La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DISPOSITIVI PER LA MANIPOLAZIONE DIRETTA. Scopo di questa lezione Presentare una rassegna dei principali dispositivi di interazione uomo-computer che.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DISPOSITIVI PER LA MANIPOLAZIONE DIRETTA. Scopo di questa lezione Presentare una rassegna dei principali dispositivi di interazione uomo-computer che."— Transcript della presentazione:

1 DISPOSITIVI PER LA MANIPOLAZIONE DIRETTA

2 Scopo di questa lezione Presentare una rassegna dei principali dispositivi di interazione uomo-computer che possono essere usati, con luso delle mani, nel paradigma della manipolazione diretta

3 Temi 1.Il paradigma della manipolazione diretta 2.Dispositivi diretti 3.Dispositivi indiretti

4 Il paradigma della manipolazione diretta

5 Azioni fisiche su oggetti rappresentati sul video, non linguaggio di comandi Rappresentazione continua delloggetto di interesse Operazioni rapide, incrementali, reversibili Feedback sulloggetto di interesse visibile immediatamente (Ben Shneiderman, 1982)

6 feedback

7 (Un gioco di scacchi per il Macintosh, circa 1987)

8 Dispositivi per la manipolazione diretta

9 Classificazione dei dispositivi per la manipolazione diretta

10 Dispositivi diretti

11 Classificazione dei dispositivi per la manipolazione diretta

12 Single- touch Multi- touch

13 [Single]touch screen (schermo tattile) Varie tecnologie Varie dimensioni…

14 Touch screen: esempio

15 Chioschi informativi: esempio 1

16 Chioschi informativi: esempio 2

17 Chioschi informativi: esempio 3

18 Piccoli touch screen Col dito (es.: iPhone) Con lo stilo (es.: Palm Pilot)

19 Che cosa posso fare con un dito Indicare Selezionare Toccare Cliccare Trascinare Spingere Disegnare Far segno Sfogliare …

20 Esempio: disegnare

21 Esempio: sfogliare (iPhone)

22 Chi et al., CHI 2005 Esempio: sfogliare

23 Esempio: BumpTop (3D Desktop Prototype) /index.php?/archives/1536-BumpTop-Prototype.html

24 Classificazione dei dispositivi per la manipolazione diretta Single- touch Multi- touch

25 Multi-touch: esempio

26 Multi-touch: iPod Touch Video: (guardare da 9,45 a 10,35)

27 Jeff Han multi-touch demo Video:

28 Esempio: Microsoft Surface Video:

29 Classificazione dei dispositivi per la manipolazione diretta

30 Light pen La penna sente il fascio luminoso di un CRT Oggi poco usata

31 Classificazione dei dispositivi per la manipolazione diretta

32 Eye-tracking (gaze-tracking, sistemi di rilevazione dello sguardo )

33 Dispositivi di eye tracking invasivi

34 Dispositivi di eye tracking non invasivi riflesso corneale pupilla pupilla bianca (raggi infrarossi)

35 Video Sessione di eye tracking sul sito web dellIkea: Sessione di eye tracking sul sito web di Carphone Warehouse: Sessione di eye tracking sul sito web di American Express:

36 Esempio: SmartEye Eye & head tracking (1,8 m headbox)

37 Video: Scrivere con gli occhi

38 Esempio: EyePassword M. Kumar, T. Garfinkel, D. Boneh, T. Winograd, Reducing Shoulder-surfing by Using Gaze-based Password Entry

39 Manipolazione diretta con eye tracking Imprecisione: i movimenti saccadici sono poco controllabili Il problema del tocco di re Mida: occorre confermare la selezione in altri modi (es. tasto o altro) Applicazioni: SI: scrittura su tastiera virtuale, pressione di bottoni NO: disegnare con gli occhi MA: ci possono essere molte applicazioni innovative che non richiedono il controllo preciso dei movimenti oculari

40 Esempio: rendering con gli occhi A. Santella, D. DeCarlo, Abstracted Painterly Renderings Using Eye-Tracking Data, 2002

41 Dispositivi indiretti

42 Classificazione dei dispositivi per la manipolazione diretta

43 Tasti cursore Movimento discreto del cursore su una griglia logica discreta (form, testo, tabella) 4 oppure 8 direzioni

44 Tasti cursore joystick Nei device piccoli (es.: cellulari, telecomandi), sono vantaggiosamente sostituiti da piccoli joystick

