La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le rilevazioni dei fabbisogni professionali in Italia Aspetti metodologici e indicazioni di risultato 1 I fabbisogni professionali e la formazione di capitale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le rilevazioni dei fabbisogni professionali in Italia Aspetti metodologici e indicazioni di risultato 1 I fabbisogni professionali e la formazione di capitale."— Transcript della presentazione:

1 Le rilevazioni dei fabbisogni professionali in Italia Aspetti metodologici e indicazioni di risultato 1 I fabbisogni professionali e la formazione di capitale umano nella strategia di superamento della crisi Presentazione a cura di: Massimiliano Franceschetti, ricercatore ISFOL Dipartimento Mercato del Lavoro e Politiche Sociali - Struttura Lavoro e professioni - Gruppo Professioni Roma, 18 dicembre 2012 – Università degli Studi Roma Tre – Dipartimento Economia ; Astril

2 2 Gruppo Professioni – ISFOL Il sistema informativo Professioni, occupazione, fabbisogni (professionioccupazione.isfol.it) è stato progettato come uninterfaccia che, attraverso una semantica condivisa delle professioni, permette la comunicazione tra sistema economico-produttivo e mercato del lavoro sistema istruzione/formazione professionale per favorire lattivazione di politiche integrate del lavoro e delleducation.

3 3

4 4 Dati e informazioni. Cosa cè nel sistema rappresentazione dei contenuti del lavoro delle professioni Indagine campionaria aspetti evolutivi dei contenuti professionali nel breve termine Audit annuale sui fabbisogni occupazione per professioni e previsioni di medio termine (2015) a livello nazionale e regionale Previsioni di occupazione medio termine previsioni sugli andamenti delleconomia e delloccupazione settoriale nei prossimi anni scenari settoriali Dati quantitativi Informazioni di tipo qualitativo

5 5 1) Standard di classificazione delle professioni per organizzare nel modo più logico e puntuale le informazioni statistiche derivanti da studi e ricerche su fabbisogni e professioni (criterio organizzatore) Sviluppo della Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP, 2006), unevoluzione della precedente classificazione (CP 2001) con la previsione di un quinto livello di dettaglio (UP). Il V digit è ora nella CP 2011.

6 6 2) Modello di rappresentazione del contenuto del lavoro delle professioni unico e condiviso, ma anche analitico, capace di leggere in modo più omogeneo le caratteristiche delle varie professioni (una sorta di benchmark), permettendo la loro comparabilità Indagine campionaria sulle professioni (2008 prima edizione, 2012 seconda edizione), con lobiettivo di raccogliere informazioni qualitative su contenuti lavorativi, requisiti e caratteristiche richiesti per lesercizio di tutte le professioni

7 7 3) Porre laccento sullaspetto qualitativo del fabbisogno (quali conoscenze e competenze occorre aggiornare nel breve termine, lo scarto annuale rispetto al benchmark), con particolare riferimento alla forza di lavoro occupata Audit annuale sui fabbisogni professionali (2012 prima edizione, 2013 seconda edizione). Lindagine si pone lobiettivo di raccogliere informazioni di tipo qualitativo sui fabbisogni a breve termine delle imprese in termini di carenza/mancanza di specifiche conoscenze e competenze legate a determinate figure

8 1) Nomenclatura delle Unità Professionali Grande Gruppo GruppiClassiCategorie UP I- Legislatori, dirigenti e imprenditori II- Professioni intellettuali, scientifiche e di elevata specializzazione III- Professioni tecniche IV- Impiegati V- Professioni qualificate nelle attività commerciali e nei servizi VI- Artigiani, operai specializzati e agricoltori VII- Conduttori di impianti e operai semiqualificati addetti a macchinari fissi e mobili VIII- Professioni non qualificate61528 IX- Forze armate1111 8

9 9 2) I numeri dellindagine campionaria 800 Unità Professionali Ogni UP rappresenta un insieme di professioni tra loro simili Tutti i settori produttivi Lavoratori intervistati sulla propria professione circa Modello ONet Ogni UP descritta alla luce di oltre 250 variabili conoscenze competenze attitudini stili di lavoro attività compiti variabili misurate con scale di importanza e complessità Tecnica Capi professionioccupazione.isfol.it 2008 prima ed seconda ed.

10 10

11 11

12 Professioni tecniche 12

13 13 Info su UP ? A cosa servono La misurazione delle variabili descrittive delle singole UP è funzionale, tra le altre cose, alla possibilità di Rilevare I cambiamenti che nel corso del tempo intervengono, per esempio, sul contenuto del lavoro (per esempio per quanto riguarda le conoscenze e le competenze). In altre parole la rappresentazione media delle professioni derivante dalla Indagine campionaria sulle professioni (2007; 2012) costituisce un punto di riferimento iniziale (un momento T0) rispetto al quale misurare leventuale gap di fabbisogno con altre ricerche (Audit annuali sui fabbisogni)

14 14 Info su UP ? A cosa servono permettono di mettere a confronto il contenuto del lavoro di due o più professioni, opzione che può rivelarsi particolarmente utile nel caso di situazioni di mobilità e/o ricollocazione professionale oppure per studiare le differenze tra figure nellambito di una specifica filiera professionale;

15 15 Importanza attribuita allutilizzo di competenze sul lavoro per macroraggruppamenti professionali (competenze su contenuti e linguaggi e su gestione e controllo dei processi)

16 16 Importanza attribuita allutilizzo di competenze sul lavoro per macroraggruppamenti professionali (competenze trasversali di tipo sociale o per il problem solving)

17 17

18 18

19 19 Professioni Ordinistiche – area tecnica Importanza attribuita allutilizzo di competenze trasversali sul lavoro

20 20 Professioni Ordinistiche – area giuridica ed economico sociale Importanza attribuita allutilizzo di competenze trasversali sul lavoro

21 21 3) Audit sui fabbisogni professionali – prima e seconda edizione

22 22 I numeri dellAudit Tutti i settori produttivi (PA esclusa) Imprenditori e responsabili intervistati circa Modello ONet Fabbisogni dei lavoratori presenti in impresa relativamente a conoscenze competenze Tecnica Cati professionioccupazione.isfol.it impulso mirato per sistemi formativi Prima ediz. risultati diffusi inizio Seconda ediz. In partenza da metà 2013

23 23 Cosa indaga lAudit Competenze Conoscenze - Gestione dimpresa - Processo di produzione - Scienze ingegneristiche e tecnologiche - Scienze matematiche, naturali e sociali - Scienze della salute - Scienze della formazione - Scienze umanistiche - Scienze giuridiche e sicurezza - Comunicazione e comprensione scritta e orale - Applicare competenze matematiche e scientifiche - Controllare le attività e le risorse impiegate - Gestire le relazioni - Analizzare, gestire e risolvere problemi - Pianificare le attività e luso delle risorse - Gestire in modo autonomo la crescita professionale propria e di altri - Gestire aspetti tecnici Stesse tassonomie utilizzate dallIndagine campionaria

24 Professioni tecniche 24

25 Professioni tecniche 25

26 26 Grazie per lattenzione … Massimiliano Franceschetti Ricercatore – Dipartimento Mercato del lavoro e Politiche sociali Struttura Lavoro e Professioni Gruppo Professioni ISFOL – Corso Italia 33, Roma tel mail:


Scaricare ppt "Le rilevazioni dei fabbisogni professionali in Italia Aspetti metodologici e indicazioni di risultato 1 I fabbisogni professionali e la formazione di capitale."

Presentazioni simili


Annunci Google