La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Validità (e non…) degli esami in vivo ed in vitro Diagnostica strumentale per le malattie respiratorie infantili Santa Margherita Ligure 24 Novembre 2007.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Validità (e non…) degli esami in vivo ed in vitro Diagnostica strumentale per le malattie respiratorie infantili Santa Margherita Ligure 24 Novembre 2007."— Transcript della presentazione:

1 Validità (e non…) degli esami in vivo ed in vitro Diagnostica strumentale per le malattie respiratorie infantili Santa Margherita Ligure 24 Novembre 2007 Federica Pinelli Divisione di Pediatria e Neonatologia Ospedale S.Paolo di Savona Direttore Prof. A.Cohen

2 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Indice Introduzione Iter diagnostico allergologico Test allergologici in vivo Prick test Prick by prick Test di provocazione Test intradermici Patch test Test allergologici in vitro Prist Rast ECP e Triptasi

3 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Iter nella diagnosi allergologica n Anamnesi allergologica n Test cutanei n Dosaggio delle IgE specifiche n Test di provocazione specifici (da evitare in caso di storia clinica positiva e concordante con il risultato dei test allergologici) n Dosaggio delle IgE e dei mediatori della flogosi in sede di malattia

4 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Test allergologici in vivo n Prick test n Prick by prick n Test intradermici n Patch test

5 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Fisiopatologia n Il test cutaneo determina una reazione allergica in miniatura conseguente alla liberazione di mediatori che portano alla produzione entro pochi minuti di un pomfo e di eritema circostante. n Alla reazione immediata può seguire una reazione tardiva, di tipo eritematoso, dovuta alla liberazione di citochine e altre cellule dellinfiammazione allergica che inizia dopo 1-2 ore, raggiunge un picco dopo 6-12 ore e si esaurisce in ore. n Scopo fondamentale e verificare se i mastociti cutanei possiedono IgE specifiche per lallergene testato.

6 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I I test cutanei: quando n Allergopatie da inalanti n Allergopatie da alimenti n Allergopatie da veleno dimenotteri n Allergopatie da contatto n Allergopatie da farmaci n Altro ?

7 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Età di esecuzione n I test cutanei da effettuare variano a seconda della storia clinica e delletà. n Poiché la sensibilizzazione ai pollini è più tardiva rispetto a quella per allergeni ambientali, raramente si testano prima dei 2-3 anni. n Possono essere eseguiti a qualsiasi età, infatti già a partire dai primi mesi di vita i lattanti presentano reazioni cutanee per listamina e se sensibili per gli allergeni, sebbene meno evidenti rispetto alle successive età. n In caso di risultati falsamente negativi bisogna valutare la necessità di ripeterli in epoche successive in caso di persistenza della sintomatologia.

8 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Età di esecuzione (segue) < 5 mesiLatte e frazioni, uovo ed arachide. > 6 mesi Latte e frazioni, uovo, arachide, grano, pesce, soia, pomodoro, riso, carne. < 3 anni Dermatofagoide pt, gatto, alternaria, graminacee, olivo. > 4 anni Dermatofagoide pt, gatto, alternaria, graminacee, olivo, cane, parietaria, cipresso, etc. Per probabile allergia alimentare Per probabile allergia respiratoria

9 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Frequenza n Peggioramento dei sintomi. n Cambiamento delle abitudini di vita e di abitazione. n Lacquisizione di nuove sensibilizzazioni in età pediatrica (sensibilizzazione precoce per gli allergeni alimentari), poi respiratori ambientali e successivamente pollini e muffe. n In assenza di un motivo specifico, il test cutaneo con un pannello standard di allergeni può essere ripetuto ogni 2 anni. IstaminaSol Glicero-Salina Gram 1DF Gram 2Dtp Erba caninaEpitelio di cane OlivoEpitelio di gatto ParitariaAlternaria

10 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Prick test: vantaggi e svantaggi Vantaggi n Elevata sensibilità (pochi falsi negativi) n Basso costo n Facile esecuzione n Risultati immediati n Teoricamente disponibile per qualunque allergene Svantaggi n Maggiore tempo di esecuzione n Influenzato dai farmaci e dalle condizioni della cute n Possibili reazioni avverse n Poco praticabile dal 1° anno di vita

