conseguite entro il 2012 da tutti i paesi che hanno ratificato il Protocollo. Gli Stati Uniti non hanno ratificato, pur essendo causa di un quarto delle emissioni serra di tutto il mondo. La percezione della gravità del rischio climatico ha spinto lEuropa ad adottare unilateralmente la riduzione del 20% delle emissioni proprie entro il 2020 ed ad invocare al G8 di Heiligendamm del 2007 limpegno di tutti i leader della terra. Il Protocollo di Kyoto

27 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 27 Curva di Keeling della concentrazione CO2 a Mauna Loa, Hawaii

28 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 28 Accrescimento della concentrazione atmosferica della CO 2

29 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 29 Lo stato delle emissioni serra in Europa rispetto agli obiettivi

30 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 30 Misure sperimentali dellinnalzamento termico

31 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 31 IPPC 2007: aumento del contenuto energetico oceanico

32 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 32 IPCC 2007: crescita del livello oceanico

33 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 33 Variazioni della massa ghiacciata artica tra 1979 e 2003

34 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 34 Variazioni della massa ghiacciata in Groenlandia

35 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 35 Lorso bianco si estinguerà

36 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 36 La Convenzione quadro sulla Biodiversità, recepita dellItalia nel 1994 (Legge 124/94) è diventata operativa con la Delibera CIPE del 16/03/94. La convenzione evidenzia tre obiettivi: la conservazione della biodiversità, definita come la variabilità degli organismi viventi di ogni origine compresi gli ecosistemi terrestri, marini ed altri ecosistemi acquatici ed i complessi ecologici di cui fanno parte; è inclusa la diversità nellambito delle specie, tra le specie e degli ecosistemi; luso sostenibile delle componenti della biodiversità inteso come luso delle componenti della biodiversità a livello genetico, di specie e di ecosistemi, secondo modelli che rispettino i tempi di rigenerazione delle risorse; la distribuzione giusta ed equa dei benefici derivanti dalluso delle risorse genetiche, il livello gerarchico più basso della biodiversità, che sono definibili come materiale genetico di valore attuale o potenziale. Le Convenzioni quadro di Rio: Biodiversità

37 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 37 La Convenzione quadro sulla Biodiversità, recepita dellItalia nel 1994 (Legge 124/94) è diventata operativa con la Delibera CIPE del 16/03/94. La convenzione evidenzia tre obiettivi: la conservazione della biodiversità, definita come la variabilità degli organismi viventi di ogni origine compresi gli ecosistemi terrestri, marini ed altri ecosistemi acquatici ed i complessi ecologici di cui fanno parte; è inclusa la diversità nellambito delle specie, tra le specie e degli ecosistemi; luso sostenibile delle componenti della biodiversità inteso come luso delle componenti della biodiversità a livello genetico, di specie e di ecosistemi, secondo modelli che rispettino i tempi di rigenerazione delle risorse; la distribuzione giusta ed equa dei benefici derivanti dalluso delle risorse genetiche, il livello gerarchico più basso della biodiversità, che sono definibili come materiale genetico di valore attuale o potenziale. Le Convenzioni quadro di Rio: Biodiversità

38 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 38 La desertificazione è un fenomeno che interessa aree molto vaste in cui si verifica la perdita della capacità produttiva della terra, sia per cause provocate dallazione umana sia per cause naturali. LUNEP ha stimato che più di 6,1 Gha, pari al 47,2% della superficie della terraferma del pianeta, è costituito da terre aride. Circa 1 Gha sono deserti iper-aridi con una produttività biologica naturalmente molto ridotta. I restanti 5,1 Gha sono costituiti da zone aride, semi aride e sub umide secche in parte già desertificate in passato, in parte attualmente a rischio di desertificazione. La Convenzione, che oggi conta 174 Paesi aderenti, è entrata in vigore al raggiungimento della cinquantesima ratifica il 26 dicembre La Convenzione ha riconosciuto che le cause di desertificazione possono essere sia di origine naturale che antropica; degrado significa non solo la perdita delle caratteristiche bio-fisico-chimiche, ma anche della redditività. Le Convenzioni quadro di Rio: Lotta alla desertificazione

39 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 39 UNEP: occorrono 2,6 pianeti Terra Nel 2002 il Rapporto GEO-3 dellUNEP indicava che nei 10 anni trascorsi tra Rio e Johannesburg un ulteriore 15% della superficie terrestre, pari al territorio degli USA e del Messico, si è degradato per causa delle attività umane. La metà dei fiumi del mondo è inquinata o prosciugata. La copertura forestale è diminuita del 2,4%. Soltanto il buco dellozono, in forza politiche indotte del Protocollo di Montreal, pur se ancora in fase di estensione, è destinato a tornare in tempi stabiliti alle dimensioni quo-ante. Il calcolo dellImpronta ecologica mondiale sulla base dei consumi del mondo occidentale dimostra che la specie umana avrebbe bisogno di 2,6 pianeti Terra. La realtà è che la sopravvivenza di tutti è resa possibile dalle diseguaglianze: il 20% della popolazione consuma l80% delle risorse.