45 Classificazione dei dispositivi per la manipolazione diretta

46 Mouse Mouse = Topo, oppure Manually Operated User Selection Equipment Dispositivo in grado di inviare un input a un computer in modo tale che ad un suo movimento ne corrisponda uno analogo di un indicatore sullo schermo (cursore) È inoltre dotato di uno o più tasti, rotelle o altro ai quali possono essere assegnate varie funzioni (ne esistono molte varianti) Oggi: tecnologia meccanica o ottica; wired o wireless Brevettato da Douglas Engelbart nel 1967, ebbe ampia diffusione solo a partire dal 1984, con il primo Macintosh della Apple

47 Il primo mouse, 1964 (D.Engelbart)

48 Il primo Macintosh, 1984 un solo bottone ! tastiera senza tasti funzione né ESC !

49 Mouse: la evoluzione della specie (I) Microsoft, 1983 Sun 3, anni 80 2 bottoni: Xerox Star, bottoni:

50 Mouse: la evoluzione della specie (II) Da: rotella pallina nipple touchpad

51 Apple Mighty Mouse

52 Personalizzazione Oggi i mouse sono fortemente personalizzabili Esempio: Mighty Mouse

53 Mouse e legge di Fitts I movimenti del mouse seguono la legge di Fitts: T = log2 (D/S + 0.5) T = tempo per posizionare il mouse (in secondi) D = distanza dalloggetto (in pixels) S = larghezza delloggetto Le costanti (1.03 e 0.96) sono circa le stesse dei movimenti manuali. Pertanto il mouse è quasi ottimale come pointing device

54 Classificazione dei dispositivi per la manipolazione diretta

55 Trackball Un mouse capovolto, che resta fermo sul tavolo: Vantaggi: - richiede poco spazio - La pallina si muove con le dita, e lascia il polso in posizione di riposo - è più precisa di un mouse da 3-4 cm di diametro (fino a 10 cm, per maggiore precisione, es, applicazioni CAD)

56 Trackball nei laptop Usata ne primo PowerBook Apple, 1991 Oggi si usa il touchpad PowerBook, 1991

57 Trackball: altri esempi

58 Classificazione dei dispositivi per la manipolazione diretta

59 Touchpad Tavolette sensibili al tatto, di mm, con uno-due tasti Sostituiscono il mouse in assenza di spazio Utilizzate sui PC laptop, a partire da Apple Powerbook 500 (1994) Possono essere molto sofisticati, es.: hot spot dedicati a funzioni particolari (es. scroll) click by tap accelerazione software multi-touch (Apple MacAir) PowerBook 500

60 Touchpad: la evoluzione della specie (I) Per tracciare le lettere

61 Touchpad: la evoluzione della specie (II) Modalità pannello di controllo: mail, wi-fi, printer, volume, shortcuts user defined

62 Classificazione dei dispositivi per la manipolazione diretta

63 Esempio: Tavoletta grafica: esempio Wacom corrispondenza configurabile bottoni configurabili

64 Stilo per tavoletta grafica: tipi Lo stilo comunica: - Posizione sulla tavoletta (x,y) - Pressione sulla tavoletta - Angolo con la tavoletta - Direzione dellangolo - Rotazione attorno al suo asse Wacom tip sensibile alla pressione

65 Multimodalità

66 Disegnare con la tavoletta grafica

67 Ricalcare con la tavoletta grafica

68 Classificazione dei dispositivi per la manipolazione diretta

69 Joystick Asta con impugnatura anatomica, mobile in tutte le direzioni, che sporge da una base fissa Corredata da uno o più pulsanti Derivati dalla cloche degli aerei, soprattutto per i videogiochi Numerosi tipi

70 Joystick - esempi

71 Esempio: Flight simulator (Microsoft, 2004)

72 Piccoli joystick (es. cellulari)

73 Nipple Piccolo joystick usato a volte nei PC portatili in aggiunta al touchpad:

74 Joystick (Sony Playstation)

75 Video: FIFA 08

76 Conclusioni Si è verificata una grande evoluzione delle possibilità di interazione per manipolazione diretta, dal semplice movimento di un cursore discreto sullo schermo, fino alle applicazioni multi-touch e multi-utente, con rilevazione di pressione e accelerazione, o con joystick multifunzionali

77 Che cosa si potrà ancora fare con le mani?

78 Dove studiare Sul libro di testo: - Cap. 2, Dix, pagg Inoltre, su questi temi, le voci di Wikipedia (anche in italiano) sono in genere affidabili e aggiornate


Scaricare ppt "DISPOSITIVI PER LA MANIPOLAZIONE DIRETTA. Scopo di questa lezione Presentare una rassegna dei principali dispositivi di interazione uomo-computer che."

Presentazioni simili


Annunci Google