11 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Prick: la tecnica n Sede = superficie volare avambraccio n Applicare goccia, anche in doppia fila n Distanza gocce 2,5-3 cm mantenendo 3 cm dalla fossa cubitale e 5 cm dal polso n Pungere con lancetta sterile monouso n Massimo 10 prick per avambraccio n Si possono applicare altre gocce nellaltro avambraccio n Controllo negativo = liquido di soluzione dellestratto n Controllo positivo Istamina Cloridrato 10 mg/ml n Lettura dopo 15 – 20 minuti

12 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Tecnica di esecuzione 2,5 – 3 cm

13 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Quando non fare i prick n Concomitanza di alcuni farmaci n Malattia allergica grave in fase acuta n Affezioni cutanee estese (anche non allergiche)

14 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Azione inibitoria di vari farmaci sulla risposta ai test cutanei FarmacoGrado Inib.Durata (gg)Import. Clinica Anti-H1 orali sì Anti-H1 topici+orepossibile Teofillina+-no CS topici+-possibile CS orali+-possibile Beta2 agonisti+-no ITS+prolungatano

15 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Errori comuni nel fare i prick n Gocce troppo vicine (< 2 cm). n Scarsa penetrazione cutanea della lancetta (di più nelle lancette di plastica). n Eccessiva penetrazione dellago con fuoriuscita di sangue (di più con lancette di metallo). n Diffusione della goccia di allergene durante il test o mentre si asciuga. n Dimenticanza del controllo positivo (Istamina cloridrato) e negativo (soluzione glicero-salina) utili per verificare la presenza di dermografismo o anergia cutanea.

16 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Prick = Precauzioni n I test cutanei devono essere svolti in condizioni tali da poter prendere immediatamente provvedimenti per eventuali effetti collaterali. n Ladrenalina, i farmaci ed i presidi per le reazioni gravi devono essere immediatamente disponibili. n Attenzione a pazienti con usuali sintomi allergici di tipo grave. n Usare estratti a concentrazioni note. n Fare i test solo su cute sana. n Valutare il dermografismo del paziente. n Valutare i farmaci assunti dal paziente e quando sono stati assunti.

17 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Test cutanei falsi positivi e negativi Falsi positivi n Cross- reattività tra pollini ed alimenti vegetali n Dermografismo: (orticaria, eritrodermie) n Estratti troppo concentrati o inquinati Falsi negativi n Estratti inattivi n Iporeattività cutanea da età, farmaci (Antistaminici) n Iporeattività da recente shock allergico n Iporeattività da patologia cutanea (Edema, atrofia) n Allergia di recente insorgenza n Allergia distrettuale cioè solo dellorgano bersaglio

18 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Criterio di positività e di gradazione della risposta al prick test La lettura va fatta dopo 15 (max 30) e si valutano la grandezza del pomfo e delleritema 1)Test positivo se il diametro del pomfo è > di 3 mm (area >7mm 2 ) 2)Test positivo se la reazione è > ++ + reazione pari ad 1/4 rispetto a quella indotta dallistamina cloridrato 10 mg/ml ++ reazione pari ad 1/2 rispetto a quella indotta dallistamina cloridrato 10 mg/ml +++ reazione eguale a quella indotta dallistamina cloridrato 10 mg/ml ++++ reazione doppia o superiore a quella indotta dallistamina cloridrato 10 mg/ml

19 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Prick: interpretazione Pomfo *Risultato Da ¼ a ½+ Da ½ a 1++ Da 1 a > * Rapportato al pomfo istaminico Controllo Istamina

20 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Interpretazione n Il risultato del test va interpretato in base alla storia clinica e allesame obiettivo. n Sensibilizzazione = prick test positivo con assenza di sintomi scatenati dallallergene positivo. n Allergia = prick test positivo con presenza di sintomi scatenati dallallergene positivo. n Fattori che rendono difficile la interpretazione e la diagnosi: l ambientali, genetici l diversi meccanismi immunologici non solo di reattività IgE mediata l mancanza di una standardizzazione precisa per alcuni allergeni l cross reattività tra allergeni

21 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Valore diagnostico nellallergia respiratoria ed alimentare n Per gli allergeni inalanti, rappresentano il test più efficace. n Storia clinica positiva + test cutaneo positivo = identificazione dellallergene causale. n Storia clinica negativa + test cutaneo negativo = esclusione della patologia allergica. n Discordanza tra storia clinica e test cutanei = interpretazione meno agevole e possono essere necessari test in vitro e/o di provocazione o in caso di sensibilizzazione in fase iniziale la ripetizione nel tempo. n Per gli allergeni alimentari il valore predittivo varia in relazione alletà e al tipo di allergene: solo una piccola parte di soggetti con test positivo presentano una reazione positiva se sottoposti a test di provocazione specifico.