40 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 40 BALI: le 5 priorità Alla conferenza preparatoria del Summit di Johannesburg di Bali, il Segretario Generale dellONU Kofi Annan ha definito in 5 punti le emergenze più gravi da affrontare al WSSD: W, Acqua: Scarsità e contaminazione sono le emergenze. 1 Mld di persone non ha accesso allacqua potabile, 2 Mld (3 Mld nel 2030) non dispone di strutture fognarie e sanitarie. Il 75% delle malattie a rischio di morte sono causate da questa emergenza. E, Energia: 1/3 della popolazione mondiale non ha accesso ai servizi energetici. Il consumo di combustibili fossili è cresciuto del 10% in dieci anni al pari delle emissioni serra. La crescita della domanda energetica dei paesi in via di sviluppo è inarrestabile. Il Protocollo di Kyoto, non potrà bastare a stabilizzare la concentrazione atmosferica dei gas serra.

41 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 41 BALI: le 5 priorità H, Salute: il deficit di qualità ambientale è allorigine del 25% delle malattie. La qualità dellaria peggiora costantemente nelle città occidentali e nelle megalopoli del terzo mondo. Non si riesce a tenere il conto delle sostanze chimiche e tossiche disperse in acqua e suolo. Insostenibile è il prezzo pagato allHIV dal continente africano. A, Agricoltura: Cresce luso di pesticidi e diserbanti. Cala la produttività dei terreni. Ci sono problemi di desertificazione anche nella zona temperata. Si allarga lo sfruttamento dissennato delle foreste. La fame resta un problema irrisolto. Si profila lincognita degli OGM. B, Biodiversità: Linquinamento, il degrado ecosistemico e la pressione selettiva delluomo incrementano il ritmo di scomparsa delle specie animali e vegetali e lesaurimento degli stock naturali.

42 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 42 WSSD, il World Summit sullo Sviluppo Sostenibile Si tiene a Johannesburg nellAgosto 2002 in un clima di attesa. Produce una Dichiarazione Politica in 32 punti ed un Piano di implementazione. I Principi di Rio, in particolare la responsabilità comune ma differenziata ed il principio di precauzione, entrambi fortemente contestati, vengono confermati così come Agenda 21 e gli obbiettivi del Millennio. Viene inserito per la prima volta il principio dell eticità dellazione ambientale. Si definiscono pochi nuovi obiettivi: Fermare entro il 2010 la perdita della biodiversità; Fermare il degrado degli stock ittici entro il 2012 e creare nuove aree marine protette; Ridurre (?) entro il 2020 luso dei pesticidi; Le fonti rinnovabili e laccesso ai servizi energetici vanno incrementati Su questo punto viene assunto un impegno supplementare unilaterale dallEuropa, Sud America ed altri.

43 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 43 Gli adempimenti italiani per lo sviluppo sostenibile nellintero decennio non sono brillanti, nonostante una politica comunitaria di alto profilo. A ridosso del WSSD il CIPE approva (in agosto 2002) laStrategia dazione ambientale per lo Sviluppo Sostenibile in Italia sviluppata dallENEA per conto del Ministero dellAmbiente. Il documento non contiene i piani dazione per lo sviluppo economico e sociale. Le aree di intervento prioritarie per il prossimo decennio seguono le scelte del VI Programma di Azione Ambientale per lo Sviluppo sostenibile -VI EAP- sviluppato dalla Commissione ed approvato dal Consiglio europeo di Goteborg Sono: cambiamenti climatici; natura e biodiversità; qualità dellambiente e della vita negli ambienti urbani; uso sostenibile delle risorse naturali e dei rifiuti. La Strategia per lo Sviluppo Sostenibile in Italia

44 ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 44 Per ognuna delle finalità del VI EAP la Commissione indica gli obiettivi e le azioni derivanti dagli impegni internazionali, in continuità con i principi di Rio 1992, e con gli obiettivi fissati a Lisbona e a Göteborg in materia di piena occupazione, coesione sociale e tutela ambientale. Tali obiettivi sono corredati da indicatori di sviluppo in grado di misurarne il raggiungimento. Gli strumenti dazione individuati sono: lintegrazione del fattore ambientale in tutte le politiche di settore; lintegrazione del fattore ambientale nei mercati; la considerazione delle esternalità ambientali e la revisione sistematica dei sussidi esistenti; il rafforzamento dei meccanismi di consapevolezza e partecipazione dei cittadini; lo sviluppo dei processi di A21L; lintegrazione dei meccanismi di contabilità ambientale nella contabilità nazionale. La Strategia per lo Sviluppo Sostenibile in Europa


Scaricare ppt "ISSI : Istituto Sviluppo Sostenibile Italia 1 LE RAGIONI DELLA SOSTENIBILITÀ: per il progetto di un futuro possibile Toni Federico, ISSI, Istituto Sviluppo."

Presentazioni simili


Annunci Google