22 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Prick by prick n Una importante causa di di falsa negatività del PRICK TEST per alimenti è rappresentata dalla perdita di frazioni antigeniche nel processo di allestimento del preparato commerciale dellestratto poichè lallergene di alcuni cibi freschi quali frutta e verdura è labile e pertanto il prodotto fresco ha una potenza allergizzante maggiore; per tale motivo si esegue il prick by prick. n Si punge lalimento fresco, se è solido, con la lancetta, e si immerge se è liquido e quindi si esegue un regolare prick test. n Gli alimenti devono essere freschi e non congelati. n Il prick by prick è un metodo semplice, riproducibile e affidabile.

23 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Test di provocazione n I test di provocazione specifici con allergeni comprendono: l per lo studio delle allergopatie respiratorie: u test di provocazione congiuntivale u test di provocazione nasale u test di provocazione bronchiale l per lo studio delle allergie alimentari: u test di provocazione orale

24 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Test di provocazione nasale n E il test di provocazione più usato. n Si applica nel naso materiale allergenico attraverso inalazione di spray o instillazione di gocce. Partendo da basse concentrazioni si aumenta sino ad una soglia che discrimina i soggetti sensibili da quelli non sensibili. n La valutazione della positività può essere di tipo clinico basata sulla comparsa di sintomi come starnuti, rinorrea e prurito (dopo 2,5,10,20 min) ed è a punteggio o mediante rinomanometria. n Più sensibile dei test cutanei e del dosaggio delle IgE specifiche sieriche. n Le secrezioni nasali possono essere utilizzate per la ricerca di cellule (neutrofili, basofili, eosinofili) e dei mediatori della flogosi allergica (istamina, leucoctrieni, prostglandine, triptasi, proteina cationica).

25 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Test di provocazione congiuntivale n Può essere considerato lo skin test dellocchio. n Consiste nellapplicazione di quantità note di allergene sulla superficie oculare e nella registrazione della risposta clinica (arrossamento congiuntivale, lacrimazione, prurito).

26 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Test di provocazione bronchiale n Consiste nella induzione di broncocostrizione tramite inalazione di allergeni specifici in forma di aerosol in dosi crescenti e nella contemporanea determinazione di eventuali modifiche cliniche e/o spirometriche (risposta positiva se il FEV 1 si riduce del 20%). n Il paziente deve essere in buone condizioni cliniche e non deve assumere farmaci. n È un test potenzialmente pericoloso che va sempre eseguito in ambiente protetto ed è utilizzato solo a scopo di ricerca.

27 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Test di provocazione orale n Ha la funzione di individuare ed eliminare cibi potenzialmente dannosi oppure di dimostrare che un cibo non è responsabile dei sintomi e pertanto reintrodurlo nella dieta. n Consiste nella reintroduzione controllata e separata di ogni singolo alimento precedentemente escluso. n Si esegue sulla base della storia clinica e del risultato dei test in vivo ed in vitro. n Non va eseguito quando sia presente una storia di anafilassi o reazione grave IgE mediata o se il cibo ha scarsa importanza nella dieta. n Si può fare in aperto, cieco o doppio cieco. n Deve essere eseguito in ambiente protetto.

28 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Test intradermico n Consiste nella iniezione di una piccola quantità di estratto allergenico nella cute per mezzo di una siringa da tubercolina, posta con un angolo di circa 45 gradi rispetto alla cute che deve produrre un rigonfiamento. n Il test intradermico è più sensibile rispetto al prick, ma più difficoltoso e meno standardizzato e può dare luogo a vari errori, inoltre è più pericoloso e si associa ad un certo numero di reazioni sistemiche. n E stato quasi completamente abbandonato.

29 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Patch test n Test diagnostico elettivo nelle dermatiti da contatto poiché valuta la risposta tardiva alla esposizione allergenica della cute. n Esistono dei pannelli pronti per luso con complessivi 24 allergeni o True Test che possono essere applicati sul dorso del paziente. n Il tempo di contatto è di ore e la lettura del risultato va fatta dopo mezzora dalla rimozione del patch. n Una risposta positiva è caratterizzata da eritema di tipo eczematiforme e vescicolare con edema e infiltrazione. n È stato recentemente proposto nella diagnostica dellallergia alimentare, poichè più sensibile e in special modo quando negli alimenti sono coinvolti meccanismi di ipersensibilità ritardata.

30 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Test allergologici in vitro n Sono un valido supporto nella diagnosi, nel controllo e nello studio epidemiologico delle malattie IgE mediate. n PRIST (determinazione delle IgE totali). n RAST (determinazione delle IgE specifiche). n ECP (dosaggio proteina cationica degli eosinofili). n Triptasi.

31 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Vantaggi e svantaggi Vantaggi: n Sensibilità e specificità elevate n Buona riproducibilità n Assoluta Innocuità Svantaggi: n Costo.

32 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Dosaggio delle IgE totali n Metodica radioimmunologica (Paper Radioimmuno Sorbent Test) per la determinazione delle IgE totali. n Metodica immunoenzimatica. n 0,004% di tutte le immunoglobuline. n Concentrazioni sieriche variabili con letà, che aumenta fino a raggiungere i livelli delladulto a circa 10 anni di età. n Il riscontro di elevati valori di IgE totali possono non essere correlati a malattia allergica in atto ma meritano approfondimenti e non va dimenticato il riscontro di normali valori di IgE sieriche in patologie allergiche.

33 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Valori normali di IgE nelle diverse età EtàValori di IgE (kU/l) Neonati Da 1 mese ad 1 anno Da 1 a 5 anni Da 5 a 10 anni Da 10 a 12 anni Da 12 a 19 anni Da 19 anni in poi 0,5 – 2 < 20 < 70 < 100 < 200 < 150 < 200

34 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Patologie con IgE aumentate n Parassitosi intestinali n Aspergillosi broncopolmonare allergica n Connettiviti n Nefrite interstiziale indotta da farmaci n Sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS) n Mieloma IgE n Sindromi da deficienza immunologica congenita (sindrome da Iper-IgE, deficit IgA, sindome di Wiskott-Aldrich, di DiGeorge)

35 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Dosaggio delle IgE specifiche n La dimostrazione delle IgE specifiche verso un determinato allergene rimane il più importante test di laboratorio per testare lipersensibilità di tipo I. n Per tale determinazione si utilizzano diverse metodiche: l radioimmunologica (RAST) l immunoenzimatica (ELISA) l fluorimetrica l test di agglutinazione o precipatazione

36 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Interpretazione del test n Valori di riferimento per IgE specifiche/classi: l < 0,35 kU/lclasse 0negativa l 0,35 – 0,7 kU/l classe 1molto dubbia l 0,7 – 3,5kU/l classe 2positiva l 3,5 – 17,5 kU/lclasse 3positiva l 17,5 – 50 kU/lclasse 4positiva l 50 – 100 kU/lclasse 5positiva l >100 kU/lclasse 6positiva n Come per i prick non sempre cè correlazione tra il grado di positività del test e la gravità delle manifestazioni cliniche.

37 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Indicazioni alleffettuazione n Patologie cutanee in atto (orticaria, dermografismo, eczema, etc.). n Terapie in atto con antistaminici. n Elevato rischio di anafilassi. n Non corrispondenza tra anamnesi allergologica e test cutanei. n Scarsa reattività cutanea (lattante, anziano, ipercheratosi).

38 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Correlazione tra prick test e IgE specifiche Nellallergia respiratoria n Il prick test ha una sensibilità molto elevata, vicina al 100%, minore il RAST, compresa tra il 70-75% n La specificità è maggiore per il RAST, intorno al 90%, rispetto al prick test Nellallergia alimentare n Entrambi hanno elevata sensibilità per gli estratti purificati e stabili, bassa nel caso di estratti non stabili (preferibile il prick by prick) n La specificità è bassa, intorno al 40% per entrambi e per tale motivo in caso di positività si deve procedere al test di provocazione orale per confermare od escludere lallergia

39 D I A G N O S T I C A S T R U M E N T A L E P E R L E M A L A T T I E R E S P I R A T O R I E I N F A N T I L I Grazie … e buon lavoro Federica Pinelli Divisione di Pediatria e Neonatologia Ospedale S.Paolo di Savona Direttore Prof. A.Cohen


Scaricare ppt "Validità (e non…) degli esami in vivo ed in vitro Diagnostica strumentale per le malattie respiratorie infantili Santa Margherita Ligure 24 Novembre 2007."

Presentazioni simili


Annunci Google